Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Notiziario per le Amministrazioni locali n. 9 del 14 marzo 2019

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti

Questa settimana in copertina*: uno scorcio del Comune di Lozzolo (VC)

Il Notiziario per le Amministrazioni locali pubblica settimanalmente notizie dell'attività amministrativa e istituzionale della Giunta regionale che hanno una particolare ricaduta sul sistema delle Autonomie locali.  La pubblicazione offre una panoramica su atti normativi e amministrativi statali e regionali e iniziative di interesse per gli Enti locali del Piemonte proponendo una selezione di comunicati stampa, scadenze utili e approfondimenti su temi specifici.

* Le immagini pubblicate settimanalmente sono fornite dai Comuni del Piemonte.

IN PRIMO PIANO

Le decisioni della Giunta regionale

Sostegno alle infrastrutture di ricerca pubbliche, istituzione delle comunità energetiche e criteri per nuove sezioni di scuola per l’infanzia sono stati i principali argomenti esaminati venerdì 8 marzo dalla Giunta regionale nel corso di una riunione coordinata dal presidente Sergio Chiamparino.

Ricerca. Viene incrementata di 7 milioni di euro, come proposto dall’assessore Giuseppina De Santis, la dotazione finanziaria dell’azione del Fondo europeo di sviluppo regionale destinata al sostegno di progetti per realizzare, rafforzare e ampliare infrastrutture di ricerca pubbliche. In questo modo sarà possibile aumentare il numero dei progetti ammessi a contributo.

Comunità energetiche. Una delibera presentata dall’assessore Giuseppina De Santis fissa le disposizioni che danno attuazione alla legge regionale n.12/2018 sull’istituzione di comunità energetiche quali enti senza finalità di lucro. In particolare, vengono comunicati i criteri per l’adozione di un protocollo d’intesa da parte dei Comuni che intendono proporre la costituzione di una comunità energetica, le caratteristiche del documento strategico che questi organismi dovranno applicare per la riduzione dei consumi energetici da fonti non rinnovabili, le modalità per ottenere il sostegno finanziario della Regione.

Nuove scuole dell’infanzia. Su proposta dell’assessora Gianna Pentenero sono stati indicati i criteri che i Comuni piemontesi dovranno seguire per la presentazione delle richieste di istituzione di nuove sezioni statali per l’infanzia per l’a.s. 2019-2020.

La richiesta dovrà essere inviata dalla data di pubblicazione dell’avviso sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte fino a tutto il 15.4.2019.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

Ambulanti: ripristinato il rinnovo tacito delle concessioni. Un emendamento alla legge di bilancio, proposto dall'assessore Giuseppina De Santis, rimette ordine alla disciplina del settore

La Regione Piemonte ripristina le norme regionali precedenti alla Bolkestein in tema di commercio ambulante, superando così la situazione di incertezza venutasi a creare in materia di assegnazione dei posteggi nelle aree mercatali. 

Con un emendamento alla legge di bilancio su proposta della Giunta e in particolare dell'assessore Giuseppina De Santis, tornano quindi in vigore le regole di attuazione della dgr del 2 aprile 2001, che prevedono, tra le altre cose, il meccanismo di rinnovo tacito delle concessioni per dieci anni.

E' stata l'ultima legge di stabilità approvata dal Parlamento a fine 2018 a eliminare il commercio ambulante dall'elenco delle attività economiche di applicazione della direttiva Bolkestein, prorogando al 31 dicembre 2020 la validità delle concessioni in essere. Senza un intervento specifico sulle norme regionali si sarebbe però creato un vuoto normativo e una situazione di difficoltà per i Comuni.

«Senza questo emendamento - commenta l'assessore De Santis - ci saremmo trovati ad avere un regolamento regionale non più conforme alle nuove disposizioni, ma contemporaneamente non ci sarebbero state più regole da applicare per il settore. Per dare quindi certezza agli operatori e ai Comuni del territorio abbiamo ritenuto utile, dopo un apposito confronto con le associazioni degli enti locali e con quelle di categoria, ripristinare le vecchie norme. Tra l'altro, non avremmo avuto neppure il tempo di attendere gli esiti del confronto in sede di Conferenza Unificata che, con la partecipazione anche di una rappresentanza dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, ha in programma una serie di incontri per condividere interpretazioni e modalità attuative omogenee finalizzate a gestire al meglio questa situazione transitoria».

