Tipologia di contenuto
Scheda informativa

Notiziario per le Amministrazioni locali n. 15 del 29 aprile 2021

Rivolto a
Cittadini
Enti pubblici
Imprese e liberi professionisti
Lozzolo (VC). Veduta.

Questa settimana in copertina*: Lozzolo (VC). Veduta.

Il Notiziario per le Amministrazioni locali pubblica settimanalmente notizie dell'attività amministrativa e istituzionale della Giunta regionale che hanno una particolare ricaduta sul sistema delle Autonomie locali.  La pubblicazione offre una panoramica su atti normativi e amministrativi statali e regionali e iniziative di interesse per gli Enti locali del Piemonte proponendo una selezione di comunicati stampa, scadenze utili e approfondimenti su temi specifici.

* Le immagini pubblicate sono fornite dai Comuni del Piemonte.

Avviso importante per le Unioni beneficiarie del contributo regionale a sostegno della gestione associata delle funzioni fondamentali comunali per l’anno 2020

Venerdì 30 aprile 2021 scade il termine perentorio per la presentazione della rendicontazione delle spese.
Si ricorda che la liquidazione del contributo avverrà solo a seguito della rendicontazione delle spese da effettuarsi secondo le modalità previste dal Bando approvato con D.D. n. 573 del 1/12/2020, pena l’esclusione dal contributo.

 IN PRIMO PIANO  

Al lavoro per la riapertura in sicurezza di Oratori e centri estivi

“Massima collaborazione e impegno comune per consentire la riapertura, nella totale sicurezza di oratori e centri estivi”. E’ questa la ferrea volontà con cui l’assessore regionale al Welfare, Chiara Caucino, ha chiuso l’ultima riunione del “T.O.P.”, il Tavolo Oratori Piemontesi, costituito nel giugno scorso dalla Regione Ecclesiastica Piemontese e la Regione Piemonte, attraverso i rispettivi presidenti, monsignor Cesare Nosiglia e il governatore Alberto Cirio.

Il Tavolo, guidato da monsignor Guido Gallese (Vescovo di Alessandria e Delegato Regionale per la Pastorale Giovanile) e dall’assessore Caucino, si era già occupato della riapertura estiva degli Oratori dopo il primo lockdown e della loro ripartenza nello scorso autunno. All’epoca tutto era andato per il meglio e l’iniziativa era stata un successo che aveva consentito, dopo mesi di chiusure, di far ritrovare a centinaia di bambini e di ragazzi il loro diritto alla socialità. Ma ora si guarda al futuro: l’ultima riunione è stata infatti dedicata alle attività degli Oratori in vista della prossima estate: attività sia diurne che con pernottamento, cosiddetti “campi estivi”.

Tanti i temi discussi. Un primo aspetto significativo emerso, il più importante, è la comune e determinata volontà di un pieno e convinto svolgimento degli Oratori estivi, secondo le norme di prevenzione dalla pandemia. È infatti in corso il lavoro al tavolo delle Regioni, che determinerà le linee guida nazionali, dalle quali, non appena saranno rese note, si potranno definire le modalità specifiche del governo per il Piemonte.

Questo secondo aspetto ha già comunque permesso un ampio e costruttivo confronto tra le parti, con la formulazione di proposte del territorio da portare alla Conferenza delle Regioni. Un terzo ambito di confronto ha toccato anche il sostegno economico agli Oratori. Il nuovo finanziamento della legge regionale sugli Oratori è già stato approvato. Per quando concerne invece i contributi statali versati ai Comuni e destinati alle attività estive, sono emerse alcune criticità per quanto riguarda l’effettiva erogazione, per cui saranno sollecitati tutti i Comuni nel sostenere con tempestività gli Oratori estivi.

Alla riunione, con l’assessore Chiara Caucino e la dirigente Antonella Caprioglio, hanno partecipato don Luca Ramello e Carlotta Testa, incaricati regionali per la Pastorale Giovanile, don Stefano Votta (NOI TORINO), don Ivano Mazzucco (ANSPI), don Stefano Mondin (Salesiani Piemonte e Valle d’Aosta) e don Marco Masoni (Diocesi di Novara).

Alla fine è emersa unanime soddisfazione per l’intesa anche sulle questioni ancora aperte e si attende ora la pubblicazione delle linee guida nazionali per poter immediatamente aggiornare il lavoro del Tavolo e il protocollo per la prossima estate.

“Proprio come lo scorso anno - spiega l’assessore Caucino - il tema della riapertura degli Oratori e dei centri estivi riveste fondamentale importanza in quanto queste strutture rappresentano importanti realtà ricreative ed educative per i nostri bambini e ragazzi e un determinante supporto per i genitori”. Per Caucino, “è fondamentale non perdere nemmeno un minuto per garantire una riapertura in assoluta sicurezza. In questo contesto diventa importantissimo il recepimento della versione definitiva dell’“allegato 8”, che il governo adotterà su proposta della Conferenza delle Regioni e che declineremo in base alle necessità della realtà piemontese”. “Il nostro obiettivo – conclude Caucino - in questa fase è quello di snellire l’iter burocratico legato all’emergenza. In questo senso è nostra ferma intenzione fare la nostra parte fino in fondo, collaborando con tutti gli Enti coinvolti. Un’azione, quella della Regione, che si esprime anche attraverso contributi concreti, come lo stanziamento, relativo al bilancio 2021, di 500mila euro per tutti gli Oratori dei cinque culti religiosi riconosciuti dal nostro Ente”.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

Galleria di Omegna (VCO): al via i lavori per la riapertura entro aprile 2022

Avviato il cantiere: un anno di lavori e 6 milioni di investimento per una iniziale riapertura a senso unico della Galleria Verta. L’obiettivo della Regione Piemonte resta il ripristino completo nel più breve tempo possibile.

