Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Notiziario per le Amministrazioni locali n. 39 del 10 novembre 2022

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti
Cinaglio (AT). Panorama

Questa settimana in copertina*: Cinaglio (AT). Panorama.

Il Notiziario per le Amministrazioni locali pubblica settimanalmente notizie dell'attività amministrativa e istituzionale della Giunta regionale che hanno una particolare ricaduta sul sistema delle Autonomie locali.  La pubblicazione offre una panoramica su atti normativi e amministrativi statali e regionali e iniziative di interesse per gli Enti locali del Piemonte proponendo una selezione di comunicati stampa, scadenze utili e  approfondimenti su temi specifici.

* Le immagini pubblicate sono fornite dai Comuni del Piemonte.

AVVISO ALLE UNIONI DI COMUNI

Bando per l'assegnazione di contributi, per l'anno 2022, a sostegno della gestione associata delle funzioni comunali

E' stato approvato, con la D.D. n. 545 del 2.11.2022, il Bando per la presentazione delle domande finalizzate ad ottenere i contributi in conto anno 2022, a sostegno della gestione associata di funzioni fondamentali comunali delle Unioni di Comuni inserite nelle Carta delle Forme associative del Piemonte.

Il termine di scadenza per la presentazione delle domande è il 21 Novembre 2022.

IN PRIMO PIANO 

A scuola più sicuri: la Regione Piemonte promuove i primi corsi di guida sicura per scuolabus e Protezione civile e lancia un voucher per i neopatentati

Nel Centro di Guida Sicura MotorOasi Piemonte di Susa la Regione Piemonte ha presentato il primo corso di guida sicura rivolto ai volontari della Protezione Civile e agli operatori comunali addetti al servizio Scuolabus.

“È nostro dovere fare tutto ciò che è nelle nostre possibilità per tutelare chi, ogni giorno, garantisce il trasporto scolastico dei nostri figli - spiegano il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e l'assessore alle Infrastrutture e ai Trasporti Marco Gabusi -, ma anche chi lavora in condizioni di rischio, come la nostra Protezione Civile, ha bisogno di una formazione continua per rispondere a tutti gli imprevisti che possono subentrare durante un intervento, perché le variabili sono tantissime”.

I bambini che in Piemonte frequentano la scuola sono circa 162 mila nella primaria e 109 mila nella scuola secondaria di primo grado: in tutto 271 mila studenti. Di questi il 21%, cioè oltre 50 mila bambini (9% alla primaria, 12% alla secondaria di primo grado) utilizzano il servizio di scuolabus.

“La prevenzione - sottolineano il Presidente e l'Assessore - è fondamentale per tutti e ancor più per chi porta a scuola i nostri bambini. Ma dal momento che la sicurezza inizia quando i nostri figli escono dalla propria casa fino a quando non vi fanno ritorno, abbiamo scelto di investire da una parte sull’acquisto di nuovi scuolabus, ben 72 negli ultimi tre anni, finanziando tutti i Comuni che ne hanno fatto richiesta, e dall’altra per formare coloro che li guidano. Sono circa 250 gli autisti di autobus scolastici dislocati nei diversi Comuni piemontesi. Nei prossimi giorni pubblicheremo un bando per gli Enti locali interessati all’iniziativa”.

L’investimento è di 300 mila euro nell’ambito del Piano Regionale della Sicurezza Stradale.

“Un’attenzione - concludono il presidente Cirio e l’assessore Gabusi - che vogliamo estendere a tutta la cittadinanza, in particolare ai nostri giovani neopatentati per i quali lanceremo presto un voucher che consentirà a chi si mette alla guida per la prima volta di seguire gratuitamente un corso di guida sicura”.
 

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

Dal Pnrr i primi 91 milioni per la digitalizzazione della P.A. Altri bandi in scadenza, disponibili ancora 170 milioni

Grazie ai fondi del Pnrr 699 Comuni piemontesi hanno la certezza di ricevere complessivamente oltre 91 milioni di euro per la digitalizzazione. Hanno infatti già ottenuto il decreto di finanziamento e, a seconda delle scadenze, al massimo entro settembre 2024 dovranno aver concluso l’affidamento diretto dei lavori e aver rendicontato l’implementazione dei servizi.