Per informare al meglio i sindaci piemontesi delle novità introdotte, nei prossimi giorni verrà inviata dagli uffici regionali un’apposita comunicazione.

Un tema direttamente collegato alle concessioni è quello del VARA, la verifica di regolarità contributiva. A tal proposito è intenzione dell'amministrazione regionale posticiparne la scadenza al 2021.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

 ATTI DELLO STATO

Decreto del Ministero dell'Interno 4 marzo 2019

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 58 del 9.3.2019 il Decreto del Ministero dell'Interno 4 marzo 2019:

Riparto a favore delle province delle regioni a statuto ordinario del contributo di 250 milioni di euro destinato al finanziamento di piani di sicurezza a valenza pluriennale per la manutenzione di strade e di scuole, per ciascuno degli anni dal 2019 al 2033

 

PROVVEDIMENTI DELL'AMMINISTRAZIONE REGIONALE

I testi dei provvedimenti qui pubblicati costituiscono un puro strumento di consultazione documentale privo di qualsiasi valore giuridico. Salvo diversa indicazione tutti i file sono pubblicati in formato Pdf oppure compressi in formato Zip.

Approvazione dell'avviso per l'istituzione di nuove sezioni di scuola dell'infanzia statali per l'anno scolastico 2019/2020, del modulo di richiesta, delle istruzioni per la compilazione

La Direzione Coesione sociale, con D.D. n. 222 dell’11.3.2019 pubblicata sul Supplemento ordinario n. 1 al Bollettino Ufficiale n. 11 del 14.3.2019, ha approvato i seguenti documenti in allegato alla Determinazione:

• ”Avviso per la presentazione delle richieste inerenti la programmazione di nuove sezioni di scuola dell’infanzia statale per l’a.s. 2019/20” (Allegato A);

• “Programmazione nuove sezioni di scuole dell’infanzia statali. Modulo riepilogativo di manifestazione di interesse all’istituzione a.s 2019/20” (Allegato A1);

• “Istruzioni per la compilazione della richiesta di istituzione di nuove sezioni di scuola dell’infanzia statali a.s 2019/20” (Allegato B).

Istituzione di nuove sezioni di scuola dell'infanzia statali per l'anno scolastico 2019/2020. Modalità e termini di presentazione delle richieste da parte dei Comuni sede di scuola dell'infanzia statale

La Giunta regionale, con D.G.R. n. 21-8523 dell’8.3.2019 pubblicata sul Supplemento ordinario n. 1 al Bollettino Ufficiale n. 11 del 14.3.2019, ha approvato, in attuazione della D.C.R. n. 314-32415 del 31 luglio 2018, il documento “Criteri per la presentazione delle richieste di istituzione di nuove sezioni dell’infanzia statali per l’a.s. 2019/20”.

E’ stata demandata al competente Settore Politiche dell’istruzione, programmazione e monitoraggio delle strutture scolastiche l’approvazione dell’avviso e della modulistica per la presentazione delle richieste inerenti alla programmazione di nuove sezioni di scuola dell’infanzia statale per l’.a.s. 2019/20, nonché tutti i connessi adempimenti, e l’adozione di ogni altro atto necessario all’attuazione della presente Deliberazione.

Ai sensi della suddetta D.C.R. n. 314-32415 del 31 luglio 2018 con successiva Deliberazione, da assumersi entro 90 giorni dalla scadenza per la presentazione delle richieste da parte dei Comuni, la Giunta Regionale approva, sulla base delle richieste pervenute, gli elenchi degli istituti autonomi e delle scuole ammissibili e non ammissibili per ciascuna priorità di intervento indicata in premessa. Tali elenchi, organizzati in ordine alfabetico di Provincia e Comune, riportano le motivazioni della richiesta, la situazione edilizia e l’eventuale ubicazione in territori svantaggiati, in quanto montani o in situazione di alta o media marginalità di cui alla deliberazione della Giunta regionale 21 novembre 2008, n. 1-10104, al fine di evidenziare le situazioni di svantaggio meritevoli di particolare attenzione.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Istruzione, Lavoro e Formazione professionale – Direzione Coesione sociale della Regione Piemonte.

