Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Notiziario per le Amministrazioni locali n. 31 del 15 settembre 2022

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti
Grugliasco (TO). Campanile dell'ex convento dei Fratelli Maristi in Piazza Matteotti

Questa settimana in copertina*: Grugliasco (TO). Campanile dell'ex convento dei Fratelli Maristi in Piazza Matteotti.

Il Notiziario per le Amministrazioni locali pubblica settimanalmente notizie dell'attività amministrativa e istituzionale della Giunta regionale che hanno una particolare ricaduta sul sistema delle Autonomie locali.  La pubblicazione offre una panoramica su atti normativi e amministrativi statali e regionali e iniziative di interesse per gli Enti locali del Piemonte proponendo una selezione di comunicati stampa, scadenze utili e  approfondimenti su temi specifici.

* Le immagini pubblicate sono fornite dai Comuni del Piemonte.

IN PRIMO PIANO    

Caro energia: la Regione Piemonte scrive al Governo per proporre e sollecitare stock energetici a prezzi calmierati, sconto in bolletta, facilitazioni per chi realizza impianti per l’autoconsumo e riduzione dell’iva sul teleriscaldamento

In vista del prossimo Consiglio dei Ministri e dei provvedimenti che il Governo sta predisponendo per affrontare l’emergenza del caro energia, la Regione Piemonte nelle scorse ore ha inviato a Roma un documento che riassume le richieste e le proposte nate in queste settimane di confronto sul territorio con gli imprenditori e i rappresentanti del mondo economico e produttivo.

Il Presidente della Regione e l’Assessore alle Attività Produttive sottolineano che serve un doppio tipo di intervento. Misure urgenti, di cui si possa avere una ricaduta subito per affrontare questo momento di estrema difficoltà, perché ne va della tenuta economica del nostro Paese. Parallelamente, però, vanno pensati strumenti di medio e lungo periodo che diano una prospettiva di stabilità a imprese e cittadini, perché, esattamente come avvenuto con il Covid sulla sanità, questa emergenza ha accelerato le conseguenze di decenni di gestione sbagliata del tema energia.

Tra le richieste del Piemonte al Governo c’è quella di definire degli stock di energia a prezzo calmierato (tenendo come riferimento il 2020) da mettere a disposizione del sistema produttivo in funzione di dimensione, settori produttivi, consumi e fatturato e uno sconto in bolletta con i fondi degli extra profitti.

La produzione di energia, spiegano Presidente e Assessore, è generata in percentuali importanti anche da fonti rinnovabili, ma il prezzo che paga l’utente finale è interamente tarato sul valore del gas. Una anomalia che grava interamente sulle spalle di cittadini e imprese e che non ha senso, più che mai in un momento come questo.

Il Piemonte chiede anche al Governo di attivare subito facilitazioni sugli impianti per l’autoconsumo. Presidente e Assessore spiegano che oggi una impresa che realizza un impianto di produzione di energia da fonti rinnovabili aspetta più di un anno prima di poterlo utilizzare. Questo a causa dei tempi di allacciamento alla rete nazionale, obbligatorio per legge. È fondamentale velocizzare queste tempistiche e, nell’attesa, consentire comunque l’autoconsumo, perché è assurdo che un imprenditore che investe su un impianto di questo tipo non possa beneficiarne subito appena pronto, continuando invece a pagare bollette altissime. Inoltre una misura di questo tipo incentiverebbe altri investimenti analoghi, potenziando l’autonomia energetica del nostro sistema produttivo.

Le Regioni, spiegano Presidente e Assessore, possono sostenere i progetti per investimenti in rinnovabili ed efficienza energetica attraverso i fondi europei e la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, ha già dichiarato di voler potenziare il Fesr, il fondo europeo per lo sviluppo regionale, affinché possa essere piegato maggiormente alle esigenze dei territori in questo momento. Ma finora non abbiamo visto le parole trasformarsi in fatti. L’Europa è in grave ritardo su questa emergenza, deve fare la sua parte e farla in fretta.

Tra le altre misure che il Piemonte propone di valutare ci sono finanziamenti legati proprio agli investimenti in corso sull’efficienza energetica e le fonti rinnovabili, attivabili anche mediante le ESCO, ovvero aziende che offrono tutti i servizi tecnici, commerciali e finanziari necessari, facendosi carico sia degli oneri economici che di quelli organizzativi.

La Regione propone anche di allargare la categoria dei beni strumentali che godono del credito d’imposta, inserendo gli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili.

Chiede anche la ridefinizione dei parametri per incentivare le imprese in cui il consumo energetico ha alta incidenza rispetto al fatturato, indipendentemente dalla classificazione come energivore.

Infine per aiutare le famiglie il Piemonte chiede la riduzione dell’IVA sul teleriscaldamento al 5%.

N.B. Il presente comunicato è mancante di nomi e virgolettati secondo quanto disposto dall’art.9 c.1 della legge 22 febbraio 2000 n.28 in tema di par condicio nei periodi pre-elettorali.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte. 

Crisi idrica, lavorare in prospettiva con progetti strutturali

Ci si avvia ad archiviare l’estate del 2022 come la seconda estate più calda degli ultimi 70 anni e una delle più siccitose. Quel che, tuttavia, non si può archiviare, come fosse un capitolo chiuso, è il problema dell’emergenza idrica, quello con cui ci si è trovati drammaticamente a fare i conti nei mesi passati per le pesanti ripercussioni soprattutto sul comparto agricolo.

Ed è in questo scenario, che al momento non farebbe presupporre significative inversioni di rotta nei prossimi anni, che si innesta l’imperativo dell’analisi e della “programmazione”.

Programmare, dunque, per dare una risposta strutturale e non emergenziale affrontando il problema sotto ogni possibile sfaccettatura e con tutti gli attori che gravitano intorno alla “risorsa acqua”.

E proprio per gettare le basi di una collaborazione nell’ottica di un’azione improntata alla sinergia che questa mattina l’assessore regionale all’Ambiente e coordinatore delle attività del tavolo per l’emergenza idrica, ha avuto un primo incontro preliminare con i vertici di Anbi (Associazione Nazionale Bonifiche Irrigazioni) Piemonte, il presidente Vittorio Viora e il direttore Mario Fossati.

Obiettivo dell’azione sinergica: mettere a fattor comune tutte le informazioni raccolte, analizzare scenari e possibili soluzioni, affrontare tutte le tematiche connesse. In una parola: fare quadrato, ciascuno per la propria parte, per dare risposte a quella che si è configurata come una vera e propria urgenza.

Continua l’impegno per programmare una strategia regionale, sottolinea l’assessore, e tra le prime azioni la convocazione degli “Stati generali dell’acqua” declinati sui tre segmenti principali, uso potabile, agricolo e settore idroelettrico, articolati in tavoli tematici con la partecipazione di tecnici ed esperti nei vari settori, chiamati ad esaminare e proporre possibili soluzioni ed interventi modulati sul breve, medio e lungo periodo. Una sorta di “summit” aggiunge, dal quale far scaturire un documento regionale da sottoporre al Governo e sulla cui base arrivare alla costituzione di un comitato permanente per la tutela delle acque piemontesi.

N.B. Il presente comunicato è mancante di nomi e virgolettati secondo quanto disposto dall’art.9 c.1 della legge 22 febbraio 2000 n.28 in tema di par condicio nei periodi pre-elettorali.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte. 

Da lunedì quattro treni diretti tra Biella e Torino

La Regione Piemonte ha accolto con soddisfazione la notizia che da lunedì 12 settembre Trenitalia effettuerà quattro corse dirette tra Biella e Torino in aggiunta a quelle già in orario.

