Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Notiziario per le Amministrazioni locali n. 37 dell'8 ottobre 2020

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti
Fobello (VC). Vista autunnale. Fotografia di Rino Visconti (2007).

Questa settimana in copertina*: Fobello (VC). Vista autunnale. Fotografia di Rino Visconti (2007).

Fobello (VC): per saperne di più.

Il Notiziario per le Amministrazioni locali pubblica settimanalmente notizie dell'attività amministrativa e istituzionale della Giunta regionale che hanno una particolare ricaduta sul sistema delle Autonomie locali.  La pubblicazione offre una panoramica su atti normativi e amministrativi statali e regionali e iniziative di interesse per gli Enti locali del Piemonte proponendo una selezione di comunicati stampa, scadenze utili e approfondimenti su temi specifici.

Le immagini pubblicate sono fornite dai Comuni del Piemonte.

 IN PRIMO PIANO

Alluvione del 2-3 ottobre in Piemonte: danni per un miliardo di euro. Consegnata al Ministro dell’Interno una prima stima per oltre 360 interventi urgenti

Sono oltre 360 gli interventi urgenti che il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio ha presentato a Roma al ministro dell’Interno Luciana Lamorgese con una prima stima parziale dei danni provocati dagli eventi alluvionali che hanno interessato parte del Piemonte tra il 2 e il 3 ottobre.

La prima quantificazione dei danni alle infrastrutture e alle opere pubbliche ammonta ad oltre 150 milioni di euro, ma la cifra è destinata ad aumentare in maniera consistente dal momento che in circa metà dei Comuni è ancora in corso la valutazione delle conseguenze delle piogge straordinarie del weekend.
Sommando i danni alle opere pubbliche a quelli subiti dai privati, famiglie e aziende (industria, commercio, artigianato, agricoltura) la cifra complessiva si aggira intorno a un miliardo di euro. 

Il Cuneese, dove i paesi di Garessio e Limone Piemonte sono stati devastati dalla piena e le stazioni sciistiche distrutte, segnala almeno 50 interventi urgenti per un parziale di circa 64 milioni di euro, a cui andranno aggiunti sei interventi non ancora quantificati.

Ingenti e profondi i danni nel Vercellese, a cui si aggiunge anche il duro bilancio di una vittima: qui sono 88 gli interventi richiesti con una prima stima di circa 15,4 milioni di euro per 31 opere urgenti, in attesa delle 57 ancora da determinare economicamente.

Il Biellese, con importanti danni soprattutto nella Alta Val Cervo, segnala la necessità di 73 interventi per un totale parziale di oltre 7 milioni di euro, mancando all’appello le stime per una trentina di interventi. 

Il Novarese, dove è crollato il ponte che collega Romagnano Sesia e Gattinara, ha completato la prima stima dei danni evidenziando 48 interventi per oltre 36 milioni di euro, a cui si aggiungono i lavori di somma urgenza per il rispristino dei dissesti lungo il fiume Sesia a Sannazzaro (NO) e a Villata (VC) per circa 2,5 milioni di euro. 

Nel Verbano Cusio Ossola gli straripamenti del fiume Toce e le forti piogge hanno provocato danni che richiederanno 73 interventi, di cui al momento ne sono stati quantificati una trentina per circa 20,6 milioni di euro. 

La piena del Tanaro è transitata anche nei territori di Asti e Alessandria provocando disagi alla popolazione e provocando il crollo del campanile della chiesa di San Biagio a Lu Monferrato (AL), ancora non quantificato nella stima dei danni.

Sono, infine, 27 gli interventi richiesti per il Torinese per un totale di 4,6 milioni di euro, concentrati soprattutto nel Canavese.

"Stamattina a Roma - sottolinea il presidente Cirio - ho consegnato al ministro dell’Interno Lamorgese una prima rendicontazione dei danni e l’elenco degli interventi di somma urgenza necessari al ripristino in sicurezza del nostro territorio. Le cifre non sono ancora definitive, ma sommando i danni pubblici e privati parliamo di circa un miliardo di euro. Ringrazio il Ministro per l’attenzione. Il Piemonte ha sempre pagato tanto e ricevuto poco. Ma ora è necessario che il Governo faccia la sua parte".

"Di concerto con il Dipartimento nazionale della Protezione civile - aggiunge il presidente Cirio - abbiamo deciso di chiedere l’accesso al Fondo di solidarietà dell’Unione europea insieme a Liguria e Francia in modo da avere più possibilità di un riscontro positivo».

«Ci siamo immediatamente recati nei territori colpiti – evidenzia l’assessore alla Protezione civile della Regione Piemonte Marco Gabusi – per verificare di persona la situazione e mettere in campo misure immediate. Le amministrazioni locali, le istituzioni, il sistema di pronto intervento, la Protezione civile, le forze dell’ordine e i volontari hanno risposto con grande celerità alla situazione di emergenza mentre la popolazione è stata, ed è tuttora, impegnata in prima persona per tornare alla normalità. Ora ci serve l’aiuto da parte del governo. Il Piemonte è forte e lo dimostra continuamente, ma da solo non può far fronte ad una situazione di pericolo che sta diventando sempre più importante. Se non abbiamo modo di contrastare i danni causati dai cambiamenti climatici, che fanno ormai parte della nostra vita quotidiana, con interventi importanti – e costosi – sul territorio, il Piemonte è destinato ad un futuro di disastroso declino. Chiediamo al governo di non condannarci ad un simile destino".

Gli eventi meteorologici hanno avuto un carattere ‘eccezionale’. Come sottolinea il rapporto dell’Arpa i valori di pioggia registrati rappresentano più del 50% della precipitazione media annuale. Valori eccezionali sono stati registrati nel comune di Valstrona (VB) con oltre 650mm di pioggia e nel comune di Mergozzo (VB) con oltre 600 mm. Nell’alta val Tanaro a Limone Piemonte (CN) sono caduti quasi 600 mm di acqua, quasi tutti nella giornata del 2 ottobre; valori estremi sono stati registrati anche nella stazione nel comune di Garessio (CN) con oltre 400 mm. 

