Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Notiziario per le Amministrazioni locali n. 4 del 7 febbraio 2019

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti

Questa settimana in copertina: Nonio (VCO). Veduta. Fotografia di Daniele Ciocca *

 

Il Notiziario per le Amministrazioni locali pubblica settimanalmente notizie dell'attività amministrativa e istituzionale della Giunta regionale che hanno una particolare ricaduta sul sistema delle Autonomie locali.  La pubblicazione offre una panoramica su atti normativi e amministrativi statali e regionali e iniziative di interesse per gli Enti locali del Piemonte proponendo una selezione di comunicati stampa, scadenze utili e approfondimenti su temi specifici.

* Le immagini pubblicate settimanalmente sono fornite dai Comuni del Piemonte.

IN PRIMO PIANO

Le decisioni della Giunta regionale

Edilizia sanitaria, nuovo piano dell’apicoltura e Carta etica della montagna sono stati i principali argomenti esaminati il 1° febbraio dalla Giunta regionale nel corso di una riunione coordinata dal presidente Sergio Chiamparino.

Edilizia sanitaria

Come proposto dall’assessore Antonio Saitta, le Asl TO3, TO4, TO5, VC, BI, NO, CN1, CN2 e AT e le aziende ospedaliere di Orbassano, Novara, Cuneo e Alessandria vengono autorizzate ad utilizzare gli utili di esercizio definiti nei bilanci consuntivi 2017, ammontanti complessivamente a 28.300.000 euro , per la conclusione di opere edilizie in corso di costruzione, la messa in sicurezza antincendio, antisismica e normativa degli edifici, l’acquisto di tecnologie per la riduzione dei tempi di attesa, gli interventi per la privacy e la sicurezza. A dicembre la stessa operazione era stata autorizzata per l’Asl AL per un importo di 650.000 euro.

Piano apistico triennale

Il piano apistico triennale 2019-2021 presentato dall’assessore Giorgio Ferrero prevede le seguenti tipologie di intervento: assistenza tecnica agli apicoltori nella produzione e commercializzazione; lotta contro gli aggressori e le malattie dell’alveare; razionalizzazione della transumanza; sostegno ai laboratori di analisi dei prodotti dell’apicoltura al fine di garantirne la qualità; supporto al ripopolamento del patrimonio apistico; collaborazione con gli organismi specializzati nella realizzazione di programmi di ricerca applicata; miglioramento della qualità dei prodotti per una maggiore valorizzazione sul mercato.

Carta etica della montagna

Su proposta degli assessori Alberto Valmaggia e Augusto Ferrari è stato deliberato il testo della Carta etica della montagna, che si pone l’obiettivo di valorizzare le zone montane come patrimonio e risorsa insostituibile della collettività, come luogo accessibile e fruibile da tutti, come opportunità di sviluppo sociale ed economico legato ad una frequentazione turistica sostenibile e socialmente inclusiva in quanto in grado di accogliere anche le fasce più deboli della popolazione. I sottoscrittori si impegneranno pertanto a rendere la montagna un luogo accogliente durante tutto l’anno e farne emergere i benefici a livello psicofisico e terapeutico legati alla montagnaterapia.

La Giunta ha inoltre approvato, su proposta dell’assessore Alberto Valmaggia:

  • un disegno di legge, che passa ora all’esame del Consiglio regionale, che intende inserire nella legge regionale n,1/2018 sulla gestione dei rifiuti alcune modifiche necessarie per una migliore attuazione del nuovo sistema di governance del servizio integrato (coinvolgimento di cittadini e associazioni ambientaliste nel contrasto all’abbandono dei rifiuti; promozione nelle scuole di giornate educative di pulizia attiva di strade, parchi, giardini e altri luoghi pubblici interessati da degrado e abbandono volontario o casuale di rifiuti; individuazione nella misura del 10 per cento del gettito del tributo speciale introitato dalla Regione la quota da destinare ai Comuni dove sono ubicate discariche o impianti di contenimento senza recupero energetico ed a quelli limitrofi per la realizzazione di interventi di miglioramento ambientale del territorio interessato, tutela igienico-sanitaria dei residenti, sviluppo di sistemi di monitoraggio e controllo);
  • lo schema di protocollo d’intesa tra Regione Piemonte, Provincia di Alessandra ed Ente di governo dell’Ambito 6 Alessandrino per la messa in sicurezza del sistema di approvvigionamento idrico.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte

La Regione stanzia 3 milioni e 300 mila euro per riqualificare laghi e fiumi

La Regione Piemonte ha stanziato 3 milioni e trecentomila euro a favore del bando 2019 per la riqualificazione dei fiumi e dei laghi piemontesi, quasi il triplo del primo bando dell’aprile 2018. Lo ha riferito l’assessore regionale all’Ambiente della Regione Piemonte, Alberto Valmaggia, nel corso dell’incontro informativo sul programma di interventi sui corpi idrici piemontesi, svoltosi a Torino mercoledì 6 febbraio.

