Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Notiziario per le Amministrazioni locali n. 39 del 4 novembre 2021

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti
Piovà Massaia (AT). Nella nebbia.

Questa settimana in copertina*: Piovà Massaia (AT). Nella nebbia.

Il Notiziario per le Amministrazioni locali pubblica settimanalmente notizie dell'attività amministrativa e istituzionale della Giunta regionale che hanno una particolare ricaduta sul sistema delle Autonomie locali.  La pubblicazione offre una panoramica su atti normativi e amministrativi statali e regionali e iniziative di interesse per gli Enti locali del Piemonte proponendo una selezione di comunicati stampa, scadenze utili e approfondimenti su temi specifici.

 

* Le immagini pubblicate sono fornite dai Comuni del Piemonte.

IN PRIMO PIANO  

Acquedotto della Valle Orco, la Regione mette in sicurezza la realizzazione del progetto

“La realizzazione dell’Acquedotto della Valle Orco è un intervento di importanza strategica per risolvere e mettere in sicurezza i problemi di approvvigionamento idrico in periodi di carenza, dovuta non solo a problemi strutturali delle reti ma anche alla siccità, una condizione che purtroppo si manifesta sempre con più frequenza come effetto dei cambiamenti climatici in atto”.

Così l’assessore regionale all’Ambiente, Matteo Marnati, dopo che la Giunta ha deliberato la proroga della convenzione, stipulata con EgATo3, Smat SpA e Iren Energia SpA, fissando la scadenza al 31 dicembre 2023.

Il lungo periodo della pandemia ha infatti inciso profondamente sull’iter del progetto e la scadenza della convenzione avrebbe potuto avere effetti negativi sulla sua attuazione.

“Con il rinnovo della convenzione – aggiunge l’assessore Marnati – si prosegue dunque senza intoppi verso la realizzazione di quest’opera strategica”.

Un’infrastruttura, dunque, di valenza fondamentale che permetterà, utilizzando l’acqua degli invasi dell’alta Valle Orco, di integrare le reti acquedottistiche e risolvere le criticità di approvvigionamento di 41 comuni, della Valle Orco, Canavese, Eporediese e Rivarolese.

In allegato l’elenco dei 41 Comuni
 

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

Barriere architettoniche: arrivano 2 milioni per le famiglie

Buone notizie dalla Giunta Regionale per le centinaia di famiglie piemontesi che attendevano il rimborso delle spese sostenute per l’abbattimento delle barriere architettoniche nelle case private.

La Giunta, su proposta dell’assessore regionale al Welfare, con delega alla Casa, Chiara Caucino, ha infatti stanziato 2 milioni di euro proprio per soddisfare il bisogno delle suddette famiglie. Gli interventi sono circa 500. L’importo massimo finanziabile è di 8mila euro a intervento. I danari stanziati dalla Giunta vanno a soddisfare le liste d’attesa fino al 2020. Lo stanziamento verrà erogato ai Comuni ai quali, a suo tempo, le famiglie avevano presentato regolare richiesta di rimborso, che provvederanno a distribuirli agli aventi diritto. 

E, sempre in tema casa, l’assessorato di Caucino ha individuato 4 milioni e 600mila euro che serviranno a sanare i debiti con Atc e Comuni relativi al Fondo Sociale. Il debito si è accumulato nel triennio 2014-2016 perché, all'epoca, non vi era disponibilità di risorse. I soldi sono stati recuperati nell’ambito dell’assestamento, all’interno dell’avanzo di amministrazione.

“Sono molto soddisfatta di poter assegnare le risorse per le famiglie che hanno provveduto ad abbattere le barriere architettoniche nelle loro case private. Si tratta, infatti, di interventi – spiega Caucino - che, seppur anche di contenuta entità economica, possono cambiare radicalmente la qualità di vita delle persone”.

Caucino sottolinea anche l’importanza del reperimento dei 4,6 milioni per sanare il debito accumulato dal 2014 al 2016:  “Questa è la dimostrazione – conclude Caucino - che una gestione oculata delle risorse - come sta facendo la nostra Giunta - può creare anche avanzi fondamentali per sistemare i debiti prodotti in passato, senza aggiungere un euro. Un chiaro esempio di buona amministrazione e, soprattutto, in questo caso, una grande boccata d’ossigeno per Atc e Comuni”.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

La Fondazione Cavour a Santena, viene candidata a nuova sede della Scuola nazionale di amministrazione pubblica

Il Piemonte candida la Fondazione Cavour, a Santena (To), come una nuova sede della Scuola nazionale di amministrazione pubblica (Sna).

Lo ha annunciato in Consiglio regionale il presidente della Regione, Alberto Cirio.

"Il ministro per la Pubblica Amministrazione Brunetta, accompagnato dal presidente della Fondazione Cavour Marco Boglione e dai parlamentari Porchietto e Giacometto, ha fatto un primo sopralluogo a Santena, trovandolo un posto del tutto idoneo ad ospitare questo nuovo Istituto di formazione della classe dirigente nella pubblica amministrazione - ha detto il presidente Cirio -”. “Attualmente esiste una sola Scuola di amministrazione pubblica a Caserta, ma il premier Draghi – ha spiegato il presidente Cirio - vorrebbe altre due sedi, una al nord e una al centro. Per il Nord Italia noi abbiamo candidato il Piemonte con Santena. Invieremo il dossier di candidatura formale al ministro Brunetta che, entro fine novembre, presenterà la relazione con le tre possibili sedi al Premier Draghi.Giovedì alle 13 illustrerò il progetto anche al sindaco di Torino, Stefano Lo Russo, nel nostro primo incontro ufficiale, in quanto parte dell’immobile interessato è di proprietà del Comune di Torino".