Le precipitazioni hanno generato sui corsi d’acqua onde di piena che, nei bacini del Toce e del Sesia, hanno superato i livelli di riferimento storici della piena dell’ottobre 2000 e sull’alto Tanaro quelli del novembre 2016. Il fiume Sesia, da monte a valle, ha raggiunto livelli mai registrati da quando esistono le stazioni meteo automatiche. La piena è risultata abbondantemente superiore sia a quella del 2000 che del 1993 ed ha avuto una magnitudo paragonabile alla maggiore piena storica degli ultimi 100 anni verificatasi nel 1968.
 

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

Inaugurato a Novara il laboratorio regionale covid-19; consentirà al sistema sanitario regionale di analizzare mille tamponi giornalieri in più

E’ stato inaugurato a Novara il secondo dei due laboratori regionali attrezzati per far fronte all’emergenza dei test molecolari per il Covid-19. È stato allestito con strumentazione particolare, diversa da quella dei laboratori ospedalieri, e funzionante con qualsiasi tipo di reagenti presenti sul mercato. L’obiettivo è quello di eseguire fino a mille test giornalieri a supporto dell’attività di monitoraggio e di diagnosi. Il personale impiegato ha una competenza tecnologica in grado di modulare in modo appropriato la strumentazione; afferisce all’Università del Piemonte Orientale, in modo particolare dal CAAD – Centro di Ricerca Traslazionale sulle Malattie Autoimmuni e Allergiche, diretto dal professor Claudio Santoro. Il laboratorio è stato attrezzato grazie alle risorse della Regione Piemonte, di Intesa Sanpaolo e di Assicurazioni Generali.

"Se a marzo abbiamo dovuto affrontare una situazione di estrema emergenza – ha detto il sindaco di Novara Alessandro Canelli – oggi siamo molto più preparati per un’eventuale, ma certo non auspicabile, nuova ondata. E questo laboratorio ne è la conferma: oggi è più che mai è necessario mettere in atto quante più verifiche possibili. Lo si sta facendo dalla riapertura delle scuole per le quali l’Asl sta lavorando a ciclo continuo e in modo molto efficace. Sono fondamentali, in questa fase, i comportamenti individuali che possono contribuire fortemente a circoscrivere il problema. Ma soprattutto è necessario proteggere le strutture sanitarie: il nostro ospedale ha già pagato un prezzo molto alto la scorsa primavera quando a causa del Covid sono state bloccate tante altre importanti attività dell’hub del Piemonte Orientale. L’auspicio, a questo punto, è che, con spirito di collaborazione e responsabilità, tutto il quadrante lavori per un’organizzazione più razionale del nostro sistema sanitario.»

«Stiamo portando a termine un lavoro che è stato difficile perché non è semplice far partire un laboratorio di questo genere – ha detto l’assessore all’Innovazione e alla Ricerca Covid, Matteo Marnati –. Noi siamo fortunati ad avere ottime università che durante il periodo della pandemia ci hanno aiutato. Era necessario avere questi due laboratori, quello fratello di La Loggia e quello di Novara. Questo partirà da domani con i primi test e poi piano piano arriveremo alla soglia di 1000 tamponi al giorno. Da maggio, quando è finito il lockdown c’è stato un calo durante il periodo estivo ma adesso stiamo raggiungendo livelli massimi, ieri sono stati fatti circa 8000 tamponi ma possiamo crescere fino a 15mila. C’è una crescita esponenziale e cresceranno nei prossimi giorni (dal 28 settembre al 4 ottobre sono stati fatti 36.195 tamponi, ndr)".

L’assessore ha poi commentato alcune schede sull’evoluzione della pandemia in Piemonte. "L’evoluzione dei casi dal 17 febbraio mostra che c’è un inizio di nuova fase crescente, anche se siamo ancora a livelli bassi. Dal 20 luglio, momento in cui sono state riaperte le frontiere e ci sono stati casi importati dall’estero ma anche dalla Sardegna, il Piemonte è stata la regione più colpita. Mentre nel periodo di aprile ad essere maggiormente colpita era la fascia degli ultrasessantacinquenni, oggi è quella che va dai 15 ai 24 anni, e, a scalare, quella tra i 25 e i 64 anni. Diversamente da prima, ora c’è una percentuale molto alta di asintomatici: in Piemonte i due terzi dei contagiati sono asintomatici, la curva sta crescendo e ci aspettiamo un picco a fine ottobre, novembre. E sta crescendo lentamente anche la curva dei posti letto occupati da pazienti Covid".

"Oggi – ha concluso l’assessore - l’unico mezzo più attendibile per capire se una persona è contagiata oppure no, è il tampone virologico. Abbiamo ordinato un milione di test rapidi che però verranno utilizzati per lo screening soprattutto all’interno delle scuole. Ad oggi è necessario avere questo tipo di laboratori, non abbiamo altre tecnologie o altre strutture che ci possano dare una certezza. Cercheremo di testare più persone possibili, 1000 test a laboratorio, (in quello “fratello” de La Loggia, inaugurato agli inizi di settembre) e, da domani, in quello novarese. Stiamo lasciando al Piemonte strutture utili sia oggi che in futuro perché i macchinari acquistati e portati in questi laboratori non servono solo per il Covid ma anche per tutte le patologie di virus".

"Da oggi – sottolinea il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio – i laboratori per processare i tamponi in Piemonte salgono a 28. Ne avevamo ereditati solo 2 a inizio pandemia, in grado di analizzare poche centinaia di test al giorno. In questi mesi con uno sforzo enorme li abbiamo moltiplicati e, adesso, grazie al nuovo laboratorio di Novara attivato in collaborazione con l’Università del Piemonte Orientale, in grado di processare fino a 1000 tamponi al giorno, siamo vicini a un potenziale quotidiano di 15 mila test. Un grazie particolare al prezioso supporto di Intesa Sanpaolo e Generali che hanno contribuito in modo determinante all’apertura di questo laboratorio, insieme a quello di La Loggia curato dall’Arpa che oltre alle analisi per la popolazione verificherà la presenza del virus nell’acqua e nell’aria".

