A1503A - Formazione Professionale

Settore
Struttura di appartenenza
A15000 - Coesione sociale
Responsabile
Antonella Gianesin
Email
formazione.professionale@regione.piemonte.it
PEC
settoreformazioneprofessionale@cert.regione.piemonte.it
Specifica PEC
La casella PEC accetta solo comunicazioni provenienti da indirizzi Posta Elettronica Certificata
Recapiti
Indirizzo

Via Magenta 12
Torino

Telefono
011 4321551
Fax
011 4322396
Materie di competenza

Compete al settore, nel rispetto dell0indirizzo della Direzione regioane ed in conformità con gli obiettivi fissati dagli organi di Governo, lo svolgimento delle attività in materia di:

  • programmazione e gestione, anche in attuazione della L.R. 23/205, delle attività in amteria di formazione professionale e di istruzione e formazione professionale, attraverso la proposta di atti di indirizzo e dei relativi strumenti di attuazione sostenuti dal FSE e/o da altre fonti di finanziamento, con riferimento ai seguenti ambiti:

  • formazione inizale rivolta ai giovani finalizzata all’assolvimento dell’obbligo d’istruzione e alla prevenzione della dispersione scolastica, attraverso percorsi curricolari e interventi di supoporto/sostegno anche in modalità duale;

  • attività di formazione rivolta a lavoratori disoccupati o inoccupati, a giovani e adulti privi di qualificazione di base o di diploma, a persone in situazione di svantaggio e fasce deboli della popolazione (disabili, giovani a rischio, stranieri), in particolare attrverso corsi di qualificazione/specializzazione professionale;

  • percorsi formativi di rafforzamento deell’occupabilità, attivati anche in collaborazione con I servizi per il lavoro, mirati a supportare la permanenza, l’ingresso o il reingresso nel mercato del lavoro, finalizzati al conseguimento di una qualifica, una specializzazione professionale, un’abilitazione professionale, alla prepaprazione alle patenti di mestiere o all’aggiornamento delle competenze funzionali all’inserimento o reinserimento lavorativo;

  • attività di formazione permanente rivolta a lavoratori che di propria iniziativa intendano aggiornarsi, qualificarsi o riqualificarsi, attraverso percorsi di formazione e aggiornamento delle competenze;

  • attività di formazione continua a iniziativa delle imprese, rivolte ai dipendenti, collaboratori o titolari delle stesse, finalizzate all’accrescimento delle competenze e/o alla riqualificazione professionale;

  • attività di formazione professionale per apprendisti in tutte le sue diverse articolazioni: apprendistato professionalizzante, per l’assolvimento dell’obbligo di istruzione, per il conseguimento del diploma de scuola secondaria di secondo grado, alto apprendistato;

  • attività inerenti l’alta formazione (Istruzione e formazione tecnica superiore – IFTS – E Istruzione Tecnica Superiore – ITS, anche in apprendistato e attivazione di interventi formativi attinenti alle politiche della ricerca e dell’innovazione, in collaborazione con le altre direzioni competenti;

  • iniziative formative transnazionali e interregionali, anche nell’ottica della mobilità geografica e per l’attuazione dei programmi cominitari in materia di formazione;

  • collaborazione con i settori ompetenti in materia di orientamento professionale, istruzione e lavoro e con il contributo di IRES Piemonte per le attività di studio e ricerca per l’individuazione e l’analisi dei fabbisogni professionali e formativi;

  • analisi degli esiti in termini di efficacia, efficienza e finalizzazione degli interventi relaizzati;

  • collaborazione con i settori competenti per materia e con l’USR per l’attuazione dei percorsi di istruzione e formazione professionale in regime di sussidiarietà, da parte degli Istituti professionali statali;

  • attività di informazione relative alle materie di competenza, anche attraverso la comunicazione istituzionale e la produzione e distribuzione di materiale divulgativo mirato;

  • attività di raccordo e collaborazione, ai fini di un’ottimale programmazione delle attività formative, con I soggetti istituzionali, gli oparatori del settore, le parti sociali e gli atenei;

  • supporto e collaborazione all’attività di coordinamento esercitata dall’Ufficio scolastico regionale in materia di alternanza scuola-lavoro.