Un bando rivolto a enti pubblici, anche in forma associata, che consente di soddisfare le richieste dell’Unione europea in merito al raggiungimento, o al mantenimento, del “buono stato delle acque” sia dal punto di vista chimico-biologico sia da quello relativo all’ecosistema generale. «Si tratta – ha detto l’assessore Valmaggia – di interventi molto importanti anche nell’ottica dell’adattamento ai cambiamenti climatici».

Le sponde di laghi e fiumi, la vegetazione e i pesci necessitano di un ambiente che sia il più naturale possibile. Gli interventi finanziati l’anno scorso riguardano il ripristino della continuità fluviale, come nel caso in cui ci siano delle traverse di impianti idroelettrici che limitano il deflusso dei corsi d’acqua e sbarrano il passaggio dei pesci. Con i fondi a disposizione sono state realizzate “scale di risalita” per i pesci in diversi fiumi piemontesi. Sono stati finanziati anche interventi volti ad eliminare specie vegetali invasive e infestanti, in modo da riqualificare la flora lungo le sponde. Si rendono così laghi e fiumi meno artificiali e con più alberi, ottenendo un duplice vantaggio: ridurre il rischio di alluvioni e rendere le aree fluviali maggiormente fruibili dalle comunità in cui sono inserite. Fra i progetti illustrati nel corso della giornata, quello dell’Unione montana Valle Maira, volto a garantire la stabilità del Rio Preit sopra Canosio e quello relativo al miglioramento del torrente Stura di Ovada.

I fondi destinati al bando sono ricavati dai canoni delle concessioni idriche, che sono così reinvestiti anche in funzione degli obiettivi del Piano di tutela delle acque. Il bando sulla riqualificazione dei corpi idrici è aperto fino alle 12 del 17 maggio 2019. Rivolgendosi alla platea di professionisti, ingegneri, architetti, amministratori locali e direttori di aree naturali protette presenti in sala, l’assessore Valmaggia ha concluso con un invito a «valorizzare progettualità ampie e integrate, unendo le forze per conseguire risultati importanti su larga scala».

http://www.regione.piemonte.it/pinforma/http://www.regione.piemonte.it/pinforma/

Approvata la Carta Etica della Montagna

Su indicazione dell’Assessore Alberto Valmaggia e dell’Assessore Augusto Ferrari, è stata approvata in Giunta regionale la Carta Etica della Montagna. L’Obiettivo del documento è quello di promuovere una cultura della montagna che valorizzi l’economia locale, legata a una frequentazione turistica sostenibile e socialmente inclusiva, nell’ottica di accogliere anche le fasce più fragili della popolazione.

In questo senso, la continua crescita di esperienze positive di montagnaterapia hanno stimolato la volontà di replicare iniziative a contatto con la montagna, per persone affette da patologie psichiatriche, fisiche, emotive e cognitive proprio a carattere terapeutico-riabilitativo e/o socio-educativo, finalizzato alla prevenzione, alla cura ed alla riabilitazione degli individui portatori di differenti problematiche.

La Carta Etica promuove un atteggiamento di corresponsabilità di tutti i soggetti che, a vario titolo, hanno a che fare con il mondo della montagna, dalle istituzione ai residenti con il coinvolgimento dei professionisti della montagna, dei servizi sportivi, dei servizi socio-educativi e sanitari, delle associazioni, delle imprese e del Club Alpino Italiano.

La Regione Piemonte da tempo esprime un forte impegno verso la Montagna considerata patrimonio e risorsa insostituibile della collettività e concepita come luogo accessibile e fruibile da tutti, per le opportunità di sviluppo sociale ed economico che essa genera. Per questo motivo la Carta Etica ha voluto sottolineare con forza l’importanza di una politica pubblica per la Montagna e che contribuisca alla coesione sociale ed allo sviluppo economico sostenibile.

Siamo contenti di aver portato a compimento il progetto della Carta Etica” – commenta l’Assessore alle Politiche Sociale, Augusto Ferraridopo aver vissuto, negli scorsi mesi, l’esperienza della montagnaterapia, ho acquisito ancor più la consapevolezza del valore terapeutico del camminare in montagna, e di come, a fini terapeutici, possa migliorare la qualità della vita anche delle persone più fragili o problematiche. Ma non solo, ha un significato più profondamente umano: aiuta a conoscere meglio se stessi e a condividere positivamente il punto di vista degli altri, opportunità che dobbiamo mettere al servizio di tutte le nostre comunità”.

