Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Notiziario per le Amministrazioni locali n. 8 del 5 marzo 2020

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti
Fabbrica Curone (AL). Frazione Bruggi.

Questa settimana in copertina*: Fabbrica Curone (AL). Frazione Bruggi.

Il Notiziario per le Amministrazioni locali pubblica settimanalmente notizie dell'attività amministrativa e istituzionale della Giunta regionale che hanno una particolare ricaduta sul sistema delle Autonomie locali.  La pubblicazione offre una panoramica su atti normativi e amministrativi statali e regionali e iniziative di interesse per gli Enti locali del Piemonte proponendo una selezione di comunicati stampa, scadenze utili e approfondimenti su temi specifici.

* Le immagini pubblicate sono fornite dai Comuni del Piemonte.

IN PRIMO PIANO

Antispreco: firmata l’intesa con i Centri servizi per il volontariato

L’assessore al Welfare ha sottoscritto il 4 marzo u.s., insieme ai Centri servizi per il volontariato del Piemonte (Csv), l’addendum al Protocollo relativo alle iniziative anti-spreco portate avanti dalla Regione insieme ai territori.

Vengono così incrementate di 30mila euro le risorse finalizzate al potenziamento delle misure per la riduzione dello spreco alimentare, favorendo le progettualità virtuose. I Centri si impegnano quindi a collaborare con la Regione alla presentazione dei progetti anti-spreco, da realizzare su tutto il territorio piemontese.

L’iniziativa si colloca a completamento del Protocollo che prevede la collaborazione tra Regione Piemonte e Csv, anche attraverso il supporto alla costruzione di reti tra i diversi partners previsti dalla L.R. 12/2015 “Promozione di interventi di recupero e valorizzazione dei beni invenduti”, e lo svolgimento di attività di coordinamento dei possibili destinatari di progetti finanziabili dalla Regione Piemonte in tema di lotta allo spreco, nelle sue diverse accezioni.

L’assessore ha quindi ricordato l’importanza, per l’intera comunità, di una maggiore consapevolezza verso una cultura anti-spreco, dove valorizzare le eccedenze è la base per una buona e sana società.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

Lotta alla cimice asiatica: area dei danni estesa a tutta la Regione e richiesta al Ministero di evento eccezionale

La Regione Piemonte ha individuato come area dei danni causati da cimice asiatica in Piemonte l’intero territorio regionale. Lo ha stabilito la Giunta regionale del Piemonte il 28 febbraio, approvando la delibera proposta dall’Assessore regionale all’Agricoltura e cibo, e adempiendo a quanto è previsto dalla D.Lgs 102/2004 e dalla Legge 160/2019 per l’applicazione degli aiuti finanziari a favore delle imprese agricole danneggiate.

Il Settore Fitosanitario della Regione Piemonte ha confermato che i danni da cimice asiatica nella campagna 2019 hanno interessato i comparti frutticolo, orticolo e dei piccoli frutti in tutto il territorio regionale, in percentuale variabile, come segnalato dalle organizzazioni professionali di settore, da Fondazione Agrion e dalle organizzazioni dei produttori.

L’importo totale stimato dei danni alle produzioni a livello regionale è di 180 milioni di euro.

Pertanto, la Giunta regionale ha stabilito di richiedere al Ministero delle Politiche Agricole il riconoscimento dell’eccezionalità dell’evento, come sancito dalla legge n. 160/2019.

L’Assessore regionale all'Agricoltura sottolinea che con questo provvedimento la Regione Piemonte si è attivata prontamente per procedere nell'iter previsto dal Ministero nella lotta agli attacchi da cimice asiatica. Si tratta di un ulteriore azione che va a completamento delle iniziative già avviate dall'Assessorato regionale all'Agricoltura e cibo da quando è scaturita l’emergenza cimice asiatica in Piemonte e a livello nazionale.