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

Nell’ambito del PNRR Piemonte la Regione mette in campo un pacchetto da 36 milioni di euro per i comuni piemontesi

In arrivo in Piemonte nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza un nuovo pacchetto di investimenti messi in campo dalla Regione a favore dei Comuni che devono realizzare interventi per il loro territorio.

35,8 milioni di euro: è questo l’ammontare totale delle cifre deliberate dalla Giunta regionale, che andranno a finanziare 221 interventi in tutto il Piemonte suddivisi su tre linee.

“Questo ingente pacchetto di risorse a favore dei Comuni piemontesi – sottolineano il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e l’assessore alle Opere Pubbliche Marco Gabusi - è la prima risposta concreta agli sforzi che abbiamo chiesto alle amministrazioni locali per delineare i loro fabbisogni e sfruttare al meglio l’opportunità del PNRR. Il documento costruito nei mesi scorsi insieme a tutto il territorio è una bussola che ci aiuterà ad orientare gli investimenti, partendo sempre dall’ascolto del territorio e lavorando quotidianamente al fianco dei Sindaci e trovando le risorse anche laddove prima non venivano cercate”.

La prima linea del nuovo pacchetto di investimenti sblocca circa 19 milioni di euro a copertura delle spese per 29 interventi indicati dai Comuni nel corso della ricognizione effettuata dalla Regione Piemonte in vista del PNRR e selezionati nel documento ‘Next Generation Piemonte’.

In dettaglio, 4,75 milioni andranno all’Alessandrino ai Comuni di Alessandria, Alice Bel Colle, Arquata Scrivia, Borghetto Borbera, Capriata d’Orba, Novi Ligure, Spineto Scrivia; oltre 1,8 milioni sono destinati all’Astigiano ai Comuni di Asti, Cocconato e Mombercelli; 600 mila nel Biellese al Comune di Cossato; 3,7 milioni per i lavori nel Cuneese nei Comuni di Busca, Carrù, Frabosa Sottana, Limone Piemonte, Morozzo e Venasca. Nel Novarese quasi 1,5 milioni vanno al Comune di Ghemme e alla Provincia per lavori lungo le strade provinciali, nel Torinese beneficeranno di oltre 4,4 milioni i Comuni di Balangero, Barbania, Bardonecchia, Buttigliera Alta, Ivrea, Sciolze e Volvera. Il Vercellese riceve 950 mila euro per il Comune di Borgo d’Ale e per la Provincia finalizzati a lavori infrastrutturali. 1,2 milioni, infine, al Verbano Cusio Ossola per interventi a Omegna.

La seconda tranche di investimenti riguarda i contributi che la Regione può erogare a favore dei Comuni in base alla legge 18/1984 per interventi legati alle opere pubbliche di viabilità, edilizia municipale e cimiteriale e illuminazione e ammonta a 9 milioni di euro per 163 interventi, suddivisi al 50% tra i Comuni con meno di 1000 abitanti e quelli con più di 1000 abitanti.

In dettaglio, all’Alessandrino vanno quasi 1,3 milioni di euro, all’Astigiano quasi 1,2 milioni, al Biellese 250 mila euro, al Cuneese quasi 2 milioni, al Novarese 525 mila euro, al Torinese oltre 2,4 milioni, al Verbano Cusio Ossola 755 mila euro, al Vercellese 615 mila euro.

La terza linea prevede, invece, l’erogazione di circa 8 milioni per far fronte alle necessità di 29 interventi di messa in sicurezza del territorio e di mitigazione del rischio idrogeologico per i Comuni colpiti dalle alluvioni del 2019 e del 2020, in attesa delle risorse dovute dal Dipartimento della Protezione civile.

In particolare, sono previsti 520 mila euro per l’Alessandrino destinati ai Comuni di Stazzano e Orsara Bormida; 780 mila euro per l’Astigiano ai Comuni di Castagnole Monferrato, Sessame e alla Provincia di Asti; 865 mila per il Biellese al Comune di Biella, quasi 1,3 milioni per il Cuneese ai Comuni di Farigliano, Neviglie, Paroldo, Niella Tanaro e Valdieri; oltre 1 milione per il Torinese ai Comuni di Castellamonte, Castiglione Torinese, Pianezza, San Sebastiano da Po e Trana; 824 mila euro per il Novarese al Comune di Recetto e alla Provincia di Novara, oltre 845 mila euro per il Verbano Cusio Ossola ai Comuni di Druogno, Valstrona e Verbania; quasi 1,7 milioni per il Vercellese ai Comuni di Borgosesia, Moncrivello, Quarona, Rimella, Serravalle Sesia.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

“Regione europea dello sport 2022”: terminato il percorso di candidatura del Piemonte

Si è concluso il percorso che ha portato il Piemonte, primo in Italia, a candidarsi al conferimento del titolo di “Regione Europea dello Sport 2022”. Ora si aspetta la decisione ufficiale, che verrà comunicata entro la fine di quest’anno.