“Questo è un momento importante perché facciamo il punto sul grande lavoro che è stato fatto nel campo della digitalizzazione che, insieme alla transizione ecologica, è uno dei pilastri sui quali si fonda il nostro futuro – ha esordito l’assessore regionale all’Innovazione, Ricerca e Digitalizzazione, Matteo Marnati -. Sono particolarmente orgoglioso dei risultati importanti raggiunti dalla Task force composta da CSI e Fondazione Piemonte Innova che ha permesso di sostenere i Comuni, soprattutto i più piccoli nel complesso meccanismo di accesso ai bandi e di attrazione dei fondi europei. E sul Piano nazionale della Banda Ultra Larga i numeri, a tutt’oggi, ci rendono un quadro decisamente buono con il raggiungimento di circa il 50% dei comuni piemontesi finalmente ad alta connettività”.

Complessivamente i bandi nazionali per la digitalizzazione abilitano circa 306 milioni di euro per i 1.181 Comuni piemontesi. Proprio per fare in modo che la minor parte possibile di queste risorse risulti inutilizzata, l’amministrazione regionale ha avviato a fine giugno la task force #PiemonteDigitale2030 insieme a CSI Piemonte e Fondazione Piemonte Innova (già Torino Wireless) e in stretta collaborazione con le tre Associazioni dei comuni piemontesi: Anci, Anpci e Uncem. L’obiettivo è quello di rendere disponibile un servizio di informazione e competenze per aderire ai bandi. Sino ad oggi, sono 230 le amministrazioni comunali che ne hanno già usufruito, sia dopo aver partecipato direttamente agli incontri organizzati sul territorio nei mesi scorsi, sia utilizzando il servizio telefonico. Di questi Comuni circa l’80% ha poi deciso di partecipare a uno o a più bandi previsti dalla Misura 1 del Pnrr per la digitalizzazione della pubblica amministrazione.

“I risultati presentati oggi sono significativi – ha affermato Pietro Pacini, direttore generale di CSI Piemonte -. In questi mesi abbiamo lavorato a fianco dei Comuni, soprattutto a quelli più piccoli, per supportarli e accompagnarli nell’accesso ai fondi del PNRR per la trasformazione digitale. Il Programma regionale Piemonte Digitale 2030 e la task force, di cui il CSI fa parte, hanno permesso a numerose Amministrazioni pubbliche piemontesi di accedere alle ingenti risorse dedicate all’innovazione. Ora è il momento di focalizzare gli obiettivi e pianificare correttamente gli interventi e su questo il CSI potrà fornire il suo supporto per aiutare i Comuni a sfruttare al meglio questa grande opportunità di sviluppo”.

“Per Piemonte Innova è un orgoglio confermare, attraverso questo progetto, il suo ruolo di Ente a supporto della strategia regionale per la digitalizzazione dei comuni, soprattutto i più piccoli – ha affermato Massimiliano Cipolletta, presidente di Piemonte Innova -. Inoltre, questa iniziativa di sistema ci ha permesso di rafforzare la partnership strategica con CSI Piemonte che, infatti, da quest’anno è anche uno dei nostri nuovi soci contributori. Il digitale è la leva dello sviluppo economico e le competenze sono l’energia che lo alimenta. Questo progetto è dunque fondamentale per il nostro territorio perché abilita il futuro di imprese e cittadini grazie a servizi pubblici sempre più efficienti e sicuri”.

“Il Covid ha fatto sì che le nostre amministrazioni obbligatoriamente si innovassero nel giro di poco tempo – ha aggiunto Diego Mele, componente della Giunta di UNCEM Piemonte – attivando lo smart working per i dipendenti e i servizi digitali per i cittadini, come ad esempio lo Spid. L’iniziativa della Task force regionale di CSI e Piemonte Innova va nella direzione giusta fornendo finalmente il giusto supporto ai Comuni”.

Per Michele Pianetta, vicepresidente all'Innovazione di Anci Piemonte “Accogliamo con favore la notizia riguardante la velocizzazione del piano per la Banda Ultra Larga nella nostra regione. Al tempo stesso auspichiamo però che il confronto con i Comuni prosegua e diventi più costante. Tra i nodi irrisolti c’è quello dei ripristini stradali successivi alla posa della fibra. E c’è poi il problema relativo alla lentezza degli iter autorizzativi che coinvolgono enti superiori quali, ad esempio, sovrintendenze e ANAS. Si tratta di questioni che i Comuni segnalano quotidianamente all’ANCI e che possiamo risolvere solo facendo squadra”.