I nuovi collegamenti, decisi su richiesta della Regione stessa e di Agenzia per la Mobilità ed in collaborazione con le Istituzioni del territorio ed i comitati dei pendolari, partiranno da Biella alle ore 6.10 e alle 12.27 con arrivo a Torino Lingotto rispettivamente alle ore 7.13 e alle ore 13.33, dalla stazione Lingotto alle ore 7.46 con arrivo a Biella alle ore 8.49 e alle ore 18.46 con arrivo alle ore 19.49.

L’assessore regionale ai Trasporti ha richiesto a Trenitalia un ulteriore sforzo per individuare orari più adeguati alle esigenze dei biellesi, soprattutto nella fascia mattutina, e si è detto fiducioso di ottenere un risultato degno di questo territorio.

I nuovi collegamenti saranno monitorati da Regione, Agenzia per la Mobilità e Trenitalia per valutare eventuali rimodulazioni. La loro introduzione si aggiunge alla riorganizzazione dei servizi attiva da luglio, con la modifica della periodicità di circolazione il sabato, la domenica e nei festivi. Nei giorni non feriali, infatti, gli orari in vigore, con cadenza bioraria, offrono maggiori possibilità di spostamento ai passeggeri e la prosecuzione del viaggio da/per Santhià e Novara con i treni regionali veloci della linea Torino-Milano.

Tutti i canali di vendita Trenitalia sono aggiornati con la nuova offerta.

N.B. Il presente comunicato è mancante di nomi e virgolettati secondo quanto disposto dall’art.9 c.1 della legge 22 febbraio 2000 n.28 in tema di par condicio nei periodi pre-elettorali.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte. 

Fondo sostegno alla locazione: arrivano 23 milioni e 2 di “premio” per il Piemonte

La Giunta Regionale, su proposta dell’assessore regionale alla Casa, ha ripartito ai Comuni capofila del Piemonte 25 milioni di euro del Fondo alla locazione privata. Lo stanziamento statale è di 23 milioni di euro più 2 di “bonus” riservati al Piemonte per per il sostegno all’abitazione fornito anche con il finanziamento delle Agenzie sociali per la locazione. Rispetto all’edizione del 2021, quindi, ci sono 4 milioni in più da ripartire.

Per l’assessore regionale alla Casa si tratta di una fondamentale boccata d’ossigeno in un momento più che mai delicato caratterizzato dall’aumento dei costi dell’energia che andranno a colpire soprattutto le fasce più deboli della popolazione, che potrebbero trovarsi brutte sorprese nella buca delle lettere. Così, insieme ad altre misure - ad oggi ancora in fase di studio - questi 25 milioni di euro andranno a sostenere chi paga l’affitto nel mercato privato e versa in condizioni di oggettiva difficoltà.

I fondi verranno ripartiti nei 71 Comuni capofila, e distribuiti da questi ultimi a tutti gli altri centri del territorio, a seconda delle necessità.

Per l’assessore biellese si tratta di un’operazione che permetterà di sostenere in modo concreto i piemontesi nel difficile percorso che si troveranno ad affrontare nei prossimi mesi.

In base alle prime simulazioni - ancora provvisorie e al ribasso - è realistico prevedere che, come minimo, nell’Alessandrino andrà un milione e 100mila euro, nel Biellese 300 mila euro, nella provincia di Asti 600 mila euro, un milione e mezzo in quella di Cuneo, uno nel Novarese, 300 mila euro a Vercelli e 250 mila nel Vco. A fare la parte del leone è sempre l’area metropolitana torinese, che potrebbe ricevere circa 17 milioni.

Ora, una volta perfezionata la ripartizione esatta, i 71 Comuni capofila dovranno aprire i bandi per almeno 30 giorni da ottobre a dicembre 2022: la cittadinanza interessate dovrà quindi interfacciarsi con i Comuni tenendo d’occhio anche i siti istituzionali degli Enti Pubblici interessati.

Lo scorso anno a usufruire della misura erano state 18mila famiglie piemontesi.

N.B. Il presente comunicato è mancante di nomi e virgolettati secondo quanto disposto dall’art.9 c.1 della legge 22 febbraio 2000 n.28 in tema di par condicio nei periodi pre-elettorali.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte. 

Problema siccità. Le proposte di Regione Piemonte e della Commissione Ambiente Energia e Sostenibilità delle Regioni

Affrontare il problema della siccità in prospettiva strutturale, con un approccio legato alla pianificazione distrettuale; semplificare le normative per accelerare gli iter autorizzativi relativi alle opere di accumulo e di trasporto delle risorse idriche; sostenere misure volte al risparmio idrico urbano, come la realizzazione delle reti duali; costituire una Cabina di Regia nazionale che coinvolga i Ministeri per assicurare il coordinamento nella pianificazione degli interventi strutturali a medio – lungo termine, in modo da limitare gli interventi emergenziali e portare alla realizzazione di un’infrastruttura nazionale idrica più solida; arrivare ad un maggior coordinamento e coinvolgimento diretto dei Presidenti delle Regioni in quanto dotati di ampia conoscenza del proprio territorio.

Queste, in estrema sintesi, le proposte contenute nel documento, fortemente sostenuto dall’assessore all’Ambiente di Regione Piemonte, approvato oggi dalla CAES (Commissione Ambiente Energia Sostenibilità) delle Regioni e scaturito dalle riunioni, coordinate dalla Protezione Civile nazionale, dopo la dichiarazione dello stato di emergenza per la crisi idrica, che ha colpito l’intero territorio italiano ma in modo più significativo le Regioni del Nord, tra cui il Piemonte.

Da queste riunioni, in merito alle opere emergenziali da avviare con celerità è emersa la necessità di modificare le modalità di intervento nella programmazione e gestione delle infrastrutture idropotabili e irrigue del nostro Paese, adottando un approccio sistemico che sortirebbe l’effetto di limitare l’emergenza potenziando la messa in sicurezza delle infrastrutture idriche per l’approvvigionamento, anche con funzione preventiva.

Per l’assessore all’Ambiente di Regione Piemonte, e coordinatore delle attività del tavolo per l’emergenza idrica, è fondamentale la programmazione di interventi strutturali per aumentare la resilienza rispetto ai cambiamenti climatici e questo documento si prefigura come una proposta concreta al Governo per avviare misure strutturali.

N.B. Il presente comunicato è mancante di nomi e virgolettati degli esponenti politici secondo quanto disposto dall’art.9 c.1 della legge 22 febbraio 2000 n.28 in tema di par condicio nei periodi pre-elettorali.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte. 

Welfare e trasporti: per i dipendenti regionali metà del costo dell’abbonamento lo pagherà la Regione. Per le famiglie in arrivo altre grandi novità

Un aiuto concreto a centinaia di famiglie in un momento di grave difficoltà. Si è detta soddisfatta l’assessore al Personale e alla Famiglia dell’iniziativa che permetterà, ai più di 2000 dipendenti regionali, un sostanzioso risparmio sulle spese di trasporto per raggiungere il proprio luogo di lavoro.

A partire dal 1 aprile 2023 a tutti i dipendenti regionali che acquisteranno l’abbonamento annuale al Trasporto pubblico locale tramite la procedura di “Agevolazione al mezzo pubblico di Regione Piemonte” sarà riconosciuto uno sconto pari al 50 per cento, esattamente la metà del costo dell’abbonamento annuale al Trasporto pubblico locale.

Il tutto grazie all’iniziativa di welfare aziendale avviata da Regione Piemonte e al contributo del Ministero della transizione ecologica – MITE. Il costo del 50 per cento non a carico dei dipendenti, infatti, verrà sostenuto al 20 per cento da Regione Piemonte e per il restante dal Ministero per la Transazione Ecologica.

L’iniziativa sarà assicurata anche ai possessori di abbonamento annuale acquistato tramite procedura di “Agevolazione al mezzo pubblico di Regione Piemonte con decorrenza al 01 settembre 2022” (quella che permette, sempre grazie alla sensibilità della Regione, la rateizzazione in busta paga del costo del 50 per cento dell’abbonamento) che potranno interrompere il contratto in corso al 31 marzo 2023 senza aggravio economico o penali e potranno richiedere un nuovo abbonamento annuale con decorrenza al 1 aprile del prossimo anno, sempre pagando la metà.