La delibera approvata dalla Giunta non è solo un atto formale ma un passaggio fondamentale in quanto attraverso la richiesta al Ministero del riconoscimento di evento eccezionale per i danni causati da cimice asiatica, la Regione ha l’opportunità di ottenere l’assegnazione dei fondi per il risarcimento dei danni subiti dalle aziende agricole piemontesi.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

Energia: la Regione si apre al mercato dell’energia. Approvata la legge sul grande idroelettrico. Primo passo per la gestione autonoma di grandi concessioni per dighe e invasi

La Regione si apre al mercato dell’energia riassegnando 67 concessioni che storicamente erano in capo allo Stato. Una piccola rivoluzione per i produttori, ma anche per piazza Castello che dopo l’approvazione in giunta del ddl denominato “assegnazione delle grandi derivazioni ad uso idroelettrico” compie il primo passo verso la gestione autonoma di dighe e invasi utilizzati per la produzione di energia. Il dispositivo è composto da 23 articoli destinati a disciplinare il settore dopo il passaggio dal Demanio alle Regioni delle infrastrutture. Saranno però soltanto le concessioni superiori a 3.000 kw quelle da riassegnare con bandi di evidenza pubblica. Undici di queste sono scadute e le procedure di assegnazione dovranno partire entro il 2022, cioè a due anni dall’approvazione della legge.

L’assessore regionale alla tutela delle Acque, sottolinea che si tratta della prima forma di autonomia regionale in ambito energetico e di sviluppo di energia rinnovabile. Il meccanismo di “apertura alla concorrenza” a cui verrà sottoposta l’assegnazione in concessione della risorsa idrica e delle opere regionali – evidenzia l’assessore - risulta particolarmente innovativo rispetto al passato, in quanto sarà possibile inserire nei bandi specifici criteri di individuazione della migliore offerta; un meccanismo che sarà orientato in modo da ottenere miglioramenti nell’ambito della produzione di energia rinnovabile, della riqualificazione ambientale dei bacini a valle degli invasi, degli interventi di compensazione a beneficio dei territori interessati. La Regione prevede di dare particolare risalto alla possibilità di favorire usi plurimi delle acque, ad esempio associando all’uso idroelettrico quello idropotabile e la rigenerazione dell’acqua mediante impianti di pompaggio.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

I servizi digitali per cittadini e imprese in un video della Regione dal fascicolo sanitario alle pratiche pubbliche per i professionisti

L’assessore regionale all’Innovazione ha annunciato la pubblicazione da oggi di un video pubblicato sul sito Facebook della Regione all’indirizzo https://www.facebook.com/128335077179347/posts/3159078554104969/ che promuove i servizi digitali: dal fascicolo sanitario elettronico alla prenotazione di visite ed esami, dal pagamento del ticket sanitario al ritiro dei referti al cambio del medico. Anche pagare i servizi è semplice, ad esempio con il servizio web del bollo auto ma è anche possibile prenotare on line un appuntamento presso gli sportelli che si occupano di edilizia e tributi. Gestire pratiche in tema di ambiente, energia e agricoltura e presso i Centri per l'impiego.

Il digitale – secondo l’assessore - al momento è sottoutilizzato, e per questa ragione si è pensato di pubblicare un video prodotto dal Csi che riassume l’elenco dei servizi attraverso i quali cittadini e imprese possono svolgere pratiche pubbliche senza recarsi agli sportelli.

VIABILITA’

Per muoversi con facilità sul territorio sono poi disponibili on line i percorsi e gli orari delle fermate del trasporto pubblico e si può utilizzare BIP, il sistema di bigliettazione elettronica che permette di accedere ai diversi servizi di mobilità attivi in tutta la regione.

PAGARE I TRIBUTI ON LINE

PiemontePAY invece facilita e diffonde in tutta la regione gli strumenti elettronici e multicanale per il pagamento dei servizi delle pubbliche amministrazioni piemontesi, come previsto dalla normativa nazionale. L’obiettivo? Rendere più semplice, sicuro e trasparente qualsiasi pagamento di cittadini e imprese verso la pubblica amministrazione.