“La montagna, per le sue caratteristiche di innata bellezza, può e deve diventare un patrimonio di tutti, in special modo nella nostra regione, per gran parte ricoperta di alture e scenari diversissimi tra loro – afferma l’Assessore allo Sviluppo della montagna, Alberto Valmaggia Anche grazie alla Carta Etica e agli importanti investimenti fatti in questi anni, soprattutto sul turismo outdoor, intendiamo operare a vantaggio delle attività sociali ed economiche del territorio montano, con lo scopo di sostenere chi vive in montagna, ma anche promuovere le terre alte quale principale meta del Piemonte”.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

Approvato il protocollo d’intesa per la messa in sicurezza del sistema di approvvigionamento idrico dell’alessandrino

77 milioni e mezzo di euro, di cui 5 milioni e 200mila di fondi nazionali emergenziali e la rimanente parte assicurata dal piano tariffario del servizio idrico integrato approvato dall’Ente di gestione ATO n. 6 Alessandrino, saranno impiegati per interventi strategici sul sistema di approvvigionamento idropotabile del territorio.

Lo schema di protocollo d’intesa approvato dalla Giunta regionale, e che vedrà tra i cofirmatari la Provincia di Alessandria e l’EgATO n. 6, prevede l’adozione di un piano d’azione di contrasto al fenomeno di carenza idrica di quel particolare territorio, il quale raggiunse fenomeni emergenziali nel secondo semestre del 2017, per cui venne riconosciuto lo stato di emergenza.

Il piano d’azione sarà il prosieguo degli interventi già individuati proprio a seguito dell’emergenza di un anno e mezzo fa, e sarà suddiviso in due livelli direttamente collegati tra loro: il primo prevede la realizzazione di un anello di interconnessione primaria tra le principali fonti di approvvigionamento idrico presenti sul territorio e a servizio dei centri urbani maggiori; il secondo prevede interventi di interconnessione secondaria e di razionalizzazione degli impianti che collegano gli acquedotti periferici a servizio dei centri abitati minori.

L’Emergenza del settembre 2017 ha portato con sé un importante lavoro di studio per rendere il più possibile efficiente il sistema idrico alessandrino, che è stato successivamente tradotto nel piano operativo oggetto del protocollo d’intesa– afferma Alberto Valmaggia, assessore all’Ambiente della Regione Piemonte –. L’Acqua è patrimonio comune essenziale per lo sviluppo sostenibile dell’ambiente e della società, e questo specifico provvedimento risponde perfettamente agli obiettivi di protezione e valorizzazione di questo prezioso elemento, così come previsto nel nuovo Piano di Tutela delle Acque, adottato recentemente dalla Giunta regionale e adesso in fase di esame da parte del Consiglio”.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

San Michele Mondovì: entro Pasqua sarà sistemato il cavalcavia

Entro Pasqua saranno terminati i lavori di sistemazione e messa in sicurezza del cavalcaferrovia di San Michele di Mondovì sulla provinciale 60 all'innesto della Statale 28, sulla linea Fossano-Ceva. È questa la rassicurazione di Rete Ferroviaria Italiana al termine dell’incontro che si è svolto il 31 gennaio presso i propri uffici alla presenza del Sindaco Michelotti, di Regione Piemonte e Provincia di Cuneo.

I lavori, completamente a carico di RFI, potranno partire a marzo, ma nel frattempo sarà resa possibile una viabilità alternativa per i mezzi oltre le 3,5 tonnellate e per i bus scolastici, aventi altezza inferiore a 3m, impossibilitati a transitare sul ponte in seguito all'ordinanza di limitazione del traffico pesante per le cattive condizioni dell''infrastruttura.

Soddisfazione dall'assessorato ai trasporti e infrastrutture della Regione e dalla provincia è stata espressa per la rapida soluzione di un problema che stava creando disagi a residenti e frazionisti e per la disponibilità di RFI a intervenire celermente.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

 ATTI DELLO STATO

 

Decreto del Ministero dell'Interno 25 gennaio 2019

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 30 del 5.2.2019 il Decreto del Ministero dell'Interno 25 gennaio 2019:

Modifiche ed integrazioni all'allegato del decreto 16 maggio 1987, n. 246 concernente norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Decreto del Ministero dell'Interno 25 gennaio 2019

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 28 del 2.2.2019 il Decreto del Ministero dell'Interno 25 gennaio 2019:

Ulteriore differimento del termine per la deliberazione del bilancio di previsione 2019/2021 degli enti locali dal 28 febbraio al 31 marzo 2019.