"Festeggeremo volentieri la prossima Festa della Liberazione a Omegna (VCO) in occasione della riapertura della Galleria Verta, chiusa ormai da tre anni". Con questo annuncio il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e l’assessore regionale ai Trasporti Marco Gabusi hanno avviato ufficialmente il cantiere della galleria questa mattina dopo la consegna dei lavori all’impresa da parte di Anas. 

"Come promesso – sottolineano il presidente Cirio e l’assessore Gabusi - siamo tornati sul territorio nei tempi annunciati per iniziare i lavori. Anche se l’Italia è un Paese complicato e le opere che per l’opinione pubblica potrebbero ripartire subito stanno ferme molti anni, stiamo dimostrando che quando ci si mette di impegno e ognuno fa la propria parte si riesce a sbloccare anche ciò che tanti altri non hanno sbloccato". Accompagnati dal consigliere regionale del territorio Alberto Preioni, dal presidente della Provincia del Vco Arturo Lincio e dal suo vice Rino Porini, dal sindaco di Omegna Paolo Marchioni, il presidente Cirio e l’assessore Gabusi hanno condiviso con il responsabile ANAS Piemonte Angelo Gemelli l’avvio del cantiere.

Il cronoprogramma prevede ora circa un anno di lavori, al termine dei quali la galleria potrà essere riaperta a senso unico. "Appuntamento, dunque, al 25 aprile 2022. Grazie all’impegno di tutti – spiegano il presidente Cirio e l’assessore Gabusi – potremo finalmente restituire al territorio la mobilità stradale di cui ha bisogno. Parallelamente Anas ha preso l’impegno di progettare i lavori, che saranno ancora più corposi, per la riapertura completa della galleria, che rimane l’obiettivo della Regione Piemonte e degli Enti locali. Ringraziamo ANAS per la disponibilità dimostrata e per aver compreso l’importanza di questo intervento nel contesto territoriale in cui ci troviamo. Il VCO non è quella provincia lontana che per molto tempo ha ricevuto troppa poca attenzione dalle amministrazioni regionali; per noi è un territorio prezioso di raccordo con la Svizzera e la Lombardia, alle quali il Piemonte guarda da sempre con estremo interesse per le opportunità di sviluppo che offrono".

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

Semplificazione e dematerializzazione per le opere pubbliche in zona sismica

Una piccola ma significativa rivoluzione per la semplificazione nell’ambito delle opere pubbliche. È infatti attivo il nuovo portale ARCA EOS per il deposito telematico delle pratiche relative alle opere costruite in zona sismica. “Questo è il primo procedimento tecnico dematerializzato del Piemonte – sottolinea l’assessore alle Opere Pubbliche della Regione Piemonte Marco Gabusi -. Dopo i risultati positivi della sperimentazione di due anni in una trentina di Comuni nelle zone più sismiche del Piemonte, ora il servizio è disponibile per tutta la regione”.

Precedentemente, gli adempimenti per la realizzazione delle opere in zona sismica dovevano essere depositati in triplice copia cartacea presso la Regione Piemonte, la quale ne restituiva una copia timbrata all’Ente che l’aveva presentata. L’impatto ecologico e di utilizzo degli spazi erano notevoli. Da oggi per i tecnici professionisti sarà sufficiente la presentazione telematica sul portale per dar corso alla pratica; la Regione Piemonte prenderà in esame il file inviato e restituirà sempre telematicamente le sue osservazioni. “Si tratta di un passaggio molto importante – evidenzia l’assessore Gabusi – che consente di accelerare notevolmente l’iter burocratico delle opere pubbliche rilevanti, come strade, ponti e scuole, nelle zone sismiche. Grazie al lavoro degli uffici e dei tecnici che hanno contribuito in modo sostanziale a questo progetto abbiamo fatto un grosso passo in avanti verso l’integrazione tra professionisti ed Ente pubblico, in modo che il dialogo diventi rapido ed efficace su un tema estremamente complesso e delicato”.

“La semplificazione- spiega l'assessore alla Semplificazione della Regione Piemonte Maurizio Marrone - passa anche e soprattutto dall’eliminazione di scartoffie, spesso ripetute ed evitabili, ed il taglio di attese superflue dovute a passaggi cartacei tra le diverse istituzioni coinvolte nel medesimo procedimento. Con questo passo di digitalizzazione della Pubblica Amministrazione la Regione Piemonte anticipa il governo nazionale sulla strada verso l’obiettivo della burocrazia zero”.

L’accessibilità al portale per i professionisti viene promossa dalla Regione Piemonte attraverso una formazione gratuita. Il primo appuntamento è per il 3 maggio con un webinar dedicato alla presentazione del portale e delle sue funzionalità.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

Vaccinazioni Covid: la Regione coinvolge gli enti locali e le farmacie per il supporto nelle preadesioni per le fasce di popolazione tra i 60 e i 79 anni e da lunedì' 26 aprile per i cittadini fragili dai 16 ai 59 anni

Il Presidente della Regione, Alberto Cirio, e l'assessore alla Sanità, Luigi Icardi, hanno scritto una lettera ai presidenti regionali delle associazioni degli enti locali, Andrea Corsaro (Anci), Franca Biglio (Anpci), Roberto Colombero (Uncem), Federico Borgna (Ali), Paolo Lanfranco (UPI Piemonte) e di Federfarma, Massimo Mana, ed Assofarm, Mario Corrado, per chiedere la disponibilità delle amministrazioni locali e delle farmacie nelle attività di pre adesione sulla piattaforma www.ilpiemontetivaccina.it per i cittadini che hanno un'età compresa tra 60 e 79 anni e che ad oggi non si sono ancora iscritti.

A partire da lunedì 26 aprile sarà possibile anche per i cittadini fragili dai 16 ai 59 anni prenotarsi sulla piattaforma.