La procedura di “Agevolazione al mezzo pubblico ed incentivo economico pari al 50% di Regione Piemonte” sarà resa pubblica a febbraio in modo da consentire a tutti i dipendenti di organizzare il proprio acquisto o rinnovo.

Ma le buone notizie, per i dipendenti regionali, non finiscono qui: Il Governo ha infatti stanziato 180 milioni di euro, da destinare alla creazione di un buono da utilizzare per l’acquisto di abbonamenti per i servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale o per il trasporto ferroviario nazionale. Le regole sono semplici: il bonus trasporti può esser richiesto solo da chi ha posseduto nel 2021 un reddito personale lordo annuo di massimo 35mila euro. La richiesta va fatta da ciascun interessato per sé o per conto di un minorenne entro il 31 dicembre 2022.

Importante sapere però che chi ha acquistato attraverso la procedura regionale di “Agevolazione al mezzo pubblico di Regione Piemonte”, che scadeva il 1 settembre, non potrà aderire a questo sussidio ed usufruire del bonus, semplicemente perché l’acquisto è avvenuto prima della disponibilità del portale nazionale.

Diversa la situazione di chi intende acquistare autonomamente un titolo di viaggio (annuale, mensile o relativo a più mensilità) per servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale e servizi di trasporto ferroviario nazionale: in questo caso il bonus è valido e cumulabile con quello regionale: per usufruirne sarà sufficiente segue la procedura indicata sul portale nazionale, registrandosi alla piattaforma: www.bonustrasporti.lavoro.gov.it e seguendo tutte le istruzioni che verranno impartite.

L’assessore regionale al Personale e alla Famiglia ha evidenziato che in un anno che si preannuncia “caldissimo” e non soltanto per il clima è fondamentale offrire un supporto a chi, per venire a lavorare quotidianamente, è costretto a sostenere spese non indifferenti, che potranno essere dirottate, magari per ammortizzare il previsto aumento dei costi della vita e soprattutto delle utenze di gas ed energia.

Per l’assessore al Personale e alla Famiglia queste agevolazioni dimostrano che quando gli Enti istituzionali - in questo caso Regione e Governo - lavorano in sinergia e nell’esclusivo interesse dei cittadini, i risultati possono arrivare: tangibili e concreti.

Per quanto riguarda il benessere lavorativo e la conciliazione lavoro e cura della famiglia, l’assessore ha annunciato di essere al lavoro, insieme ai propri uffici, da mesi, per elaborare una serie di misure che aumenteranno significativamente il benessere dei dipendenti, in particolare con un occhio di riguardo verso le donne.

N.B. Il presente comunicato è mancante di nomi e virgolettati degli esponenti politici secondo quanto disposto dall’art.9 c.1 della legge 22 febbraio 2000 n.28 in tema di par condicio nei periodi pre-elettorali.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte. 

 ATTI DELLO STATO  

Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze 5 agosto 2022

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 213 del 12.9.2022 il Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze 5 agosto 2022:

Modifiche al decreto 11 ottobre 2021 che stabilisce le procedure relative alla gestione finanziaria delle risorse previste nell'ambito del PNRR, di cui all'articolo 1, comma 1042, della legge 30 dicembre 2020, n. 178. 

Comunicato del Ministero dell’Interno

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 211 del 9.9.2022 il Comunicato del Ministero dell’Interno:

Istituzione del fondo finalizzato a rafforzare gli interventi del Piano nazionale di ripresa e resilienza da parte dei comuni con popolazione superiore a cinquecentomila abitanti.

Ordinanza del Ministero della Salute 8 agosto 2022

E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 212 del 10.9.2022 l’Ordinanza del Ministero della Salute 8 agosto 2022:

Proroga dell'ordinanza contingibile e urgente 6 agosto 2013, e successive modificazioni, concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani.

Ordinanza del Ministero della Salute 12 agosto 2022

E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 212 del 10.9.2022 l’Ordinanza del Ministero della Salute 12 agosto 2022:

Proroga dell'ordinanza contingibile e urgente 21 luglio 2011 e successive modificazioni, in materia di disciplina delle manifestazioni popolari, pubbliche o private, nelle quali vengono impiegati equidi al di fuori degli impianti e dei percorsi ufficialmente autorizzati.

ORDINANZE COMMISSARIALI 

Ordinanza commissariale n. 3/A1700A/A1800A/A19000/615-620-622-710-743 del 08/09/2022

E’ stata pubblicata sul Supplemento Ordinario n. 2 al Bollettino Ufficiale n. 37 del 15 settembre 2022 l’Ordinanza commissariale n. 3/A1700A/A1800A/A19000/615-620-622-710-743 del 08/09/2022:

Art. 25, comma 2, lettera c) Decreto legislativo n. 1/2018. Primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza di eccezionali eventi meteorologici verificatisi nel territorio piemontese nei giorni 2 e 3 ottobre 2020. Ordinanza commissariale n. 1/A18.000/615-620-622-710-743 del 13 ottobre 2021. Atto di riparto delle risorse ai Comuni per l'erogazione dei contributi per l'immediata ripresa delle attività economiche e produttive. Approvazione della tabella dei beneficiari.

PROVVEDIMENTI DELL'AMMINISTRAZIONE REGIONALE 

I testi dei provvedimenti qui pubblicati costituiscono un mero strumento di consultazione documentale privo di qualsiasi valore giuridico. Salvo diversa indicazione tutti i file sono pubblicati in formato Pdf oppure compressi in formato Zip.

Contributi ai Comuni per l'adeguamento obbligatorio della strumentazione urbanistica ex L.R.24/96. Accertamento della somma complessiva di Euro 65.785,52 sul capitolo 36459/2022 del Bilancio finanziario gestionale 2022-2024 annualità 2022

La Direzione Ambiente, Energia e Territorio, con D.D. 6 settembre 2022, n. 470, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 37 del 15 settembre 2022, ha accertato la somma complessiva di € 65.785,52 nei confronti dei Comuni indicati nell’Allegato 1 a titolo di restituzione di contributo regionale non utilizzato sul capitolo di entrata n. 36459 del Bilancio di previsione finanziario 2022- 2024 annualità 2022 la cui transazione elementare è rappresentata nell’allegato Appendice A.

L’accertamento dell’importo complessivo erogato ad ogni singolo Comune corrisponde alle quote indicate nel citato Allegato 1.

Disposizioni per il sostegno a favore dei Comuni piemontesi per la digitalizzazione delle pratiche edilizie, anno 2022

La Direzione Ambiente, Energia e Territorio, con D.D. 12 settembre 2022, n. 5602, ha confermato, ai sensi del Regolamento 8/R/2018, per l’anno 2022, il sostegno all’attivazione e alle spese di gestione del servizio MUDE Piemonte a favore dei Comuni piemontesi che ne usufruiscono o che ne facciano richiesta entro il 31 dicembre 2022 con le modalità operative che saranno rese note mediante apposito comunicato sulla pagina web del MUDE Piemonte (http://www.mude.piemonte.it), destinando l’importo massimo di € 39.834,86 e stabilendo che per le nuove attivazioni si ricorra alla procedura “a sportello” ai sensi del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 123 “Disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno pubblico alle imprese, a norma dell'articolo 4, comma 4, lettera c), della legge 15 marzo 1997, n. 59” (articolo 5).

