Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Notiziario per le Amministrazioni locali n. 22 del 30 giugno 2022

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti
Soriso (NO). Oratorio di Santa Maria della Gelata (Sec. XVI)

Questa settimana in copertina*: Soriso (NO). Oratorio di Santa Maria della Gelata (Sec. XVI).

Il Notiziario per le Amministrazioni locali pubblica settimanalmente notizie dell'attività amministrativa e istituzionale della Giunta regionale che hanno una particolare ricaduta sul sistema delle Autonomie locali.  La pubblicazione offre una panoramica su atti normativi e amministrativi statali e regionali e iniziative di interesse per gli Enti locali del Piemonte proponendo una selezione di comunicati stampa, scadenze utili e  approfondimenti su temi specifici.

* Le immagini pubblicate sono fornite dai Comuni del Piemonte.

IN PRIMO PIANO     

Assistenza territoriale: l’Assessore regionale alla Sanità del Piemonte plaude al Pnrr, ma reclama le mancate risorse del Governo per il Covid

L’esperienza maturata con il Covid ha visto le Regioni protagoniste di moltissime attività sul territorio: a queste attività purtroppo non è seguito il finanziamento da parte dello Stato, con importanti disavanzi Covid 2021. Con l’avvenuta pubblicazione del decreto di riforma dell’assistenza territoriale, non rimane che augurarsi che il Servizio Sanitario venga presto dotato delle risorse di spesa corrente necessarie a garantire il perdurare della sua sostenibilità.

Sono le considerazioni con cui l’assessore regionale alla Sanità del Piemonte e vicecoordinatore della Commissione Salute commenta l’entusiastico annuncio del ministro della Salute sul conseguimento degli obiettivi del Pnrr Salute in scadenza il 30 giugno. L’assessore sottolinea che mancano nel 2022 le risorse destinate al Covid e mancano anche le risorse per la piena ripresa delle attività ordinarie, tanto che a livello nazionale sono necessari altri 4 miliardi sul solo 2022.

Sul tema, l’assessore richiama il pronunciamento sul DEF del 20 aprile di Camera e Senato, con l’impegno di prevedere la sterilizzazione dei disavanzi sanitari Covid 2021 e 2022 valutando l’opportunità di spalmare i relativi oneri almeno in dieci anni, compatibilmente agli obiettivi di finanza pubblica.

In queste condizioni, secondo l’assessore, è auspicabile che gli annunci sugli investimenti di risorse senza precedenti per rafforzare il Servizio sanitario nazionale siano opportunamente accompagnati da adeguati provvedimenti del Ministero delle Finanze per riconoscere subito i finanziamenti necessari alla sostenibilità del Sistema nel 2022. La mancanza di finanziamenti, oltre ad impedire le attività di programmazione, condurrà le Regioni a tagli nell’assistenza molto importanti: se questo è veramente quanto deve accadere, osserva l’assessore, è ora di spiegarlo bene ai cittadini.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte. 

Dal PNRR 15,4 milioni per l'efficienza energetica di musei, teatri e cinema piemontesi

Teatri e musei, ma anche sale e multisale cinematografiche daranno il loro contributo al risparmio energico della regione. Il Ministero della cultura ha infatti dato via libera a 47 progetti di enti che avevano presentato domanda di accesso ai fondi del valore di oltre 15,4 milioni di euro intercettati dal Piemonte sui fondi europei del PNRR. Oltre 7 milioni sono destinati a 28 teatri grandi e piccoli diffusi su tutto il territorio regionale, oltre 3,8 milioni a 7 musei e 4,4 milioni a 12 sale di proiezione.

«Soltanto nell’ultima settimana il Piemonte è riuscito a finanziare grazie al Pnrr circa 70 progetti per un valore di oltre 40 milioni di euro - sottolineano il presidente della Regione Alberto Cirio e l’assessore alla Cultura, Turismo e Commercio Vittoria Poggio -. Accanto ai fondi per valorizzare tanti borghi del nostro territorio, adesso queste risorse saranno un aiuto per realtà preziose del sistema culturale piemontesi come i nostri teatri, cinema e musei. Era importante conquistare questi fondi destinati al risparmio energetico, fondamentale non solo per ridurre l’impatto ambientale ma anche alla luce del costo dell’energia che sta mettendo a dura prova cittadini e imprese. L’impegno per dare una nuova impronta ecologica coinvolge tutti i settori ed è un bene che anche il comparto culturale possa ricevere sostegno e dare il proprio contributo».

ALESSANDRIA - In provincia di Alessandria, il ministero ha approvato due progetti del valore complessivo di 589.140 euro: al Forte di Gavi andranno 389.140 euro e al teatro comunale di Casale Monferrato 200.000 euro.

ASTI - La provincia di Asti beneficerà di 1.431.576 euro di cui 400.000 per il teatro Alfieri della città; 603.576 euro per l’efficientamento energetico dell’Abbazia di Vezzolano, 160.000 euro per il teatro comunale di Monastero Bormida e 250.000 euro per il Teatro spazio Kor di Asti.

