Regione Piemonte - Tributi regionali

In questa pagina:



Tariffe in vigore

La misura dell'addizionale è fissata in misura pari alla metà della corrispondente imposta erariale e non può essere inferiore a 0,0052 €/mc e superiore a 0,0258 €/mc. Ciò significa che le variazioni delle aliquote relative all'accisa sul gas naturale si ripercuotono automaticamente sulla misura delle aliquote dell'addizionale, senza poter comunque superare la soglia massima di € 0,0258/mc.
L'imposta sostitutiva prevista per le utenze esenti non è applicata alla Regione Piemonte.

Ai sensi dell'art. 1, c. 180 della L. n. 244/07 (legge finanziaria 2008) al gas naturale impiegato dalle Forze armate nazionali come combustibile per riscaldamento non si applicano l'addizionale regionale all'accisa sul gas naturale usato come combustibile e l'imposta regionale sostitutiva per le utenze esenti.

Aliquote dell'addizionale anno 2009 e seguenti

Le aliquote dell'addizionale all'accisa sul gas naturale per combustione per usi civili, nella Regione Piemonte sono determinate nelle seguenti misure:

FASCE DI CONSUMO USI CIVILI Aliquote vigenti nel periodo d’imposta 2013
Consumi fino a 120 mc annui € 0,022 per metro cubo
Consumi superiori a 120 mc annui e fino a 480 mc annui € 0,0258 per metro cubo
Consumi superiori a 480 mc annui e fino a 1560 mc annui € 0,0258 per metro cubo
Consumi superiori a 1560 mc annui € 0,0258 per metro cubo

In riferimento all'accisa sul gas naturale per combustione per uso industriale, a decorrere dal 1° gennaio 2009 viene resa strutturale l'agevolazione consistente nella riduzione del 40% dell'aliquota di accisa sul gas naturale per consumi superiori a 1.200.000 metri cubi per anno. Dunque le aliquote applicate nel periodo d'imposta 2013 per gli usi industriali sono le seguenti:

Usi industriali non superiori a 1.200.000 mc annui € 0,006249 per metro cubo
Usi industriali superiori a 1.200.000 mc annui € 0,0052 per metro cubo

Attenzione!

Per tutti i nuovi allacciamenti per riscaldamento alla rete di distribuzione del gas naturale viene praticata, per quattro anni dall'insorgere dell'allacciamento, una tariffa agevolata dell'accisa regionale, fissata in:

  • 1/5 dell'importo vigente per il primo anno;
  • 2/5 dell'importo vigente per il secondo anno;
  • 3/5 dell'importo vigente per il terzo anno;
  • 4/5 dell'importo vigente per il quarto anno.

La riduzione non si applica alle forniture riguardanti usi industriali promiscui, per riscaldamento e per altri tipi di utilizzo.
A decorrere dal 1° gennaio 2008, con l'entrata in vigore del nuovo sistema di tassazione per fasce di consumo in sostituzione del precedente sistema per tipologie di utilizzo, la suddetta riduzione è applicata ai nuovi allacciamenti che si riferiscono agli usi civili a prescindere dalla suddivisione, ai fini della tassazione, in fasce di consumo.

Si precisa, inoltre, quanto segue:

  1. l'agevolazione decorre dalla data di realizzazione fisica dell'allacciamento;
  2. il cliente, per ottenere l'agevolazione non deve presentare alcuna richiesta;
  3. nel caso di subentro o voltura nei quattro anni di durata dell'agevolazione, la stessa è estesa al successivo cliente insistente sul medesimo punto di riconsegna per il periodo rimanente;
  4. l'agevolazione non può essere concessa a clienti che richiedono l'attivazione della fornitura su allacciamenti realizzati prima del 1/1/2007;
  5. in caso di "switch", il diritto all'agevolazione non decade; in questo caso il vecchio fornitore deve fornire al nuovo fornitore tutte le informazioni necessarie per una corretta applicazione in capo al cliente delle agevolazioni (esempio data inizio applicazione della riduzione dell'addizionale);
  6. in sede di applicazione dell'addizionale è sufficiente l'indicazione dell'aliquota ridotta.

La riduzione dell'addizionale regionale all'imposta di consumo gas naturale per i nuovi allacciamenti si intende vigente fino a diversa previsione da parte della Regione Piemonte.

Riferimenti normativi: l.r. n. 47/93, d.g.r. n. 83-7837/2007