In questi giorni una delegazione dell’ACES Europe, l’associazione che in sinergia con l’Unione europea promuove questo prestigioso riconoscimento, ha visitato impianti sportivi di eccellenza e rilievo internazionale del territorio piemontese.

Al termine dei sopralluoghi si è svolta, nella cornice suggestiva del Palazzo Reale di Torino, una conferenza stampa alla presenza del presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, dell’assessore regionale allo Sport Fabrizio Ricca e del presidente e fondatore di ACES Europe Gian Francesco Lupattelli.

Con loro anche il presidente e vicepresidente di Anci Piemonte Andrea Corsaro e Paolo Marchioni, il segretario generale di ACES Europe Hugo Alonso, i presidenti delle sezioni regionali del Coni e del Cip Stefano Mossino e Silvia Bruno. Ospite della conferenza stampa anche Francisco Javier Imbroda, ministro dello Sport dell’Andalusia, Regione attualmente detentrice del titolo.

“Nel 2010 quando ero assessore allo Sport siamo stati la prima Regione d’Italia a sottoscrivere un accordo con ACES, del quale ho avuto l’onore di essere anche vicepresidente negli trascorsi come parlamentare europeo a Bruxelles - ha affermato il presidente Cirio -. Gli eventi e la pratica sportiva, oltre ad essere volano educativo e turistico, rappresentano un investimento per il nostro futuro: ogni euro investito nello sport oggi sarà un euro risparmiato domani in sanità”.

“Crediamo nelle potenzialità del Piemonte e pensiamo che realizzare una rete sportiva che coinvolga tutti i Comuni del nostro territorio sia la via giusta - ha sottolineato l’assessore Ricca -. Quello di ACES è un lavoro di promozione utile, riconosciuto da tutti, e in caso di assegnazione faremo tesoro di questa opportunità creando un calendario di grandi eventi, perché vogliamo essere conosciuti non solo per quello che abbiamo già fatto, ma anche e soprattutto per quello che faremo. L’attività fisica non solo fa bene, ma coltiva valori come lealtà, gioco di squadra e spirito sportivo, che sono utili in campo e nella vita”.

La candidatura a “Regione Europea dello Sport 2022”, che ACES Europe attribuisce alle Regioni che si distinguono per le politiche in favore dello sport sul proprio territorio, è stata ufficializzata il 13 aprile 2021 dalla Regione Piemonte, insieme ad Anci Piemonte e ai Comitati regionali di Coni e Cip.

Ottenere il titolo, oltre a dare lustro al Piemonte, permetterà di creare una vetrina a livello nazionale e internazionale in cui presentare, attraverso l’organizzazione di iniziative finalizzate alla diffusione della pratica sportiva, il patrimonio sportivo impiantistico e la forte vocazione sportiva del territorio, con l’obiettivo di operare nell’interesse dei praticanti, delle comunità locali e di tutto il movimento sportivo.

Paolo Marchioni ha ricordato che “Anci Piemonte ha aderito con entusiasmo ad un’iniziativa che coinvolge associazioni, famiglie e sportivi. Tutte le 8 città capoluogo organizzeranno manifestazioni insieme agli altri 100 Comuni che hanno al momento aderito alla stesura del programma. Saremo in campo per far fare bella figura al Piemonte”.

Stefano Mossino l’ha definita “una candidatura importantissima per tutto il sistema sportivo piemontese, alla quale il Coni ha aderito con convinzione e volontà di creare un progetto unitario per il sistema e di legare la peculiarità del Piemonte, con le sue eccellenze, all’Europa e ad una visione transnazionale, perché lo sport è un linguaggio con cui chiunque può parlare e superare barriere e disuguaglianze”.

Silvia Bruno si è soffermata sul fatto che “la possibilità di organizzare eventi paralimpici in tutto il Piemonte offrirà alle persone con disabilità un ulteriore impulso per ripartire e restituire alla pratica sportiva quei ragazzi che durante la pandemia hanno sofferto molto per non aver potuto continuare a fare sport”.

Il ministro Imbroda ha dichiarato che “l’Andalusia sarà a disposizione del Piemonte per condividere l’esperienza acquisita come Regione Europea dello Sport 2021” ed ha sottolineato “l’importanza dello sport come educazione, salute e abbattimento delle frontiere”.

“In questi giorni abbiamo visitato molti impianti e abbiamo verificato cosa sa fare il Piemonte per la pratica sportiva vista anche come salute e il grande numero di associazioni che possono essere coinvolte. Il mio augurio è poter dichiarare il Piemonte come Regione europea dello Sport 2022” ha concluso il presidente Lupattelli.

Il Piemonte ha già ricevuto negli ultimi anni da ACES Europe numerosi titoli:

  • European Capital of Sport (riservato alle capitali con più di 500.000 abitanti) a Torino;
  • European City of Sport (Premio riservato alle città con più di 25.000 abitanti) a Biella, Chieri, Alba e Novara;
  • European Town of Sport (riservato alle città con meno di 25.000 abitanti) a Orbassano, Cantalupa, Giaveno, Savigliano, Valdengo, Fossano, Pino Torinese e Busca;
  • European Community of Sport (riservato alle comunità composte da più municipi): Comuni Olimpici Via Lattea, Valle Varaita, Valsesia, Monferrato, Terre della Lana.