"Desidero innanzitutto esprimere soddisfazione per questo risultato – ha detto il rettore dell’Università del Piemonte Orientale Gian Carlo Avanzi – raggiunto da un Centro relativamente “giovane” come il CAAD: in pochi anni il Centro di Ricerca Traslazionale sulle Malattie Autoimmuni e Allergiche è diventato un’eccellenza del nostro territorio ed è proiettato a diventarlo anche a livello nazionale. Siamo orgogliosi di poter contribuire alle capacità di analisi diagnostiche del sistema regionale, pur nella consapevolezza che i mille tamponi al giorno che il laboratorio potrà eseguire siano una parte relativamente ridotta rispetto alle necessità complessive della Regione".

"La ricerca universitaria, tuttavia, rimane ancora troppo sottofinanziata – ha continuato il professor Avanzi – e colgo questa occasione inaugurale per annunciare che una parte degli introiti che deriveranno dalle analisi dei tamponi sarà reinvestito in ricerca per combattere il COVID-19. In questo senso, per avere risultati migliori e per evitare di ritrovarci nella situazione emergenziale e drammatica di marzo e aprile, è necessario un coordinamento regionale forte".

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

In Piemonte mascherine obbligatorie anche all’aperto vicino alle scuole. L’ordinanza è in vigore da lunedì 5 ottobre

Il Presidente della Regione Piemonte ha firmato una ordinanza che introduce l’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto in tutte le aree pertinenziali delle scuole di ogni ordine e grado o antistanti ad esse (ad esempio parcheggi, giardini, piazzali e marciapiedi davanti agli ingressi e alle uscite degli istituti), nonché in tutti i luoghi di attesa, salita e discesa del trasporto pubblico scolastico.

L’ordinanza è in vigore da lunedì 5 ottobre.

Non sono sottoposti all’obbligo i bambini di età inferiore a sei anni e i soggetti con forme di disabilità o con patologie non compatibili con l’uso continuativo dei dispositivi di protezione individuale e i soggetti che interagiscono in modo specifico con loro

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

“Io non rischio”: campagna nazionale per le buone pratiche di Protezione civile

Il volontariato di protezione civile, le istituzioni e il mondo della ricerca scientifica si impegnano insieme per comunicare sui rischi naturali che interessano il nostro Paese. Per nove anni consecutivi migliaia di volontari hanno incontrato i cittadini nelle piazze delle loro città contribuendo a diffondere la conoscenza dei rischi e delle buone pratiche di protezione civile.

Giunta alla decima edizione quest’anno la campagna cambia veste: a causa dell’emergenza Coronavirus, i volontari e le volontarie di protezione civile continueranno a diffondere la cultura della prevenzione e a sensibilizzare i propri concittadini sul rischio sismico, sul rischio alluvione e sul maremoto attraverso "piazze digitali".
Anche quest’anno “Io non rischio”, apre la “Settimana nazionale della protezione civile”, alla sua seconda edizione: 7 giorni di eventi ed iniziative a livello nazionale e locale in cui i cittadini italiani potranno conoscere più da vicino il Servizio nazionale della protezione civile. A dare ufficialmente il via alla settimana sarà il Capo Dipartimento della protezione civile Angelo Borrelli che domenica 11 ottobre visiterà alcune piazze della campagna “Io non rischio”.

In Piemonte, per scoprire cosa ciascuno di noi può fare per la prevenzione, si possono visitare le piazze digitali e seguire i vari appuntamenti con l’hashtag #iononrischio2020 e all’indirizzo della Regione Piemonte https://bit.ly/36ySNRz

Inoltre domenica 11 ottobre, i volontari di protezione civile incontreranno i cittadini nell'unica piazza in presenza a Canelli, in Piazza Cavour.
Per l’edizione 2020 la campagna coinvolge oltre 9.000 volontari e volontarie appartenenti a 972 associazioni tra sezioni locali delle organizzazioni nazionali di volontariato, gruppi comunali e associazioni territoriali di tutte le regioni d’Italia.

“Io non rischio” – campagna nata nel 2011 per sensibilizzare la popolazione sul rischio sismico – è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas-Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, Ingv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Reluis-Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica. L’inserimento del rischio maremoto e del rischio alluvione ha visto il coinvolgimento di Ispra-Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Ogs-Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, AiPo-Agenzia Interregionale per il fiume Po, Arpa Emilia-Romagna, Autorità di Bacino del fiume Arno, CamiLab-Università della Calabria, Fondazione Cima e Irpi-Istituto di ricerca per la Protezione idro-geologica.

Sul sito ufficiale della campagna, www.iononrischio.it, è possibile consultare i materiali informativi su cosa sapere e cosa fare prima, durante e dopo un terremoto, un maremoto, un’alluvione e sul rischio vulcanico ai Campi Flegrei.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

Vaccinazioni antinfluenzali: l’Assessorato alla Sanità del Piemonte annuncia l’avvio della campagna dal 26 ottobre

La vaccinazione antinfluenzale in Piemonte partirà lunedì 26 ottobre 2020 e potrà continuare anche oltre il mese di dicembre 2020.

Lo annuncia la Direzione dell’Assessorato regionale alla Sanità del Piemonte, comunicando ai medici di medicina generale e ai pediatri di libera scelta che, a partire da lunedì prossimo, 5 ottobre, potranno effettuare la prenotazione delle prime dosi presso qualsiasi farmacia.

Sia per motivi di distribuzione che di contenimento delle quantità inutilizzate e della corretta conservazione, gli ordini di vaccino saranno commisurati alla seduta vaccinale programmata dal singolo medico.