"Il Piemonte vuole dare una netta accelerazione alla campagna vaccinale, nel rispetto del target indicato dal Commissario straordinario Generale Figliuolo- affermano il Presidente Alberto Cirio e l'assessore Luigi Icardi - ma con la consapevolezza che è necessario arrivare in tempi brevi ad una copertura il più possibile estesa della popolazione. Per farlo coinvolgiamo ancora una volta gli enti locali (Comuni, Province, Comunità Montane) e le farmacie che hanno una presenza capillare e ramificata sul territorio e che fin dall'inizio ci hanno dato un grande supporto. Da parte del Governo ci attendiamo che prosegua il regolare arrivo delle dosi promesse, presupposto fondamentale per vaccinare il più possibile".
 
In sostanza, i dipendenti dei Comuni, delle Province, delle Comunità montane ed i farmacisti che riterranno di aderire all’iniziativa potranno aiutare i cittadini che hanno necessità di un sostegno digitale a fare la preadesione. Ad oggi, sono 282 mila gli over70 che hanno aderito su una popolazione complessiva di 450 mila persone in Piemonte e 220 mila gli over 60 che hanno aderito su una popolazione complessiva di 558 mila in Piemonte.
 
"Volentieri abbiamo dato la disponibilità delle associazioni degli enti locali che rappresentano i Comuni, le Province e le Comunità Montane per l'attività di preadesione. Gli uffici ed il personale sono a contatto quotidiano con i cittadini, in particolare nelle amministrazioni di medie e piccole dimensioni che sono un presidio accessibile a tutti, e possono aiutare coloro che per svariati motivi non hanno ancora dato la loro adesione a compiere un gesto che puo' essere fondamentale per la collettività." - Dichiarano Andrea Corsaro, presidente Anci, Franca Biglio, presidente aNPCI, Roberto Colombero presidenteUncem, Federico Borgna presidente ALI, e Paolo Lanfranco presidente UPI Piemonte.
In particolare, Anci sottolinea: “I Comuni che decideranno di aderire all’iniziativa lo faranno in piena autonomia, secondo le proprie capacità organizzative e sempre nel rispetto delle norme volte ad evitare assembramenti e a contenere il contagio.”
 
“Le farmacie del Piemonte hanno immediatamente recepito la richiesta per andare incontro alle esigenze dei cittadini, soprattutto quelli delle fasce più fragili, e saranno a disposizione per aiutare nella fase di preadesione al vaccino.
Sarà quindi il farmacista, su richiesta del cittadino, a inserire il codice fiscale dell’assistito, le 20 cifre della tessera sanitaria (che non coincidono con il codice a barre), la categoria a cui il cittadino appartiene (indicate dal menù a tendina) ed il telefono dell’utente, in modo che questo possa essere contattato dalla propria ASL per la definizione dell’appuntamento vero e proprio. Anche in questa occasione la farmacia è a fianco della Regione e dei cittadini per fare la propria parte nella battaglia contro la pandemia.
Le farmacie sono da sempre interlocutore privilegiato del cittadino in tema di salute: siamo orgogliosi di essere sempre più parte attiva in questa situazione emergenziale, mettendo a disposizione la nostra rete logistica e professionale. Attendiamo di poter partire con la vaccinazione”- dichiarano Massimo Mana, presidente di Federfarma Piemonte e Mario Corrado, presidente di Assofarm.

Notizia tratta da “Piemonte informa”, agenzia giornalistica quotidiana on line della Regione Piemonte.

 ATTI DELLO STATO  

Decreto-Legge 22 aprile 2021, n. 52

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 96 del 22.4.2021 il Decreto-Legge 22 aprile 2021, n. 52:

Misure urgenti per la graduale ripresa delle attivita' economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell'epidemia da COVID-19.

Entrata in vigore del provvedimento: 23/04/2021.

Decreto del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare 11 febbraio 2021

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 98 del 24.4.2021 il Decreto del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare 11 febbraio 2021:

Criteri e modalità di concessione, erogazione e rimborso dei finanziamenti a tasso agevolato per gli interventi di efficienza energetica e di efficientamento e risparmio idrico su edifici pubblici. 

Decreto del Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali 20 aprile 2021

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 99 del 26.4.2021 il Decreto del Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali 20 aprile 2021:

Dichiarazione dell'esistenza del carattere di eccezionalità' degli eventi calamitosi verificatisi nei territori della Regione Piemonte dal 2 al 3 ottobre 2020.

Delibera della Corte dei Conti 31 marzo 2021

E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 100 del 27.4.2021 la Delibera della Corte dei Conti 31 marzo 2021:

Linee di indirizzo per la relazione dei revisori dei conti dei comuni, delle città metropolitane e delle province sui bilanci di previsione 2021-2023, per l'attuazione dell'articolo 1, comma 166 e seguenti, della legge 23 dicembre 2005, n. 266. (Delibera n. 2/SEZAUT/2021/INPR). 

Delibera della Corte dei Conti 31 marzo 2021

E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 100 del 27.4.2021 la Delibera della Corte dei Conti 31 marzo 2021:

Linee guida per le relazioni del collegio dei revisori dei conti sui rendiconti delle regioni e delle province autonome per l'esercizio 2020, ai sensi dell'articolo 1, commi 166 e seguenti, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, richiamato dall'articolo 1, commi 3 e 4, del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre 2012, n. 213. (Delibera n. 6/SEZAUT/2021/INPR).

Delibera della Corte dei Conti 31 marzo 2021

E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 100 del 27.4.2021 la Delibera della Corte dei Conti 31 marzo 2021:

Linee guida e relativo questionario per gli organi di revisione economico finanziaria degli enti locali per l'attuazione dell'articolo 1, commi 166 e seguenti, della legge 23 dicembre 2005, n. 266. Rendiconto della gestione 2020. (Delibera n. 7/SEZAUT/2021/INPR). 

Ordinanza del Ministero della Salute 25 aprile 2021

E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 98 del 24.4.2021 l’Ordinanza del Ministero della Salute 25 aprile 2021:

Ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19.