Il lavoro della task force prosegue ora su due fronti, entrambi determinanti per il successo. Il primo è il contatto con i quasi 500 comuni che ancora risultano inattivi, anche perché ci sono scadenze imminenti: il 4 novembre scade il bando “Esperienza del Cittadino nei servizi pubblici”, l’11 novembre quello dedicato alle “Piattaforme Notifiche Digitali” e il 25 novembre quelli per “Adozione piattaforma PagoPA" e “Adozione AppIO”, insieme all’estensione dell'utilizzo delle piattaforme nazionali di identità digitale – Spid Cie. Il 17 febbraio 2023 andrà poi a scadenza la misura relativa alla “Piattaforma Digitale Nazionale Dati”.

L’altro fronte su cui è impegnata la task force è l’affiancamento ai Comuni nelle fasi successive all’ottenimento del decreto ovvero: nella fase delicata di ingaggio dei fornitori e poi nella mesa in campo delle procedure di controllo e rendicontazione. C’è infatti una finestra di tempo limitata per il conferimento dell’incarico al fornitore e la task force sta contattando i Comuni anche per proporre la sua assistenza per integrare le piattaforme della Regione e arrivare a una standardizzazione sul territorio con maggiori garanzie di sicurezza.

Tra i fattori abilitanti per l’utilizzo ottimale dei servizi derivanti dalla digitalizzazione della pubblica amministrazione, c’è chiaramente il collegamento alla banda ultra-larga. Ad oggi, stando ai dati recentemente forniti da Infratel alla Regione (aggiornamento al 2/11/2022), sono stati completati con collaudo certificato 346 Comuni per la rete in fibra ottica (FTTH – Fiber to The Home) e 99 siti per la rete wireless (FWA – Fixed Wireless Access). Inoltre, ci sono altri 225 Comuni FTTH chiusi in attesa di collaudo, che verrà fatto nei prossimi mesi, e 198 siti chiusi in attesa di collaudo per la rete wireless.

Complessivamente, a fine anno, secondo le previsioni di Infratel, saranno 405 i Comuni FTTH che saranno chiusi con certificato di collaudo.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

Fondo sociale per i morosi incolpevoli: incremento fino a 12 milioni di euro 

“La ferma intenzione della sottoscritta e di tutta la giunta regionale è di fare ogni cosa è nelle nostre possibilità perché il diritto al riscaldamento venga garantito a tutti gli inquilini Atc. Per questo la Regione, oltre a confermare lo stanziamento di 7 milioni di euro dello scorso anno, provenienti dal fondo sociale regionale, compirà un ulteriore sforzo aggiungendone altri 5”. A parlare è l'assessore alla Casa della Regione Piemonte Chiara Caucino. “Siamo consapevoli della gravità della situazione che stiamo vivendo tutti - prosegue Caucino - tanto che stiamo lavorando per individuare in tempi rapidi una soluzione per ampliare ulteriormente la base dei beneficiari”. L’assessore regionale alla Casa, Chiara Caucino, riconferma quindi con forza l’impegno prioritario della Regione per sostenere le famiglie più fragili nell’affrontare il caro bollette dovuto agli effetti della situazione geopolitica internazionale.

Un impegno condiviso anche dal presidente dell’Atc Piemonte Centrale, Emilio Bolla che puntualizza: “Le notizie apparse su alcuni mezzi di informazione in merito alla durata delle ore di riscaldamento nelle case Atc di Torino è totalmente fuorviante. Voglio infatti chiarire che l'accensione a 6 ore di questi giorni è una misura del tutto temporanea connessa al meteo eccezionalmente caldo delle ultime settimane, ma passerà immediatamente a 10 ore, come previsto dall'ordinanza del Sindaco di Torino, non appena si abbasseranno le temperature. Siamo consapevoli del periodo complesso che tutte le famiglie dovranno affrontare, ma il benessere di chi vive nelle nostre case popolari e dei più fragili è per noi una priorità, per questo insieme alla Regione stiamo potenziando le risorse per aiutare gli inquilini in difficoltà”.
 

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

Mobilità sostenibile e qualità dell’aria, nuovo bando per incentivare l’uso dei mezzi pubblici per dipendenti di enti e imprese

Incentivare l’uso dei mezzi pubblici per migliorare la qualità dell’aria e ridurre l’impatto dell’inquinamento atmosferico sulla salute: questi gli obiettivi principali del secondo bando, che sarà pubblicato a breve, che conterà su una dotazione finanziaria complessiva di 3 milioni e 224mila euro, per dipendenti di enti e imprese.