La Regione Piemonte ha anche ricevuto dalla sezione Video di ACES il premio “Creatività del progetto” per il filmato promozionale realizzato nell’aprile scorso e visionabile su https://youtu.be/x6t8PNqedLM
 

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

Turismo: dalla Regione 9 milioni di euro per rinnovare le strutture ricettive piemontesi

È in arrivo una misura del valore complessivo di 9 milioni di euro per interventi di potenziamento dell’ospitalità turistica. La Regione ha infatti stanziato altri 3,2 milioni di euro a fondo perduto per le imprese della ricezione piemontese. I fondi sono destinati all’acquisto di materiali per ampliare i servizi di accoglienza, costruire dehor, ristrutturare impianti sportivi, piscine, centri benessere e parcheggi di pertinenza e saranno assegnati tramite bando a sportello a partire dall’8 novembre 2021: sono ammesse anche le spese sostenute nell’anno precedente a partire dal 1° febbraio 2020 fino ad esaurimento delle risorse.

“Con il provvedimento approvato questa mattina – spiegano il Presidente Alberto Cirio e l’assessore alla Cultura, Turismo e Commercio Vittoria Poggio – sosteniamo le strutture alberghiere ed extra alberghiere come campeggi, villaggi turistici, agriturismi e rifugi che potranno migliorare la qualità ricettiva piemontese che ha segnato nel periodo estivo un incremento degli arrivi del 54%. Abbiamo inoltre deciso di stanziare una ulteriore tranche di 6 milioni che sarà assegnata entro la fine dell’anno facendo salire a 9 milioni gli incentivi a fondo perduto nel 2021 per rafforzare ulteriormente un settore che dal 2013 non vedeva contributi specifici per migliorare gli standard ricettivi, che servono a stare al passo con i nostri competitor stranieri”.

Per accedere al contributo gli operatori dovranno seguire le indicazioni contenute all’interno della pagina web di Finpiemonte nella sezione bandi a partire dalle ore 12 di lunedì 8 novembre 2021.

Oltre alle spese dell’anno in corso, sono finanziabili anche quelle sostenute dal 1° febbraio 2020 molte delle quali rispondevano all’esigenza di acquistare attrezzature sanitarie per il contenimento della pandemia.

Investimenti ammessi al sostegno
Rientrano tra quelli finanziabili, il miglioramento, la qualificazione e l’ampliamento del patrimonio ricettivo; l’acquisto di attrezzature per lo svolgimento, anche all'aperto, dell'attività turistica (ad esempio acquisto e installazione di dehor); la realizzazione di servizi di pertinenza complementari all’attività turistica e della ricettività turistica all’aperto (ad esempio: centri benessere, impianti sportivi, piscine, parcheggi): l’attivazione o adeguamento di impianti termoidraulici, elettrici, tecnologici e antincendio; arredi, hardware e software strumentali all’attività dell’impresa; acquisizione di attrezzature e dispositivi anche per interventi di sanificazione necessari per far fronte a situazioni di emergenza sanitaria (es. barriere in plexiglass o dispenser per disinfettanti).

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

Tutela delle acque, dal Consiglio Regionale il via libera al Piano

La Regione Piemonte ha un “nuovo” Piano di tutela delle acque: l’approvazione in Consiglio regionale dopo un lungo percorso.

“L'approvazione del piano tutela delle acque – commentano il presidente della Regione Alberto Cirio e l’assessore all’Ambiente Matteo Marnati - dimostra l'attenzione di questa amministrazione regionale per i temi ambientali, nello specifico per la risorsa più preziosa che esista. Con questo piano diminuirà l’inquinamento diffuso nei fiumi, si contrasteranno gli effetti dei cambiamenti climatici come la siccità e gli eventi alluvionali, si tutelerà l'acqua per il consumo umano”.

“Un piano in linea con tutto quanto si sta discutendo nel mondo sull’ambiente, che va a rinnovarne uno datato al 2007 e dunque non aggiornato rispetto alla situazione attuale alla luce dei cambiamenti climatici – aggiunge l’assessore Marnati -. Un piano che si propone di costituire un punto fondamentale di miglioramento non solo della qualità di tutte le acque piemontesi, quelle che vediamo e quelle che non vediamo, ma sulla qualità delle condizioni di vita per ogni cittadino nella nostra regione, sia pure in tempi difficilissimi e di cambiamenti epocali”.

“Un’importante e fondamentale risposta dunque – conclude l’assessore - all'esigenza contingente per migliorare la qualità delle nostre acque, consapevoli che lo dobbiamo alle presenti, ma soprattutto, alle future generazioni”.

Tra le azioni individuate nel Piano quella, ad esempio, per ridurre l’inquinamento diffuso da nitrati e prodotti fitosanitari, o ancora estendere la tutela delle falde e delle aree di elevata protezione, promuovere la realizzazione di nuove infrastrutture verdi e fare interventi integrati di riqualificazione fluviale e di mitigazione del rischio. Senza dimenticare di differenziare le fonti di approvvigionamento idropotabile, attuare progressivamente il riequilibrio del bilancio idrico e individuare le strategie per una miglior gestione della risorsa. Non da ultimo perseguire gli obiettivi per incoraggiare comportamenti virtuosi e le buone pratiche.