Ordinanza del Ministero della Salute 23 aprile 2021

E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 98 del 24.4.2021 l’Ordinanza del Ministero della Salute 23 aprile 2021:

Ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 nelle Regioni Abruzzo, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Toscana, Umbria, Veneto e nelle Province autonome di Trento e Bolzano. 

Comunicato del Ministero dell’Interno

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 96 del 22.4.2021 il Comunicato del Ministero dell’Interno:

Avviso relativo al decreto 16 aprile 2021, concernente il riparto delle risorse incrementali del Fondo istituito per ristorare i comuni delle minori entrate dovute all'abolizione, per l'anno 2020, della seconda rata dell'imposta municipale propria su immobili e pertinenze in cui si esercitano le attività riferite ai codici ATECO. 

Comunicato dell’Istituto Nazionale di Statistica

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 97 del 23.4.2021 il Comunicato dell’Istituto Nazionale di Statistica:

Indici dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, relativi al mese di marzo 2021, che si pubblicano ai sensi dell'art. 81 della legge 27 luglio 1978, n. 392 (Disciplina delle locazioni di immobili urbani), ed ai sensi dell'art. 54 della legge del 27 dicembre 1997, n. 449 (Misure per la stabilizzazione della finanza pubblica).

Comunicato del Ministero dell’Economia e delle Finanze

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 97 del 23.4.2021 il Comunicato del Ministero dell’Economia e delle Finanze:

Certificazione della perdita di gettito connessa all'emergenza epidemiologica da COVID-19, al netto delle minori spese e delle risorse assegnate a vario titolo dallo Stato a ristoro delle minori entrate e delle maggiori spese connesse alla predetta emergenza. 

Comunicato del Ministero dell’Interno

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 98 del 24.4.2021 il Comunicato del Ministero dell’Interno:

Avviso relativo al decreto 14 aprile 2021, concernente il riparto parziale per l'importo di 82,5 milioni di euro, per l'anno 2021, del Fondo istituito presso il Ministero dell'interno, per il ristoro in favore dei comuni delle minori entrate derivanti dall'esonero, dal 1° gennaio 2021 al 31 marzo 2021, dal pagamento del canone di cui all'articolo 1, commi 816 e seguenti e commi 837 e seguenti, della legge 27 dicembre 2019, n. 160. 

Comunicato del Ministero dell’Interno

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 97 del 23.4.2021 il Comunicato del Ministero dell’Interno:

Avviso relativo al decreto del 14 aprile 2021, concernente il riparto di un acconto delle risorse incrementali del Fondo per l'esercizio delle funzioni degli enti locali pari a 200 milioni di euro a favore dei comuni ed a 20 milioni di euro a favore di province e citta' metropolitane, per l'anno 2021, ai fini del ristoro delle perdite di gettito connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19, al netto delle minori spese e delle risorse assegnate dallo Stato a compensazione delle minori entrate e delle maggiori spese. 

DECRETI DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 

Decreto del Presidente della Giunta regionale 16 aprile 2021, n. 51

E’ stato pubblicato sul Supplemento Ordinario n. 5 del 24 aprile 2021 al Bollettino Ufficiale n. 16 del 22 aprile 2021 il Decreto del Presidente della Giunta regionale 16 aprile 2021, n. 51:

Disposizioni attuative per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. Ordinanza ai sensi dell’art. 32, comma 3, della legge 23 dicembre 1978, n. 833, in materia di igiene e sanità pubblica. 

PROVVEDIMENTI DELL'AMMINISTRAZIONE REGIONALE

I testi dei provvedimenti qui pubblicati costituiscono un puro strumento di consultazione documentale privo di qualsiasi valore giuridico. Salvo diversa indicazione tutti i file sono pubblicati in formato Pdf oppure compressi in formato Zip.

Disposizioni, a modifica della D.G.R. 29-4950 del 2 maggio 2017, sulle modalità di rendicontazione dell'attività svolta dagli Enti gestori istituzionali dei servizi socio-assistenziali a livello locale e delle spese relative

La Giunta Regionale con D.G.R. n. 2-3117 del 23 Aprile 2021, ha approvato l’Allegato 1 “Disposizioni, a modifica della D.G.R. n.  29-4950 del 2 maggio 2017, sulle modalità di rendicontazione dell'attività svolta a livello locale e delle spese relative su procedura informatizzata: “servizi per la rendicontazione degli Enti gestori”.
E’ demandata al Dirigente del Settore regionale Programmazione socio-assistenziale e socio-sanitaria, standard di servizio e qualità, trattandosi di contenuti prettamente tecnici e operativi, l’approvazione, nel rispetto di quanto riportato nel suddetto Allegato 1, dei relativi modelli di rendicontazione, nonché le future modifiche, integrazioni o sostituzioni che si rendessero loro necessarie, anche a fronte di successivi interventi normativi.
E’ demandata al Dirigente del Settore regionale Programmazione socio-assistenziale e socio-sanitaria, standard di servizio e qualità, l’adozione degli atti e dei provvedimenti necessari per l’attuazione della presente deliberazione.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Politiche della Famiglia, dei Bambini e della Casa, Sociale, Pari Opportunità della Regione Piemonte. 

Prosecuzione del "Programma regionale scuola sicura". Rettifica della DGR n. 24-3081 del 9 aprile 2021

La Giunta Regionale con D.G.R. n. 21-3135 del 23 Aprile 2021, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 17 del 29 aprile 2021, ha rettificato, la D.G.R. n. 24-3081 del 9 aprile 2021, disponendo la prosecuzione, fino al 31.07.2021, anche del progetto sperimentale di screening su base volontaria definito al primo alinea della D.G.R. n. 3-2738/2020 mediante l’esecuzione di test  antigenico o molecolare su tampone rino-faringeo, rivolto al personale docente e non docente di servizi educativi per l’infanzia, Scuole dell’infanzia, Scuole Primarie, Scuole Secondarie di primo grado, Scuole Secondarie di secondo grado, comprese le Scuole Paritarie delle tipologie indicate, e Agenzie formative operanti nel sistema della Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) del territorio regionale, previa prenotazione da parte del MMG.