Progetto di supporto a favore degli enti intermediati dalla Regione Piemonte e aderenti al sistema PiemontePAY(...)”- Approvazione disciplinare e Modello di domanda di contributo.

La Direzione Competitività del sistema regionale, con D.D. n. 104 del 13.3.2019, ha approvato il Disciplinare per l’attuazione della seguente Misura a valere sul POR FESR 2014-20 Asse II – Azione II.2c.2.1:

- Misura 4) “Progetto di supporto a favore degli enti intermediati dalla Regione Piemonte e aderenti al sistema PiemontePAY per l‘esecuzione di pagamenti telematici attraverso il Nodo nazionale dei pagamenti-SPC. Dispiegamento del sistema tecnico-organizzativo PiemontePAY”.

Ha inoltre approvato il Modello di domanda di contributo, stabilendo che il beneficiario provveda a trasmettere l’istanza di contributo, secondo le forme e le modalità definite dal rispettivo Disciplinare, a partire dalla data di pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte del provvedimento.

Promozione dell'istituzione delle comunità energetiche. Disposizioni attuative e approvazione, per l'anno 2019, dei criteri per il sostegno finanziario

La Giunta regionale, con D.G.R. n. 18-8520 dell’8.3.2019 pubblicata sul Supplemento ordinario n. 1 al Bollettino Ufficiale n. 11 del 14.3.2019, ha dato attuazione alla legge regionale 12/2018, approvando le disposizioni per disciplinare:

- ai sensi dell’articolo 1, comma 2, i criteri per l’adozione di un protocollo di intesa da parte dei comuni che intendono proporre la costituzione di una comunità energetica, oppure aderire a una comunità energetica esistente;

- i criteri per la redazione del bilancio energetico delle comunità energetiche, per le finalità di cui all'articolo 3, comma 1, lettera b);

- per le finalità di cui all'articolo 3, comma 1, lettera c) e comma 2, i criteri e le caratteristiche del documento strategico delle comunità energetiche, contenente l’individuazione delle azioni che le stesse intendono intraprendere per la riduzione dei consumi energetici da fonti non rinnovabili e l'efficientamento dei consumi energetici e, ai sensi dell'articolo 6, i parametri per la valutazione regionale dei risultati derivanti dall’attuazione del documento strategico;

- ai sensi dell'articolo 4, i criteri e le modalità per il sostegno finanziario regionale, in prima attuazione per l’anno 2019, alla fase di costituzione delle comunità energetiche, con particolare riguardo alla predisposizione dei progetti e della documentazione correlata alla costituzione delle comunità;

E’ istituito, in ottemperanza all'articolo 5 della legge regionale 12/2018, il Tavolo tecnico permanente fra le comunità energetiche e la Regione Piemonte per la riduzione dei consumi energetici, presieduto dal Direttore alla Competitività del Sistema regionale o suo delegato, composto da un numero massimo di quattro rappresentanti delle Direzioni Competitività del sistema regionale, Affari istituzionali e Avvocatura, Ambiente, Governo e Tutela del territorio della Regione Piemonte e di due rappresentanti per ogni comunità energetica. Sono altresì membri del Tavolo i rappresentanti degli Enti Locali (ANCI, ANPCI, UNCEM e LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI). Al Tavolo possono essere invitati, per finalità consultive, i portatori di interessi a diverso titolo coinvolti. Il funzionamento del Tavolo tecnico sarà disciplinato con provvedimento della Direzione Competitività del sistema regionale – Settore Sviluppo energetico sostenibile.