Modifica del termine per l'acquisizione a sistema del verbale della Commissione consultiva comunale per l'agricoltura e le foreste di cui alla l.r. 63/78, in attuazione della D.G.R. n. 52 - 5627 del 12 settembre 2022

La Direzione Ambiente, Energia e Territorio, con D.D. 12 settembre 2022, n. 484,  pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 37 del 15 settembre 2022, ha modificato, in attuazione della D.G.R. n. 52 - 5627 del 12 settembre 2022, il terzo capoverso del paragrafo 7 “Istruttoria e procedure di controllo del rispetto degli impegni” dell’“Avviso per la presentazione telematica delle domande di indennità per la conservazione del patrimonio tartufigeno regionale”, approvato con D.D. n. 502/A1614A/2021 del 3 agosto 2021, come da ultimo modificata con D.D. n. 317/A1614A/2022 del 30 giugno 2022, come di seguito esplicitato:

“Acquisito il verbale della Commissione, il Comune, entro 90 giorni dal termine per la presentazione delle domande stabilito nel bando, lo inserisce a sistema insieme al numero delle piante tartufigene riconosciute per ciascuna particella o appezzamento”.

Il termine per l’acquisizione a sistema del verbale della Commissione consultiva comunale per l’agricoltura e le foreste di cui all’articolo 8 della legge regionale 12 ottobre 1978, n. 63 insieme al numero delle piante tartufigene riconosciute per ciascuna particella o appezzamento trova pertanto scadenza in data 13 ottobre 2022.

SCADENZE UTILI 

Si specifica che questo memorandum non ha valore legale e può non essere esaustivo di tutti i provvedimenti adottati per i quali è previsto il rispetto di un termine perentorio.

Scadenze del mese di SETTEMBRE (n. 19 provvedimenti segnalati)

1) Approvazione delle procedure per la presentazione dei progetti in attuazione del Programma per la montagna - annualità 2022.

La Direzione Ambiente, Energia e Territorio, con D.D. 15 luglio 2022, n. 358, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 30 del 28 luglio 2022, ha approvato le procedure del “Programma di attuazione per la montagna - annualità 2022” secondo le modalità riportate nell’allegato B) al presente provvedimento.

Le schede vanno presentate dalle Unioni montane entro e non oltre il 6 settembre 2022.

 

2) Bando per l'attribuzione di contributi alle Amministrazioni comunali e provinciali per la realizzazione di interventi di bonifica, con rimozione, di manufatti contenenti amianto su edifici di proprietà

La Direzione Ambiente, Energia e Territorio, con D.D. 7 Luglio 2022, n. 334 pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 28 del 14 luglio 2022, ha  approvato, in attuazione di quanto disposto dalla Giunta regionale con deliberazione n. 11-5284 del 1 luglio 2022 ai sensi dell'articolo 4 della legge regionale 30/2008, il bando per l’attribuzione di contributi alle Amministrazioni comunali e provinciali per la realizzazione di interventi di bonifica, con rimozione, di manufatti contenenti amianto su edifici di proprietà. Le istanze di contributo dovranno essere presentate entro il termine del 9 settembre 2022.

 

3) Approvazione criteri di accesso ai finanziamenti rivolti ai Comuni, singoli o associati, per la realizzazione di "Progetti di supporto psico-fisico".

La Direzione Sanità e Welfare, con D.D. 20 Giugno 2022, n. 1087, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 25 del 23 giugno 2022, ha approvato il bando regionale (allegato A), oltre ai seguenti allegati a completamento del bando stesso, quali parti integranti e sostanziali alla presente determinazione inerente la concessione di finanziamenti finalizzati al sostegno di “Progetti di supporto psico-fisico”:

- allegato B - Modulo di domanda e Scheda progetto;
- allegato C - Dichiarazione di intenti per la costituzione del partenariato;
- allegato D - Modello informativa trattamento dei dati personali.


E’ fissata per il 15/09/2022, alle ore 12.00, la data di scadenza per la presentazione delle domande secondo le modalità previste nell’Allegato A, parte integrante e sostanziale della presente determinazione.

E’ demandata ad apposita determinazione dirigenziale del dirigente competente della Direzione Sanità e Welfare la nomina di un Nucleo di valutazione, composto da Dirigenti e/o funzionari della Direzione Sanità e Welfare, volto ad esaminare le istanze che perverranno a seguito del bando di cui all’allegato A, parte integrante e sostanziale della presente determinazione. 

 

4) Avviso per manifestazione di interesse alla partecipazione al piano di digitalizzazione di patrimonio culturale pubblico piemontese tramite le risorse del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) - Missione 1 "Digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura'', Componente 3 - Cultura 4.0 (M1C3), Misura 1 "Patrimonio culturale per la prossima generazione", Investimento 1.1.

La Direzione Cultura e Commercio, con D.D. 5 agosto 2022, n. 195, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 35 del 1 settembre 2022, ha approvato l’Avviso per manifestazione di interesse, cui all’Allegato 1, per selezionare soggetti dotati di istituti culturali con sede in Piemonte, compresi gli archivi comunali, idonei all’attivazione di cantieri finalizzati all’attività di digitalizzazione di beni culturali in disponibilità pubblica, da svolgersi tramite le risorse assegnate alla Regione Piemonte nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza - Missione 1 "Digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura, Componente 3 - Cultura 4.0 (M1C3), Misura 1 "Patrimonio culturale per la prossima generazione", Investimento 1.1 "Strategie e piattaforme digitali per il patrimonio culturale", Sub-investimento 1.1.5 "Digitalizzazione del patrimonio culturale".

L’adesione al presente avviso di manifestazione di interesse deve avvenire a mezzo piattaforma digitale Sistema Piemonte – Cultura, Turismo e Sport - Bandi LR. 11/2018 - FINanziamenti DOMande nel periodo compreso tra il 02.09.2022 ore 9.00 e il 22.09.2022 ore 12.00.

E’ approvata in relazione alla suddetta Manifestazione la Scheda progetto che costituisce l’allegato 1A alla presente determinazione dirigenziale.

La Scheda Progetto di cui all’Allegato 1A della presente determinazione dirigenziale, costituisce elencazione dei dati dei quali è obbligatorio il caricamento da parte dei soggetti che presentano istanza a mezzo piattaforma digitale Sistema Piemonte – Cultura, Turismo e Sport - Bandi L.r. 11/2018 – Finanziamenti domande ai sensi della Manifestazione di interesse.

E’ demandata a una successiva determinazione dirigenziale, da assumere dopo la scadenza per la presentazione delle istanze, la costituzione della commissione per la valutazione delle istanze ricevute.

 E’ demandata, in attuazione della suddetta Manifestazione di interesse, a una successiva determinazione dirigenziale – da assumere all’avvenuto espletamento della fase valutativa dei progetti presentati - l’individuazione dei soggetti dotati di istituti culturali con sede in Piemonte, compresi gli archivi comunali, idonei all’attivazione di cantieri finalizzati all’attività di digitalizzazione di beni culturali in disponibilità pubblica per l’attuazione della misura.

 

5) “Progetto europeo Mindchangers” n. CSO-LA/2020/415-010. Approvazione del “Bando Giovani e Agenda 2030”. Bando per il sostegno di iniziative di Autorità Locali e Organizzazioni della Società Civile - Anno 2022.

La Direzione Coordinamento politiche e fondi europei – Turismo e Sport, con D.D. 16 giugno 2022, n. 120, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 25 del 23 giugno 2022, ha approvato, nell’ambito del progetto europeo “Mindchangers” n. CSO-LA/2020/415-010 e in attuazione della D.G.R. n. 32 - 5193 del 14 giugno 2022, il Bando “Giovani e Agenda 2030. Bando per il sostegno di iniziative di Autorità Locali e Organizzazioni della Società Civile – Anno 2022” allegato alla presente determinazione (Allegato 1).

Sarà definito, con successivi atti amministrativi, a seguito delle procedure di istruttoria delle domande presentate secondo quanto previsto dal Bando di cui all’Allegato 1, l’ammontare dei contributi da assegnare a ciascun soggetto utilmente inserito in graduatoria.