E’ demandata ai Settori competenti della Direzione Sanità e Welfare, l’adozione degli atti necessari per l’attuazione della presente deliberazione.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Sanità, Livelli essenziali di assistenza, Edilizia sanitaria della Regione Piemonte. 

Ridefinizione della Rete regionale contro le discriminazioni

La Direzione Sanità e Welfare, con D.D. n. 601 del 28 aprile 2021, ha ridefinito l’elenco dei Nodi della Rete regionale contro le discriminazioni istituiti presso le Province, i Comuni piemontesi e la Città metropolitana di Torino che hanno sottoscritto apposito Protocollo di Intesa con la Regione Piemonte, di cui all’Allegato A alla presente determinazione per costituirne parte integrante e sostanziale del presente atto, che sostituisce quello approvato con D.D. n. 1340 del 22.12.2017.

Stagione venatoria 2021/2022. Disposizioni, a stralcio del calendario venatorio, sull’avvio della caccia di selezione al cinghiale. Approvazione dei piani di prelievo selettivo alla specie cinghiale negli Istituti venatori

La Giunta Regionale con D.G.R. n. 18-3133 del 23 Aprile 2021, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 17 del 29 aprile 2021, ha:
- stabilito che, quale stralcio del redigendo calendario venatorio generale 2021-2022, da approvarsi con successiva deliberazione della Giunta regionale nel rispetto della normativa vigente e ferme restando le vigenti misure di contenimento e di prevenzione dal contagio:
·    per l’anno venatorio 2021/2022, l’inizio della caccia di selezione al cinghiale sia il 24 aprile 2021;
·    il periodo di apertura della caccia di selezione al cinghiale, per l'intero territorio regionale, è dal 24 aprile 2021 al 14 marzo 2022, così come riportato nell'allegato A) parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;

Sono approvate le istruzioni operative supplementari riportate nell’allegato B), parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.

E’ approvato, per la stagione venatoria 2021/2022, il primo elenco dei piani di prelievo selettivo della specie cinghiale, presentati dagli istituti venatori e riassunti nella tavola sinottica (allegato C) così come modificati in seguito al recepimento del parere dell’ISPRA, di cui in premessa, allegata alla presente deliberazione per farne parte integrante e sostanziale.

L’allegato C) sarà oggetto di adeguamento successivo con le richieste di integrazione e modifica dei piani di prelievo selettivo per la specie cinghiale inviate dagli istituti venatori entro il 15 maggio 2021, nel rispetto delle modalità procedurali stabilite dal Settore Infrastrutture, Territorio Rurale, Calamità naturali in Agricoltura, Caccia e Pesca, al fine di raggiungere la consistenza di prelievo dei valori numerici provinciali di cui alla tabella riportata in premessa.

Qualora le richieste di integrazione non fossero adeguate o sufficienti per raggiungere le quote di prelievo minimo stabilite a livello provinciale ai sensi della tabella riportata in premessa lo stesso allegato C) potrà essere integrato d’ufficio in base ad una proposta tecnica elaborata dal Settore Infrastrutture, Territorio Rurale, Calamità naturali in Agricoltura, Caccia e Pesca.

Per ogni abbattimento dovrà essere redatta apposita scheda di rilevamento dati riportante le caratteristiche dell'animale abbattuto in originale e copia, con le seguenti destinazioni: una copia da consegnarsi all'abbattitore e una copia da trattenersi presso il centro di controllo per gli ATC e CA o la direzione dell’A.F.V. o dell’A.A.T.V.; all'atto dell'abbattimento e a recupero avvenuto della specie suddetta dovrà essere apposto un contrassegno.

E’ demandato al Settore Infrastrutture, Territorio Rurale, Calamità naturali in Agricoltura, Caccia e Pesca, di provvedere, ai sensi dell’art. 18, comma 4, della legge 157/1992, per fini informativi, alla pubblicazione del presente provvedimento comprensivo degli allegati, sul sito della Regione Piemonte al seguente indirizzo: https://www.regione.piemonte.it/web/temi/agricoltura/tutela-della-fauna-caccia-pesca/stagione-venatoria-corrente

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Agricoltura, Cibo, Caccia e Pesca della Regione Piemonte. 

SCADENZE UTILI

Si specifica che questo memorandum non ha valore legale e può non essere esaustivo di tutti i provvedimenti adottati per i quali è previsto il rispetto di un termine perentorio.

Scadenze del mese di APRILE (n. 1 provvedimento segnalato)

1) Assegnazione contributi statali e regionali a sostegno della gestione associata delle funzioni fondamentali dei Comuni in conto anno 2020. Termine per le rendicontazioni.

La Direzione della Giunta regionale, con la D.D. n. 662 del 24.12.2020, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 1 del 7.1.2021, ha proceduto con il presente provvedimento all’assegnazione dei contributi statali e regionali a sostegno della gestione associata delle funzioni fondamentali dei Comuni in conto anno 2020.

Le somme oggetto di finanziamento, come previsto dal Bando approvato con D.D. n. 573 del 1/12/2020 dal quale discende la graduatoria, devono essere rendicontate entro il termine perentorio del 30/04/2021 esclusivamente mediante la compilazione del modello allegato al Bando stesso, pena la revoca del finanziamento.

Si darà avvio alla fase della liquidazione della spesa, oggetto di assegnazione del contributo, facente capo ad ogni avente diritto, a seguito della rendicontazione delle spese da effettuarsi secondo le modalità previste dal Bando approvato con D.D. n. 573 del 1/12/2020 di questo Settore e a condizione che sia trasmesso lo Statuto debitamente aggiornato nel quale risultino inserite le funzioni per le quali è stato richiesto il contributo.

Scadenze del mese di MAGGIO (n. 1 provvedimento segnalato)

1) Programma quadriennale di finanziamento per gli anni 2017-2020 a favore dei Consorzi per la gestione dei rifiuti urbani. Proroga del termine di realizzazione degli interventi e di chiusura della seconda fase del Programma.