BIELLA - In provincia di Biella ha vinto il progetto del teatro Erios di Vigliano Biellese che sarà finanziato con 250.000 euro.

CUNEO - La provincia di Cuneo ha vinto con 5 progetti del valore di 1.019.472 euro: l’auditorium di Borgo San Dalmazzo prenderà 200.000 euro, il Teatro di Caraglio 250.000 euro, il Salone manifestazioni Gianfranco Bonavia di Genola 250.000 e il teatro Civico di Busca 86.400. È stato finanziato anche il piano del complesso monumentale e del parco di Racconigi con 233.072 euro.

NOVARA - In provincia di Novara hanno vinto quattro progetti del valore complessivo di 1.468.560 euro. Al Teatro Civico di Oleggio sarà assegnato un contributo di 249.600, mentre la sala Cinema di Bellinzago ne prenderà 498.960; la sala Cine teatro di Trecate 200.000 euro e il Movie Planet di Castelletto Sopra Ticinoprenderà 520.000 euro.

TORINO E PROVINCIA - A Torino e provincia sono 28 i progetti ad aver vinto i bandi per un valore di 9.329.716 euro di cui 1.450.000 euro assegnati al complesso di Villa della Regina e 900.000 euro ai Musei Reali: sono stati finanziati anche Palazzo Carignano di Torino con 106.240 euro e il Castello di Agliè con 160.640 euro. Hanno vinto anche 26 teatri: il Gobetti di Torino ha ottenuto 265.023 euro; il teatro Carignano 349.638 euro; il Conservatorio Giuseppe Verdi 400.000 euro; il Teatro Ragazzi 250.000 euro; il teatro Astra 206.042 euro; il teatro Colosseo 422.316 euro,

Si sono affermate anche le sale cinematografiche: 320.000 andranno al Cinema Massimo e altri 650.000 euro al Multisala The Space. Il Cityplex Massaua si è aggiudicato 400.000 euro e sempre a Torino il Cinema Classico riceverà 200.000 euro. Agli storici cinema Reposi e Lux andranno rispettivamente 400.000 euro e 321.443 euro. È stata sostenuta anche la sala della Mogri Snc con 320.000 euro. Infine, il Cinema Parrocchiale di Villastellone prenderà 200.000 euro.

Nell’area metropolitana hanno vinto il teatro Fonderie Limone di Moncalieri che ha portato a casa una posta di 400.000 euro, mentre il teatro comunale di Cambiano ha ottenuto 180.000 euro. Sono stati finanziati anche il teatro comunale di Borgaro Torinese con 159.507 euro e il teatro «Il Mulino» di Piossasco che riceverà 200.000 euro. Il teatro Superga di Nichelino ha ottenuto 250.000 euro, il teatro di Montalto Dora ne prenderà 250.000 euro e quello parrocchiale di Casalborgone 248.794 euro. Il teatro Baldi di Vigone riceverà 184.359 euro, la Lavanderia a Vapore di Collegno 200.737, il teatro Cantoregi di Carignano ha preso 200.000.

VERCELLI - In provincia di Vercelli andranno complessivamente 1.011.405 euro: vincono il progetto del Teatro Civico di Varallo al quale sono stati assegnati 250.000 euro mentre nel capoluogo sono stati premiati i progetti del Teatro civico al quale andranno 381.405 euro e quello del cinema Movie Planet di Borgo Vercelli per un ammontare di 420.000 euro.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte

Montagna Piemonte, 3 milioni di euro dalla regione per le botteghe dei servizi

La Regione Piemonte continua ad investire sulla montagna. Dopo il bando per incentivare la residenzialità (10 milioni), il bando sulle scuole (500mila euro), il riparto dei fondi destinati alle Unioni Montane (10 milioni e 700mila euro), la Giunta regionale, su proposta del Vice Presidente ed Assessore alla Montagna, ha approvato la delibera che stanzia la somma complessiva di 3 milioni di euro per il mantenimento e lo sviluppo delle "botteghe dei servizi" in aree montane.

Cosa si intende per "bottega dei servizi"? Si tratta di esercizi commerciali di prossimità per la vendita al dettaglio di beni alimentari e di prima necessità, in cui si integrano attività di informazione per la cittadinanza: in sostanza veri e propri "terminali" per la pubblica amministrazione sul terrritorio e nel contempo anche esercizi che svolgono altri servizi utili a migliorare la qualità di vita dei residenti.

Nei mesi scorsi la Direzione dell'Assessorato regionale allo sviluppo della Montagna, per avere un quadro completo delle caratteristiche dei territori montani, ha avviato un'indagine conoscitiva per mappare le aree carenti di servizi e le zone di maggior fragilità economica, sociale e territoriale.
Dall'indagine, che ha interessato 440 Comuni montani con popolazione inferiore ai 5.000 abitanti, sono emerse informazioni utili sui servizi alla popolazione e sugli esercizi commerciali presenti sul territorio.