Interamente approntato dagli uffici tecnici regionali, è stato sottoposto alla procedura di Valutazione Ambientale Strategica, e dunque le sue linee strategiche di azione per la tutela delle acque sono state condivise con i portatori di interesse pubblici e privati.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

 ATTI DELLO STATO    

Decreto del Presidente della Repubblica 13 ottobre 2021

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 260 del 30.10.2021 il Decreto del Presidente della Repubblica 13 ottobre 2021:

Scioglimento del consiglio comunale di Sommariva del Bosco e nomina del commissario straordinario. 

Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze 12 ottobre 2021

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 262 del 3.11.2021 il Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze 12 ottobre 2021:

Modalità semplificate di elaborazione della situazione patrimoniale da allegare al rendiconto degli enti locali con popolazione inferiore a 5.000 abitanti che non tengono la contabilità economico patrimoniale.

Decreto del Ministero dell’Interno 9 ottobre 2021

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 259 del 29.10.2021 il Decreto del Ministero dell’Interno 9 ottobre 2021:

Definizione delle modalità di presentazione delle richieste di ammissione ai finanziamenti da parte dei comuni, nonché dei criteri di ripartizione delle relative risorse stanziate per l'anno 2021.

Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze 30 settembre 2021

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 259 del 29.10.2021 il Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze 30 settembre 2021:

Modalità di attuazione del rimborso della prima rata dell'imposta municipale propria (IMU) relativa all'anno 2021 per i proprietari locatori che abbiano ottenuto in proprio favore l'emissione di una convalida di sfratto per morosità.

Decreto del Ministero dell’Interno 3 settembre 2021

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 259 del 29.10.2021 il Decreto del Ministero dell’Interno 3 settembre 2021:

Criteri generali di progettazione, realizzazione ed esercizio della sicurezza antincendio per luoghi di lavoro, ai sensi dell'articolo 46, comma 3, lettera a), punti 1 e 2, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. 

Decreto del Ministero della Salute 11 agosto 2021

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 261 del 2.11.2021 il Decreto del Ministero della Salute 11 agosto 2021:

Ripartizione delle quote premiali relative all'anno 2021 da assegnare alle regioni ed alle province autonome in applicazione di quanto previsto dall'articolo 9, comma 2, del decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 149, in materia di meccanismi sanzionatori e premiali relativi a regioni, province e comuni. 

Ordinanza del Ministero della Salute 28 ottobre 2021

E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 260 del 30.10.2021 l’Ordinanza del Ministero della Salute 28 ottobre 2021:

Ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19.

Comunicato del Ministero dell’Interno

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 261 del 2.11.2021 il Comunicato del Ministero dell’Interno:

Riparto parziale in favore dei comuni, per un totale di 82,5 milioni di euro, del fondo di cui all'articolo 9-ter, comma 6, del decreto-legge 28 ottobre 2020, n. 137, relativo al periodo 1° aprile 2021-30 giugno 2021. 

Comunicato del Ministero della Salute

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 262 del 3.11.2021 il Comunicato del Ministero della Salute:

Comunicato relativo all'ordinanza del Ministro della salute 22 ottobre 2021, recante “Ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19”. 

PROVVEDIMENTI DELL'AMMINISTRAZIONE REGIONALE 

I testi dei provvedimenti qui pubblicati costituiscono un puro strumento di consultazione documentale privo di qualsiasi valore giuridico. Salvo diversa indicazione tutti i file sono pubblicati in formato Pdf oppure compressi in formato Zip.

Approvazione nuovi indirizzi e criteri per la concessione di contributi a Enti pubblici e Enti privati senza scopo di lucro. Revoca DGR 42-1862 del 7/8/2020. Integrazione finanziamento contributi a favore di Enti pubblici per l'anno 2021

La Giunta Regionale, con  D.G.R. n. 1-3984 del 29 ottobre 2021, ha integrato le risorse stanziate per l’anno 2021 con D.G.R. n. 1-3614 del 30 luglio 2021 per la concessione di contributi a Enti pubblici e Associazioni senza scopo di lucro, che promuovono iniziative istituzionali, manifestazioni, eventi di rilievo regionale, nazionale e internazionale ai sensi della L.R. n. 6/77, per ulteriori Euro 68.500,00 da destinarsi a favore degli Enti pubblici per l’anno 2021.

E’ demandata alla competente Direzione Coordinamento Politiche e Fondi Europei – Turismo e Sport - Settore Comunicazione, ufficio Stampa, Relazioni Esterne e URP l’adozione degli atti necessari per l’attuazione della presente deliberazione in conformità alle disposizioni di cui alla D.G.R. n. 1-3614 del 30 luglio 2021.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare la Presidenza della Giunta Regionale della Regione Piemonte.