“Si tratta di iniziative che vanno nella direzione dell’incentivazione della mobilità sostenibile con un miglior impatto sulla qualità dell’ambiente e della riduzione delle emissioni in atmosfera – commenta l’assessore regionale all’Ambiente, Matteo Marnati -. Mi auguro che queste misure possano avere un ottimo riscontro da parte delle aziende e dei loro dipendenti in quanto considero l’incentivo particolarmente utile per spingere nella direzione dell’utilizzo dei mezzi pubblici che, considerando anche l’aumento dei costi del carburante, in un momento in cui l’inflazione è ormai arrivata a tassi a doppia cifra, rappresenta un’opportunità da sfruttare”.

“Siamo consci che la Regione ha un ruolo chiave nei processi verso macro-cambiamenti – aggiunge l’assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti, Marco Gabusi -. L’uso dei mezzi pubblici ha un impatto positivo su più livelli: ambiente, viabilità, sicurezza nel trasporto, oltre a incentivare uno stile di vita meno sedentario. È nostro obiettivo promuovere con continuità queste iniziative, con un dialogo continuo con aziende e pendolari”.

La misura, sulla falsa riga di quella avviata a maggio del 2022 e chiusa nel luglio successivo, è rivolta a enti e imprese che hanno sede sul territorio regionale, che siano dotate di mobility manager e di un piano spostamenti casa-lavoro.

Nella sostanza, per il dipendente di imprese o enti che rispondano ai requisiti citati e che aderiranno alla nuova misura che sarà messa in campo dalla Regione, la scelta di usufruire di un mezzo pubblico per recarsi al lavoro comporterà un risparmio di almeno il 50% sul costo dell’abbonamento annuale, derivato dal cofinanziamento regionale, nella misura del 30% e di almeno del 20% dell’impresa o dell’ente.

Si tratta di una misura che si inquadra nell’ambito delle azioni per il miglioramento della qualità dell’aria e delle politiche per la mobilità sostenibile e che si assomma a quelle già messe in atto, con la finalità di disincentivare l’utilizzo dell’auto privata specialmente nei mesi invernali quando le condizioni meteorologiche sono più favorevoli all’accumulo di inquinanti.
 

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

Piemonte sempre più’ a misura di bambino: finanziati altri 31 parchi gioco diffusi

Un Piemonte sempre più a misura di bambino. E’ a questo che, ormai da anni, sta lavorando l’assessore regionale alla Famiglia, Chiara Caucino, che annuncia nuovi finanziamenti per l’iniziativa “Giochiamo all’aria aperta 2022-2023”. Data la grande richiesta da parte dei Comuni di realizzare parchi gioco diffusi la regione ha elargito ulteriori 400mila euro (374.508 per la precisione) con i quali sarà possibile scalare le graduatorie e realizzare altri 31 parchi, che si aggiungono agli attuali 32 per un totale di 63 opere completate.

D’altronde l’iniziativa ha avuto un successo che è andato davvero al di là delle aspettative: entro la scadenza del 20 settembre sono pervenute 100 istanze, tutte risultate ammissibili da parte di Comuni piemontesi, finalizzate alla realizzazione dei parchi per un fabbisogno complessivo - venissero finanziati tutti - di 1 milione e 272mila euro. Con lo sforzo economico messo in campo dalla giunta, su proposta dell’assessore Caucino, si riuscirà a finanziarne quasi un terzo.

L’idea dell’assessore Caucino era nata per contrastare proattivamente gli inevitabili danni provocati dalle chiusure rese necessarie dall’emergenza Covid: realizzando occasioni di svago, crescita e rafforzamento, sviluppando conoscenze competenze e autostima e ritrovando fiducia promuovendo l’utilizzo dei luoghi pubblici e dei parchi. Ma anche creando reti formate da enti locali e scuole, con il coinvolgimento di associazioni giovanili, centri di aggregazione, organizzazioni di volontariato, cooperative sociali, associazioni sportive, anche attraverso lo strumento della co progettazione.