SERVIZI PER LE IMPRESE

C’è poi Yucca, la smart data platform che la Regione Piemonte mette a disposizione di amministrazioni e imprese per sviluppare nuove applicazioni IoT e Big Data. Fruibile in cloud, è realizzata con tecnologie open source. Grazie all'ecosistema dei dati è più facile "ascoltare il territorio", inventare nuovi servizi e prendere decisioni più efficaci, perché il mondo delle cose e quello delle persone si parlano.

IL CLOUD

Infine, il cloud come modello di erogazione dei servizi digitali e di razionalizzazione della spesa. Un potente strumento di trasformazione digitale e di ammodernamento della macchina amministrativa, che garantisce sicurezza, protezione dei dati e efficienza dei sistemi ICT.

Pietro Pacini, Direttore Generale del CSI Piemonte “Siamo lieti di aver collaborato con l’Assessorato all’Innovazione della Regione Piemonte per realizzare questo video che promuove i servizi digitali pensati e sviluppati per cittadini e imprese. Un modo rapido ed esaustivo per promuoverne l’utilizzo e far conoscere agli amministratori e ai piemontesi cosa oggi mettiamo a disposizione per semplificare la loro vita e il loro lavoro”.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

Piano straordinario per la didattica ondine: la Regione impegna 32 milioni di euro per collegare scuole a studenti

L’assessore regionale all’Innovazione e ai servizi digitali ha annunciato che domattina convocherà d’urgenza i vertici di TopIx e del Csi negli uffici dell'assessorato per mettere a punto un piano urgente per consentire ai docenti scolastici e agli studenti di svolgere l'attività didattica con videoconferenza in caso di ulteriori giorni di chiusura dei plessi scolastici.

Ad annunciarlo è l’assessore regionale ai servizi Digitali che di concerto con il Presidente della Regione e con l’assessore all'Istruzione ha chiesto un investimento straordinario di 32 milioni per la didattica online.

Ad oggi la Regione non è in grado di sapere quando le scuole riapriranno e potrebbe nascere l'esigenza di trovarci di affrontare nuove chiusure per affrontare l'emergenza Coronavirus. In ogni caso, il progetto che sarà avviato dalla Regione, sarà utile per qualsiasi altra situazione che in futuro necessiti di questo innovativo servizio domiciliare. L'assessore al Digitale si è detto pronto ad impegnare 32 milioni di euro di fondi di sviluppo e coesione per poter attivare le scuole regionali alla banda ultra larga e mettere a disposizione la rete regionale «Wi-Pie» per i collegamenti da casa.

L’assessore regionale con deleghe al Digitale ha appena informato il presidente Cirio della possibilità di attivare questa soluzione nel più breve tempo possibile. La giunta ha annunciato di impegnarsi fin da subito a presentare il progetto alle fondazioni bancarie per ottenere risorse immediate e collegare il maggior numero di plessi scolastici. A sostenere l'iniziativa è anche l'assessore regionale all'Istruzione che ha sottolineato come le attuali tecnologie, ormai alla portata di tutti, in particolare dai più giovani, come, ad esempio, i normali smartphone, possono trovare diverse applicazioni, compresa quella relativa alla didattica a distanza, sfruttando la potenza della banda larga e dei software dedicati sempre più sofisticati e in grado di offrire un servizio all'altezza delle necessità. Emergenze come quella che stiamo vivendo ci stimolano ad approfondire tutte le possibilità che le reti telematiche offrono, di rafforzarle, di estenderne la fruibilità, in modo da essere ben attrezzati per poter rispondere in tempi rapidi e con efficienza in caso di necessità.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

Servizi cimiteriali. L’assessore regionale alla Sanità plaude alla nuova legge: un atto di civiltà

L’assessore regionale alla Sanità del Piemonte ha accolto con soddisfazione l’approvazione da parte del Consiglio regionale del Piemonte, il 3 marzo u.s., della nuova legge proposta dallo stesso assessore, condivisa e votata anche dalla minoranza, che modifica la disciplina delle attività e dei servizi necroscopici, funebri e cimiteriali, oltre che la cremazione e la conservazione, l’affidamento e la dispersione delle ceneri.