L’assessore regionale alla Sanità del Piemonte ricorda che la Regione ha provveduto per tempo, fin dall’aprile scorso, all’ordinazione di un milione e 100 dosi di vaccino, vale a dire il 54 per cento delle dosi in più rispetto a quelle utilizzate l’anno scorso (700 mila), con l’intento di allargare il più possibile la platea degli utilizzatori e facilitare così l’emergere delle diagnosi Covid che, appunto, potrebbero essere condizionate dai medesimi sintomi dell’influenza stagionale.

Il vaccino antinfluenzale disponibile per la campagna di vaccinazione 2020-2021 è il Vaxigrip Tetra (inattivato tetravalente), disponibile in maggior quantità in formato monodose. La prima tranche di fornitura è di 400 mila dosi, alla quale seguiranno altre tre tranche nelle settimane de 2, del 9 e del 16 novembre.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

Via libera dell’Assessorato regionale alla Sanità all’ampliamento dell’ospedale della Valle Belbo

Via libera all’ampliamento del presidio ospedaliero della Valle Belbo  con l'aggiunta di un piano dedicato a un'ottantina di posti letto di area medica, in modo da costituire un punto di riferimento ospedaliero per i cittadini del territorio di Nizza Monferrato.

Lo annuncia l'assessore regionale alla Sanità del Piemonte, dopo l'incontro con il commissario dell'Azienda sanitaria locale di Asti.

L'operazione, che richiederà l'approvazione del Consiglio regionale per la rimodulazione della rete ospedaliera, consentirà di inquadrare i due ospedali della Valle Belbo e di Asti nell’ottica di un ospedale unico plurisede, con le due strutture integrate e in stretta sinergia operativa.

In particolare, nel presidio della Valle Belbo verrà garantita la risposta all’emergenza urgenza attraverso un punto di primo intervento, un’ambulanza medicalizzata 118 e un Elisuperficie. Saranno inoltre presenti un servizio di radiologia avanzata, comprensiva di Tac, radiologia tradizionale ed ecografia, un centro dialisi, 80 posti letto di area medica, 40 di continuità assistenziale a valenza sanitaria (Cavs), 10 posti letto di hospice e 10 posti letto di ospedale di comunità, oltre a una serie di servizi legati a poliambulatori specialistici e recupero e rieducazione funzionale.

La copertura finanziaria di 43 milioni di euro, prevista per il progetto originario, verrà incrementata di ulteriori 14 milioni con fondi stanziati dalla Sanità regionale.

Soddisfazione è stata espressa dall’assessore, che ha ringraziato il commissario dell’Asl per la collaborazione nel trovare la migliore soluzione per l’offerta ospedaliera del territorio.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

ATTI DELLO STATO

Decreto -Legge 7 ottobre 2020, n. 125

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 248 del 7 ottobre 2020 il Decreto -Legge 7 ottobre 2020, n. 125:

Misure urgenti connesse con la proroga della dichiarazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19 e per la continuita' operativa del sistema di allerta COVID, nonche' per l'attuazione della direttiva (UE) 2020/739 del 3 giugno 2020.

Entrata in vigore del provvedimento: 08/10/2020.

Decreto del Ministero dello Sviluppo economico 6 agosto 2020

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 246 del 5 ottobre 2020 il Decreto del Ministero dello Sviluppo economico 6 agosto 2020:

Requisiti tecnici per l'accesso alle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici - cd. Ecobonus.

Decreto del Ministero dello Sviluppo economico 6 agosto 2020

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 246 del 5 ottobre 2020 il Decreto del Ministero dello Sviluppo economico 6 agosto 2020:

Requisiti delle asseverazioni per l'accesso alle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici - cd. Ecobonus.

Decreto del Ministero dello Sviluppo economico 6 agosto 2020

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 243 del 1° ottobre 2020 il Decreto del Ministero dello Sviluppo economico 6 agosto 2020:

Piano voucher sulle famiglie a basso reddito.

Decreto del Ministero dell’economia e delle finanze 7 settembre 2020

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 243 del 1° ottobre 2020 il Decreto del Ministero dell’economia e delle finanze 7 settembre 2020:

Aggiornamento degli allegati al decreto legislativo n. 118 del 2011. 

Decreto del Ministero dell’Interno 30 settembre 2020

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 244 del 2 ottobre 2020 il Decreto del Ministero dell’Interno 30 settembre 2020:

Differimento del termine per la deliberazione del bilancio di previsione 2020/2022 degli enti locali dal 30 settembre 2020 al 31 ottobre 2020. 

Comunicato dell’Agenzia per l’Italia digitale

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 245 del 3 ottobre 2020 il Comunicato dell’Agenzia per l’Italia digitale:

Adozione della determina n. 419/2020, recante "Chiarimenti applicativi in merito alle circolari AGID numeri 2 e 3 del 9 aprile 2018, recanti i criteri per la qualificazione dei Cloud Service Provider per la PA e dei servizi SaaS per il Cloud della PA". 

Delibera del Consiglio dei Ministri 7 ottobre 2020

E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 248 del 7 ottobre 2020 la Delibera del Consiglio dei Ministri 7 ottobre 2020:

Proroga dello stato di emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili.

DECRETI DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 

Decreto del Presidente della Giunta regionale n. 102 del 2 Ottobre 2020

E’ stato pubblicato sul Supplemento n. 4 del 2.10.2020 al Bollettino Ufficiale n. 40 del 1.10.2020 il Decreto del Presidente della Giunta regionale n. 102 del 2 Ottobre 2020:

Disposizioni attuative per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. Ordinanza ai sensi dell’art. 32, comma 3, della legge 23 dicembre 1978, n. 833 in materia di igiene e sanità pubblica. Misure da adottare in prossimità dei plessi scolastici e nell’ambito del trasporto scolastico.