Saranno erogati i contributi assegnati secondo le modalità stabilite dal sopracitato Bando.

 

6) Avviso pubblico per la presentazione di proposte di intervento per il restauro e la valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico rurale da finanziare nell'ambito del PNRR M1C3 Investimento 2.2. ''Protezione e valorizzazione dell'architettura e del paesaggio rurale'' finanziato dall'Unione Europea - NextGenerationEU - Riapertura dei termini di presentazione delle domande.

La Direzione Cultura e Commercio, con D.D. 1 Luglio 2022, n. 135, pubblicata sul Supplemento Ordinario n. 4 del 5 luglio al Bollettino Ufficiale n. 26 del 30 giugno 2022, ha preso atto che il termine per la trasmissione al Ministero dell'elenco delle domande ammesse a finanziamento - previsto all’art. 3, comma 3 del DM 18 marzo 2022 - è stato differito al 30 novembre 2022 con DM n. 257 del 24 giugno 2022.

E’ stata approvata la riapertura dei termini della procedura a sportello di presentazione e selezione delle domande di finanziamento, con riferimento alla apertura di finestra temporale che va dalle ore 12:00 del giorno 5 luglio 2022 alle ore 16:59 del giorno 30 settembre 2022.

Tutte le domande presentate a seguito della riapertura dei termini saranno poste in coda a tutte quelle già pervenute entro le ore 16:59 del 15 giugno 2022 e saranno esaminate nel rigoroso rispetto dell’ordine temporale di arrivo, fino ad esaurimento della dotazione finanziaria effettivamente disponibile in ossequio a quanto già previsto dall’art. 8 dell’Avviso pubblico approvato con D.D. n. 52 del 21 aprile 2022 del Settore Valorizzazione del Patrimonio Culturale, Musei e Siti UNESCO.

L’avvio della procedura di primo accredito su Applicativo Cassa Depositi e Prestiti e di autenticazione sarà consentito a nuovi Soggetti Proponenti entro e non oltre il 23 settembre 2022.

Non sarà possibile presentare una ulteriore domanda per quei Soggetti proponenti che prima della scadenza del 15 giugno u.s. abbiano completato l’iter di trasmissione della prima domanda; solo nel caso in cui, a seguito di istruttoria amministrativa, la domanda già trasmessa dovesse risultare carente sul piano documentale, sarà l’Ufficio regionale competente a comunicare a mezzo PEC la possibilità di ripresentazione della domanda, previo annullamento della precedente.

I Soggetti proponenti le cui domande risultano trasmesse in orario successivo alle ore 16:59 del 15 giugno 2022, e quindi pervenute fuori termine, dovranno ritrasmettere la propria domanda, per effetto del presente provvedimento.

Sono state rinviate alle indicazioni operative sulle funzionalità dell’applicativo CDP, allegato al presente provvedimento quale parte integrante e sostanziale, per ogni ulteriore dettaglio connesso alla procedura informatica di presentazione delle domande, come sarà pubblicata sia sulla pagina web del portale istituzionale di Regione Piemonte dedicata all’Avviso, sia nella home dell’Applicativo medesimo.

Resta valida ogni altra disposizione dell’Avviso pubblico approvato con DD n. 52 del 21 aprile 2022.

 

7) Approvazione dell'Avviso pubblico per la presentazione di richieste di contributo a sostegno di attività espositive per il triennio 2022/2024. Approvazione della modulistica.

La Direzione Cultura e Commercio, con D.D. 19 Luglio 2022, n. 157, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 30 del 28 luglio 2022, ha approvato, ai sensi della l.r. 11/2018 e della deliberazione del Consiglio Regionale n. 227 – 13907 del 5 luglio 2022:
a) l’“Avviso pubblico di finanziamento” per la presentazione di domanda di contributo ai sensi dell’art. 35, comma 1 della l.r. 11/2018 per la realizzazione di attività espositive per il triennio 2022/2024, di cui all’Allegato 1;
b) il modello di “relazione descrittiva delle linee progettuali per il triennio 2022/2024 e programma dettagliato per l’anno 2022” (Modello “Rel_ESP_2022”- Allegato 2), da utilizzarsi per l’anno 2022;
c) il “modulo di autocertificazione per i soggetti partner del soggetto capofila richiedente” - Modello “Autcorea_ESP_2022” (Allegato 3), da utilizzarsi per l’anno 2022 solo se l’istanza è riferita ad una iniziativa condivisa da più di un soggetto.

La documentazione di cui ai punti a), b) e c) costituisce parte integrante e sostanziale della presente determinazione dirigenziale.


8) Approvazione dell'Avviso pubblico per la presentazione di richieste di contributo per attività di programmazione e promozione dello Spettacolo dal vivo per il triennio 2022/2024. Approvazione della modulistica.

La Direzione Cultura e Commercio, con D.D. 19 luglio 2022, n. 154, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 30 del 28 luglio 2022, ha approvato, ai sensi della l.r. 11/2018 e della deliberazione del Consiglio Regionale n. 227-13907 del 5 luglio 2022:
a) l’“Avviso pubblico di finanziamento” per la presentazione di domanda di contributo ai sensi dell’art. 31 della l.r. 11/2018 per la realizzazione di attività di programmazione e promozione dello Spettacolo dal vivo per il triennio 2022/2024 (comparti danza, musica, teatro, spettacolo di strada e il circo contemporaneo), di cui all’Allegato 1.

b) il modello relativo alle linee progettuali per il triennio 2022/2024 concernenti l’iniziativa oggetto dell’istanza, la relazione descrittiva e il programma dettagliato per l’anno 2022” (Modello “Rel_SdV_Programmazione”), Allegato 2, da utilizzarsi per l’anno 2022;

c) il modello di autocertificazione per i soggetti partner del soggetto capofila richiedente” - Modello “Corea_SdV_Programmazione”, Allegato 3, da utilizzarsi per l’anno 2022, solo se l’istanza è riferita ad una iniziativa condivisa da più di un soggetto. La documentazione di cui alle lettere a), b) e c) costituisce parte integrante e sostanziale della presente determinazione dirigenziale.


9) Approvazione dell'Avviso pubblico per la presentazione di richieste di contributo per la promozione di rievocazioni e carnevali storici per l'anno 2022. Approvazione della modulistica.

La Direzione Cultura e Commercio, con D.D. 19 Luglio 2022, n. 158, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 30 del 28 luglio 2022, ha approvato, ai sensi della l.r. 11/2018 e della deliberazione del Consiglio Regionale n. 227-13907 del 5 luglio 2022:
a) l’“Avviso pubblico di finanziamento” per la presentazione di domanda di contributo ai sensi dell’art. 36, comma 2, lettere b) e c) della l.r. 11/2018 per la realizzazione di rievocazioni e carnevali storici, per l’anno 2022, di cui all’Allegato 1;
b) il “modulo di domanda” (Allegato 1a), inclusivo dell’autocertificazione dei dati fiscali e bancari, da utilizzarsi per l’anno 2022;
c) il modello di “relazione descrittiva e programma dettagliato per l’anno 2022” – Modello “Scheda_Progetto_Riev-Carn” (Allegato 1b), da utilizzarsi per l’anno 2022;
d) il modello di “bilancio preventivo del progetto” - Modello “Bilancio_Riev-Carn” (Allegato 1c), da utilizzarsi per l’anno 2022;
e) il “modulo di autocertificazione per i soggetti partner del soggetto capofila richiedente” - Modello “Autcorea_Riev-Carn” (Allegato 1d), da utilizzarsi per l’anno 2022 solo se l’istanza è riferita ad una iniziativa condivisa da più di un soggetto.

La documentazione di cui alle lettere da a) ad e) costituisce parte integrante e sostanziale della presente determinazione dirigenziale.