Decreto del Ministero dello sviluppo economico 14 novembre 2018

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 27 dell' 1.2.2019 il Decreto del Ministero dello sviluppo economico 14 novembre 2018:

Destinazione di ulteriori risorse finanziarie del Fondo per la crescita sostenibile al sostegno di iniziative di ricerca e sviluppo realizzate nell'ambito di accordi stipulati con altre amministrazioni pubbliche.

COMUNICATI

Comunicato dell’Assessore all’Ambiente, Urbanistica, Programmazione territoriale e paesaggistica, Sviluppo della montagna, Foreste, Parchi, Protezione Civile

E’ stato pubblicato sul Supplemento ordinario n. 3 al Bollettino Ufficiale n. 6 del 7.2.2019 il Comunicato dell’Assessore all’Ambiente, Urbanistica, Programmazione territoriale e paesaggistica, Sviluppo della montagna, Foreste, Parchi, Protezione Civile:

Modifica dei termini per la presentazione delle richieste di finanziamento a valere sulla legge regionale n. 14/2008 "Norme per la valorizzazione del paesaggio".

PROVVEDIMENTI DELL'AMMINISTRAZIONE REGIONALE 

I testi dei provvedimenti qui pubblicati costituiscono un puro strumento di consultazione documentale privo di qualsiasi valore giuridico. Salvo diversa indicazione tutti i file sono pubblicati in formato Pdf oppure compressi in formato Zip. 

Carta Etica della Montagna. Approvazione

La Giunta regionale con D.G.R. n. 17-8364 ha approvato, ai sensi della legge regionale 3/2014, la Carta Etica della Montagna al fine della sua valorizzazione come patrimonio e risorsa insostituibile della collettività, come luogo accessibile e fruibile da tutti e come opportunità di sviluppo sociale ed economico.

E’ demandata agli uffici competenti la promozione e la diffusione della Carta Etica, anche al fine di consentirne l’adesione ai vari livelli istituzionali.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Ambiente, Urbanistica, Programmazione territoriale e paesaggistica, Sviluppo della montagna, Foreste, Parchi, Protezione Civile – Direzione Opere pubbliche, Difesa del suolo, Montagna, Foreste, Protezione civile, Trasporti e Logistica della Regione Piemonte.

Finanziamento del programma di interventi in ambito culturale turistico di cui all'allegato 4 alla D.G.R. n. 37-7662 del 5 ottobre 2018. Approvazione delle disposizioni

La Giunta regionale con D.G.R. n. 15-8362 ha approvato le "Disposizioni per il finanziamento del programma di interventi in ambito culturale turistico di cui all’allegato 4 alla D.G.R. n. 37-7662 del 5 ottobre 2018, ai sensi dell'articolo 1 della legge regionale 7/2018 in materia di nuovi investimenti a valere sugli spazi finanziari concessi dallo stato per gli anni 2018-2020", di cui all'allegato A alla presente deliberazione.

E’ demandata alla Direzione Promozione della Cultura, del Turismo e dello Sport - Settore Offerta turistica e sportiva l'adozione degli atti e dei provvedimenti necessari per l'attuazione della presente deliberazione.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Cultura, Turismo – Direzione Promozione della cultura, del turismo e dello sport della Regione Piemonte.

SCADENZE UTILI

Si specifica che questo memorandum non ha valore legale e può non essere esaustivo di tutti i provvedimenti adottati per i quali è previsto il rispetto di un termine perentorio. 

Scadenze del mese di Febbraio (n. 1 provvedimento segnalato)

1) Bando riduzione dei consumi energetici e utilizzo di fonti rinnovabili nelle strutture pubbliche dei Comuni o Unioni di Comuni con popolazione fino a 5000 abitanti. Chiusura sportello presentazione domande

La Direzione Competitività del sistema regionale, con D.D. n. 38 del 6.2.2018, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 6 dell’8.2.2018, ha fissato alle ore 12,00 del 28 febbraio 2018 la chiusura dello sportello per la presentazione delle domande di contributo per il bando approvato con determinazione dirigenziale 206/A1904A del 23/05/2017 “ Riduzione dei consumi energetici e utilizzo di fonti rinnovabili nelle strutture pubbliche dei Comuni o Unioni di Comuni con popolazione fino a 5000 abitanti”.

Eventuali domande ammesse ma non finanziabili per carenza di risorse potranno essere finanziate a seguito di economie generatesi dal bando o a seguito di un ulteriore incremento della attuale dotazione.

Contatti

Riferimento
Redazione: Chiara Bellucco, Marco Puxeddu
Telefono
0114326058 - 0114325000
Email
notiziario@regione.piemonte.it