Come sottolineano il Presidente ed il Vice Presidente della Regione, si tratta di una novità assoluta per il Piemonte e di un'altra iniziativa davvero importante a favore della montagna che deve tornare ad essere al centro dell'attenzione delle istituzioni per evitare la desertificazione del territorio con tutte le conseguenze negative che questo comporta dal punto di vista ambientale, sociale ed economico.

Nelle prossime settimane sarà pubblicato sul sito della Regione il bando: il contributo massimo previsto per ogni singola domanda è di 50.000 euro, di cui 30.000 per investimenti e 20.000 per spese di gestione.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte

Nasce Piemonte digitale 2030. La Regione lancia un Programma d’azione e una Task Force per accedere ai fondi dedicati alla trasformazione digitale del Piemonte

Piemonte digitale 2030. È questo il nome del nuovo programma d’azione regionale che sosterrà e accompagnerà i comuni piemontesi nell’accesso ai fondi per la trasformazione digitale, a partire dai bandi del PNRR attualmente on line, grazie a una task force dedicata che fornirà alle amministrazioni un’assistenza progettuale e procedurale.

La Regione Piemonte, nella consapevolezza che la logica competitiva del PNRR e, più in generale, la spinta sempre più forte alla transizione digitale a cui sono chiamate le pubbliche amministrazioni rende necessario e urgente un forte supporto pubblico sulle competenze, ha deciso di mettere a disposizione un team di professionisti ed esperti del CSI Piemonte e della Fondazione Torino Wireless, in collaborazione con gli altri Enti che operano a supporto della transizione digitale della PA: Anci Piemonte, Uncem Piemonte, ANPCI e il Dipartimento per la trasformazione digitale.

Un progetto importantissimo - commentano il presidente della Regione e gli assessori all’Innovazione e allo Sviluppo delle Attività Produttive - per supportare i nostri comuni, stare al fianco soprattutto di quelli piccoli, che costituiscono la spina dorsale della nostra regione, e che sono meno strutturati rispetto a quelli grandi. Siamo in un momento storico estremamente ricco di opportunità con i fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Una mole di risorse e di opportunità ma occorre favorire conoscenza e assistenza. Con Piemonte Digitale 2030 la Regione Piemonte, all’interno della strategia di rafforzamento dell’ecosistema regionale pubblico, intende supportare gli enti e agevolare il processo di trasformazione digitale che migliorerà la vita dei cittadini, fornendo gli strumenti e le conoscenze necessarie per affrontare la sfida del PNRR.

La squadra è a disposizione delle amministrazioni, soprattutto le più piccole e con maggiore necessità di supporto, e ha come obiettivo facilitare l’accesso alle opportunità offerte dai bandi dedicati espressamente alla "Digitalizzazione della Pubblica Amministrazione".

“Siamo orgogliosi di far parte di questo importante programma regionale – sottolinea Pietro Pacini, Direttore generale del CSI -. Il CSI ha le competenze e le professionalità per supportare le Amministrazioni nel percorso di trasformazione digitale, aiutando subito gli enti ad accedere agli ingenti finanziamenti previsti dai bandi del PNRR. Il Consorzio è in grado offrire soluzioni tecnologiche semplici e sicure ai Comuni che vogliano sfruttare le opportunità delle misure di intervento del PNRR che rappresenta una straordinaria opportunità di rilancio per il nostro territorio e il CSI non si tira indietro, confermando il proprio ruolo di partner tecnologico della Pubblica Amministrazione”.

“Questo programma d’azione – commenta il presidente di Fondazione Torino Wireless, Massimiliano Cipolletta – è un tassello determinante per consolidare e far evolvere la nostra posizione di territorio innovativo che investe sul futuro e siamo, pertanto, davvero grati alla Regione di averci coinvolti in una iniziativa di tale portata strategica. Fondazione Torino Wireless ha sviluppato e messo in campo negli anni, rispetto alla PA e alle imprese, competenze consolidate di analisi, assistenza e accompagnamento su bandi e progetti legati all’innovazione e, dunque, questa sfida per una PA sempre più digitale e vicina ai bisogni di cittadini e imprese ci trova più che mai pronti ed entusiasti. Conferma la nostra missione di cerniera sui temi dell’innovazione tra pubblico, privato e società e rafforza il rapporto di complementarità e partnership con CSI Piemonte”.

Le risorse disponibili sul PNRR sono moltissime, fino a 260 milioni di euro per la digitalizzazione del territorio piemontese, suddivisi in 5 grandi misure che finanzieranno:
    • la migrazione al cloud, per trasferire sistemi, dati e applicazioni verso cloud certificati e sicuri;
    • il consolidamento della piattaforma digitale PagoPA come punto privilegiato di contatto tra enti e cittadini per le transazioni economiche;
    • l’adozione dell’app IO, l’infrastruttura unica che permetterà alle PA di notificare gli atti amministrativi a valore legale alle persone fisiche e giuridiche;
    • l’incremento dell’adozione dell’Identità digitale: SPID e CIE - Carta d’Identità Elettronica;
    • l’adeguamento dell’esperienza dei cittadini nei servizi pubblici a standard di accessibilità e usabilità.