La Giunta Regionale, con D.G.R. n. 12-2266 del 13 Novembre 2020, ha prorogato di 6 mesi, pertanto al 31 maggio 2021, il termine del 30 novembre 2020 per la realizzazione e per il pagamento a favore di terzi delle spese degli interventi oggetto di contributo regionale nell’ambito della II^ fase del Programma quadriennale di finanziamento 2017-2020 a favore dei Consorzi per la gestione dei rifiuti urbani, approvato con D.G.R. n. 85-5516 del 3 agosto 2017, come modificata da ultimo con la deliberazione n. 31-7569 del 21 settembre 2018.

E’ stato prorogato di 6 mesi, ossia al 30 giugno 2021, il termine del 31 dicembre 2020 di chiusura del Programma di finanziamento stabilito dalla Giunta regionale con deliberazione n. 85-5516 del 3 agosto 2017, come modificata da ultimo con la deliberazione n. 31-7569 del 21 settembre 2018.

E’ stato prorogato, per effetto della proroga di cui ai punti precedenti, al 30 giugno 2021 il termine di validità degli Accordi di Programma stipulati in attuazione della D.G.R. n. 85-5516 del 3 agosto 2017, come da ultimo modificata con la deliberazione n. 31-7569 del 21 settembre 2018 e di stabilire nel 31 maggio 2021 il termine per la realizzazione degli interventi e per il pagamento delle relative spese a favore di terzi da parte dei Consorzi beneficiari del contributo regionale.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Assessorato Ambiente, Energia, Innovazione, Ricerca e connessi rapporti con Atenei e Centri di Ricerca pubblici e privati, Ricerca applicata per emergenza COVID-19 – Direzione Ambiente e Energia della Regione Piemonte.

Scadenze del mese di GIUGNO (n. 3 provvedimenti segnalati)

1) Programma quadriennale di finanziamento per gli anni 2017-2020 a favore dei Consorzi per la gestione dei rifiuti urbani. Proroga del termine di realizzazione degli interventi e di chiusura della seconda fase del Programma.

La Giunta Regionale, con D.G.R. n. 12-2266 del 13 Novembre 2020, ha prorogato di 6 mesi, pertanto al 31 maggio 2021, il termine del 30 novembre 2020 per la realizzazione e per il pagamento a favore di terzi delle spese degli interventi oggetto di contributo regionale nell’ambito della II^ fase del Programma quadriennale di finanziamento 2017-2020 a favore dei Consorzi per la gestione dei rifiuti urbani, approvato con D.G.R. n. 85-5516 del 3 agosto 2017, come modificata da ultimo con la deliberazione n. 31-7569 del 21 settembre 2018.

E’ stato prorogato di 6 mesi, ossia al 30 giugno 2021, il termine del 31 dicembre 2020 di chiusura del Programma di finanziamento stabilito dalla Giunta regionale con deliberazione n. 85-5516 del 3 agosto 2017, come modificata da ultimo con la deliberazione n. 31-7569 del 21 settembre 2018.

E’ stato prorogato, per effetto della proroga di cui ai punti precedenti, al 30 giugno 2021 il termine di validità degli Accordi di Programma stipulati in attuazione della D.G.R. n. 85-5516 del 3 agosto 2017, come da ultimo modificata con la deliberazione n. 31-7569 del 21 settembre 2018 e di stabilire nel 31 maggio 2021 il termine per la realizzazione degli interventi e per il pagamento delle relative spese a favore di terzi da parte dei Consorzi beneficiari del contributo regionale.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Assessorato Ambiente, Energia, Innovazione, Ricerca e connessi rapporti con Atenei e Centri di Ricerca pubblici e privati, Ricerca applicata per emergenza COVID-19 – Direzione Ambiente e Energia della Regione Piemonte.

 

2) Bando per l'attribuzione di contributi alle Agenzie Territoriali per la Casa per la realizzazione di interventi di bonifica di edifici di proprietà, mediante rimozione, di manufatti contenenti amianto

La Direzione Ambiente, Energia e Territorio, con D.D. n. 174 del 26 marzo 2021, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 13 del 1° aprile 2021, ha:
    • approvato, in attuazione di quanto disposto dalla Giunta regionale con deliberazione n. 13-2968 del 12 marzo 2021 ai sensi dell'articolo 12 della legge regionale 30/2008, il bando per l’attribuzione di contributi alle Agenzie Territoriali per la Casa per la realizzazione di interventi di bonifica, mediante rimozione, di manufatti contenenti amianto, di cui agli allegati 1, 2 e 3, costituenti parte integrante del presente provvedimento;
    • stabilito che le istanze di contributo delle Agenzie Territoriali per la Casa per la realizzazione di interventi di bonifica, mediante rimozione, di manufatti contenenti amianto, dovranno essere presentate entro il termine del 30 giugno 2021 e secondo le specifiche ed i contenuti disciplinati dagli allegati 1, 2 e 3 alla presente determinazione dirigenziale;
    • rinviato a successivi provvedimenti, sulla base dell’istruttoria condotta sulle istanze di contributo pervenute entro il termine di cui sopra, l’adozione della graduatoria delle domande ammissibili e, fino alla concorrenza delle risorse regionali a disposizione, l’individuazione di quelle finanziabili;
    • dato atto che la copertura finanziaria dei progetti ammissibili a contributo è garantita con le somme prenotate, sul capitolo di fondi regionali 229990 nell’ambito della Missione 09, Programma 02, con determinazione dirigenziale n. 591/A1603B del 30 ottobre 2020, pari a complessivi € 500.000,00, di cui € 100.000,00 sull’annualità 2021 (quota parte prenotazione n. 2021/2294) ed € 400.000,00 sull’annualità 2022 (quota parte prenotazione n. 2022/804); tali prenotazioni saranno rese definitive ad avvenuta individuazione dei beneficiari del finanziamento;
    • in presenza di DURC regolare verrà disposta la liquidazione a favore di beneficiari del 20% dell’importo del contributo contestualmente all'attribuzione dello stesso; ulteriori acconti, fino al raggiungimento del 90% del contributo rideterminato sulla base dell'importo del contratto stipulato a seguito dell'assegnazione dei lavori, saranno trasferiti su presentazione di rendicontazione, da parte dei beneficiari, di comprovati stati di avanzamento lavori e relativi certificati di pagamento; il 10% o minor importo a saldo sarà trasferito ad avvenuta approvazione del certificato di regolare esecuzione e su presentazione della rendicontazione delle spese sostenute;
    • dato atto che il termine per la conclusione del procedimento di attribuzione dei contributi è fissato in 90 giorni dal 30 giugno 2021.
    • per i progetti ammissibili a finanziamento sarà richiesta la trasmissione del CUP ai fini dell'adozione del provvedimento dirigenziale di assegnazione del contributo.