Decreto del Presidente della Giunta regionale n. 104 del 7 Ottobre 2020

E’ stato pubblicato sul Supplemento ordinario n. 3 al Bollettino Ufficiale n. 41 dell’8.10.2020 il Decreto del Presidente della Giunta regionale n. 104 del 7 Ottobre 2020:  

Disposizioni attuative per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. Ordinanza ai sensi dell’art. 32, comma 3, della legge 23 dicembre 1978, n. 833 in materia di igiene e sanità pubblica. Proroga al 15 ottobre 2020 delle ordinanze di cui al D.P.G.R. n. 85 del 10 agosto 2020, modificato e integrato con i DD.P.G.R. n. 92 del 7 settembre 2020 e n. 94 del 9 settembre 2020, e al D.P.G.R. n. 99 del 19 settembre 2020.

Decreto del Presidente della Giunta regionale n. 105 del 7 Ottobre 202

E’ stato pubblicato sul Supplemento ordinario n. 3 al Bollettino Ufficiale n. 41 dell’8.10.2020 il Decreto del Presidente della Giunta regionale n. 105 del 7 Ottobre 2020:

Linee di indirizzo per la riapertura delle scuole in Piemonte. Disposizioni attuative per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. Ordinanza ai sensi dell’art. 32, comma 3, della legge 23 dicembre 1978, n. 833 in materia di igiene e sanità pubblica.

LEGGI REGIONALI PUBBLICATE SUL BOLLETTINO UFFICIALE 

Legge regionale 1 ottobre 2020, n. 22

E’ stata pubblicata sul Supplemento Ordinario n. 3 al Bollettino Ufficiale n. 40 del 1.10.2020 la Legge regionale 1 ottobre 2020, n. 22:

Modifiche alla legge regionale 15 maggio 2020, n. 12 (Primi interventi di sostegno per contrastare l'emergenza da Covid-19) e alla legge regionale 29 maggio 2020, n. 13 (Interventi di sostegno finanziario e di semplificazione per contrastare l'emergenza da Covid-19)".

Legge regionale 1 ottobre 2020, n. 23

E’ stata pubblicata sul Supplemento Ordinario n. 3 al Bollettino Ufficiale n. 40 del 1.10.2020 la Legge regionale 1 ottobre 2020, n. 23:

Norme in materia di promozione e di impiantistica sportiva.

PROVVEDIMENTI DELL'AMMINISTRAZIONE REGIONALE 

I testi dei provvedimenti qui pubblicati costituiscono un puro strumento di consultazione documentale privo di qualsiasi valore giuridico. Salvo diversa indicazione tutti i file sono pubblicati in formato Pdf oppure compressi in formato Zip.  

Approvazione delle “Linee di indirizzo regionali per il superamento dei 200 posti in spettacoli in locali chiusi”

La Giunta regionale, con la D.G.R. n. 2-2026 del 28 Settembre 2020, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 41 dell’8.10.2020, ha adottato le “Linee di indirizzo regionali per il superamento dei 200 posti in spettacoli in locali chiusi” trasmesse con parere del 24 settembre 2020 del Settore Prevenzione e Veterinaria e del DIRMEI, unitamente al Coordinatore Commissario Area Giuridico Amministrativa, prevedendone l’applicazione obbligatoria in caso di superamento dei 200 posti per spettacoli in locali chiusi.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Sanità, Livelli essenziali di assistenza, Edilizia sanitaria della Regione Piemonte.

Buono servizi alla prima infanzia. Disposizioni integrative alla D.G.R. n. 27-8453 del 22/02/2019, per la corresponsione del saldo, a fronte della sospensione dei servizi educativi dovuti all’emergenza Covid 19

La Giunta regionale, con la D.G.R. n. 5-2031 del 2 ottobre 2020, ha stabilito, a parziale integrazione della D.G.R. n. 27-8453 del 22/02/2019, che:

  • le amministrazioni comunali partecipanti alla Misura 2.9.iv,8.01 possano rendicontare anche i costi sostenuti nei mesi dell’anno scolastico 2019-2020 in cui il servizio non era attivo a causa della sospensione dovuta all’emergenza sanitaria dovuta al Covid 19 (vale a dire per i mesi di marzo, aprile, maggio e per i mesi di giugno e luglio qualora il servizio non abbia svolto attività estiva ai sensi del DPCM 11 giugno 2020 allegato 8);
  • per tali mesi non è più previsto l'obbligo di frequenza di 5 gg/mese per l’assegnazione del buono originariamente previsto;
  • ciascuna operazione rimane intestata, dal punto di vista amministrativo, ad ogni singolo comune in qualità di soggetto attuatore, i destinatari restano quelli individuati dal bando e cioè i bambini (con le rispettive famiglie);
  • l’attività estiva effettuata nei mesi di giugno e luglio 2020 nel rispetto delle previsioni del DPCM 11 giugno 2020 - Allegato 8 può essere ricondotta all’attività ordinaria dei nidi e pertanto può essere oggetto di rendicontazione secondo i principi previsti nella DGR n. 27-8453 del 22/02/2019 e nella Determinazione Dirigenziale n. 664 del 13/05/20219;
  • la richiesta del saldo contributivo da parte dei comuni assegnatari della Misura, previo utilizzo della procedura informatica dedicata, dovrà essere trasmessa via PEC al Settore Raccordo amministrativo e controllo delle attività finanziate dal FSE entro il 30/10/2020 al seguente indirizzo: controllifse@cert.regione.piemonte.it.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Istruzione, Lavoro, Formazione professionale, Diritto allo Studio universitario della Regione Piemonte.

Emergenza COVID-19. Contributi regionali straordinari a favore degli operatori di Polizia locale del Piemonte impegnati nei servizi diretti a fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19. Avvio della fase di liquidazione della spesa

La Direzione della Giunta Regionale, con D.D. n. 400 del 2 ottobre 2020, ha dato atto che, a seguito della verifica delle rendicontazioni pervenute entro il termine perentorio del 30/6/2020, è possibile procedere, con il presente provvedimento, alla liquidazione dei contributi regionali straordinari a favore degli operatori di Polizia locale del Piemonte impegnati nei servizi diretti a fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 in conto anno 2020, assegnati con la la DD n. 129 del 23/4/2020.