Le risorse saranno assegnate in ordine di prenotazione con l’erogazione di voucher, somme predefinite per tipologia e dimensione dell’amministrazione locale. Aderendo a tutte e 5 le misure previste i piccoli Comuni, fino a 2.500 abitanti, ad esempio, potranno contare su importi indicativi fino a 184mila euro, quelli fino a 5.000 abitanti su 214mila euro, i Comuni fino a 100mila abitanti su 889mila euro e quelli più grandi, fino a 250mila abitanti, su oltre 1,7 milioni di euro.

Per accedere ai finanziamenti gli enti però sono chiamati a rispondere rapidamente ed è per questo che la Regione Piemonte ha deciso di istituire una task force dedicata che fornirà alle amministrazioni che ne faranno richiesta un’assistenza progettuale e procedurale, accompagnando l’ente nei diversi passaggi, dall’adesione sul portale padigitale2026.gov.it, alla progettazione degli interventi per ottenere i finanziamenti.

Da lunedì 27 giugno basterà mandare un’e-mail a pnrr.digitale@regione.piemonte.it ed entro 24 ore si sarà ricontattati, oppure sarà possibile telefonare al numero 011.4324006, dalle ore 9.00 alle ore 13.00 da lunedì al venerdì per dubbi o chiarimenti o ricevere assistenza nella risposta ai bandi. Saranno anche organizzati degli incontri sul territorio per presentare le modalità di accesso ai fondi del PNRR. I primi appuntamenti si terranno ad Asti il 30 giugno, quindi Novara il 1° luglio e Torino il 4 luglio.

L’obiettivo finale di questa importante operazione di supporto è favorire l’adozione di soluzioni coerenti con la normativa e gli standard nazionali, avvalendosi delle infrastrutture, delle piattaforme e dei servizi che costituiscono l’architettura del sistema informativo regionale, assicurando in tal modo organicità e coesione territoriale. 

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte. 

Siccità: semplificare per velocizzare gli interventi idrici sul PNRR. Dal Piemonte al Ministero l’elenco degli interventi strategici, per i quali viene richiesta la semplificazione, per rispondere al problema dell’emergenza idrica

Abbattere le tempistiche, snellire le procedure, sbloccare le autorizzazioni. Questi gli obiettivi della ricognizione delle infrastrutture idriche realizzata in tempi record dalla Regione Piemonte per individuare quelle progettualità che possono essere avviate subito per potenziare e rafforzare la rete idrica e mitigare l’emergenza siccità. Un elenco di sette importanti interventi, talvolta già pronti a livello progettuale e che potrebbero beneficiare di deroghe specifiche per una realizzazione immediata, è stato inviato dalla Regione al Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, in modo che possano usufruire delle risorse del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

La Regione ha infatti chiesto ai gestori di reti idriche e degli invasi quali siano gli interventi che più urgentemente necessitano di semplificazione. La risposta è arrivata prontamente nell’arco di poche ore da parte del Consorzio del Pesio, del Consorzio Irriguo di Miglioramento Fondiario – Canale De Ferrari, del Consorzio Irriguo di II° grado - Valle Gesso; del Comune di Pralormo, della SMAT, dell’Autorità d’Ambito 1 - Verbano Cusio Ossola e Pianura Novarese e di Acqua Novara VCO.

«Ci siamo subito messi al lavoro - affermano il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, e gli assessori all’Ambiente Matteo Marnati e alla Difesa del Suolo Marco Gabusi - per segnalare quali sono le semplificazioni necessarie. Crediamo sia opportuno riprendere le sollecitazioni già fatte in passato sui temi di difesa del suolo e dissesto idrogeologico: bisogna avere il coraggio di identificare delle priorità e poi far correre veloci queste opere eliminando vincoli paesaggistici e burocratici. I passaggi che sono coerenti con un’amministrazione ordinaria evidentemente non possono essere efficaci in una situazione di emergenza; laddove vi siano motivi di emergenza le opere prioritarie devono perciò avere una corsia preferenziale, come abbiamo già fatto presente più volte in passato. Ora il governo è pienamente consapevole delle urgenze e vigileremo affinché le sburocratizzazioni avvengano con la stessa rapidità con cui noi abbiamo fatto le segnalazioni».

Gli interventi segnalati al Mims riguardano:

-       Potenziamento dell’approvvigionamento esistente invaso di Pianfei nel Comune di Chiusa di Pesio (CN) e realizzazione di una condotta di adduzione (Consorzio del Pesio)
-       Progetto dell’acquedotto nella Valle dell’Orco (TO) per l’approvvigionamento idrico a tutto il territorio del Canavese (SMAT)
-       Potenziamento della diga di La Spina nel Comune di Pralormo (TO)
-       Rilascio degli invasi Enel della Valle Gesso nel Cuneese (Consorzio irriguo di II grado Valle Gesso)
-       Miglioramento fondiario del Canale De Ferrari nell’Alessandrino (Consorzio irriguo di miglioramento Canale De Ferrari
-       Riordino, potenziamento dei sistemi di approvvigionamento idrico ad uso idropotabile nel Novarese e Verbano Cusio Ossola (Acqua Novara VCO)

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.  