10) Approvazione dell'Avviso pubblico per la presentazione di richieste di contributo per la valorizzazione e promozione del patrimonio linguistico e culturale del Piemonte per l'anno 2022. Approvazione della modulistica.

La Direzione Cultura e Commercio, con D.D. 19 Luglio 2022, n. 159, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 30 del 28 luglio 2022, ha approvato, ai sensi della l.r. 11/2018 e della deliberazione del Consiglio Regionale n. 227-13907 del 5 luglio 2022:
a) l’“Avviso pubblico di finanziamento” per la presentazione di domanda di contributo ai sensi dell’art. 38 della l.r. 11/2018 per la valorizzazione e promozione del patrimonio linguistico e culturale del Piemonte, per l’anno 2022, di cui all’Allegato 1;
b) il “modulo di domanda” (Allegato 1a), inclusivo dell’autocertificazione dei dati fiscali e bancari, da utilizzarsi per l’anno 2022;
c) il modello di “relazione descrittiva e programma dettagliato per l’anno 2022” – Modello “Scheda_Progetto_PLC” (Allegato 1b), da utilizzarsi per l’anno 2022;
d) il modello di “bilancio preventivo del progetto” - Modello “Bilancio_PLC” (Allegato 1c), da utilizzarsi per l’anno 2022;
e) il “modulo di autocertificazione per i soggetti partner del soggetto capofila richiedente” - Modello “Autcorea_PLC” (Allegato 1d), da utilizzarsi per l’anno 2022 solo se l’istanza è riferita ad una iniziativa condivisa da più di un soggetto.

La documentazione di cui alle lettere da a) ad e) costituisce parte integrante e sostanziale della presente determinazione dirigenziale.


11) Approvazione dell'Avviso pubblico di finanziamento per la presentazione di domanda di contributo, da parte di enti privati e pubblici, a sostegno di attività di promozione del Libro e della Lettura dei premi e dei concorsi letterari per l'anno 2022. Approvazione della relativa modulistica.

La Direzione Cultura e Commercio, con D.D. 20 luglio 2022, n. 164, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 30 del 28 luglio 2022, ha approvato, secondo quanto stabilito dalla deliberazione del Consiglio regionale n. 227-13907 del 5 luglio 2022 e dalla deliberazione della Giunta regionale n. 24-5377 del 15 luglio 2022, l’Avviso pubblico di finanziamento “Promozione del libro e della lettura, dei premi e dei concorsi letterari” per l’anno 2022 per la presentazione di domanda di contributo ai sensi della l.r. 11/2018 art 27 da parte di enti pubblici e privati di cui all’Allegato 1, parte integrante e sostanziale della presente determinazione dirigenziale.

La presentazione delle istanze deve avvenire a mezzo piattaforma digitale Sistema Piemonte – Cultura, Turismo e Sport - Bandi LR. 11/2018 - FINanziamenti DOMande nel periodo compreso tra il giorno successivo alla pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte ore 9.00 e il 23 settembre 2022 ore 12.00.

Le linee di intervento alle quali fa riferimento l’Avviso pubblico di cui all’Allegato 1 della presente determinazione, sono le seguenti: 
Linea A Promozione del libro e della lettura cui sono destinate il 70% delle risorse complessive per l’attuazione dell’avviso;
Linea B Premi e concorsi letterari cui sono destinate il 30% delle risorse complessive per l’attuazione dell’avviso.

Sono approvati in riferimento al suddetto avviso pubblico il “Modulo per la relazione illustrativa del progetto oggetto dell’istanza” (Modello Rel_2022) su cui verte la richiesta di contributo, e per le iniziative co-realizzate da più di un soggetto il “Modulo di autocertificazione per i soggetti partner del soggetto capofila richiedente” (Modello Aut_2022). Detti due moduli costituiscono rispettivamente gli Allegati 1a e 1b alla presente determinazione dirigenziale, di cui fanno parte integrante e sostanziale.

I moduli di cui agli Allegati 1a e 1b della presente determinazione per farne parte integrante e sostanziale, costituiscono elencazione dei dati dei quali è obbligatorio il caricamento, secondo quanto previsto nell’avviso pubblico, da parte dei soggetti che presentano istanza a mezzo piattaforma digitale Sistema Piemonte – Cultura, Turismo e Sport - Bandi LR. 11/2018 - FINanziamenti DOMande ai sensi del medesimo Avviso pubblico.


12) Approvazione dell'Avviso pubblico di finanziamento per la presentazione di domanda di contributo, da parte di enti privati e pubblici, a sostegno di attività di Valorizzazione e promozione dei beni archivistici e bibliografici di interesse culturale per l'anno 2022. Approvazione della relativa modulistica.

La Direzione Cultura e Commercio, con D.D. 20 luglio 2022, n. 163, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 30 del 28 luglio 2022, ha approvato, secondo quanto stabilito dalla deliberazione del Consiglio regionale n. 227-13907 del 5 luglio 2022 e dalla deliberazione della Giunta regionale n. 24-5377 del 15 luglio 2022 l’Avviso pubblico di finanziamento “Valorizzazione e promozione dei beni archivistici e bibliografici di interesse culturale per l’anno 2022” per la presentazione di domanda di contributo ai sensi della l.r. 11/2018 artt. 21 e 23 da parte di enti pubblici e privati, di cui all’Allegato 1, parte integrante e sostanziale della presente determinazione dirigenziale.

La presentazione delle istanze deve avvenire tramite PEC nel periodo compreso tra il giorno successivo alla pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte e il 23 settembre 2022.

E’ approvato, in riferimento al suddetto avviso pubblico il “Modulo di domanda 2022” per la presentazione dell’istanza e del bilancio dell’attività; il “Modello della relazione descrittiva del programma di attività” (Modello Rel_2022) su cui verte la richiesta di contributo e il “Modello di autocertificazione per i soggetti partner del soggetto capofila richiedente” (Modello Aut_2022) per le iniziative co-realizzate da più di un soggetto.

Detti tre moduli costituiscono rispettivamente gli Allegati 1a, 1b e 1c alla presente determinazione dirigenziale, di cui fanno parte integrante e sostanziale.


13) Approvazione dell'Avviso pubblico Sostegno a favore delle biblioteche di Ente Locale per l'incremento del patrimonio bibliografico. Approvazione della relativa modulistica.

La Direzione Cultura e Commercio, con D.D. 20 luglio 2022, n. 165, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 30 del 28 luglio 2022, ha approvato, secondo quanto stabilito dalla deliberazione del Consiglio regionale n. 227-13907 del 5 luglio 2022 e dalla deliberazione della Giunta regionale n. 24 - 5377 del 15 luglio 2022 l’Avviso pubblico di finanziamento “Sostegno a favore delle biblioteche di ente locale per l’incremento del patrimonio bibliografico per l’anno 2022” per la presentazione di domanda di contributo ai sensi della l.r. 11/2018 da parte di enti pubblici, di cui all’Allegato 1, parte integrante e sostanziale della presente determinazione dirigenziale.

La presentazione delle istanze debba avvenire tramite Sistema Piemonte - FINanziamento DOMande nel periodo compreso tra il giorno successivo alla pubblicazione dell’Avviso sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte e il 23 settembre 2022, ore 12,00.

Sono ritenuti ammissibili ai fini dell’espletamento dell’istruttoria relativa all’Avviso pubblico “Sostegno a favore delle biblioteche di ente locale per l’incremento del patrimonio bibliografico per l’anno 2022 gli Enti che, nel corso dell’anno 2021, abbiano sostenuto con risorse proprie spese per l’acquisto di materiale bibliografico destinato alle proprie biblioteche pari o superiori a Euro 0,50 per abitante.

Sono approvati, in riferimento al suddetto Avviso pubblico:
- il Modulo A per la rendicontazione delle risorse proprie dell’Ente liquidate nel corso del 2021;
- il Modulo B per la relazione descrittiva del patrimonio bibliografico acquistato nel corso del 2021.