Da qui l’iniziativa di consentire l’attività ludica e motoria per i minori, anche attraverso installazioni, giochi integrabili con il contesto in modo “leggero”, con la pavimentazione stradale e gli edifici esistenti, ovviamente nel rispetto di tutte le leggi urbanistiche. Con la promozione di parchi gioco diffusi nelle vie, nei viali e nelle piazze e, perché no, anche nei cortili, purché aperti alla cittadinanza, dove riproporre i giochi tradizionali e identitari “di una volta”. Favorendo così il riappropriamento degli spazi pubblici, che vengono curati e tenuti in ordine anche con il contributo dei ragazzi e delle famiglie stesse, instillando nelle giovani generazioni - ma anche in quelle meno giovani - la cultura dei “beni comuni” per favorire la salvaguardia e la crescita della propria comunità.

Spiega Caucino: “Dopo i 32 dello scorso anno sono orgogliosa di poter annunciare la chiusura del bando che porterà alla realizzazione di ulteriori 31 parchi gioco diffusi, un’iniziativa che, come ho potuto toccare con mano durante i numerosi sopralluoghi, ha avuto un successo che è andato ben al di là delle più rosee aspettative, come dimostra la nutrita adesione di nuovi Comuni”. “Resto fermamente convinta – prosegue Caucino - che i bambini debbano ritrovare e riscoprire una socialità anche fisica, non solo telematica e il progetto va proprio in questa direzione. Proprio come lo spirito della Giornata regionale del gioco libero all’aperto, che abbiamo, su mia proposta, istituito lo scorso anno per legge e che, anche nel 2023, si svolgerà l’ultimo sabato di maggio”.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

Stanziati oltre 59,3 milioni di euro per gli interventi contro il dissesto idrogeologico in Piemonte

“Abbiamo lavorato e ci siamo confrontati fin dal primo giorno in cui il Governo ha iniziato a parlare di Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) - ripercorrono il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e l’assessore ai Trasporti e Infrastrutture della Regione Piemonte Marco Gabusi -. Era fondamentale che per la nostra Regione ci fosse una parte consistente legata agli interventi contro il dissesto idrogeologico. Il Piemonte negli ultimi tre anni, soprattutto in alcuni territori, è stato fortemente colpito da questo tipo di calamità, creando ingenti danni, sia da un punto di vista ambientale che per le colture e le imprese”.

L’elenco presentato dalla Regione Piemonte prevede 87 interventi per un ammontare complessivo di 59,3 milioni di euro. Di questi oltre 7,6 milioni per opere nel Vercellese e 7.155.000 nel Biellese, più di 5 milioni stanziati nella provincia di Torino, oltre 15,8 milioni i fondi che arriveranno nel Cuneese, 13,7 milioni andranno per progetti nell’Alessandrino e più di 5 milioni di euro nella provincia di Asti; infine quasi 4,8 milioni di euro nel Verbano-Cusio-Ossola.

Gli interventi sono realizzati nel rispetto delle disposizioni contenute nel Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 23 agosto 2022. Le eventuali rimodulazioni dell’elenco degli interventi sono sottoposte all’approvazione del Capo del Dipartimento della Protezione civile Fabrizio Curcio. Inoltre, si provvederà all’individuazione degli obblighi delle parti, con cui saranno regolamentate le modalità per l’attuazione, il monitoraggio, la rendicontazione e il controllo degli interventi.

Proseguono Cirio e Gabusi: “Questo dialogo costante con Roma ci ha portato a uno stanziamento rilevante che oggi diventa realtà e possiamo finalmente comunicare che ci sono stati assegnati 59,3 milioni di euro per 87 interventi sul territorio piemontese a favore di Comuni, Province, Agenzia interregionale per il fiume Po, che andranno a migliorare notevolmente le condizioni di sicurezza idraulica e anche la viabilità dei nostri territori”.

Gli interventi passano dai lavori di adeguamento del sistema arginale di fiumi e torrenti fino al rifacimento di ponti accesso tra aree di pertinenza e consolidamenti spondali: “Sicuramente tra le opere più importanti che sono rientrate nel PNRR c’è il ponte sul Tanaro di Garessio in provincia di Cuneo - illustrano il Presidente e l’Assessore - e le opere in Valle Strona a Omegna, nel Verbano-Cusio-Ossola. Nella provincia di Torino ci sono gli interventi di consolidamento del corpo stradale in Valle di Susa a Pragelato e Sestriere. Se ci spostiamo nell’Astigiano e Alessandrino c’è l’adeguamento sezioni di deflusso fossi colatori del torrente Grue a Bubbio, in Valle Bormida e nel comune di Sarezzano. Infine tra gli altri importanti investimenti ci sono la messa in sicurezza del fiume Sesia a Borgo Vercelli e il ripristino del corpo stradale, messa in sicurezza versanti ed attraversamenti stradali nel Biellese”.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

