Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici

E' possibile scaricare in formato pdf la pubblicazione relativa alle istruzioni regionali utili per svolgere le operazioni degli uffici elettorali di sezione.

La pubblicazione proposta contiene le istruzioni regionali per le operazioni degli uffici elettorali di sezione in occasione delle elezioni del Presidente della Giunta regionale e del Consiglio regionale.

Si precisa che tali istruzioni si qualificano come regionali, avendo la Regione Piemonte esercitato la potestà legislativa in materia elettorale, ai sensi dell’articolo 122 della Costituzione.

La Regione Piemonte, infatti, ha approvato la legge elettorale regionale n. 21 del 29/7/2009 (Disposizioni in materia di presentazione delle liste per le elezioni regionali), pertanto, fatta eccezione per quanto ivi stabilito, il procedimento elettorale è gestito facendo riferimento alla normativa statale vigente.

Fatta tale premessa, per quanto riguarda le istruzioni per gli uffici elettorali di sezione, oggetto della presente pubblicazione, si fa rinvio alle norme contenute nelle seguenti leggi:

  •  legge 17 febbraio 1968, n. 108;
  • legge 23 febbraio 1995, n. 43;
  • art. 5 della legge costituzionale 22 novembre 1999, n. 1, recante disposizioni concernenti l’elezione diretta del Presidente della Giunta regionale e l’autonomia statutaria delle regioni;
  • infine, per quanto non disciplinato nella predetta normativa, nel testo unico delle leggi per le elezioni comunali, approvato con D.P.R. 16 maggio 1960, n. 570, nelle parti riguardanti i consigli dei comuni con popolazione superiore a 15.000 abitanti.

L’art. 1, comma 399, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 (Legge di stabilità 2014), ha stabilito che: “A decorrere dal 2014 le operazioni di votazione in occasione delle consultazioni elettorali o referendarie si svolgono nella sola giornata della domenica, dalle ore 7 alle ore 23”. Per effetto di tale disposizione devono ritenersi implicitamente abrogate quelle contenute in altri testi normativi nella parte in cui fanno riferimento a un diverso arco temporale di svolgimento delle operazioni di votazione.