Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Bonifica Aree Inquinate - Documentazione specialistica

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti
Terzo settore

Indicazioni sull’applicazione della normativa inerente la digitalizzazione e dematerializzazione relativa alla partecipazione regionale al procedimento di bonifica di siti inquinati di competenza comunale (art.242 d.lgs.152/2006) e modalità di invio della documentazione inerente l’iter amministrativo

Considerato il target dei soggetti interessati dal procedimento di bonifica, si è ritenuto di dare compiuta applicazione alle disposizioni contenute del d.p.c.m. 22 luglio 2011 e al Codice dell’Amministrazione Digitale. Pertanto, anche al fine di snellire le procedure di comunicazione ed eliminare oneri amministrativi a carico dei privati proponenti, consistenti nelle onerose duplicazioni delle copie progettuali, è stata emanata la nota tecnica prot. n.ro 6580/DB1012 del 19 maggio 2014 (vedi allegati) nella quale viene indicato l’elenco della sola documentazione amministrativa che obbligatoriamente deve essere fornita ai competenti uffici regionali ai fini della gestione del procedimento, sottolineando che la documentazione tecnica e progettuale viene richiesta SOLO ED ESCLUSIVAMENTE per gli interventi in danno che hanno usufruito di finanziamenti regionali per la progettazione e/o esecuzione degli interventi di bonifica.

In ordine alla prestazione delle garanzie finanziarie previste dall'art. 242, comma 7, del d.lgs. 152/2006 e s.m.i. e nel rispetto delle indicazioni fornite con d.g.r. 41-10623 de 6 ottobre 2003, si precisa che permane invece la necessità di invio della documentazione cartacea delle fideiussioni bancarie e delle polizze assicurative, fatte salve ulteriori successive disposizioni in materia da parte della Giunta regionale.

Tenuto conto di quanto sopra evidenziato, tutte le comunicazioni dovranno pervenire al seguente indirizzo PEC: territorio-ambiente@cert.regione.piemonte.it

Si sottolinea che non si terrà in considerazione la documentazione diversa da quella indicata nella nota tecnica.

Vedi in allegato un documento di approfondimento in merito

Schema di condizioni contrattuali valido per interventi ante L.R. 3/2015

La Giunta regionale, in coerenza con i provvedimenti e le azioni già adottate per rendere la procedura chiara ed efficace, ha approvato con deliberazione n. 25 - 4754 del 4 dicembre 2006 lo schema, contenuto nell'allegato A, di condizioni contrattuali per la costituzione di fideiussione bancaria o polizza assicurativa a garanzia degli obblighi derivanti dall'esecuzione di interventi di bonifica o di messa in sicurezza, operativa o permanente, di siti inquinati, ai sensi del D.Lgs. 3 aprile 2006 n. 152, art. 242.

Con L.R. 11 marzo 2015 n. 3 “ Disposizioni regionali in materia di semplificazione”, Art. 25 “modifiche alla L.R. 7 Aprile 2000 n. 42” si è provveduto a ricondurre le competenze relative alla gestione delle garanzie finanziare (accettazione, gestione e svincolo) per la corretta esecuzione ed il completamento degli interventi di bonifica delegando ai Comuni la gestione delle garanzie finanziare su nuovi interventi di bonifica a partire dall’entrata in vigore della suddetta legge.. Residua in capo alla Regione la gestione delle garanzie finanziarie per i siti di interesse nazione e la gestione delle garanzie già prestate ed accettate alla data di entrata in vigore della L.R. 3/2015

Legge regionale n. 3 del 11 marzo 2015

 

E' possibile scaricare la D.G.R. n. 25 - 4754 del 4 dicembre 2006 e l'allegato A vedi allegati

Criteri e modalità di presentazione ed utilizzo delle garanzie finanziarie per la realizzazione ed il completamento di interventi di bonifica di siti inquinati

La Giunta regionale con deliberazione n. 41-10623 del 6 ottobre 2003 ha approvato i criteri e le modalità di presentazione delle garanzie finanziarie, contenuti nell’allegatoA, per assicurare omogeneità e chiarezza alle procedure e quindi maggiore efficacia alla norma che fornisce alla pubblica amministrazione, in caso di azioni sostitutive, uno strumento importante per la realizzazione ed il completamento di interventi di bonifica già avviati.
E’ possibile scaricare la D.G.R. n. 41 – 10623 del 6 ottobre 2003 e l’allegato A vedi allegati