1. è disposta la revoca dei contributi assegnati con la DD 129/2020 nei confronti degli Enti locali che non hanno presentato alcuna rendicontazione o hanno presentato rendicontazione oltre il termine perentorio previsto;

2. è disposta la decurtazione parziale dei contributi assegnati agli Enti locali che hanno presentato idonea rendicontazione per le sole somme per le quali è stato accertato il venir meno del diritto all’erogazione;

3. è dato avvio alla fase di liquidazione della spesa a favore degli Enti locali, attingendo dall’impegno n. 4708/2020, capitolo 15120/2020, a favore della classe di beneficiari: COM-COM-comuni del Piemonte, per gli importi descritti nella tabella allegata al presente provvedimento, che di questo costituisce parte integrante e sostanziale, facendo riferimento agli importi assegnati con la citata DD n. 129/2020 al netto degli importi decurtati.

Progetto "Uffici di Prossimita'". Approvazione schema di accordo tra Regione Piemonte , Enti locali e Tribunali competenti per territorio ai sensi dell'art. 15 della Legge n. 241/90 e s.m.i.

La Giunta regionale, con la D.G.R. n. 1-2027 del 2 ottobre 2020, ha approvato lo schema di accordo da sottoscriversi tra la Regione Piemonte, gli Enti locali e i Tribunali competenti per territorio per disciplinare lo svolgimento, in collaborazione, delle attività finalizzate all’attivazione e alla gestione del progetto “Ufficio di Prossimità”, allegato alla presente deliberazione per farne parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.

E’ stato autorizzato il Presidente della Giunta Regionale, o suo delegato, a sottoscrivere l’accordo su indicato, apportando le eventuali modifiche tecniche non sostanziali rispetto all’allegato schema, per contro demandando ad apposita deliberazione modifiche sostanziali.

E’ stato dato mandato alle Direzioni Regionali coinvolte di dare attuazione, per quanto di propria competenza, e ad avvenuta sottoscrizione, agli impegni approvati con il presente accordo.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Assessorato Urbanistica, Programmazione territoriale e paesaggistica, Sviluppo della montagna, Foreste, Parchi, Enti locali della Regione Piemonte.

SCADENZE UTILI

Si specifica che questo memorandum non ha valore legale e può non essere esaustivo di tutti i provvedimenti adottati per i quali è previsto il rispetto di un termine perentorio. 

Scadenze del mese di OTTOBRE (n. 3 provvedimenti segnalati)

1) Bando per la concessione di contributi per la rimozione di manufatti contenenti amianto nell'ambito delle risorse FSC 2014-2020 assegnate dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare per l'attuazione del II Addendum al "Piano Operativo Ambiente" sotto-piano ''Interventi per la tutela del territorio e delle acque'', di cui alla Delibera CIPE

La Direzione Ambiente, Energia e Territorio, con la D.D. n. 313 del 17 luglio 2020, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 32 del 6 agosto 2020, ha approvato, in attuazione di quanto disposto dalla Giunta regionale con deliberazione n. 16 – 1335 dell'8 maggio 2020, il bando finanziato con risorse FSC 2014-2020 per la richiesta di contributi per la realizzazione di interventi di bonifica, mediante rimozione, di manufatti contenenti amianto presso edifici di proprietà pubblica ad uso scolastico ed ospedaliero, di cui agli allegati 1, 2 e 3 costituenti parte integrante del presente provvedimento; di stabilire che che la partecipazione al bando è aperta:

- ai Comuni, alle Province ed alla Città Metropolitana di Torino per quanto riguarda la bonifica degli edifici scolastici; sono esclusi i Comuni inseriti nella perimetrazione del Sito di Interesse Nazionale di Casale Monferrato, come definita con decreto del Ministero dell'Ambiente del 10 gennaio 2000, per i quali sono disponibili specifiche azioni di finanziamento mediante fondi statali e regionali;

- alle ASL ed alle Aziende Ospedaliere per la bonifica degli edifici ospedalieri. di precisare che le istanze di contributo per la realizzazione di interventi di bonifica, mediante rimozione, di manufatti contenenti amianto, dovranno essere presentate entro il termine del 3 ottobre 2020 e secondo le specifiche ed i contenuti disciplinati dagli allegati 1, 2 e 3 alla presente determinazione dirigenziale.

Con successivi provvedimenti, in esito all’istruttoria delle istanze di contributo pervenute entro il termine di cui sopra, verranno adottate le graduatorie delle domande che saranno risultate ammissibili e, fino alla concorrenza delle risorse disponibili, l’individuazione di quelle finanziabili.

Si precisa che il trasferimento delle risorse avrà luogo in conformità con quanto previsto al punto 2 lett. h) della Delibera CIPE n. 25/2016 e al punto D.2 e D.3 della Circolare n. 1/2017 del Ministro per la Coesione Territoriale e il Mezzogiorno, secondo le procedure di rendicontazione delle spese definite nell’ambito del Sistema di Gestione e Controllo (Si.Ge.Co.) del Piano Operativo Ambiente FSC 2014-2020, come specificato nell'allegato 1 al presente provvedimento.

Il termine per la conclusione del procedimento di attribuzione dei contributi è fissato in 90 giorni dal 3 ottobre 2020.

