Regione Piemonte - Tributi regionali

In questa pagina:



Tasse di circolazione

Per alcune categorie di veicoli è prevista l'applicazione di una tassa di circolazione non legata alla proprietà/possesso del veicolo, ma al fatto fisico della circolazione sulle strade pubbliche.

I ciclomotori

L'importo della tassa di circolazione per i ciclomotori e scooters (veicoli fino a 50 cm cubici di cilindrata) è di € 20,00.
Il pagamento può essere effettuato (senza applicazione di sanzioni) anche dopo il 31 gennaio, purché prima della messa in circolazione del ciclomotore.
In qualsiasi momento sia effettuato, il pagamento ha validità per l'anno solare in corso (fino al 31 dicembre ).

Ai quadricicli leggeri (cioè le microvetture con velocità massima non superiore a 45km/h, cilindrata non superiore a 50 cc e massa a vuoto inferiore a 350 kg ) si adottano, ai fini del bollo, le stesse regole valide per i ciclomotori; solo a tali quadricicli si applica la tariffa di € 50,00.

Le auto anziane (con almeno 30 anni)

Sono esenti dalla tassa automobilistica le autovetture e i motoveicoli costruiti da almeno trent'anni, senza che sia necessario il possesso di particolari requisiti.
Il beneficio scatta automaticamente al compimento del trentesimo anno dalla costruzione e non occorre presentare una domanda apposita.

Per tali veicoli, se messi in circolazione su strade pubbliche, si è tenuti al pagamento di una tassa forfettaria dovuta in misura fissa a titolo di tassa di circolazione (indipendentemente dalla potenza del motore).
A decorrere dal 1° gennaio 2004 la tassa annua è pari a:

  • € 20,00 per i motoveicoli;
  • € 30,00 per gli autoveicoli.

Sono esclusi dall'agevolazione, e quindi continuano ad essere assoggettati al pagamento della tassa automobilistica ordinaria (tassa di proprietÓ), i veicoli ultratrentennali adibiti ad uso professionale utilizzati nell'esercizio di un'attivitÓ di impresa o di arte o professione. Sono da considerare tali, ad esempio, quelli adibiti al servizio pubblico da piazza, a noleggio da rimessa, o a scuola guida. Fanno eccezione a tale regola i veicoli, diversi dalle autovetture (ad esempio: autocarri, autobus), iscritti all'ASI (Automotoclub Storico Italiano).

Le auto storiche (fra 20 e 30 anni)

La legge finanziaria regionale per il 2015 (L.R. n. 9/2015) ha disposto la soppressione dell’esenzione prevista fino alla fine dell’anno 2015 per i veicoli cosiddetti “storici”, che hanno cioè compiuto 20 anni dalla data di immatricolazione ma non ancora 30 anni dall’anno di costruzione.
La norma entra in vigore dal 1° gennaio 2016. Da quella data, pertanto, per i veicoli di età compresa fra i 20 e i 29 anni si rinnova l’obbligo di pagare la tassa automobilistica in misura ridotta del 10%.