Commercio su area pubblica. Verifiche di regolarità contributiva e fiscale delle imprese (VARA). Disposizioni, in adeguamento ai termini previsti dall'articolo 56 bis D.L. 73/2021, convertito in Legge 106/2021, per l'emergenza COVID

La Giunta Regionale, con D.G.R. n. 24-4007 del 29 Ottobre 2021, pubblicata sul Supplemento Ordinario n. 5 del 2 novembre 2021 al Bollettino Ufficiale n. 43 del 28 ottobre 2021, ha:
-  stabilito che i termini per gli adempimenti VARA previsti a carico dei Comuni e degli operatori per gli anni 2016, 2017, 2018, 2019, 2020 con riferimento alle annualità 2014, 2015, 2016, 2017, 2018, già fissati, con D.G.R. 28-3109 del 16/04/2021 al 30 giugno e al 31 ottobre 2021, sono resi coerenti con la data prevista dall’articolo 56 bis del Decreto Legge n. 73/2021, convertito dalla Legge 106/2021, la quale, per il combinato disposto dell’articolo 26 bis del D.L. 41/2021 e dell’articolo 1 del D.L. 105/2021, è fissata al 31 marzo 2022;
-  disposto che tale nuovo termine operi in relazione sia ai casi in cui la verifica di regolarità contributiva si svolge nell’ambito dei procedimenti di rinnovo delle concessioni di posteggio in scadenza al 31 dicembre 2020, sia ai casi di esercizio del commercio su area pubblica senza posto fisso, quali il commercio itinerante, o le presenze occasionali sui posteggi vacanti “cd spunte”;
-  disposto che non trova applicazione la disposizione di cui al Capo II, p. 2 della D.G.R. 26 luglio 2010, n. 20-380 per la quale: “Il Comune competente al rilascio dell’autorizzazione, nel caso in cui riscontri un’inadempienza, dispone la sospensione dell'autorizzazione fino alla avvenuta regolarizzazione della posizione dell’operatore”; 
-  disposto la proroga alla medesima scadenza del termine del 28 febbraio 2022, previsto dalla D.G.R. 12 febbraio 2021 n. 9-2864 per gli adempimenti VARA a carico degli operatori per il corrente anno 2021 con riferimento all’annualità 2019; 
- disposto la proroga al 31 maggio 2022 del termine del 30 aprile 2022, previsto dalla D.G.R. 12 febbraio 2021 n. 9-2864, per gli adempimenti VARA a carico dei Comuni per il corrente anno 2021 con riferimento all’annualità 2019; 
- disposto che, trattandosi di misure temporanee in quanto legate all’attuale emergenza sanitaria, decorso il nuovo termine, opererà la piena reviviscenza delle disposizioni ordinarie vigenti in materia, nel rispetto della normativa statale connessa all’emergenza medesima.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Cultura, Turismo, Commercio della Regione Piemonte.

Criteri per l'assegnazione dei finanziamenti per il sostegno di progetti di rilevanza locale promossi da organizzazioni di volontariato ed associazioni di promozione sociale, a favore dei soggetti senza dimora stazionanti in Piemonte

La Giunta Regionale, con D.G.R. n. 5-3988 del 29 Ottobre 2021, ha:
1.    approvato la realizzazione di un’azione regionale rivolta al sostegno e potenziamento delle attività rivolte ai senza dimora, con particolare riguardo ai  servizi di strada ed agli interventi di accompagnamento verso i servizi, in stretto raccordo con gli Enti pubblici;
2.    destinato i finanziamenti, attraverso un avviso pubblico, alle Organizzazioni di Volontariato ed Associazioni di Promozione sociale iscritte ai rispettivi registri della regione Piemonte che, attraverso i propri aderenti, svolgono la propria attività nel territorio piemontese, secondo i criteri specificati nell’Allegato A al provvedimento; 
3.    approvato l'Allegato A, che forma parte integrante e sostanziale della presente deliberazione, relativo ai tempi, alle modalità ed ai criteri per l’assegnazione dei contributi per il sostegno di progetti di rilevanza locale promossi da organizzazioni di volontariato ed associazioni di promozione sociale, a favore dei soggetti senza dimora stazionanti in Piemonte;
4.    dato atto che all’attuazione del presente provvedimento è destinata la somma complessiva di €  200.000,00 che trova copertura nel seguente stanziamento cap. 180684, del bilancio 2021-2023 annualità 2021- MS 12 PR 1210;
5.    indicato nella cifra del 10% del costo totale del progetto la compartecipazione economica minima richiesta allo svolgimento del progetto stesso da parte del capofila e/o dei collaboratori progettuali;
6.    dato mandato al Dirigente del Settore competente della Direzione Regionale Sanità e Welfare di attivare tutte le procedure necessarie per l’attuazione della presente deliberazione.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Politiche della Famiglia, dei Bambini e della Casa, Sociale, Pari Opportunità della Regione Piemonte.

Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati. Criteri per il riparto risorse statali ai Comuni nonché per la rendicontazione di contributi liquidati dai Comuni ai richiedenti

La Giunta Regionale, con  D.G.R. n. 4-3987 del 29 ottobre 2021, ha:
1. stabilito che, ai sensi degli artt. 9 e 10 della legge 9 gennaio 1989, n. 13 “Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati”, le risorse statali disponibili per un importo complessivo pari a euro 2.721.996,05, date dalla quota residua relativa all’annualità 2019 del D.L. 67/2019 e le quote non spese dai Comuni e restituite alla Regione Piemonte, siano destinate a soddisfare il fabbisogno trasmesso dai Comuni, riguardante gli invalidi totali e parziali di cui in premessa,  relativo agli anni 2018, 2019 e 2020;

2.     confermato i criteri e gli indirizzi  contenuti nella D.G.R. n. 13-694 del 17 dicembre 2019 per il riparto delle risorse suddette;

3.    confermato la quota massima di contributo concedibile ai richiedenti, definita dalla D.G.R. n. 25-10730 del 9 febbraio 2009 così come richiamata dalla D.G.R. n. 25-6161 del 15 dicembre 2017, pari a euro 8.147,00;

4. demandato al Settore Politiche di Welfare Abitativo della direzione regionale Sanità e Welfare l’adozione dei provvedimenti attuativi della presente deliberazione.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Politiche della Famiglia, dei Bambini e della Casa, Sociale, Pari Opportunità della Regione Piemonte. 