In particolare, l’assessore regionale definisce come significativi passi avanti sulla strada della civiltà alcuni aspetti del nuovo provvedimento, tra cui, ad esempio, la possibilità offerta alle famiglie di scegliere se portare il loro caro defunto nelle strutture del commiato, oppure a casa, anche a cassa aperta, nei casi consentiti dalla normativa vigente.

Inoltre, l’assessore sottolinea che verrà ampliata ai Comuni fino a 5 mila abitanti la possibilità, finora riservata solo ai Comuni sotto i 3 mila abitanti, di affidare la gestione dei servizi cimiteriali alle imprese funebri.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

Trasporto ferroviario: parte l’erogazione del “Bonus Pendolari”

Prende il via il 28 febbraio l’erogazione del “Bonus Pendolari” a favore dei cittadini residenti in Piemonte, per il quale la Regione ha stanziato 700 mila euro sulla vendita di abbonamenti mensili e plurimensili validi per i mesi di marzo, aprile e maggio 2020.

Gli sconti sono differenziati a seconda della tariffa di partenza: 3% per gli abbonamenti Formula sia mensili sia annuali con zona Pin; 5% per gli abbonamenti Formula sia mensili sia annuali con zona e tratte, Regionali Trenitalia Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria e Lombardia; 10% per i mensili e annuali Piemonte Integrato e Regionali Trenitalia Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria, Lombardia e Regionale Piemonte con applicazione Sovraregionale Trenitalia. Sono esclusi gli abbonamenti Formula emessi solo per l’acquisto delle cosiddette ‘Zone’ ad eccezione di quelli che comprendono la zona del Pinerolese.

C’è, inoltre, tempo fino a febbraio per i pendolari del Chierese che utilizzano il Servizio Ferroviario Metropolitana SFM1, per chiedere il bonus una tantum per gli anni 2018 e 2019: ai residenti e ai lavoratori che utilizzano la tratta Torino-Chieri è stata infatti riservata una compensazione per i disagi subiti in questi anni pari ad un mese di abbonamento (circa 58 euro di media), da richiedere esclusivamente alla stazione Torino Lingotto.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

ATTI DELLO STATO 

Decreto-Legge 2 marzo 2020, n. 9

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 53 del 2.3.2020 il Decreto-Legge 2 marzo 2020, n. 9:

Misure urgenti di sostegno per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19.

Entrata in vigore del provvedimento: 02/03/2020.

Legge 28 febbraio 2020, n. 8

E' stata pubblicata sul Supplemento ordinario n. 10 alla Gazzetta Ufficiale n. 51 del 29.2.2020 la Legge 28 febbraio 2020, n. 8:

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 30 dicembre 2019, n. 162, recante disposizioni urgenti in materia di proroga di termini legislativi, di organizzazione delle pubbliche amministrazioni, nonché di innovazione tecnologica.

Entrata in vigore del provvedimento: 01/03/2020.

Decreto del Presidente della Repubblica 18 febbraio 2020

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 51 del 29.2.2020 il Decreto del Presidente della Repubblica 18 febbraio 2020:

Scioglimento del consiglio comunale di Narzole.

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 4 marzo 2020

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 55 del 4.3.2020 il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 4 marzo 2020 :

Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull'intero territorio nazionale.

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 1 marzo 2020

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 52 del 1°.3.2020 il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 1 marzo 2020:

Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19.

Decreto del Ministero dell'Interno 28 febbraio 2020

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 50 del 28.2.2020 il Decreto del Ministero dell'Interno 28 febbraio 2020:

Ulteriore differimento del termine per la deliberazione del bilancio di previsione 2020/2022 degli enti locali dal 31 marzo 2020 al 30 aprile 2020.