 

2) Bando per la concessione di contributi per la rimozione di manufatti contenenti amianto nell'ambito delle risorse FSC 2014-2020 assegnate dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare per l'attuazione del II Addendum al "Piano Operativo Ambiente" sotto-piano ''Interventi per la tutela del territorio e delle acque'', di cui alla Delibera CIPE

La Direzione Ambiente, Energia e Territorio, con la D.D. n. 362 del 27 luglio 2020, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 32 del 6 agosto 2020, ha rettificato la determinazione dirigenziale n. 313/A1603B del 17 luglio 2020 di approvazione del bando finanziato con risorse FSC 2014-2020 per la realizzazione di interventi di bonifica, mediante rimozione, di manufatti contenenti amianto presso edifici di proprietà pubblica ad uso scolastico ed ospedaliero, per la sola parte relativa alle date di presentazione delle istanze di contributo, precisando che le stesse potranno essere presentate dalle ore 9:00 del 6 agosto 2020 alle ore 12:00 del 30 ottobre 2020, come specificato nell'allegato 1 alla presente determinazione dirigenziale che sostituisce l'allegato 1 alla determinazione dirigenziale n. 313/A1603B del 17 luglio 2020.

 

3) Approvazione dei bandi e della relativa modulistica per l'accesso ai finanziamenti destinati al sostegno di interventi regionali attuativi nell'ambito del Piano Operativo di cui al ''Piano strategico nazionale sulla violenza maschile contro le donne 2017-2020'' per gli interventi previsti dall'art. 5, comma 2, lettere a),b),c),e),f), g), h) e l) del DL 14

La Direzione Sanità e Welfare, con la D.D. n. 756 del 23 Luglio 2020, pubblicata sul Supplemento ordinario n. 4 al Bollettino Ufficiale n. 30 del 23 luglio, ha approvato il Bando per l’accesso ai finanziamenti destinati al sostegno di interventi regionali attuativi nell’ambito del Piano Operativo di cui al “Piano Strategico nazionale sulla violenza maschile contro le donne 2017-2020 (Allegato 1).

Ha approvato i seguenti modelli per la richiesta di finanziamento:

- Modello di istanza contributo per la realizzazione dell’azione 1) interventi per il sostegno abitativo, il reinserimento lavorativo e più in generale per l’accompagnamento nei percorsi di fuoriuscita dalla violenza (Allegato 2);

- Modello di istanza contributo per la realizzazione dell’azione 2) progetti rivolti anche a donne minorenni vittime di violenza e a minori vittime di violenza assistita (Allegato 4).

E’ stato inoltre approvato il Piano di riparto preventivo delle risorse destinate all’attuazione dell’Azione 1 (Allegato 3), nonché il modello di scheda informativa sul trattamento dei dati personali di cui all’Allegato 5), parte integrante e sostanziale della presente determinazione.

Sono state fissate le date specificate nell’Allegato 1 per la presentazione delle rispettive istanze di contributo, secondo le modalità ivi previste:

- entro le ore 23.59 del 15 ottobre 2020 per l’azione 1) interventi per il sostegno abitativo, il reinserimento lavorativo e più in generale per l’accompagnamento nei percorsi di fuoriuscita dalla violenza del presente bando tramite posta elettronica certificata, indicando nell’oggetto “interventi regionali attuativi nell’ambito del Piano Operativo di cui al “Piano strategico nazionale sulla violenza maschile contro le donne 2017-2020- AZIONE 1” per gli interventi previsti dall’art. 5, comma 2, del Decreto Legge del 14.8.2013 n. 93”. Utilizzo del Modello istanza di cui all’allegato 2

entro le le ore 23.59 del 30 settembre 2020 per l’azione 2) progetti rivolti anche a donne minorenni vittime di violenza e a minori vittime di violenza assistita del presente bando tramite posta elettronica certificata, indicando nell’oggetto “interventi regionali attuativi nell’ambito del Piano Operativo di cui al “Piano strategico nazionale sulla violenza maschile contro le donne 2017- 2020- AZIONE 2” per gli interventi previsti dall’art. 5, comma 2, del Decreto Legge del 14.8.2013 n. 93. Utilizzo del Modello istanza di cui all’allegato 3

Si rinvia a successiva determinazione l’accertamento e l’impegno delle risorse statali dedicate, complessivamente pari ad € 718.000,00 e l’assegnazione dei finanziamenti agli aventi diritto, individuati sulla base dei criteri di cui alla D.G.R. n.2-1658 del 17.7.2020.

Scadenze del mese di NOVEMBRE (n. 3 provvedimenti segnalati)

1) Bando per la concessione dei contributi per l’adeguamento dei parchi gioco comunali alle esigenze dei bambini con disabilità. Proroga termine conclusione lavori

La Direzione Sanità e Welfare, con la D.D. 76 n. del 16.3.2020, ha prorogato di ulteriori sei mesi il termine di presentazione della rendicontazione degli interventi previsto al punto 6 del bando approvato con la D.D. n. 1602 del 20.12.2018, e precisamente fino al 6 novembre 2020, a favore dei Comuni indicati nella D.D. n. 620 del 6.5.2019, Allegato 1, che non hanno ancora concluso le opere ammesse a contributo.

 

2) Bando a sportello per l'erogazione dei contributi a fondo perduto destinati ai Comuni a beneficio dei cittadini e delle imprese, relativi al costo di costruzione per i titoli abilitativi richiesti in attuazione dell'art.18 della Legge Regionale 29 maggio 2020, n. 13.

La Direzione Ambiente, Energia e Territorio, con la D.D. n. 317 dell’8 Luglio 2020, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 30 del 23 luglio 2020, ha approvato lo schema del “Bando a sportello per l’erogazione dei contributi a fondo perduto destinati ai Comuni a beneficio dei cittadini e delle imprese, relativi al costo di costruzione per i titoli - abilitativi richiesti in attuazione dell’art.18 della Legge Regionale 29 maggio 2020, n. 13” allegato al provvedimento (Allegato 1).

Il Bando di cui all’allegato 1 è finanziato per complessivi € 26.000.000,00 la cui copertura è garantita con i fondi stanziati allo scopo sui seguenti capitoli del Bilancio gestionale finanziario 2020-2022 di cui € 20.000.000,00 sul cap. 222481 annualità 2020 e € 6.000.000,00 sul capitolo n. 222482 annualità 2020.