Legge 145/2018, articolo 1, commi da 134 a 138, come modificata dalla Legge 178/2020. Disposizioni, per l'anno 2022, per l'individuazione degli interventi oggetto di contributo in favore dei Comuni e delle Province

La Giunta Regionale, con  D.G.R. n. 41-4023 del 29 ottobre 2021, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 44 del 4 novembre 2021, ha stabilito che, in attuazione ai commi 134-138 dell’articolo 1 della Legge 145/2018, per l’anno 2022, gli interventi oggetto del contributo, il cui importo complessivo ammonta ad Euro 35.800.500,00 sono così individuati:
a) a favore dei Comuni collocati nelle graduatorie di cui alla D.D. 525/A1802B del 02 marzo 2021(ai sensi della D.G.R. n. 3-1385 del 18 maggio 2020) del suddetto Settore “Infrastrutture e pronto intervento”, tramite lo scorrimento come di seguito indicato:

  • la somma di Euro 4.500.000,00 per i Comuni appartenenti alla sezione A) con popolazione inferiore o pari a 1000 abitanti, con contributo regionale fino a Euro 80.000,00;
  • la somma di Euro 4.500.000,00 per i Comuni appartenenti alla sezione B) con popolazione superiore a 1000 abitanti, con contributo regionale fino a Euro 160.000,00;

b) a favore delle Province e dei Comuni, nel rispetto dei quadri dei fabbisogni collegati all’evento alluvionale ottobre-novembre 2019 e 2 – 3 ottobre 2020, come riportato nell’Allegato 1, quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, per un importo pari ad Euro 7.859.602,81;
c) la somma di Euro 18.940.897,19 a favore dei progetti, selezionati dal documento “Next Generation Piemonte” di cui alla D.G.R. n. 1-3174 del 7 maggio 2021, come integrata dalla D.G.R. 1-3059 del 3 aprile 2021, come riportato nell’Allegato 2, quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.

La Giunta ha stabilito eventuali variazioni tra le ripartizioni di cui alle Sezioni A e B della suddetta lettera a), al fine di garantire l’ottimale utilizzo delle relative risorse finanziarie, a fronte di eventuali risorse resesi disponibili, anche a fronte di rinunce.

E’ destinata in via cautelativa una quota aggiuntiva fino ad Euro 1.500.000,00 a favore dei Comuni e delle Province per interventi conseguenti a calamità naturali ex Legge regionale 38/1978 e nel rispetto delle disposizioni di cui alla D.G.R. n. 78-22992 del 03.11.1997, al fine di coprire eventuali economie derivanti dall'attuazione degli interventi di cui al presente provvedimento.

E’ demandata al competente Settore Infrastrutture e Pronto Intervento A1802B della Direzione Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, Protezione Civile, Trasporti e Logistica, l’adozione degli atti e dei provvedimenti necessari per l’attuazione della presente deliberazione, ivi compresi quelli finalizzati all'accertamento delle suddette somme ed al contestuale impegno del contributo in favore dei comuni e delle Province individuati quali beneficiari dello stesso dal presente provvedimento.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Trasporti, Infrastrutture, Opere pubbliche, Difesa del suolo, Protezione civile, Personale e organizzazione della Regione Piemonte.

SCADENZE UTILI 

Si specifica che questo memorandum non ha valore legale e può non essere esaustivo di tutti i provvedimenti adottati per i quali è previsto il rispetto di un termine perentorio.

Scadenze del mese di NOVEMBRE (n. 2 provvedimenti segnalati)

1) Atto di indirizzo per la realizzazione di cantieri di lavoro per persone disoccupate over 58. Approvazione del Bando pubblico ''Cantieri di lavoro OVER 58''. Anni 2021-2022.

La Direzione Istruzione, Formazione e Lavoro, con D.D. n. 568 del 5 ottobre 2021, ha:

approvato il secondo Bando denominato “Cantieri di lavoro Over 58 – Anni 2021-2022”, in attuazione dell’atto di indirizzo di cui alla DGR 45-8826 del 18/04/2019, di cui all’Allegato A; approvato la modulistica per la presentazione delle domande di partecipazione all’intervento di cui trattasi, ossia il modello di domanda (Allegato B), la scheda di progetto (Allegato C) e modello di dichiarazione di impegno a costituirsi in partenariato (Allegato D); approvato il “manuale di valutazione delle proposte progettuali” di cui all’Allegato E.

 

La rendicontazione delle spese è allegato facoltativo alla domanda di contributo; qualora il richiedente non alleghi i modelli sopra citati, debitamente compilati, alla domanda di contributo tramite "FINanziamenti DOMande", gli stessi potranno essere inviati via pec al settore Sport e Tempo Libero entro e non oltre il 31.01.2022.