 ATTI DELLO STATO   

Comunicato del Ministero della Transizione ecologica

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 260 del 7.11.2022, il Comunicato del Ministero della Transizione ecologica:

Avviso C.S.E. 2022 - Comuni per la sostenibilità e l'efficienza energetica - concessione di contributi a fondo perduto per la realizzazione di interventi di efficienza energetica anche tramite interventi per la produzione di energia da fonti di energie rinnovabili di edifici delle amministrazioni comunali, attraverso l'acquisto e l'approvvigionamento dei relativi beni e servizi con le procedure telematiche del Mercato elettronico della pubblica amministrazione (MePA) - finanziato dall'Unione europea PON impresa e competitività 2014 - 2020 Asse VI - REACT EU.

Comunicato del Ministero dell’Economia e delle finanze

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 259 del 5.11.2022, il Comunicato del Ministero dell’Economia e delle finanze:

Comunicato relativo al decreto 18 ottobre 2022, concernente la certificazione per l'anno 2022 della perdita di gettito connessa all'emergenza epidemiologica da COVID-19, al netto delle minori spese e delle risorse assegnate a vario titolo dallo Stato a ristoro delle minori entrate e delle maggiori spese connesse alla predetta emergenza.

Comunicato del Ministero dell’Interno

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 259 del 5.11.2022, il Comunicato del Ministero dell’Interno:

Seconda assegnazione, per scorrimento graduatoria, del contributo agli enti locali a copertura della spesa di progettazione definitiva ed esecutiva, annualità 2022, relativa ad interventi di messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico, di messa in sicurezza ed efficientamento energetico delle scuole, degli edifici pubblici e del patrimonio degli enti locali, nonché per investimenti di messa in sicurezza di strade.

PROVVEDIMENTI DELL'AMMINISTRAZIONE REGIONALE 

I testi dei provvedimenti qui pubblicati costituiscono un mero strumento di consultazione documentale privo di qualsiasi valore giuridico. Salvo diversa indicazione tutti i file sono pubblicati in formato Pdf oppure compressi in formato Zip.

Iniziativa regionale ''Giochiamo all'aria aperta''. Assegnazione di un ulteriore finanziamento destinato ai progetti per la realizzazione di nuovi parchi gioco diffusi per i minori e le famiglie

La Direzione Sanità e Welfare, con D.D. 8 novembre 2022, n. 2094, ha preso atto che con D.G.R. n. 4-5903 del 04.11.2022 è stata disposta l’assegnazione di un ulteriore finanziamento interamente a valere sul bilancio regionale di € 374.508,50 destinato ai progetti per la realizzazione di nuovi parchi gioco diffusi per i minori e le famiglie da parte dei Comuni del territorio piemontese, a modifica e integrazione di quanto previsto dalla D.G.R. n. 5-5278 del 1.7.2022.

Sono stati  approvati rispettivamente:
- l' elenco dei Comuni (senza distinzione rispetto all'ambito provinciale di riferimento), già utilmente inseriti nella graduatoria approvata con D.D. n. 2010 del 27.10.2022 con relativo punteggio e dati di popolazione 0-17 anni, così come riportato nell’allegato 1);

- l’elenco delle istanze finanziate di cui all’allegato 2) quale parte integrante e sostanziale della presente determinazione, elaborata nel rispetto dei punteggi rispettivamente assegnati e, a parità di punteggio, sulla base del dato di popolazione minorile più elevata (fonte BDDE-Ufficio Statistica Regione Piemonte, elaborazione su dati ISTAT ultimo bilancio demografico 2020) così come previsto al punto c) destinatari dei finanziamenti del bando approvato con D.D. n. 1218 del 06.07.2022 e riportante altresì il dettaglio della quota da erogarsi in favore dei singoli Comuni beneficiari.

Primi indirizzi per l'individuazione degli interventi di sistemazione idraulico forestale e di tutela del territorio da eseguire in amministrazione diretta

La Giunta Regionale, con D.G.R. 4 novembre 2022, n. 5-5904, ha approvato, ai sensi dell’articolo 5 della legge regionale  54/1975 e dell’articolo 16 della legge regionale 4/2009, l’allegato A, quale primi indirizzi per il Settore "Lavori in amministrazione diretta di sistemazione idraulico forestale, di tutela del territorio e vivaistica forestale”, della Direzione regionale Opere pubbliche, Difesa del suolo, Protezione civile, Trasporti e logistica, per l’individuazione degli interventi di sistemazione idraulico forestale e di tutela del territorio da eseguire in amministrazione diretta.