Via libera del Governo all’Area interna Terre del Giarolo 

Terre del Giarolo è una delle due nuove aree interne piemontesi: il Ministero della Coesione territoriale ha dato il proprio via libera alla candidatura presentata dalla Regione. Insieme all’Area interna della Valsesia, si aggiungerà alle altre quattro già riconosciute sul territorio del Piemonte: Valli Maira e Grana, Valli dell'Ossola, Valle Bormida e Valli di Lanzo.

Un traguardo importante che grazie a un primo stanziamento di 8 milioni di euro (quattro da parte del Governo e altri 4 dalla Regione attraverso il Fondo europeo di sviluppo regionale) consentirà di mettere in campo interventi di digitalizzazione ed efficientamento energetico, ma anche progetti su cultura, sanità, istruzione e trasporti per una comunità che coinvolge 29 Comuni: Albera ligure, Alolasca, Berzano di Tortona, Borghetto di Borbera, Brignano-Frascata, Cabella Ligure, Cantalupo Ligure, Carrega ligure, Casasco,  Castellania Coppi,  Costa Vescovato,  Dernice,  Fabbrica Curone,  Garbagna,  Gremiasco,  Grondona,  Momperone,  Mongiardino Ligure, Monleale,  Montacuto, Montegioco, Montemarzino,  Pozzol Groppo,  Roccaforte ligure, Rocchetta ligure, San Sebastiano Curone,  Stazzano,  Vignole Borbera,  Volpeglino. A queste risorse potranno in futuro aggiungersi anche altri fondi del Fondo sociale europeo e del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale.

È un riconoscimento importante ed è solo un inizio, sottolineano il Presidente della Regione Piemonte, il Vice Presidente e all’Assessore alla Cultura. Finalmente a territori preziosi ma un tempo ritenuti da Roma marginali viene dato il giusto valore. La montagna è uno dei nostri progetti bandiera sui fondi del Pnrr, e non potrebbe essere altrimenti perché in una regione che si chiama Piemonte le nostre vallate sono radici e identità da tutelare e promuovere.

Per l’Assessore all’Agricoltura si tratta di un’importante opportunità di sviluppo per queste nuove aree selezionate e in particolare le Terre del Giarolo nell’Alessandrino, territori rurali marginali a ridosso dell’Appennino attualmente interessati anche dalle criticità dovute alla peste suina e che si caratterizzano per la produzione di molti prodotti tipici agroalimentari di qualità che possono essere sempre di più il traino economico per la popolazione che vive in queste realtà.

L’Assessore allo Sviluppo delle Attività Produttive sottolinea invece come compito di un’amministrazione sia quello di sostenere e aiutare le comunità locali e quelle delle numerose valli che compongono il tessuto regionale, vero e proprio tesoro e patrimonio di saperi e di identità culturali. Questi accordi aiutano anche gli amministratori locali ad attivarsi su servizi fondamentali per la propria comunità.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.  

 ATTI DELLO STATO  

Legge 29 giugno 2022, n. 79

E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 150 del 29.6.2022 la Legge 29 giugno 2022, n. 79:

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 30 aprile 2022, n. 36, recante ulteriori misure urgenti per l'attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR)
Entrata in vigore del provvedimento: 30/06/2022

Comunicato del Ministero dell’Interno

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 149 del 28.6.2022 il Comunicato del Ministero dell’Interno:

Primo riparto delle risorse, per l'anno 2022, del fondo per il ristoro ai comuni per la mancata riscossione dell'imposta di soggiorno e di analoghi contributi.

Comunicato del Ministero dell’Interno

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 149 del 28.6.2022 il Comunicato del Ministero dell’Interno:

Ripartizione tra i comuni del contributo di 30 milioni di euro, per l'anno 2022, quale quota di risorse per incrementare le prestazioni in materia di trasporto scolastico di studenti disabili. 

ORDINANZE COMMISSARIALI

Ordinanza commissariale n. 17/A18.00A/710 in data 22/06/2022

E’ stata pubblicata sul Supplemento Ordinario n. 1 al Bollettino Ufficiale n. 26 del 30 giugno 2022 l’Ordinanza commissariale n. 17/A18.00A/710 in data 22/06/2022
Primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici verificatisi nei giorni 2 e 3 ottobre 2020 nel territorio della provincia di Biella, di Cuneo, di Novara, di Verbano-Cusio-Ossola e di Vercelli nella Regione Piemonte e della provincia di Imperia nella Regione Liguria e della successiva estensione al territorio della Città Metropolitana di Torino e dei comuni di Balzola, di Bozzole, di Casale Monferrato, di Frassineto Po, di Valmacca e di Villanova Monferrato (AL). Proroga scadenze di cui O.C. 8/A18.000/710/2021

PROVVEDIMENTI DELL'AMMINISTRAZIONE REGIONALE 

I testi dei provvedimenti qui pubblicati costituiscono un mero strumento di consultazione documentale privo di qualsiasi valore giuridico. Salvo diversa indicazione tutti i file sono pubblicati in formato Pdf oppure compressi in formato Zip.