E’ demandata a successivo provvedimento dirigenziale l'individuazione dei soggetti ammessi a contributo e la quantificazione dei singoli importi da assegnare a ciascun soggetto giuridico, nel rispetto dei criteri e delle modalità definite dalla normativa.

Consulta la sezione Bandi: https://bandi.regione.piemonte.it/contributi-finanziamenti/cantieri-lavoro-over-58-20212022

 

2) Norme in materia di sicurezza nella pratica degli sport montani invernali ed estivi e disciplina dell'attività di volo in zone di montagna. Disposizioni per il bando di categoria AC per il sostegno alle spese della stagione sciistica 2019/2020.

La Direzione Coordinamento politiche e fondi europei – Turismo e Sport, con D.D. n. 227 del 18 ottobre 2021, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 42 del 21 ottobre 2021, ha aperto dei termini per la presentazione delle richieste di contributo a favore delle Microstazioni e dalle Grandi Stazioni per la stagione sciistica 2019/2020, ai sensi della DGR n. 7 – 44 del 05.07.2019 per le spese di categoria A di cui all'art. 42 e di categoria C di cui all'art. 44 della L.R. n. 2/09 s.m.i..

In attuazione della DGR n. 7 - 44 del 5.07.2019 e della DGR n. 25 - 1681 del 17.07.2020, le domande di contributo per le spese di categoria A di cui all'art. 42 e di categoria C di cui all'art. 44 della L.R. n. 2/09 s.m.i. relative alla stagione sciistica 2019/2020, devono essere presentate esclusivamente per via telematica tramite l'applicativo informatico "FINanziamenti DOMande”, così come specificato nell'Allegato A, parte integrante e sostanziale della presente determinazione dirigenziale.

Ai sensi della DGR n. 25 - 1681 del 17.07.2020, le domande di contributo devono essere trasmesse entro 30 giorni dalla pubblicazione sul Bollettino ufficiale del presente provvedimento e che il procedimento di concessione dei contributi si conclude entro i 90 giorni successivi;

Sono approvati: l’allegato B “Dichiarazione classificazione piste” e l’Allegato C “Modelli di rendicontazione 1, 2, 3, 4” relativo alle Imprese ed ai Comuni, predisposto dalla Regione Piemonte, Direzione Regionale Coordinamento Politiche e Fondi Europei – Turismo e Sport, Settore Sport e Tempo Libero.

Scadenze del mese di DICEMBRE (n. 1 provvedimento segnalato)

1) Concessione di contributi alle persone fisiche per l'acquisto e/o il recupero della prima casa in un comune montano. Approvazione del Bando e dei relativi allegati.

La Direzione Ambiente, Energia e Territorio, con D.D. n. 562 del 1 settembre 2021, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 36 del 9 settembre 2021, ha approvato il Bando relativo alla Misura di finanziamento per la concessione di contributi per lo sviluppo della residenzialità in montagna ed i relativi allegati: Allegato A - Elenco dei comuni italiani di provenienza, Allegato B – Elenco dei comuni montani ammissibili con popolazione residente inferiore a 5.000 abitanti e loro suddivisione per fasce di punteggio (ai sensi della d.g.r. n. 6-3619/2021).

E’ rinviata a successivo atto l’approvazione della modulistica per la presentazione delle domande di contributo; le istanze di contributo di cui al presente bando dovranno essere presentate entro il termine del 15 dicembre 2021 e secondo le modalità ed i contenuti disciplinati dall’Allegato 1 al provvedimento. 

Scadenze dell'anno 2022 (n. 2 provvedimenti segnalati)

1) Commercio su area pubblica. Verifiche di regolarità contributiva e fiscale delle imprese (VARA). Differimento dei termini, di cui alla D.G.R. 26 luglio 2010, n. 20-380, per gli adempimenti dell'anno 2021 in riferimento all'annualità 2019.

La Giunta regionale, con D.G.R. n. 9-2864 del 12 febbraio 2021, pubblicata sul Supplemento ordinario n. 4 al Bollettino Ufficiale n. 07 del 18 febbraio 2021, ha disposto il differimento dei termini per gli adempimenti VARA previsti, ai sensi della D.G.R. 26 luglio 2010, n. 20-380, a carico degli operatori e dei Comuni per il corrente anno 2021 con riferimento all’annualità 2019, entro i termini, rispettivamente, del 28 febbraio e del 30 aprile 2021, alle date del 28 febbraio e del 30 aprile 2022.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Cultura, Turismo, Commercio della Regione Piemonte.

 

2) Disposizioni per favorire la costituzione delle associazioni fondiarie e la valorizzazione dei terreni agricoli e forestali. Bando 2019: proroga dei termini di consegna dei Piani di gestione dei terreni e della rendicontazione finale del contributo.

La Direzione Ambiente, Energia e Territorio, con D.D. n. 91 del 25 febbraio 2021, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 9 del 4 marzo 2021, ha prorogato il termine di presentazione dei Piani di gestione dei terreni al 12.03.2022 e di prorogare al 13.03.2023 la rendicontazione finale del contributo concesso con D.D..

Contatti

Riferimento
Redazione: Chiara Bellucco e Marco Puxeddu
Telefono
011/4326058 - 011/4325000
Email
notiziario@regione.piemonte.it