Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Notiziario per le Amministrazioni locali n. 2 del 16 gennaio 2020

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti
Scorcio panoramico da Palazzo comunale

Questa settimana in copertina*: Rocca d'Arazzo (AT). Scorcio panoramico da Palazzo comunale

Il Notiziario per le Amministrazioni locali pubblica settimanalmente notizie dell'attività amministrativa e istituzionale della Giunta regionale che hanno una particolare ricaduta sul sistema delle Autonomie locali.  La pubblicazione offre una panoramica su atti normativi e amministrativi statali e regionali e iniziative di interesse per gli Enti locali del Piemonte proponendo una selezione di comunicati stampa, scadenze utili e approfondimenti su temi specifici.

* Le immagini pubblicate sono fornite dai Comuni del Piemonte.

IN PRIMO PIANO

Eccellenza Artigiana”: al via la revisione del marchio regionale

L’Eccellenza Artigiana è il riconoscimento attribuito dalla Regione Piemonte alle imprese dell'artigianato artistico, tradizionale e tipico che operano garantendo il rispetto della tradizione e la qualità del prodotto per i settori del manifatturiero e dell’alimentare. Nel corso degli anni hanno ottenuto questo riconoscimento 2.588 aziende artigiane (984 per il comparto alimentare e 1.582 per quello manifatturiero).

Dopo vent’anni dalla sua attuazione, si è ritenuta necessaria e opportuna una revisione del marchio per potenziarne in particolare la conoscenza da parte dei consumatori, affinché venga sempre di più percepito come sinonimo di prodotti certificati e di qualità. Tutto questo al fine di valorizzare le singole imprese che dimostrano di possedere i requisiti di eccellenza, di fornire un servizio ai cittadini per facilitare la scelta dei migliori fornitori e di costituire un insieme di imprese che, per l’elevata qualità dei processi e dei prodotti, dia lustro al territorio piemontese attraverso il suo comparto artigiano.

La revisione del marchio, voluta dalla Giunta regionale, è stata illustrata questa mattina in una conferenza stampa, convocata a Torino, presso il Palazzo della Regione Piemonte, dall’assessore regionale all’Artigianato, Andrea Tronzano e dal Comitato Coordinamento Confederazioni Artigiane Piemonte.

Tra le novità, la durata quinquennale del marchio, finalizzata ad una continua verifica dei requisiti; il marchio diventa un riconoscimento a tutto tondo, che tiene conto non solo del "saper fare", ma anche del "sapersi presentare"; nuovi, inoltre, i criteri di valorizzazione, che tengono conto del miglioramento della gestione d’impresa, della tradizione e del legame coi territori, della formazione continua, della sostenibilità socio-ambientale e dell’apertura verso i mercati internazionali.

Finalmente prende avvio la revisione dell’Eccellenza Artigiana – ha dichiarato Giorgio Felici, presidente di Confartigianato Imprese Piemonte – dopo anni di richieste reiterate alla Regione di rivedere criteri, ambiti e contenuti dell’Eccellenza Artigiana, con questa nuova delibera voluta dall’assessore Tronzano si creano i presupposti per una rivisitazione dell’Eccellenza Artigiana, per renderla più aggiornata ai tempi attuali e per costruire le basi per un rilancio delle attività artigiane riconosciute eccellenti attraverso nuove forme di sostegno e promozione”.

Questo inizio del nuovo percorso dell’Eccellenza Artigiana – ha dichiarato Fabrizio Actis, Presidente di CNA Piemonte – fortemente voluto dalla nuova Giunta della Regione Piemonte è il segnale di una nuova attenzione delle istituzioni verso il mondo delle piccole imprese ed in particolare di quelle connotate da contenuti artistici, tradizionali e innovativi, che esprimono al meglio la ricchezza e il valore delle produzioni artigiane piemontesi. Si tratta di realtà molto radicate nei territori, con un patrimonio di conoscenze e competenze uniche in Italia, che rappresentano altresì un’opportunità per i giovani da riscoprire anche in chiave occupazionale”.

Ringrazio per la fattiva collaborazione le associazioni di categoria – ha concluso l’assessore regionale Andrea Tronzano che hanno lavorato per dare nuovi stimoli e nuovi input a un settore che non a caso è una delle eccellenze in tutti i sensi del comparto produttivo piemontese. Se sapremo valorizzare al meglio tutte queste esperienze il Piemonte avrà un settore che potrà essere trainante dal punto di vista economico. La nostra versatilità e qualità deve rappresentare un punto di forza quanto mai unico e diventare un elemento di vantaggio competitivo”.

Scheda informativa sull'Eccellenza Artigiana

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

Poste: avviata l’interlocuzione per mantenere gli uffici sul territori

“La Giunta regionale ha avviato una interlocuzione con Poste italiane per analizzare e risolvere le criticità che riguardano il territorio piemontese”: lo ha annunciato l’assessore alla Montagna, Fabio Carosso, rispondendo a una interrogazione sulla materia in Consiglio regionale.

“L’obiettivo principale - continua Carosso - è quello di arrivare ad un Protocollo di intesa che sostituisca quello appena scaduto e che, partendo dall’esame dell’esito quest’ultimo, offra nuovi servizi agli enti locali e ai cittadini, preveda che il piano razionalizzazione degli uffici postali venga concordato con la Regione e che vengano messi in cantiere dei progetti per migliorare la qualità dell’offerta di prestazioni offerte alla comunità”.