Decreto del Ministero dell'Interno 14 febbraio 2020

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 53 del 2.3.2020 il Decreto del Ministero dell'Interno 14 febbraio 2020:

Approvazione del modello di certificato per la richiesta del contributo per gli investimenti sui mutui contratti nel 2019 dagli enti locali.

Ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Protezione civile del 1° marzo 2020

E' stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 53 del 2.3.202 l'Ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Protezione civile del 1° marzo 2020:

Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all'emergenza relativa al rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili.

Ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Protezione civile del 29 febbraio 2020

E' stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 53 del 2.3.202 l'Ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Protezione civile del 29 febbraio 2020:

Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all'emergenza relativa al rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili.

Comunicato della Presidenza dei Ministri

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 53 del 2.3.2020 il Comunicato della Presidenza dei Ministri:

Comunicato relativo al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 1° marzo 2020, concernente: «Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19».

PROVVEDIMENTI DELL'AMMINISTRAZIONE REGIONALE 

I testi dei provvedimenti qui pubblicati costituiscono un puro strumento di consultazione documentale privo di qualsiasi valore giuridico. Salvo diversa indicazione tutti i file sono pubblicati in formato Pdf oppure compressi in formato Zip.

Atto di indirizzo 2018-2019 "Fondo regionale disabili di cui all'art. 35 della Legge regionale n. 34 del 22 dicembre 2008. Intervento di Politica attiva rivolto a persone disabili". Proroga del termine finale riferito alla misura a) "Indennità di partecipazione/borse lavoro per l'attivazione di tirocini"

La Giunta regionale, con la D.G.R. n. 21-1073 del 28.2.2020, ha stabilito, a parziale modifica dell’Atto di indirizzo 2018-2019 "Fondo regionale disabili di cui all'art. 35 della Legge regionale n. 34 del 22 dicembre 2008. Intervento di Politica attiva rivolto a persone disabili", allegato alla D.G.R. del 13 aprile 2018, n. 26-6749, di prorogare per la misura a) “Indennità di partecipazione/borse lavoro per l’attivazione di tirocini” il termine finale fino alla data del 31 dicembre 2020.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Istruzione, Lavoro, Formazione professionale, Diritto allo studio universitario – Direzione Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Piemonte.

Delimitazione zone danneggiate, individuazione provvidenze applicabili e proposta di declaratoria di eccezionalità dei danni causati dagli attacchi della cimice asiatica (Halyomorpha halys) e ad essa correlati che, nel periodo compreso da 01.01.2019 a 31.12.2019, ha colpito l'intero territorio regionale

La Giunta regionale, con la D.G.R. n. 31-1083 del 28.2.2020, ha approvato:

-  ai sensi dell’articolo 1, comma 501 della legge del 27 dicembre 2019, n. 160, la proposta di declaratoria dell’eccezionalità dei danni causati dagli attacchi della cimice asiatica (Halyomorpha halys) e ad essa correlati che, nel periodo compreso dal 1° gennaio 2019 al 31 dicembre 2019, ha colpito l’intero territorio della Regione Piemonte;

- delimitato l’intero territorio della Regione Piemonte, come riportato nell’elenco allegato (Allegato A), sul quale possono trovare applicazione gli aiuti di cui all'art. 5, commi 2 lett. a), b), c) e d), del D.Lgs. n. 102/2004 e s.m.i.;

- è stato demandato ai competenti Uffici della Direzione Agricoltura e Cibo l’inoltro del presente provvedimento al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, ai sensi del decreto legislativo 102/2004, art. 6, comma 1 e s.m.i. e dell’art. 1, comma 501, della legge 27 dicembre 2019, n. 160, al fine del riconoscimento, da parte del Ministero stesso dell’eccezionalità dell’evento;

- è stata demandata ai competenti Uffici della Direzione Agricoltura e Cibo la ricezione delle domande che dovranno essere presentate entro il termine perentorio di 45 giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del Decreto Ministeriale di declaratoria e di individuazione dei territori danneggiati, come stabilito dal comma 5, articolo 5 del D.Lgs. n. 102/2004 e s.m.i..