Modulo A e Modulo B, che non possono essere modificati, costituiscono rispettivamente gli Allegati 1a e 1b alla presente determinazione dirigenziale, di cui fanno parte integrante e sostanziale.

I moduli di cui agli Allegati 1a e 1b della presente determinazione per farne parte integrante e sostanziale, costituiscono elencazione dei dati dei quali è obbligatorio il caricamento da parte dei soggetti che presentano istanza a mezzo piattaforma digitale Sistema Piemonte – Cultura, Turismo e Sport - Bandi LR. 11/2018 - FINanziamenti DOMande ai sensi del medesimo Avviso pubblico.


14) Approvazione dell'Avviso pubblico di finanziamento per la presentazione delle domande di contributo per le attività svolte dagli Ecomusei del Piemonte per l'anno 2022. Approvazione della modulistica.

La Direzione Cultura e Commercio, con D.D. 26 luglio 2022, n. 176, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 30 del 28 luglio 2022, ha approvato, ai sensi della L.r. 13/2018 e della deliberazione del Consiglio Regionale n. 227-13907 del 5 luglio 2022:
- l’Avviso pubblico di finanziamento”, in applicazione dell’art. 11 “Norma transitoria” della L. r. 13/2018, per la presentazione delle domande di contributo, a sostegno di Programmi per la realizzazione delle attività degli Ecomusei del Piemonte per l’anno 2022, di cui all’Allegato 1, facente parte integrante e sostanziale della presente determinazione dirigenziale.

E’ approvata, in riferimento al suddetto Avviso pubblico, la modulistica, che viene allegata alla presente determinazione per farne parte integrante e sostanziale, necessaria per la presentazione delle istanze di contributo e precisamente:

  • il Modulo di domanda (Allegato 1a), inclusivo dell’autocertificazione dei dati fiscali e bancari, da utilizzarsi per l’anno 2022 dai soggetti giuridicamente legittimati alla presentazione della domanda di contributo, ai sensi della L.r. 13/2018 in relazione al suddetto Avviso pubblico;
  • il Modulo ECORel_2022 (Allegato 1b) della “Relazione descrittiva” delle attività, da utilizzarsi per l’anno 2021 dai soggetti giuridicamente legittimati alla presentazione della domanda di contributo, ai sensi delle L.r. 13/2018 in relazione al suddetto Avviso pubblico;
  • il Modulo ECOBil_2022 (Allegato 1c), del “Bilancio preventivo” delle attività previste per l’anno 2022, da utilizzarsi dai soggetti giuridicamente legittimati alla presentazione della domanda di contributo, ai sensi delle L.r. 13/2018 in relazione al suddetto Avviso pubblico.

 

15) Approvazione dei bandi per l'accesso ai finanziamenti destinati al sostegno di interventi regionali attuativi nell'ambito del Piano Operativo di cui al ''Piano strategico nazionale sulla violenza maschile contro le donne 2017-2020''.

La Direzione Sanità e Welfare, con D.D. 26 luglio 2022, n. 1384, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 31 del 4 agosto 2022, ha approvato il Bando per l’accesso ai finanziamenti destinati al sostegno di interventi regionali attuativi nell’ambito del Piano Operativo di cui al “Piano Strategico nazionale sulla violenza maschile contro le donne 2017-2020 nell’ambito del DPCM del 16.11.2021, di cui all’Allegato 1).

Sono approvati altresì i seguenti modelli per la richiesta di finanziamento:

Modello di istanza contributo per la realizzazione dell’azione 1) interventi per il sostegno abitativo e il reinserimento lavorativo e più in generale per l’accompagnamento nei percorsi di fuoriuscita dalla violenza (Allegato 2); Modello di istanza contributo per la realizzazione dell’azione 2) progetti rivolti a donne minorenni italiane ed anche straniere di seconda generazione vittime di violenza, nonché a minori vittime di violenza assistita (Allegato 3);

 

Sono fissate le date specificate nell’Allegato 1 per la presentazione delle rispettive istanze di contributo, secondo le modalità ivi previste.

  • Modello di istanza contributo per la realizzazione dell’azione 3) azioni di informazione, comunicazione e formazione (Allegato 4);
  • Modello di istanza contributo per la realizzazione dell’azione 4) programmi rivolti agli uomini maltrattanti, anche a seguito dell’emanazione di apposite linee guida nazionali (Allegato 5);
  • Modello di scheda informativa sul trattamento dei dati personali (Allegato 6);

 

16) Approvazione dei bandi per l'accesso ai finanziamenti per interventi sul territorio regionale in favore delle donne vittime di violenza sole e/ con figli e figlie, svolti dai Centri antiviolenza e da Case rifugio, per il sostegno alle soluzioni di accoglienza in emergenza e di secondo livello.

La Direzione Sanità e Welfare, con D.D. 26 luglio 2022, n. 1385, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 31 del 4 agosto 2022, ha approvato il Bando per l’accesso ai finanziamenti destinati al sostegno degli interventi a favore delle donne vittime di violenza e dei loro figli e figlie, Allegato 1).

Sono approvati i seguenti modelli per la richiesta di finanziamento:

  • Modello di istanza contributo per i Centri antiviolenza e le Case rifugio esistenti, Allegato 2),
  • Modello di istanza contributo per i posti di accoglienza in emergenza di primo livello, Allegato 3),
  • Modello di istanza contributo per le soluzioni di accoglienza di secondo livello, Allegato 4);
  • Modello di scheda informativa sul trattamento dei dati personali di cui all’Allegato 5).
  • Modello di scheda per la dichiarazione sostitutiva ex D.P.R. 445/2000 – Tracciabilità flussi finanziari (art. 3 L.136/2010) di cui all’Allegato 6.

Sono fissate le scadenze specificate nell’Allegato 1 per la presentazione delle istanze di contributo, secondo le modalità ivi previste.
 


17) Sostegno di progetti strategici dei Distretti del Commercio, inseriti nell'Elenco regionale del Piemonte: approvazione del bando e del facsimile di domanda.

La Direzione Cultura e Commercio, con D.D. 27 luglio 2022, n. 184, pubblicata sul Supplemento Ordinario n. 4 al Bollettino Ufficiale n. 30 del 28 luglio 2022, ha approvato gli Allegati 1 e 2 che fanno parte integrante e sostanziale del presente atto.

L’Allegato 1 contiene il “Bando per il sostegno di progetti strategici dei Distretti del Commercio, inseriti nell'Elenco regionale del Piemonte” oltre ai criteri e alle modalità già presenti nella D.G.R. n. 2-5434 del 26/07/2022 e tutti gli altri elementi utili alla partecipazione al bando.

 

18) Bando per l'anno 2022 relativo alla richiesta di contributi da parte dei Comuni, delle Unioni di Comuni e dei Consorzi di Comuni del Piemonte, per finanziare progetti finalizzati alla sistemazione temporanea dei salariati agricoli stagionali delle aziende agricole piemontesi

La Direzione Agricoltura e Cibo, con D.D. 12 Luglio 2022, n. 557 pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 28 del 14 luglio 2022, ha approvato, per l’anno 2022, il bando per la richiesta di contributi da parte dei Comuni, delle Unioni di Comuni e dei Consorzi di Comuni del Piemonte – già costituiti ai sensi del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267 "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli Enti Locali" - relativamente alla realizzazione di progetti finalizzati alla sistemazione temporanea dei salariati agricoli stagionali delle aziende agricole piemontesi.

Le domande dovranno essere inviate alla Direzione Regionale Agricoltura - Settore Strutture delle imprese agricole ed agroindustriali ed energia rinnovabile dal 18.07.2022 fino al 30.09.2022

 

19) Approvazione bando per l’erogazione di contributi ai Comuni per interventi volti a consentire il riutilizzo e la fruizione sociale dei beni confiscati.