“La nostra priorità - continua Carosso - che porteremo al gruppo di lavoro congiunto, è che venga mantenuta il più possibile la capillarità della presenza delle sedi postali sul nostro territorio e che si cerchi di avvicinare il più è possibile il servizio ai cittadini attraverso tutte le sue potenzialità”.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

 

ATTI DELLO STATO

Comunicato del Ministero dell'Interno

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 11 del 15.1.2020 il Comunicato del Ministero dell'Interno:

Assegnazione del contributo a favore dei comuni - anno 2020 - per la realizzazione di interventi riferiti a opere pubbliche di messa in sicurezza degli edifici e del territorio

Comunicato del Ministero dell'Interno

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 11 del 15.1.2020 il Comunicato del Ministero dell'Interno:

Comunicato relativo al decreto 14 gennaio 2020, concernente l'attribuzione ai comuni con popolazione inferiore a 1.000 abitanti del contributo per il potenziamento di investimenti per la messa in sicurezza di scuole, strade, edifici pubblici e patrimonio comunale e per l'abbattimento delle barriere architettoniche, per l'anno 2020, per un importo complessivo pari a 22.500.000 euro

DECRETI DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

Decreto del Presidente della Giunta regionale 8 Gennaio 2020, n. 1

E’ stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale n. 3 del 16.1.2020 il Decreto del Presidente della Giunta regionale 8 Gennaio 2020, n. 1:

Art. 8, comma 1 e art. 7, commi 1 e 4, LR 34/98 e s.m.i. Rinnovo della Conferenza Permanente Regione-Autonomie locali

PROVVEDIMENTI DELL'AMMINISTRAZIONE REGIONALE

 I testi dei provvedimenti qui pubblicati costituiscono un puro strumento di consultazione documentale privo di qualsiasi valore giuridico. Salvo diversa indicazione tutti i file sono pubblicati in formato Pdf oppure compressi in formato Zip. 

Assegnazione contributi statali e regionali a sostegno della gestione associata delle funzioni fondamentali dei Comuni in conto anno 2019

La Direzione Affari istituzionali e Avvocatura, con D.D. n. 489 del 20.12.2019, ha assegnato, nel rispetto delle indicazioni di cui alla D.G.R. n. 2-502 del 15/11/2019 e del conseguente Bando approvato con D.D. n. 434 del 18/11/2019, i contributi statali e regionali a sostegno della gestione associata delle funzioni fondamentali dei Comuni per l'anno 2019.

Tutte le informazioni alla pagina web https://www.regione.piemonte.it/web/amministrazione/autonomie-locali

Criteri per l’individuazione dei Comuni soggetti alle addizionali e alle riduzioni del tributo speciale per il deposito in discarica dei rifiuti

La Giunta regionale, con la D.G.R. n. 40-797 del 20.12.2019 pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 1 del 2.1.2020, ha stabilito che:

  • ai sensi dell’art. 205 comma 3 decreto legislativo 152/2006, l’addizionale del 20 per cento al tributo per il conferimento dei rifiuti in discarica a carico degli ambiti territoriali ottimali che non abbiano raggiunto le percentuali minime di raccolta differenziata previste, è da applicare a partire dall’anno di imposta 2019 assumendo come riferimento i valori di raccolta differenziata raggiunti nell’anno precedente, come approvati con determinazione dirigenziale del dirigente responsabile dell’Osservatorio regionale rifiuti e pubblicati sul sito;
  • ai sensi dell’art 205 comma 3 decreto legislativo 152/2006, la riduzione del tributo speciale per i comuni piemontesi che hanno superato gli obiettivi di raccolta differenziata è da applicare a partire dall’anno di imposta 2019 assumendo come riferimento i valori di raccolta differenziata raggiunti nell’anno precedente;
  • l’ambito territoriale di riferimento per verificare il raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata e con il quale confrontare la produzione pro capite di ciascun comune sia il consorzio di area vasta se costituito ovvero, come stabilito dall’articolo 3 della legge regionale 7/2012, i Consorzi di bacino costituiti ai sensi della legge regionale n. 24/2002;
  • gli impianti di trattamento di rifiuti urbani debbano rendere evidente al gestore della discarica alla quale conferiscono i rifiuti trattati, i quantitativi imputabili a ciascun comune al fine della corretta applicazione delle addizionali o delle riduzioni del tributo speciale di cui all’art. 205 comma 3 decreto legislativo 152/2006.

Qualora tutti i Comuni superassero gli obiettivi di raccolta differenziata previsti dalla norma nazionale con conseguente applicazione dell’imposta minima ai rifiuti conferiti in discarica, ne conseguirebbe un minore introito sul capitolo 11315 del Bilancio di gestione 2019-2021 (annualità 2020 e successive) stimato, nel caso più sfavorevole, in € 1.625.000,00. Viceversa qualora tutti i Comuni non raggiungessero gli obiettivi di raccolta differenziata previsti dalla norma nazionale con conseguente applicazione dell’addizionale del tributo pari al 20 per cento come specificato in premessa, ne conseguirebbe un introito aggiuntivo sul medesimo capitolo stimato in € 542.000,00.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Ambiente, Energia, Innovazione, Ricerca e connessi rapporti con Atenei e Centri di Ricerca pubblici e privati, servizi digitali per cittadini e imprese – Direzione Ambiente della Regione Piemonte.

 

Contatti

Riferimento
Redazione: Chiara Bellucco e Marco Puxeddu
Telefono
011/4326058 - 011/4325000
Email
notiziario@regione.piemonte.it