 

3) Commercio su area pubblica. Verifiche di regolarità contributiva e fiscale delle imprese (VARA). Disposizioni eccezionali e temporanee in deroga ai capi I e II della D.G.R. 26 luglio 2010, n. 20-380, in emergenza sanitaria da COVID-19.

La Giunta Regionale con D.G.R. n. 28-3109 del 16 Aprile 2021, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 16 del 22 aprile 2021, ha disposto, quali misure eccezionali di accompagnamento e supporto al comparto del commercio su area pubblica anche nell’attuale emergenza sanitaria da COVID-19:
- la riapertura del termine del 28 febbraio 2021, previsto al capo I della D.G.R. 26 luglio 2010, n. 20-380 quale termine finale per gli adempimenti a carico delle imprese del commercio su area pubblica, ai fini della prova della regolarità della loro posizione ai fini previdenziali, fiscali e assistenziali, consentendo alle stesse di presentare la documentazione necessaria ai fini dei controlli previsti dalla DGR 22 marzo 2019, n. 10-8575, richiamata in premessa,  fino alla data del 30 giugno 2021;
- il differimento del termine del 30 aprile 2021, previsto al capo I della D.G.R. 26 luglio 2010, n. 20-380 quale termine  finale per gli adempimenti comunali di controllo della regolarità delle imprese del comparto, alla data del 30 giugno 2021;
 - la sospensione dell’applicazione della disposizione di cui al Capo II, p. 2 della D.G.R. 26 luglio 2010, n. 20-380 per la quale: “Il comune competente al rilascio dell’autorizzazione, nel caso in cui riscontri un’inadempienza, dispone la sospensione dell'autorizzazione fino alla avvenuta regolarizzazione della posizione dell’operatore”, nella parte in cui prevede la sanzione della sospensione dell’autorizzazione, fino alla data del 31 ottobre 2021;
- l’obbligo per gli operatori, in caso di irregolarità, di regolarizzare la propria posizione entro il termine del 31 ottobre 2021.
E’ stabilito, inoltre, che:
- nel caso in cui il procedimento di regolarizzazione ai fini del VARA interessi operatori coinvolti altresì nei  procedimenti di rinnovo delle concessioni pluriennali, le stesse saranno rinnovate entro il termine  del 30 giugno 2021, ai sensi di quanto previsto dalla DGR 14 dicembre 2020, n. 1-2555 ed avranno efficacia condizionata risolutivamente alla mancata regolarizzazione dell’operatore entro il termine  del 31 ottobre 2021;
- decorso il termine del 31 ottobre 2021 opererà la piena reviviscenza delle disposizioni ordinarie vigenti in materia.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Cultura, Turismo, Commercio della Regione Piemonte.

Scadenze del mese di LUGLIO (n. 1 provvedimento segnalato)

1) Bando per l'attribuzione di contributi ai Comuni per la realizzazione di interventi di bonifica, con rimozione, di coperture in cemento-amianto di proprietà privata, in sostituzione dei soggetti inadempienti con azione di rivalsa per il recupero delle somme spese.

La Direzione Ambiente, Energia e Territorio, con D.D. n. 175 del 26 marzo 2021, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 13 del 1° aprile 2021, ha:
• approvato, in attuazione di quanto disposto dalla Giunta regionale con deliberazione n. 13- 2968 del 12 marzo 2021 ai sensi dell'articolo 4 della legge regionale 30/2008, il bando per l’attribuzione di contributi ai Comuni per la bonifica, mediante rimozione, di coperture in cemento-amianto di proprietà privata a seguito di accertata inottemperanza alle ordinanze di bonifica, di cui agli allegati 1 e 2, costituenti parte integrante del presente provvedimento;
• stabilito che le istanze di contributo delle Amministrazioni comunali per la realizzazione di interventi di bonifica, mediante rimozione, delle coperture in cemento-amianto, dovranno essere presentate entro il termine del 31 luglio 2021 e secondo le specifiche ed i contenuti disciplinati dagli allegati 1 e 2 alla presente determinazione dirigenziale;
• rinviato a successivi provvedimenti, sulla base dell’istruttoria condotta sulle istanze di contributo pervenute entro il termine di cui sopra, l’adozione della graduatoria delle domande ammissibili e, fino alla concorrenza delle risorse regionali a disposizione, l’individuazione di quelle finanziabili;
• dato atto che la copertura finanziaria degli interventi ammissibili a contributo è garantita con le somme prenotate, sul capitolo di fondi regionali 229990 nell’ambito della Missione 09, Programma 02, con determinazione dirigenziale n. 591/A1603B del 30 ottobre 2020, pari a complessivi € 302.470,04, di cui € 100.000,00 sull’annualità 2021 (quota parte prenotazione n. 2021/2294) ed € 202.470,04 sull’annualità 2022 (quota parte prenotazione n. 2022/804); tali prenotazioni saranno rese definitive ad avvenuta individuazione dei beneficiari del finanziamento;
• in presenza di DURC regolare, verrà disposta la liquidazione, a favore di beneficiari del finanziamento, del 33% del relativo importo; ulteriori acconti, fino al raggiungimento del 90% del contributo rideterminato sulla base dell'importo del contratto stipulato a seguito dell'assegnazione dei lavori, saranno trasferiti su presentazione di rendicontazione da parte dei beneficiari, di comprovati stati di avanzamento lavori e relativi certificati di pagamento; il 10% o minor importo a saldo avrà luogo ad avvenuta approvazione del certificato di regolare esecuzione e su presentazione della rendicontazione delle spese sostenute;
• dato atto che il termine per la conclusione del procedimento di attribuzione dei contributi è fissato in 90 giorni dal 31 luglio 2021;
• precisato che le Amministrazioni comunali beneficiarie dei contributi regionali saranno tenute all'adozione delle azioni di rivalsa per il recupero delle somme anticipate per le operazioni di bonifica e che gli importi reintroitati dai soggetti inadempienti dovranno essere restituiti alla Regione Piemonte;
• per i progetti ammissibili a finanziamento sarà richiesta la trasmissione del CUP ai fini dell'adozione del provvedimento dirigenziale di assegnazione del contributo. 