 

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Attività produttive, Energia, Innovazione, Ricerca e connessi rapporti con Atenei e Centri di ricerca pubblici e privati, Rapporti con Società a partecipazione regionale – Direzione Competitività del sistema regionale della Regione Piemonte.

PSR 2014-2020 della Regione Piemonte. Realizzazione e miglioramento delle opere di urbanizzazione e degli spazi aperti ad uso pubblico delle borgate montane, Realizzazione e miglioramento di strutture ed infrastrutture culturali-ricreative nelle borgate montane. Sostituzione dell'allegato di cui alla D.G.R. n. 32-7570 del 21/09/2018.

La Giunta regionale, con D.G.R. n. 24-8526 dell’8.3.2019 pubblicata sul Supplemento ordinario n. 1 al Bollettino Ufficiale n. 11 del 14.3.2019, ha deliberato che, ai sensi del comma 7 dell'articolo 8 della legge regionale 14/2014, risultano indispensabili 180 giorni per la conclusione del procedimento relativo all’istruttoria delle domande di sostegno pervenute a valere sulle Operazioni 7.2.1 “Realizzazione e miglioramento delle opere di urbanizzazione e degli spazi aperti ad uso pubblico delle borgate montane” e 7.4.1 “Realizzazione e miglioramento di strutture ed infrastrutture culturali-ricreative nelle borgate montane” del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 del Piemonte e di cui alla D.G.R. n. 32-7570 del 21/09/2018, stabilendo di modificare il Paragrafo 7 (Fasi attuative – tempistiche) punto A) (Fase preliminare) dell'allegato alla D.G.R. n. 32-7570 del 21/09/2018, sostituendo il secondo periodo:

"L’istruttoria si concluderà entro i 120 giorni successivi alla scadenza dei termini per la presentazione delle “domande di sostegno” con apposita Determinazione Dirigenziale, con la quale:"

con il periodo di seguito riportato:

"L’istruttoria si concluderà entro i 180 giorni successivi alla scadenza dei termini per la presentazione delle “domande di sostegno” con apposita Determinazione Dirigenziale, con la quale:";

E’ stato stabilito, al fine di maggiore chiarezza, di sostituire l’allegato alla richiamata D.G.R. n. 32-7570 del 21/09/2018 con il documento (contenente la modifica sopra descritta) allegato alla Deliberazione, fatte salve le restanti disposizioni della D.G.R. n. 35-7223 del 13/07/2018.

 

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Ambiente, Urbanistica, Programmazione territoriale e paesaggistica, Sviluppo della montagna, Foreste, Parchi, Protezione Civile – Direzione Opere pubbliche, Difesa del suolo, Montagna, Foreste, Protezione civile, Trasporti e Logistica della Regione Piemonte.

Rettifiche all'allegato B) del regolamento regionale 8/6/2018, n. 4/R, come modificato dal regolamento regionale 22 febbraio 2019, n. 2/R, relativo a "Standards qualitativi minimi per la classificazione delle strutture ricettive extralberghiere distinte per classe" e contestuale approvazione della nuova modulistica relativa alla denuncia di classifica a valere per le strutture ricettive extralberghiere della Regione

La Direzione Promozione della Cultura, del Turismo e dello Sport, con D.D. n. 88 del 7.3.2019, pubblicata sul Supplemento ordinario n. 1 al Bollettino Ufficiale n. 11 del 14.3.2019, ha approvato la nuova modulistica concernente la denuncia di classifica a valere per le strutture ricettive extralberghiere piemontesi denominate “bed and breakfast”, “affittacamere e locande”, case e apparamenti vacanze/residence” e “residenze di campagna o country house”.

La modulistica è pubblicata sul sito internet della Regione Piemonte al seguente indirizzo: https://www.regione.piemonte.it/web/modulistica?tema=118 al fine di renderla uniformemente applicabile, da parte degli enti ed operatori locali, su tutto il territorio della Regione Piemonte.

 

Contatti

Riferimento
Redazione: Chiara Bellucco, Marco Puxeddu
Telefono
0114326058 - 0114325000
Email
notiziario@regione.piemonte.it