Approvazione dei criteri di accesso ai finanziamenti rivolti ai Comuni, singoli o associati, per la realizzazione di "Progetti di supporto psico-fisico" 

La Giunta Regionale, con D.G.R. 14 Giugno 2022, n. 38-5199 pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 26 del 30 giugno 2022, ha approvato, al fine di dare attuazione alla D.G.R. n. 16-4041 del 5/11/2021, i criteri per l’accesso ai finanziamenti rivolti ai Comuni, singoli o associati nelle forme previste dalla legge, per le attività previste dalla scheda progettuale 01-2021 “Progetti di supporto psico-fisico”.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato  Internazionalizzazione, Rapporti con società a partecipazione regionale, Sicurezza, Polizia locale, Immigrazione, Sport, Politiche giovanili della Regione Piemonte

Approvazione dei criteri di assegnazione dei finanziamenti rivolti ai Comuni sede di Centri per l’Impiego per la partecipazione al bando “ACT YOUR JOB Cerchi Lavoro? Fatti trovare!” 

La Giunta Regionale, con D.G.R. 21 Giugno 2022, n. 19-5242, ha approvato, al fine di dare attuazione alla D.G.R. n. 15-4040 del 5/11/2021, i criteri per la realizzazione di un Bando rivolto ai Comuni sede dei Centri per l’Impiego, per le attività previste dalla scheda progettuale 01-2021 “ACT YOUR JOB Cerchi Lavoro? Fatti trovare!”.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato  Internazionalizzazione, Rapporti con società a partecipazione regionale, Sicurezza, Polizia locale, Immigrazione, Sport, Politiche giovanili della Regione Piemonte

Approvazione del Bando per l'attuazione dei servizi scolastici nei territori montani. Anno Scolastico 2022/2023

La Direzione Ambiente, Energia e Territorio, con D.D. 22 Giugno 2022, n. 297, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 26 del 30 giugno 2022, ha approvato il “Bando per il mantenimento e lo sviluppo dei servizi scolastici nei territori montani – a.s. 2022/2023”. Le domande e la relativa documentazione dovranno essere trasmesse dalle Unioni montane al Settore Sviluppo della montagna entro il 29 luglio 2022.

Commercio su area pubblica. Verifiche di regolarità contributiva e fiscale delle imprese (VARA). Disposizioni eccezionali e temporanee, a parziale modifica della DGR 26 luglio 2010, n. 20-380, per gli adempimenti dell’anno 2022 in riferimento all’annualità 2020

La Giunta Regionale, con D.G.R. 28 Giugno 2022, n. 9-5273, ha stabilito che, limitatamente agli adempimenti VARA previsti a carico degli operatori del commercio su area pubblica e dei Comuni per l’anno 2022 in relazione all’annualità 2020, la disposizione procedimentale di cui al Capo II della D.G.R. 20-380 del 26 luglio 2010, p. 2, secondo la quale:
“Il comune competente al rilascio dell’autorizzazione, nel caso in cui riscontri un’inadempienza, dispone la sospensione dell'autorizzazione fino alla avvenuta regolarizzazione della posizione dell’operatore, che dovrà avvenire nei successivi 180 giorni”,
sia sostituita dalla seguente, quale misura di sostegno agli operatori per le specifiche criticità evidenziate in premessa, e al fine di poter loro consentire di disporre di ogni utile risorsa per la conformazione alla legge:
“Nel caso in cui sia riscontrata, a cura del comune competente al rilascio dell’autorizzazione, un’inadempienza, è possibile la prosecuzione dell’attività nei giorni successivi a tale riscontro, fino ad avvenuta regolarizzazione, che comunque dovrà avvenire entro il 31/12/2022”;

Trattandosi di misure eccezionali e temporanee legate alle specifiche criticità della fattispecie considerata, decorso il termine del 31/12/2022 opererà la piena reviviscenza delle disposizioni procedimentali ordinarie vigenti in materia di verifiche VARA.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Cultura, Turismo e Commercio della Regione Piemonte

POR FESR 2014/2020 - Asse IV - Energia sostenibile e qualità della vita - Priorità di Investimento IV.4c., Azioni IV.4c.1.1., IV.4c.1.2. e IV.4c.1.3. Modifica dei Bandi e dei Disciplinari aventi come beneficiari soggetti pubblici. Interventi ricadenti nel macroprocesso ''Realizzazione di opere e lavori pubblici''. Modifiche contrattuali ammissibili riguardanti la revisione dei prezzi

La Direzione Ambiente, Energia e Territorio, con D.D. 23 Giugno 2022, n. 302 pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 26 del 30 giugno 2022, ha modificato i Bandi e i Disciplinari aventi come beneficiari soggetti pubblici e come oggetto interventi ricadenti nel macroprocesso “Realizzazione di opere e lavori pubblici” del POR FESR 2014/2020 – Asse IV – Energia sostenibile e qualità della vita, Priorità di Investimento IV.4c, Azioni IV.4c.1.1., IV.4c.1.2. e IV.4c.1.3, inserendo un apposito paragrafo che regoli le modifiche contrattuali riguardanti la revisione dei prezzi. Sono confermate tutte le altre disposizioni previste dai Bandi/Disciplinari sopra richiamati.