Scadenze del mese di SETTEMBRE (n. 1 provvedimento segnalato)

1) Adempimenti relativi alla corresponsione della quota minima per il riconoscimento della condizione di morosità incolpevole degli assegnatari di edilizia sociale per l’anno 2020. Misure straordinarie conseguenti all’emergenza epidemiologica da Covid-19. Modifica D.G.R. n. 4-2128 del 23 ottobre 2020

La Giunta Regionale con D.G.R. n. 2-3061 del 9 aprile 2021, ha deliberato, in via straordinaria, in merito agli adempimenti relativi alla corresponsione della quota minima per il riconoscimento della condizione di morosità incolpevole degli assegnatari di edilizia sociale per l’anno 2020, anche a parziale modifica di quanto stabilito dalla D.G.R. n. 4-2128 del 23 ottobre 2020, stante il perdurare delle limitazioni e difficoltà evidenziate in premessa, conseguenti all’emergenza epidemiologica presente in Italia e nella Regione Piemonte:
1) di prorogare al 30 settembre 2021 il termine entro il quale gli assegnatari degli alloggi di edilizia sociale possono procedere al versamento della quota minima stabilita con D.G.R. n. 4-2128 del 23 ottobre 2020, ai fini del riconoscimento della condizione di morosità incolpevole, in deroga eccezionale al diverso termine di cui all’articolo 7 del Regolamento regionale n. 14/R del 4 ottobre 2011, per l’anno 2020 e alla presentazione agli enti gestori della relativa documentazione, ai sensi dell’articolo 2 del Regolamento regionale n. 15/R del 4 ottobre 2011;
2) di consentire agli enti gestori di comunicare alla Struttura regionale competente l’ammontare della morosità incolpevole maturata dai rispettivi assegnatari entro il termine del 29 ottobre 2021, in deroga eccezionale al diverso termine previsto dall’articolo 3, comma 2, del Regolamento regionale n. 15/R del 4 ottobre 2011.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Politiche della Famiglia, dei Bambini e della Casa, Sociale, Pari Opportunità della Regione Piemonte. 

Scadenze del mese di OTTOBRE (n. 1 provvedimento segnalato)

1) Criteri per il riparto delle risorse e per la concessione di contributi per interventi di ristrutturazione e riqualificazione edifici scolastici in attuazione del programma biennale per gli investimenti di edilizia scolastica. Seconda proroga termine inizio lavori.

La Giunta Regionale, con D.G.R. n. 3-2170 del 30 Ottobre 2020, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 46 del 12 novembre 2020, ha prorogato dal 30 ottobre 2020 al 30 ottobre 2021 il termine per l’inizio lavori degli interventi finanziati di cui alla D.G.R. n. 26–7920 del 23 novembre 2018, previsto al punto 17 dell'allegato A della medesima deliberazione, come modificato con D.G.R. n. 8-508 del 15-novembre 2019.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Istruzione, Lavoro, Formazione professionale, Diritto allo Studio universitario della Regione Piemonte.

Scadenze ANNO 2022 - n. 2 provvedimenti segnalati

1) Commercio su area pubblica. Verifiche di regolarità contributiva e fiscale delle imprese (VARA). Differimento dei termini, di cui alla D.G.R. 26 luglio 2010, n. 20-380, per gli adempimenti dell'anno 2021 in riferimento all'annualità 2019

La Giunta regionale, con D.G.R. n. 9-2864 del 12 febbraio 2021, pubblicata sul Supplemento ordinario n. 4 al Bollettino Ufficiale n. 07 del 18 febbraio 2021, ha disposto il differimento dei termini per gli adempimenti VARA previsti, ai sensi della D.G.R. 26 luglio 2010, n. 20-380, a carico degli operatori e dei Comuni per il corrente anno 2021 con riferimento all’annualità 2019, entro i termini, rispettivamente, del 28 febbraio e del 30 aprile 2021, alle date del 28 febbraio e del 30 aprile 2022.

Ndr: per ulteriori informazioni contattare l'Assessorato Cultura, Turismo, Commercio della Regione Piemonte. 

 

2) Disposizioni per favorire la costituzione delle associazioni fondiarie e la valorizzazione dei terreni agricoli e forestali. Bando 2019: proroga dei termini di consegna dei Piani di gestione dei terreni e della rendicontazione finale del contributo.

La Direzione Ambiente, Energia e Territorio, con D.D. n. 91 del 25 febbraio 2021, pubblicata sul Bollettino Ufficiale n. 9 del 4 marzo 2021, ha prorogato il termine di presentazione dei Piani di gestione dei terreni al 12.03.2022 e di prorogare al 13.03.2023 la rendicontazione finale del contributo concesso con D.D. n. 99/A1615A del 12 marzo 2020.