Nuova legge regionale sulle strutture ricettive extralberghiere: novità anche per chi vuole affittare case private ai turisti

La nuova legge regionale, che  intende semplificare e innovare il sistema turistico piemontese, dovrà essere completata dal regolamento attuativo che la Giunta regionale approverà entro febbraio 2018.

 
Gli aspetti più rilevanti della nuova disciplina riguardano:
- la possibilità di affittare ai turisti case e stanze di alloggi privati, come previsto dalla Legge 96/2017,  per la quale sarà adottato uno specifico modello di comunicazione semplificata;
- il recupero e l'utilizzo a fini turistici di case cantoniere, stazioni ferroviarie e fortificazioni e immobili di proprietà pubblica;
- la gestione di “Bed and Breakfast” e “affittacamere” in modo imprenditoriale e non imprenditoriale, utilizzando denominazioni come room rental guest house locanda;
- l'introduzione della formula delle case e appartamenti per vacanze denominata “residence”;
- semplificazioni delle case per ferie che potranno chiamarsi “foresterie” e “centri soggiorno”, quest’ultime con specifiche e puntuali finalità sociali, educative e sportive;
- la previsione di soluzioni ricettive innovative quali “case o camere su alberi”, “chiatte su laghi”, “camere nelle botti”;
- la possibilità per le strutture ricettive extralberghiere, localizzate lungo itinerari e sentieri escursionistici riconosciuti come tali dalla Regione Piemonte, di aggiungere alla propria denominazione quella di “posto tappa” con caratteristiche peculiari e servizi di offerta turistica dedicati;
- la possibilità per i gestori di specifiche strutture extralberghiere di mettere a disposizione dei turisti locali e servizi accessori e complementari per la cura e il benessere psico-fisico nel rispetto delle vigenti normative di settore.