SCADENZE UTILI 

Si specifica che questo memorandum non ha valore legale e può non essere esaustivo di tutti i provvedimenti adottati per i quali è previsto il rispetto di un termine perentorio.

Scadenze del mese di GIUGNO (n. 1 provvedimento segnalato)

1) Approvazione criteri per l’assegnazione dei finanziamenti per il sostegno alle attività di tipo oratoriale svolte dagli Enti di Culto dal 1.12.2021 al 30.11.2022. Annualità 2022.

La Giunta Regionale, con D.G.R. 14 Giugno 2022, n. 12-5173, ha approvato i criteri e le modalità di riparto dei finanziamenti per il sostegno alla funzione educativa, formativa, aggregativa e sociale degli Enti di culto, così come stabilito nell’allegato 1, a favore degli Enti di culto indicati in premessa per la realizzazione delle attività di tipo oratoriale svolte nel periodo dal 1.12.2021 al 30.11.2022.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Infanzia, genitorialità e ruolo della famiglia nelle politiche del bambino, Politiche della casa, Benessere animale, Pari opportunità, Personale ed organizzazione, Affari legali e contenzioso della Regione Piemonte.

Scadenze del mese di LUGLIO (n. 3 provvedimenti segnalati)

1) Disposizioni, per l'anno 2023, per l'indizione di manifestazione di interesse rivolta ai Comuni piemontesi per la presentazione di proposte progettuali relative ad interventi ricadenti negli ambiti previsti dalla legge n. 145/2018. Approvazione avviso di manifestazione d'interesse.

La Direzione Opere pubbliche, Difesa del suolo, Protezione civile, Trasporti e Logistica, con D.D. 21 giugno 2022, n. 1860, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 25 del 23 giugno 2022, ha:  

  • - approvato, ai sensi della D.G.R. n. 23-5184 del 14/06/2022, l'avviso della manifestazione di interesse rivolta ai Comuni piemontesi per la presentazione delle proposte progettuali relative ad interventi ricadenti negli ambiti previsti dalla legge 145/2018 secondo i criteri e le modalità di cui alla sopraccitata deliberazione, riportato nell'Allegato A;
  • pubblicato l'avviso della manifestazione di interesse nella sezione Bandi Piemonte del sito internet https://bandi.regione.piemonte.it 
     


2) Programma di finanziamento per l'incentivazione dell'utilizzo del trasporto pubblico locale per i lavoratori: bando di cofinanziamento di titoli di viaggio per i lavoratori vincolato all'utilizzo di abbonamenti annuali. Proroga dei termini per la presentazione delle istanze di contributo da parte dei beneficiari

La Direzione Ambiente, Energia e Territorio, con D.D. 10 giugno 2022, n. 270, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 24 del 16 giugno 2022, in coerenza con quanto disposto dalla Giunta Regionale con deliberazione n. 6-4808 del 25 marzo 2022, ha prorogato i termini per la presentazione delle istanze di contributo da parte dei beneficiari, inerenti il bando di finanziamento in oggetto, approvato con DD n. 186/A1602B del 02/05/2022, fino alle ore 12:00 del 25 luglio 2022, salvo previo esaurimento delle risorse.

Gli adempimenti di natura amministrativa e contabile, connessi e conseguenti al presente provvedimento, sono in capo al Dirigente del Settore Emissioni e Rischi Ambientali.

 

3) Adempimenti relativi alla corresponsione della quota minima per il riconoscimento della condizione di morosità incolpevole degli assegnatari di alloggi di edilizia sociale per l'anno 2021. Modifica  della D.G.R. n. 4-4100 del 19.11.2021.

