Avviso concessione indennità per la conservazione del patrimonio tartufigeno regionale – anno 2021

Data notizia

Con D.D. n. 502 del 03/08/2021 è stato approvato l'avviso per la presentazione telematica delle domande di indennità per la conservazione del patrimonio tartufigeno regionale

Rispetto agli anni precedenti è stata definita una nuova modalità della concessione tramite l'informatizzazione del procedimento. L'indennità è stabilità in euro 12,50: importo massimo annuo concedibile per ogni soggetto arboreo di riconosciuta capacità tartufigena che il conduttore, proprietario o possessore, si impegna a conservare (D.G.R. 30 luglio 2021, n. 5 – 3168).

La domanda deve essere presentata entro il 10 dicembre 2021.

Chi può accedere all'indennità

Possono presentare domanda di ammissione al contributo i proprietari o possessori di terreni, siti in Regione Piemonte, sui quali siano radicate piante produttrici di tartufo bianco d’Alba – Tuber magnatum Picco.
L’indennità ad ogni avente diritto può essere concessa per un numero massimo di 25 piante per ettaro, indipendentemente da come le stesse sono distribuite sul terreno tartufigeno. Sono ammesse le piante radicate a filari lungo fossi, strade o nelle zone di confine con altre particelle.
Per accedere all’indennità il proprietario/possessore deve assumere l’impegno a conservare le piante tartufigene, secondo il piano di coltura e conservazione contenuto nella domanda di erogazione del contributo e sottoscritto dal proprietario, permettendo nel contempo la libera raccolta dei tartufi sul terreno dove le piante sono radicate.

L’impegno assunto deve essere mantenuto per cinque stagioni di raccolta del Tuber magnatum Picco, successive alla data di presentazione della domanda.

Come presentare la domanda

La presentazione della domanda di indennità deve essere effettuata esclusivamente tramite il servizio informativo disponibile all’indirizzo https://servizi.regione.piemonte.it/catalogo/portale-tartufi, seguendo le istruzioni contenute nel manuale disponibile nella homepage del servizio, entro il 10 dicembre 2021.
Dovrà essere compilata una domanda per ogni comune dove sono radicate le piante per le quali si intende chiedere il riconoscimento dell’indennità.

I richiedenti dovranno preventivamente essere registrati all’Anagrafe agricola del Piemonte e i dati dovranno essere aggiornati. I richiedenti già soggetti alla tenuta del fascicolo aziendale tramite un Centro di Assistenza Agricola non necessitano di ulteriore iscrizione. Coloro che non fossero ancora iscritti, prima di presentare la domanda di indennità dovranno effettuare l’iscrizione compilando uno dei seguenti moduli:

Nel caso il richiedente volesse avvalersi della delega per la presentazione della domanda dovrà essere compilato e sottoscritto dal delegato e dal delegante il “Modulo per la registrazione di un soggetto o di un professionista delegato”.

I moduli, completi dei dati richiesti, della fotocopia di un documento di identità valido e, nel caso di delega, anche dello specifico modulo, devono essere inviati a: foreste@regione.piemonte.it.


Per informazioni più dettagliate si rimanda all'Allegato 1 della D.D. 502 del 03/08/2021.