Piemonte Bike

Il nuovo portale regionale dedicato al cicloturismo

Comunicato Stampa del 27 giugno 2018

Il 27 giugno 2018 a Torino è stato presentato ad operatori, consorzi turistici e Atl il nuovo portale Piemonte Bike: uno strumento che, dopo una prima sperimentazione nelle aree dell'Alessandrino, del Cuneese e dell'Astigiano, si allarga ora a tutto il territorio regionale con un sito aperto, innovativo e continuamente aggiornato dedicato al cicloturismo. (Programma Interventi)

 

Il portale - www.piemontebike.eu - è disponibile in italiano e inglese (e presto anche con le versioni in francese e tedesco) e mette a disposizione di appassionati, visitatori e amanti delle due ruote tutte le informazioni necessarie per programmare un viaggio in Piemonte: dagli itinerari, ai servizi, alle strutture ricettive bike-friendly, ai pacchetti turistici. Gli utenti potranno inoltre selezionare i percorsi in base al livello di difficoltà e alla tipologia di bicicletta utilizzata e scaricarli direttamente dal sito con il ricco corredo di informazioni logistiche e turistiche che accompagna ogni descrizione.
Gli operatori accreditati sul sito, ad oggi già oltre 240, potranno d’altra parte aggiornare i contenuti aggiungendo itinerari e servizi per gli utenti. I percorsi già registrati sono invece circa 140. Tra i più rilevanti, illustrati nel corso dell’incontro, si segnalano: 

  • per l’Atl Turismo Torino e Provincia il tragitto del Colle delle Finestre: la salita, consigliata in particolare a ciclisti esperti e sportivi, che collega Meana di Susa a Usseaux ed è stata teatro di diverse tappe del Giro d’Italia
  • per l’Atl di Alessandria, il percorso tra Novi Ligure e Castellania sulle tracce di Fausto Coppi e della storia del ciclismo italiano
  • per l’Atl di Asti il Giro delle Cinque torri, circuito ad anello di 30 km con partenza a Monastero Bormida alla scoperta dei borghi e delle chiese romaniche della Langa Astigiana
  • per l’Atl di Biella la Strada dei Santuari, 31 km da Graglia a Campiglia Cervo attraverso i santuari dell’area, da Oropa allo stesso Santuario di Graglia
  • per l’Atl del Cuneese la Via del Sale, percorso panoramico di alta montagna a cavallo tra Piemonte e Liguria, che collega Limone Piemonte e Monesi di Triora passando dal Colle di Tenda
  • per l’Atl del Distretto dei Laghi la ciclovia del Toce, che si snoda per 52 km tra Verbania e Domodossola, nonché l’itinerario Slow Panorama, itinerario ad anello di 26 km sul lago Maggiore sulle tracce della storica linea Cadorna
  • per l’Atl di Langhe e Roero la Barolo Classic, 49 km che attraversano le terre legate al famoso vino DOCG dal centro di Alba a Diano d’Alba, e il percorso Roero Experience, 42 km alla scoperta delle eccellenze culturali ed enogastronomiche tra Bra e Pocapaglia
  • per l’Atl di Novara un itinerario pianeggiante tra i fiumi Sesia e Agogna di 48 km, tra le risaie novaresi e i beni culturali dell’area, tra storiche cascine e chiese
  • per l’Atl di Vercelli, la ciclabile Balmuccia-Alagna, 30 km per esplorare la Valsesia

“Abbiamo da subito individuato la ciclabilità come uno degli assi strategici da sviluppare per la promozione turistica del nostro territorio – ha dichiarato Antonella Parigi, assessore regionale alla Cultura e al Turismo - per questo abbiamo lavorato sia sul versante degli investimenti, sia per la promozione: in questo contesto, Piemonte Bike rappresenta un utile strumento per operatori e visitatori, ma anche per gli stessi piemontesi, per scoprire il nostro territorio con la bicicletta e permettere la crescita di un settore che ha ancora forti potenzialità da esprimere”.

Nel panorama italiano e internazionale, infatti, il turismo attivo, e in particolare il cicloturismo, stanno acquisendo un’importanza sempre maggiore. Una potenzialità per il territorio piemontese a cui si sta lavorando a partire dagli investimenti, e su più fronti: dalla cooperazione internazionale, con diversi progetti del programma Alcotra che interessano sia l’asse Italia-Francia (con il progetto sull’outdoor del Pitem Mito e, in particolare, con la costruzione dell’anello ViAlpes tra Val di Susa e Chisone e Francia) sia quello Italia-Svizzera (con il progetto E-bike, che, grazie a una dotazione di 2,9mln di euro, si potrà articolare in più percorsi, tra i quali la ciclovia “In bici a pelo d’acqua”). Localmente, poi, si stanno sviluppando alcuni percorsi strategici, in particolare il Canale Cavour e Vento.

Sul fronte dell’offerta turistica, il Piemonte può già vantare un ricco patrimonio di oltre 1300 chilometri di itinerari ciclo-escursionistici lungo 18 direttrici principali. I mercati di riferimento per il settore cicloturistico, sono in particolare la Germania, i Paesi Bassi e la Svizzera, mentre il profilo del turista che ricerca un viaggio su due ruote attesta un’età media intorno ai 40 anni e una spesa di circa 80 euro al giorno, con una predilezione per la ricettività extra-alberghiera.

 

Di seguito i contributi istituzionali presentati in conferenza:

Il sito Piemonte Bike  (a cura di Alexala)

Cicloturismo. Scenario Europeo e Nazionale (a cura di DMO Piemonte Marketing)

- Cicloturismo in Piemonte: gli investimenti e le attività della Regione per lo sviluppo dell’offerta (a cura del Settore regionale Offerta turistica e sportiva)