La Giunta Regionale, con D.G.R. 29 Aprile 2022, n. 15-4950, in via straordinaria, in merito agli adempimenti relativi alla corresponsione della quota minima per il riconoscimento della condizione di morosità incolpevole degli assegnatari di edilizia sociale per l’anno 2021, anche a parziale modifica di quanto stabilito dalla D.G.R. n. 4-4100 del 19 novembre 2021, ha:

  • prorogato al 30 giugno 2022 il termine entro il quale gli assegnatari degli alloggi di edilizia sociale possono procedere al versamento della quota minima stabilita per l’anno 2021 con D.G.R. n. 4-4100 del 19 novembre 2021, ai fini del riconoscimento della condizione di morosità incolpevole, di cui all’articolo 7 del Regolamento regionale n. 14/R del 4 ottobre 2011, e alla presentazione agli enti gestori della relativa documentazione, in deroga eccezionale al diverso termine stabilito dall’articolo 2 del Regolamento regionale n. 15/R del 4 ottobre 2011;
  • consentito agli enti gestori di comunicare alla Struttura regionale competente l’ammontare della morosità incolpevole maturata dai rispettivi assegnatari entro il termine del 29 luglio 2022, in deroga eccezionale al diverso termine previsto dall’articolo 3, comma 2, del Regolamento regionale n. 15/R del 4 ottobre 2011.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Infanzia, genitorialità e ruolo della famiglia nelle politiche del bambino, Politiche della casa, Benessere animale, Pari opportunità, Personale ed organizzazione, Affari legali e contenzioso.

Scadenze del mese di AGOSTO (n. 1 provvedimento segnalato)

1) Approvazione del Bando per la presentazione delle domande di contributo per l'anno 2022 e della relativa modulistica, ai sensi della L.r. n. 6/77.

La Direzione Coordinamento politiche e fondi europei – Turismo e Sport, con D.D. 17 giugno 2022, n. 122, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 25 del 23 giugno 2022, ha approvato, in attuazione delle DGR n. 1-3614 del 30 luglio 2021 e n. 1-5162 del 14/06/2022 i seguenti documenti:

- il Bando per la presentazione della domanda di contributo ai sensi della legge 14/01/1977, n. 6 e smi, per l'annualità 2022 (All. 1);

- il modulo per la presentazione della domanda di contributo da parte dei soggetti giuridici legittimati (All. 2);

- fac-simile di modulo per la rendicontazione per Enti pubblici (All.3a) - fac-simile di modulo per la rendicontazione per Enti privati (All. 3b)

E’ demandata a successivo provvedimento dirigenziale l’individuazione dei soggetti ammessi a contributo e la quantificazione dei singoli importi da assegnare a ciascuno, nel rispetto di quanto stabilito dalle DGR n. 1-3614 del 30 luglio 2021 e . n. 1-5162 del 14/06/2022.

Scadenze del mese di SETTEMBRE (n. 2 provvedimenti segnalati)

1) Approvazione criteri di accesso ai finanziamenti rivolti ai Comuni, singoli o associati, per la realizzazione di "Progetti di supporto psico-fisico".

La Direzione Sanità e Welfare, con D.D. 20 Giugno 2022, n. 1087, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 25 del 23 giugno 2022, ha approvato il bando regionale (allegato A), oltre ai seguenti allegati a completamento del bando stesso, quali parti integranti e sostanziali alla presente determinazione inerente la concessione di finanziamenti finalizzati al sostegno di “Progetti di supporto psico-fisico”:

- allegato B - Modulo di domanda e Scheda progetto;
- allegato C - Dichiarazione di intenti per la costituzione del partenariato;
- allegato D - Modello informativa trattamento dei dati personali.


E’ fissata per il 15/09/2022, alle ore 12.00, la data di scadenza per la presentazione delle domande secondo le modalità previste nell’Allegato A, parte integrante e sostanziale della presente determinazione.

E’ demandata ad apposita determinazione dirigenziale del dirigente competente della Direzione Sanità e Welfare la nomina di un Nucleo di valutazione, composto da Dirigenti e/o funzionari della Direzione Sanità e Welfare, volto ad esaminare le istanze che perverranno a seguito del bando di cui all’allegato A, parte integrante e sostanziale della presente determinazione. 

 

2) “Progetto europeo Mindchangers” n. CSO-LA/2020/415-010. Approvazione del “Bando Giovani e Agenda 2030”. Bando per il sostegno di iniziative di Autorità Locali e Organizzazioni della Società Civile - Anno 2022.

La Direzione Coordinamento politiche e fondi europei – Turismo e Sport, con D.D. 16 giugno 2022, n. 120, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 25 del 23 giugno 2022, ha approvato, nell’ambito del progetto europeo “Mindchangers” n. CSO-LA/2020/415-010 e in attuazione della D.G.R. n. 32 - 5193 del 14 giugno 2022, il Bando “Giovani e Agenda 2030. Bando per il sostegno di iniziative di Autorità Locali e Organizzazioni della Società Civile – Anno 2022” allegato alla presente determinazione (Allegato 1).

Sarà definito, con successivi atti amministrativi, a seguito delle procedure di istruttoria delle domande presentate secondo quanto previsto dal Bando di cui all’Allegato 1, l’ammontare dei contributi da assegnare a ciascun soggetto utilmente inserito in graduatoria.

Saranno erogati i contributi assegnati secondo le modalità stabilite dal sopracitato Bando.

 
 
 
 

Contatti

Riferimento
Redazione: Chiara Bellucco e Marco Puxeddu
Telefono
011/4326058 - 011/4325000
Email
notiziario@regione.piemonte.it