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Agricoltura, Cibo, Caccia e Pesca – Direzione Agricoltura e Cibo della Regione Piemonte.

POR FESR 2014-20 - Asse II. AGENDA DIGITALE. Obiettivo specifico II.2c.2. "Digitalizzazione dei processi amministrativi e diffusione di servizi digitali pienamente interoperabili". Azione II.2c.2.1 Soluzioni tecnologiche per la digitalizzazione e l'innovazione dei processi interni dei vari ambiti della Pubblica Amministrazione

La Giunta regionale, con la D.G.R. n. 28-1080 del 28.2.2020, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 9 del 27.2.2020, ai fini dell’attuazione del POR FESR 2014–2020 Obiettivo specifico II.2c.2 “Digitalizzazione dei processi amministrativi e diffusione di servizi pienamente interoperabili” ha:

- proseguito con l’implementazione dell’Agenda digitale piemontese con specifiche azioni volte alla dematerializzazione delle pratiche amministrative e dei procedimenti edilizi ed ambientali - MUDE e ARADA - rivolti a imprese, professionisti e cittadini;

- approvato la scheda di Misura "Semplificazione digitale dei servizi regionali per cittadini e imprese: dematerializzazione pratiche amministrative - MUDE e ARADA", di cui all'Allegato A, destinando complessivi euro 3.200.000,00;

- dato atto che l’onere derivante dalla presente deliberazione pari a complessivi euro 3.200.000,00, a valere sull’Azione II.2c.2.1, trova copertura, in applicazione del comma 1 dell’art. 56 del D.Lgs. 118/2011 nonché del principio di contabilità finanziaria ex allegato 4-2 del medesimo decreto legislativo e in base alle percentuali di partecipazione al finanziamento stabilite dal piano finanziario (50% quota FESR, 35% quota Stato e 15% quota Regione), mediante le risorse previste nell’ambito della missione 01 Programma 0112 (cap. 208537-208539-208541) in considerazione di quanto disposto dall’art. 3 della L.R. 9/2015 come modificato dall’art. 15 della L.R. 7/2018 e nel rispetto della dotazione complessiva del piano finanziario POR FESR 2014/2020 approvato con Decisione (2017)6892 del 12.10.2017;

- dato atto che la ripartizione delle risorse di cui al presente provvedimento nelle diverse annualità 2020-2023 verrà disposta in coerenza con la programmazione delle attività ed in considerazione dell’effettivo avanzamento della spesa e dei vincoli del d.lgs.118/2011;

- demandato alla Direzione Competitività del Sistema regionale quale Autorità di Gestione del POR FESR 2014-2020 di acquisire dalla Direzione Ambiente, Energia e Territorio gli elaborati progettuali che contengano la descrizione delle modalità di attuazione della Misura.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Ambiente, Energia, Innovazione, Ricerca e connessi rapporti con Atenei e Centri di Ricerca pubblici e privati, servizi digitali per cittadini e imprese – Direzione Competitività del sistema regionale della Regione Piemonte.

Delimitazione delle zone danneggiate e riconoscimento eccezionalità delle piogge alluvionali avvenute tra il 19 ottobre e il 25 novembre 2019 nelle province di Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Torino e Vercelli.

La Giunta regionale, con la D.G.R. n. 24-1043 del 21.2.2020, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 10 del 5 marzo 2020, ha richiesto al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, ai sensi dell'art. 70 del D.P.R. n. 616/1977 e ai fini dell'applicazione delle agevolazioni previste dall'art. 5 del D.Lgs. n. 102/2004 e s.m.i., il riconoscimento dell'esistenza del carattere di eccezionalità delle piogge alluvionali avvenute tra il 19 ottobre e il 25 novembre 2019 nelle province di Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Torino e Vercelli.

