Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Educazione alla sostenibilità ambientale

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti
Terzo settore

Che cos’è

Le varie attività che la Regione Piemonte ha sviluppato e sostenuto negli ultimi anni in materia di informazione, formazione ed educazione alla sostenibilità ambientale, oggi declinata come Green Education, hanno contribuito ad incardinare l’educazione ambientale nelle politiche ambientali, quale strumento di supporto finalizzato a favorire processi partecipativi, sviluppare capacità critiche e di riflessione, ampliare la conoscenza, promuovere un cambiamento responsabile dei comportamenti e degli stili di vita, a creare una maggiore e più profonda “cultura della sostenibilità” sul territorio piemontese.
Le sempre più strette relazioni tra ambiente, società ed economia hanno infatti determinato negli ultimi anni un lavoro di riorientamento e di rinnovamento dei contenuti della materia verso la sostenibilità ambientale e la Green Economy, considerando quest’ultima come uno strumento concreto in grado di ripensare l’attuale modello di sviluppo economico e di ridefinire la relazione tra diversi attori (cittadini, istituzioni, imprese).
In sintesi, le piste di lavoro attivate, che si configurano come “work in progress”, sono composte da azioni mirate a risultati di breve termine e sono finalizzate ad individuare percorsi di lavoro e nuove relazioni di area vasta regionale coerentemente con quanto indicato  dagli indirizzi di “Europa 2020: una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva” diretti al passaggio verso un’economia più sostenibile – green e clean economy – con influenza sul mercato del lavoro.
In quest’ottica si è avviato un percorso che connette l’innovazione e lo sviluppo “green” con l’educazione e la formazione dei giovani, consapevole dell’intreccio tra costruzione di una nuova cultura e necessità di competenze e conoscenze coerenti con la trasformazione sociale ed economica.

Premio Incubatori di Green Education 2016

La Regione Piemonte, in collaborazione con la Città metropolitana di Torino, il MIUR – Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte e il MIBACT – Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Torino, ha promosso la prima edizione del Premio “Incubatori di Green Education 2016”.

L’iniziativa si è strutturata in due aree:

  • L’IMPRENDITORIALITÀ È GREEN - destinata alle Scuole secondarie di secondo grado statali e paritarie di tutti gli indirizzi scolastici del Piemonte - per valorizzare esperienze didattiche che rappresentassero percorsi innovativi verso i principi della green economy e della circular economy

  • IL PAESAGGIO VIEN CAMMINANDO - destinato alle Scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado del territorio afferente alla Città metropolitana di Torino - per valorizzare esperienze didattiche che portassero alla scoperta, alla lettura e all’interpretazione del paesaggio attraverso l’educazione alla mobilità sostenibile e alla sostenibilità, allo scopo di rafforzare il senso di appartenenza territoriale per la costruzione di una cittadinanza attiva e responsabile

Seguici su Facebook

per info: premio.greeneducation@regione.piemonte.it

Avviso pubblico per la ricerca di sponsor per la realizzazione del servizio di trasporto in occasione delle visite guidate delle classi vincitrici del Premio Incubatori di Green Education 2016, redatto ai sensi dell’art. 19 del dlgs 50/2016 e s.m.i..

Precisazioni in merito a richieste pervenute dalle scuole

  • Alla domanda se è possibile aderire da parte di gruppi interclasse si risponde che, essendo il Premio "L'imprenditorialità è green" rivolto anche a gruppi e sottogruppi, oltre che a classi, anche per il Premo "Il Paesaggio vien Camminando" l'organizzazione interna del lavoro educativo è in capo ai singoli insegnanti che metteranno a disposizione, lavorando in modo trasversale, le ore di lavoro che necessiteranno per la realizzazione del progetto, come classi, gruppi o sottogruppi. Andrà specificato il/i gruppo/i classe interessato/i al paradigma educativo comune.
    Ciascun gruppo, sottogruppo interclasse, o classe, dovrà lavorare sul progetto suddividendolo in parti separate così da permettere una valutazione singola e distinta dalle altre. Va da sè che i prodotti elaborati, "conclusivi" o di "processo", come naturale conseguenza, dovranno essere diversi l'uno dall'altro. Si precisa che la partecipazione al Bando dovrà avvenire per classe o gruppo interclasse/sottogruppo con ampiezza numerica pari, comunque, a quella di una classe.

  • Un'analoga domanda ha riguardato la possibilità di aderire da parte di gruppi "pedibus" che raccolgono allievi di classi diverse. La risposta è sì, ma dovrà sempre essere specificato almeno un insegnante referente di progetto poichè l'organizzazione del pedibus talvolta è prerogativa di gruppi di genitori e non di insegnanti.

Eventi

31 maggio 2018 – Seminario “La regione Piemonte per la green education in Agenda 2030 – Come costruire e potenziare partnership per promuovere la cultura della sostenibilità in Piemonte?

Il seminario ha avuto l’obiettivo di fare il punto in merito all’operatività del Protocollo “La Regione Piemonte per la Green Education”.

Il Protocollo, strumento utile a favorire processi e nuovi modelli culturali di attuazione e diffusione dei principi della green e circular economy, anche grazie al coinvolgimento di una pluralità di attori, è a tutti gli effetti un “vettore di sostenibilità” in Piemonte che, attraverso un sistema di azioni educative e formative, costituisce uno strumento di conoscenza funzionale alla costruzione della Strategia Regionale per lo Sviluppo Sostenibile.

Il Seminario è stata l’occasione per presentare una prima auto-analisi condotta da IRES Piemonte con gli attuali sottoscrittori, per rilevare politiche e azioni coerenti con gli obiettivi della Strategia Nazionale e per coglierne specificità territoriali per il Piemonte, partendo dal presupposto che la condivisione e l’allineamento su concetti, obiettivi e valori comuni sono temi centrali per analizzare il sistema già attivo sul territorio e per indirizzarne gli sviluppi in una prospettiva di riconoscimento e valorizzazione reciproca.

Sono intervenuti in occasione del seminario, oltre a Claudia Galetto e Fiorenzo Ferlaino di IRES Piemonte, che hanno relazionato i risultati intermedi frutto della prima fase di ricerca e a Jacopo Chiara, Dirigente del Settore Progettazione Strategica e Green Economy della Regione Piemonte, Francesco La Camera, Direttore per lo sviluppo sostenibile del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e Roberto Ronco, Direttore della Direzione Ambiente, governo e tutela del territorio della Regione Piemonte.

In allegato le slide di sintesi degli interventi sopraccitati.