E’ stata prenotata la somma complessiva di € 26.000.000,00 a favore di creditori determinabili successivamente all’ultimazione della procedura di assegnazione dei contributi, nel seguente modo: € 20.000.000,00 sul cap. 222481 annualità 2020 del bilancio finanziario gestionale 2020-2022 e € 6.000.000,00 sul cap. 222482 annualità 2020 del bilancio finanziario gestionale 2020-2022 dando atto che gli impegni sono assunti secondo il principio della competenza finanziaria potenziata di cui al D.Lgs. 118/2011 la cui transazione elementare è rappresentata nell’Appendice A parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.

Sono state affidate a Finpiemonte S.p.A. le funzioni e le attività relative alla gestione del “Bando a sportello per l’erogazione dei contributi a fondo perduto destinati ai comuni a beneficio dei cittadini e delle imprese, relativi al costo di costruzione per i titoli abilitativi richiesti in attuazione dell’art.18 della Legge Regionale 29 maggio 2020, n. 13”.

E’ stato approvato conseguentemente lo schema di “Contratto per l’affidamento a Finpiemonte s.p.a., Pag 5 di 5 delle attività relative alla gestione della misura d’aiuto prevista ai sensi dell’art. 18 della lr 13/2020 – rilancio degli investimenti in edilizia“ allegato al presente provvedimento quale parte integrante e sostanziale (Allegato 2).

E’ stata impegnata la spesa complessiva di € 399.555,31 (€ 327.504,36 oltre IVA al 22%) sul capitolo 172992 del Bilancio Gestionale finanziario 2020- 2022 a favore di Finpiemonte S.p.A. Galleria San Federico, 54 -10121 Torino, Codice fiscale 01947660013 e iscrizione al Registro delle Imprese di Torino n. 01947660013 (Ben. n. 12613) di cui € 218.086,15 annualità 2020, € 92.176,62 annualità 2021 e 89.292,54 annualità 2022 dando atto che gli impegni sono assunti secondo il principio della competenza finanziaria potenziata di cui al D.Lgs. 118/2011 la cui transazione elementare è rappresentata nell’Appendice A parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.

Il Bando resterà aperto fino all’esaurimento delle risorse destinate, e comunque non oltre il 30 novembre 2020.

 

3) Programma di finanziamento per la concessione di contributi a favore di soggetti pubblici in attuazione della D.G.R. n. 11-1667 del 17 luglio 2020. Approvazione bando e relativa modulistica.

La Direzione Ambiente, Energia e Territorio, con D.D. n. 420 del 12.08.2020, ha approvato l’Allegato A, “Bando per l’erogazione di contributi a favore di soggetti pubblici, per lo sviluppo della mobilità sostenibile attraverso il rinnovo delle rispettive flotte, l’acquisto di biciclette a pedalata assistita o cargo bike e per l’acquisto di tecnologia per lo smart working” e i relativi allegati, quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, in sostituzione dell’Allegato 1 e suoi allegati di cui alla D.D. n. 663/A1602A del 23 dicembre 2019 della Direzione Ambiente, Energia e Territorio.

Il Bando di cui al nuovo Allegato A è finanziato per un ammontare complessivo di risorse pari ad Euro € 802.000,00, a favore di soggetti pubblici, corrispondenti alla dotazione finanziaria complessiva, pari ad euro € 1.000.000,00, al netto della sommatoria dei contributi richiesti nell’ambito delle domande già ammesse a finanziamento incrementati degli ulteriori importi derivanti dall’applicazione dei nuovi criteri per la medesima tipologia di veicoli.

E’ stata prenotata la spesa complessiva di € 802.000,00, a favore dei soggetti pubblici beneficiari del bando, del bilancio di previsione finanziario 2020-2022, annualità 2020 e 2021 come segue:

- euro 502.000,00 sul capitolo 270477/2020; euro 150.000,00 sul capitolo 270477/2021; euro 75.000,00 sul capitolo 286906/2021; euro 75.000,00 sul capitolo 277358/2021;

Il Bando resta aperto fino all’esaurimento delle risorse destinate al Programma, che potranno essere incrementate da eventuali ulteriori fondi, anche di provenienza statale, e comunque non oltre il 30 novembre 2020.

E’ rinviata a successivi provvedimenti, sulla base delle risultanze istruttorie, l’individuazione delle istanze non ammissibili a contributo, l’approvazione dell’elenco delle istanze ammissibili a finanziamento e l’approvazione delle istanze finanziabili.

Tutte le informazioni relative al Bando sono pubblicate sul sito ufficiale della Regione Piemonte: https://bandi.regione.piemonte.it/contributi-finanziamenti/prqa-contributi-agli-enti-pubblici-favorire-mobilita-sostenibile-lacquisto-tecnologia-smart-working

Scadenze del mese di DICEMBRE (n. 1 provvedimento segnalato)

1) Atto di indirizzo 2018-2019 "Fondo regionale disabili di cui all'art. 35 della Legge regionale n. 34 del 22 dicembre 2008. Intervento di Politica attiva rivolto a persone disabili". Proroga del termine finale riferito alla misura a) "Indennità di partecipazione/borse lavoro per l'attivazione di tirocini".

La Giunta regionale, con la D.G.R. n. 21-1073 del 28.2.2020, ha stabilito, a parziale modifica dell’Atto di indirizzo 2018-2019 "Fondo regionale disabili di cui all'art. 35 della Legge regionale n. 34 del 22 dicembre 2008. Intervento di Politica attiva rivolto a persone disabili", allegato alla D.G.R. del 13 aprile 2018, n. 26-6749, di prorogare per la misura a) “Indennità di partecipazione/borse lavoro per l’attivazione di tirocini” il termine finale fino alla data del 31 dicembre 2020.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Istruzione, Lavoro, Formazione professionale, Diritto allo studio universitario – Direzione Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Piemonte. 

 

Contatti

Riferimento
Redazione: Chiara Bellucco e Marco Puxeddu
Telefono
011/4326058 - 011/4325000
Email
notiziario@regione.piemonte.it