La Direzione Cultura e Commercio, con D.D. 29luglio 2022, n. 189, pubblicata sul Supplemento Ordinario n. 5 del 29 luglio al Bollettino Ufficiale n. 30 del 28 luglio 2022, ha approvato:

  • il bando per la presentazione delle domande di contributi ai comuni per il recupero dei beni confiscati previsti dalla L.R. 14/2007, art. 7 lett. a) – anno 2022 – 2023. (allegato A) contenente l’indicazione delle iniziative finanziabili, dei soggetti beneficiari, dei termini e modalità per presentare le domande di contributo, dei criteri di selezione delle domande, dell’entità di finanziamento, dei termini di conclusione del procedimento per la redazione della graduatoria e delle modalità di erogazione e di controllo. Tale allegato ripropone per completezza e facilità di lettura anche i criteri per l’erogazione dei contributi contenuti nell’allegato A della delibera del Consiglio regionale n. 211-28166 del 25 luglio 2017 cosi’ come modificata dalla delibera del Consiglio regionale n. 228-14929 del 19 luglio 2022;
  • la modulistica per la presentazione della domanda di contributo (allegato B);
  • la scheda progettuale (allegato C)
  • la modulistica per la rendicontazione a conclusione del progetto e per la richiesta della liquidazione del contributo (allegato D).

Le domande di contributo devono essere presentate entro 60 giorni dalla data di pubblicazione della presente determinazione sul Bollettino ufficiale.

Scadenze del mese di OTTOBRE (n. 2 provvedimenti segnalati)

1) Approvazione dei bandi per l'accesso ai finanziamenti destinati al sostegno di interventi regionali attuativi nell'ambito del Piano Operativo di cui al ''Piano strategico nazionale sulla violenza maschile contro le donne 2017-2020''.

La Direzione Sanità e Welfare, con D.D. 26 luglio 2022, n. 1384, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 31 del 4 agosto 2022, ha approvato il Bando per l’accesso ai finanziamenti destinati al sostegno di interventi regionali attuativi nell’ambito del Piano Operativo di cui al “Piano Strategico nazionale sulla violenza maschile contro le donne 2017-2020 nell’ambito del DPCM del 16.11.2021, di cui all’Allegato 1).

Sono approvati altresì i seguenti modelli per la richiesta di finanziamento:

  • Modello di istanza contributo per la realizzazione dell’azione 1) interventi per il sostegno abitativo e il reinserimento lavorativo e più in generale per l’accompagnamento nei percorsi di fuoriuscita dalla violenza (Allegato 2);
  • Modello di istanza contributo per la realizzazione dell’azione 2) progetti rivolti a donne minorenni italiane ed anche straniere di seconda generazione vittime di violenza, nonché a minori vittime di violenza assistita (Allegato 3);
  • Modello di istanza contributo per la realizzazione dell’azione 3) azioni di informazione, comunicazione e formazione (Allegato 4);
  • Modello di istanza contributo per la realizzazione dell’azione 4) programmi rivolti agli uomini maltrattanti, anche a seguito dell’emanazione di apposite linee guida nazionali (Allegato 5);
  • Modello di scheda informativa sul trattamento dei dati personali (Allegato 6);

Sono fissate le date specificate nell’Allegato 1 per la presentazione delle rispettive istanze di contributo, secondo le modalità ivi previste.

 

2) Disposizioni sul termine del procedimento di cui all'art. 2, co. 8, dell'Allegato alla D.G.R. n. 5-3618 del 30 luglio 2021, a valere sul bando di cui alla D.D. n. 502/A1614A/2021 del 3 agosto 2021. Modifica del termine per l'acquisizione a sistema del verbale della Commissione consultiva comunale per l'agricoltura e le foreste di cui alla l.r. 63/78, in attuazione della D.G.R. n. 52 - 5627 del 12 settembre 2022.

La Direzione Ambiente, Energia e Territorio, con D.D. 12 settembre 2022, n. 484, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 37 del 15.9.2022,  ha modificato, in attuazione della D.G.R. n. 52 - 5627 del 12 settembre 2022, il terzo capoverso del paragrafo 7 “Istruttoria e procedure di controllo del rispetto degli impegni” dell’“Avviso per la presentazione telematica delle domande di indennità per la conservazione del patrimonio tartufigeno regionale”, approvato con D.D. n. 502/A1614A/2021 del 3 agosto 2021, come da ultimo modificata con D.D. n. 317/A1614A/2022 del 30 giugno 2022, come di seguito esplicitato:

“Acquisito il verbale della Commissione, il Comune, entro 90 giorni dal termine per la presentazione delle domande stabilito nel bando, lo inserisce a sistema insieme al numero delle piante tartufigene riconosciute per ciascuna particella o appezzamento”.

Il termine per l’acquisizione a sistema del verbale della Commissione consultiva comunale per l’agricoltura e le foreste di cui all’articolo 8 della legge regionale 12 ottobre 1978, n. 63 insieme al numero delle piante tartufigene riconosciute per ciascuna particella o appezzamento trova pertanto scadenza in data 13 ottobre 2022.

Scadenze del mese di NOVEMBRE (n. 2 provvedimenti segnalati)

1) Bando per la concessione di contributi per l'anno 2022 alle Unioni Montane per servizi di consulenza tecnica finalizzata alla pianificazione dell'attività delle commissioni locali valanghe.

La Direzione Opere pubbliche, Difesa del suolo, Protezione civile, Trasporti e logistica, con D.D. 4 Agosto 2022, n. 2419 pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 32 dell’11 luglio 2022,  ha approvato il “Bando per la concessione di contributi per l’anno 2022 alle Unioni Montane per servizi di consulenza tecnica finalizzata alla pianificazione dell’attività delle commissioni locali valanghe”, concedendo, per la presentazione della domanda e della relativa documentazione, 90 giorni decorrenti dalla data di pubblicazione della presente determinazione sul Bollettino Ufficiale della
Regione Piemonte
.

 

2) Istituzione della misura per la concessione di contributi per lo sviluppo ed il mantenimento delle botteghe dei servizi - Approvazione Bando.

La Direzione Ambiente, Energia e Territorio, con D.D. 28 luglio 2022, n. 386, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 31 del 4 agosto 2022, ha approvato, quale allegato A alla presente Determinazione Dirigenziale per farne parte integrante e sostanziale, il Bando relativo alla “Misura per la concessione di contributi per lo sviluppo ed il mantenimento delle botteghe dei servizi”, stabilendo che le istanze di contributo potranno essere presentate a partire dalle ore 09.00 del 30 settembre 2022 e fino alle ore 12.00 del 15 novembre 2022.

Scadenze del mese di DICEMBRE (n. 1 provvedimento segnalato)

1) Disposizioni per il sostegno a favore dei Comuni piemontesi per la digitalizzazione delle pratiche edilizie, anno 2022.

La Direzione Ambiente, Energia e Territorio, con D.D. 12 settembre 2022, n. 5602, ha confermato, ai sensi del Regolamento 8/R/2018, per l’anno 2022, il sostegno all’attivazione e alle spese di gestione del servizio MUDE Piemonte a favore dei Comuni piemontesi che ne usufruiscono o che ne facciano richiesta entro il 31 dicembre 2022 con le modalità operative che saranno rese note mediante apposito comunicato sulla pagina web del MUDE Piemonte (http://www.mude.piemonte.it), destinando l’importo massimo di € 39.834,86 e stabilendo che per le nuove attivazioni si ricorra alla procedura “a sportello” ai sensi del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 123 “Disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno pubblico alle imprese, a norma dell'articolo 4, comma 4, lettera c), della legge 15 marzo 1997, n. 59” (articolo 5).

Contatti

Riferimento
Redazione: Chiara Bellucco e Marco Puxeddu
Telefono
011/4326058 - 011/4325000
Email
notiziario@regione.piemonte.it