Sono stati delimitati i territori danneggiati nei quali saranno applicabili gli interventi previsti dal D.Lgs. n. 102/2004 e s.m.i., come riportato nell’elenco allegato (Allegato A) al provvedimento.

A causa della vastità del territorio interessato dagli eventi calamitosi e del numero elevato di segnalazioni pervenute, gli accertamenti puntuali da parte dei funzionari regionali proseguiranno necessariamente anche nel periodo successivo all’approvazione del presente provvedimento, stabilendo che si provveda, nel caso occorresse, sentito il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, con analogo provvedimento di modifica o integrazione.

E’ demandata ai competenti Uffici della Direzione Agricoltura e Cibo la ricezione delle domande che dovranno essere presentate entro il termine perentorio di 45 giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del Decreto Ministeriale di declaratoria e di individuazione dei territori danneggiati, come stabilito dal comma 5, art. 5 del D.Lgs. n. 102/2004 e s.m.i.

 Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Agricoltura, Cibo, Caccia e Pesca – Direzione Agricoltura e Cibo della Regione Piemonte.

(La notizia di questo provvedimento è già stata anticipata nel Notiziario n. 7 del 27.2.20)

SCADENZE

Si specifica che questo memorandum non ha valore legale e può non essere esaustivo di tutti i provvedimenti adottati per i quali è previsto il rispetto di un termine perentorio.

Scadenze del mese di MARZO (n. 1 provvedimento segnalato)

Bando 2019 relativo alla richiesta di contributi da parte dei Comuni, delle Unioni di Comuni e dei Consorzi di Comuni del Piemonte, per la presentazione di progetti finalizzati alla sistemazione temporanea dei salariati agricoli stagionali delle aziende agricole piemontesi.

La Direzione Agricoltura e Cibo, con la D.D. n. 11 del 22 gennaio 2020, pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 5 del 30 gennaio 2020, ha approvato il bando per la richiesta di contributi da parte dei Comuni, delle Unioni di Comuni e dei Consorzi di Comuni del Piemonte – già costituiti ai sensi del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267 "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli Enti Locali" - relativamente alla realizzazione di progetti finalizzati alla sistemazione temporanea dei salariati agricoli stagionali delle aziende agricole piemontesi.

La presentazione delle domande di contributo da parte dei succitati Enti Locali potrà avvenire a partire dalla data del 27/01/2020 fino al 31/03/2020 compresi.

Sarà disposta la pubblicazione del suddetto Bando sul sito della Regione Piemonte sezione Bandi e finanziamenti, al seguente indirizzo https://bandi.regione.piemonte.it/contributi-finanziamenti.

Scadenze del mese di DICEMBRE (n. 1 provvedimento segnalato)

Atto di indirizzo 2018-2019 "Fondo regionale disabili di cui all'art. 35 della Legge regionale n. 34 del 22 dicembre 2008. Intervento di Politica attiva rivolto a persone disabili". Proroga del termine finale riferito alla misura a) "Indennità di partecipazione/borse lavoro per l'attivazione di tirocini"

La Giunta regionale, con la D.G.R. n. 21-1073 del 28.2.2020, ha stabilito, a parziale modifica dell’Atto di indirizzo 2018-2019 "Fondo regionale disabili di cui all'art. 35 della Legge regionale n. 34 del 22 dicembre 2008. Intervento di Politica attiva rivolto a persone disabili", allegato alla D.G.R. del 13 aprile 2018, n. 26-6749, di prorogare per la misura a) “Indennità di partecipazione/borse lavoro per l’attivazione di tirocini” il termine finale fino alla data del 31 dicembre 2020.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Istruzione, Lavoro, Formazione professionale, Diritto allo studio universitario – Direzione Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Piemonte.

 

Contatti

Riferimento
Redazione: Chiara Bellucco e Marco Puxeddu
Telefono
011/4326058 - 011/4325000
Email
notiziario@regione.piemonte.it