E’ demandata al suddetto Settore l’adozione degli atti e dei provvedimenti necessari per l’attuazione della presente deliberazione, nel rispetto ai sopra richiamati indirizzi.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Trasporti, Infrastrutture, Opere pubbliche, Difesa del suolo, Protezione civile, Gestione emergenza profughi ucraini della Regione Piemonte. 

SCADENZE UTILI 

Si specifica che questo memorandum non ha valore legale e può non essere esaustivo di tutti i provvedimenti adottati per i quali è previsto il rispetto di un termine perentorio.

Scadenze del mese di NOVEMBRE (n. 7 provvedimenti segnalati)

1) Bando per la concessione di contributi per l'anno 2022 alle Unioni Montane per servizi di consulenza tecnica finalizzata alla pianificazione dell'attività delle commissioni locali valanghe.

La Direzione Opere pubbliche, Difesa del suolo, Protezione civile, Trasporti e logistica, con D.D. 4 Agosto 2022, n. 2419 pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 32 dell’11 luglio 2022,  ha approvato il “Bando per la concessione di contributi per l’anno 2022 alle Unioni Montane per servizi di consulenza tecnica finalizzata alla pianificazione dell’attività delle commissioni locali valanghe”, concedendo, per la presentazione della domanda e della relativa documentazione, 90 giorni decorrenti dalla data di pubblicazione della presente determinazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte.

 

2) Approvazione dell'avviso per la presentazione delle istanze di contributo a sostegno degli eventi sportivi organizzati dai Comuni piemontesi nell'ambito dell'evento ''Piemonte Regione Europea dello Sport 2022''. Prenotazione della somma di euro 350.000,00 sul capitolo 153690 del bilancio 2022.

La Direzione Coordinamento politiche e fondi europei – Turismo e Sport, con D.D. 3 ottobre 2022, n. 255, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 42 del 20 ottobre 2022, ha dato esecuzione alla D.G.R. n. 35-5722 del 30/09/2022 e ha approvato, quali parti integranti del presente provvedimento, i seguenti allegati:

  • (Allegato 1) - Avviso per la presentazione delle istanze di contributo a sostegno degli eventi e iniziative sportivi organizzati dai Comuni piemontesi nell’ambito dell’evento “Piemonte Regione Europea dello Sport 2022”;
  • (Allegato 2) – Modulo regionale di presentazione delle istanze.

Sono stati stabiliti i seguenti termini di presentazione delle domande:

  • apertura bando: 4 ottobre 2022;
  • scadenza bando: 3 novembre 2022.

E’ demandata a successivo provvedimento dirigenziale l’individuazione dei Comuni ammessi e la quantificazione dei contributi assegnati, nonché l’approvazione del modello per la rendicontazione.

 

3) Concessione contributi a favore di Province e Comuni per gli eventi alluvionali ottobre - novembre 2019 e 2 - 3 ottobre 2020 - Allegato 1 della D.D. 3310/2021. Proroga termini per l'affidamento dei lavori.

La Direzione Opere pubbliche, Difesa del suolo, Protezione civile, Trasporti e Logistica, con D.D. 7 ottobre 2022, n. 3063, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 42 del 20 ottobre 2022, ha prorogato la data per l’affidamento dei lavori del 15/07/2022, prevista nella D.D. n. 3310/2021, al 15 Novembre 2022.

 

4) Concessione contributi agli Enti locali a favore dei progetti, attinti dagli elenchi del documento ''Next Generation Piemonte'' - Allegato 2 della D.D. n. 3313/2021 - P.N.R.R. Proroga termini per l'affidamento dei lavori.

La Direzione Opere pubbliche, Difesa del suolo, Protezione civile, Trasporti e Logistica, con D.D. 7 ottobre 2022, n. 3061, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 42 del 20 ottobre 2022, ha prorogato la data per l’affidamento dei lavori del 15.07.2022, prevista nella D.D. n. 3313/2021, al 15 Novembre 2022.
 

5) Concessione contributi a favore di Comuni e Province per interventi conseguenti a calamità naturali ex Legge regionale 38/78 – overbooking. Proroga del termine per la trasmissione della determina di affidamento dei lavori.

La Direzione Opere pubbliche, Difesa del suolo, Protezione civile, Trasporti e Logistica, con D.D. 30 settembre 2022, n. 2988, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 41 del 13 ottobre 2022, ha prorogato la data per l’affidamento dei lavori del 16/07/2022, prevista nella D.D. n. 3359/2021, al 16 Novembre 2022.
 

6) Istituzione della misura per la concessione di contributi per lo sviluppo ed il mantenimento delle botteghe dei servizi - Approvazione Bando.

La Direzione Ambiente, Energia e Territorio, con D.D. 28 luglio 2022, n. 386, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 31 del 4 agosto 2022, ha approvato, quale allegato A alla presente Determinazione Dirigenziale per farne parte integrante e sostanziale, il Bando relativo alla “Misura per la concessione di contributi per lo sviluppo ed il mantenimento delle botteghe dei servizi”, stabilendo che le istanze di contributo potranno essere presentate a partire dalle ore 09.00 del 30 settembre 2022 e fino alle ore 12.00 del 15 novembre 2022.

 

7) Riapertura termini per presentazione istanze per bando di finanziamento rivolto a Comuni sede dei Centri per l'Impiego per l'accesso ai finanziamenti per l'iniziativa regionale ''Act Your Job. Cerchi Lavoro? Fatti trovare!''

La Direzione Sanità e Welfare, con D.D. 24 ottobre 2022, n. 1971, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 43 del 27 ottobre 2022, ha riaperto, dal giorno 25/10 alle ore 12.00 al giorno 3/11/2022 ore 12,00 i termini per la presentazione delle istanze, di cui al bando “Act Your Job. Cerchi Lavoro? Fatti trovare!” previsti dalla DD n. 1119 del 22/6/2022.

Scadenze del mese di DICEMBRE (n. 2 provvedimenti segnalati)

1) Fondo per l'inclusione delle persone con disabilità. Interventi in ambito sportivo finalizzati all'acquisto o noleggio di attrezzature, ausili e mezzi di trasporto per persone con disabilità. Approvazione dell'avviso e del modello per la presentazione delle domande da parte dei Comuni del Piemonte.

La Direzione Coordinamento politiche e fondi europei – Turismo e Sport, con D.D. 27 ottobre 2022, n. 293, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 44 del 3 novembre 2022, ha dato avvio alla procedura a bando per la presentazione delle istanze da parte dei Comuni piemontesi di accesso ai contributi previsti dal Fondo per l’inclusione delle persone con disabilità - Interventi in ambito sportivo finalizzati all’acquisto o noleggio di attrezzature, ausili e mezzi di trasporto per persone con disabilità, come stabilito dalla D.G.R. n. 10-4812 del 25 marzo 2022.

E’ stato approvato l’Allegato 1) contenente l’avviso di partecipazione e presentazione delle istanze da parte dei Comuni piemontesi interessati, con apertura del termine a partire dal 3 novembre 2022 e chiusura il 19 dicembre 2022.

E’ stato approvato l’Allegato 2) contenente il modello di domanda predisposto dal Settore Sport e Tempo Libero per la presentazione delle istanze di contributo, da parte dei Comuni piemontesi interessati, secondo le modalità e nei termini stabiliti, pena la non ammissibilità della domanda.

 

2) Disposizioni per il sostegno a favore dei Comuni piemontesi per la digitalizzazione delle pratiche edilizie, anno 2022.

La Direzione Ambiente, Energia e Territorio, con D.D. 12 settembre 2022, n. 5602, ha confermato, ai sensi del Regolamento 8/R/2018, per l’anno 2022, il sostegno all’attivazione e alle spese di gestione del servizio MUDE Piemonte a favore dei Comuni piemontesi che ne usufruiscono o che ne facciano richiesta entro il 31 dicembre 2022 con le modalità operative che saranno rese note mediante apposito comunicato sulla pagina web del MUDE Piemonte (http://www.mude.piemonte.it), destinando l’importo massimo di € 39.834,86 e stabilendo che per le nuove attivazioni si ricorra alla procedura “a sportello” ai sensi del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 123 “Disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno pubblico alle imprese, a norma dell'articolo 4, comma 4, lettera c), della legge 15 marzo 1997, n. 59” (articolo 5).

 

Contatti

Riferimento
Redazione: Chiara Bellucco e Marco Puxeddu
Telefono
011/4326058 - 011/4325000
Email
notiziario@regione.piemonte.it