Regione Piemonte - Tributi regionali

In questa pagina:



Tassa automobilistica

IRAP

TCR

IRBA

Addizionale reg. all'accisa sul gas naturale

Addizionale regionale all'Irpef

Altri Tributi

La regione WEB 2.0

Tributi regionali

News in evidenza

archivio news

27/02/2017 - TASSA AUTOMOBILISTICA - Cartelle e ingiunzioni di pagamento
In merito alle notizie diffuse dalla stampa sull’illegittimità, per prescrizione, delle cartelle emesse da Equitalia o delle ingiunzioni emesse da altre società di riscossione, si precisa quanto segue:

Leggi tutto

1) la Regione non chiede di emettere cartelle o ingiunzioni se non dopo aver notificato, senza ottenerne il pagamento o valida contestazione, un avviso di accertamento;

2) l’avviso di accertamento, in Regione Piemonte, deve essere notificato entro il quinto (e non terzo) anno successivo a quello in cui il pagamento doveva essere eseguito; ciò in conseguenza di una legge regionale del 2000 che non è stata mai impugnata davanti alla Corte costituzionale ed il cui valore è sostenuto in giudizio da ampia giurisprudenza;

3) dopo la notifica dell’avviso di accertamento il termine per la riscossione coattiva (mediante cartella o ingiunzione) è di altri dieci anni.

 

23/02/2017 - Tassa automobilistica: pagamenti ad intermediario revocato
L'articolo 13 della legge regionale 5 dicembre 2016, n. 24, ha introdotto specifiche disposizioni a favore dei contribuenti ai quali è stato notificato un avviso di accertamento per omesso pagamento della tassa automobilistica e che sono in grado di dimostrare di aver pagato presso un intermediario cui è stata revocata l’autorizzazione a riscuotere.

Leggi tutto

In pratica la legge prevede:

  • 1. per chi non ha ancora pagato l’accertamento, la possibilità di regolarizzare pagando la sola tassa, senza sanzioni e interessi;
  • 2. per chi ha già pagato l’accertamento, la possibilità di ottenere la restituzione, per rimborso o compensazione, della sanzione e degli interessi.

NEL PRIMO CASO (per chi non ha ancora pagato l’accertamento) occorre presentare, entro il 7 aprile 2017, apposita domanda, unicamente sull’apposito modello (per scaricare il modello clicca qui). Il modello va compilato e firmato e trasmesso via posta elettronica (non PEC) esclusivamente in formato PDF o PDF/A all’indirizzo settore.tributi@regione.piemonte.it o mediante raccomandata A.R. all’indirizzo:


Regione Piemonte,
Direzione risorse finanziarie e patrimonio, Settore politiche fiscali e contenzioso amministrativo,
Corso Regina Margherita 153 bis,
10122 Torino To.


Per motivi organizzativi eventuali domande inviate in altre forme o attraverso altri mezzi non potranno essere considerate. Alla domanda si devono allegare le ricevute consegnate a suo tempo dall’intermediario revocato.

Se si chiede di pagare in unica soluzione, trascorsi trenta giorni dalla data di invio della domanda senza che l’ufficio competente abbia formulato osservazioni (cioè senza che l’ufficio abbia risposto) si può pagare la somma corrispondente alla sola tassa attraverso i normali canali di riscossione (gli stessi indicati sull’avviso di accertamento) e chiudere così definitivamente la pendenza. Non è necessario inviare la ricevuta.

Se invece si chiede di pagare in forma rateizzata (si può chiedere soltanto se l’importo totale da pagare, anche da più accertamenti, è superiore a 120 euro), si deve attendere comunicazioni dall’ufficio, che spedirà al domicilio del contribuente il piano di rateizzazioni e tutto l’occorrente per pagare.

NEL SECONDO CASO (per chi ha già pagato) si può chiedere la restituzione, per rimborso o per compensazione, delle somme pagate a titolo di sanzioni e interessi, seguendo le normali procedure, vale a dire compilando l’apposito modello, o in formato elettronico (per aprire il modello elettronico clicca qui) o in formato cartaceo editabile (per scaricare il modello cartaceo editabile clicca qui). Per la domanda di restituzione non valgono regole particolari, ma la regola generale per cui la domanda deve essere presentata entro il quinto anno successivo a quello in cui il pagamento è stato eseguito.

 

16/12/2016 - Modifica del saggio di interesse legale
La misura del saggio degli interessi legali è fissata allo 0,1% in ragione d'anno, con decorrenza dal 1° gennaio 2017 (D.M. del 7/12/2016, G.U. n. 291 del 14/12/2016)

24/11/2016 – Tassa automobilistica: pagamento non eseguito per fatto denunciato all’autorità giudiziaria e addebitabile esclusivamente a terzi.
L’emendamento al disegno di legge regionale n. 222, presentato in consiglio regionale martedì 22/11/16, è in attesa di approvazione.

1/08/2016 – Chiusura sportello 16-17-18 agosto 2016
Si informa che nei giorni 16, 17 e 18 agosto 2016, lo sportello del Settore Politiche fiscali di corso Regina Margherita n. 153/b a Torino resterà chiuso.

16/06/2016 – Tassa automobilistica: ampliamento delle modalità di pagamento elettronico
A partire dal 1° luglio si ampliano le modalità di pagamento elettronico per il bollo auto attivando i Prestatori di Servizi di Pagamento aderenti al sistema pagoPA, tramite i canali virtuali e fisici messi a disposizione dagli stessi (ad esempio: home banking, sportello, ATM, APP da smartphone, ecc.).
Per ulteriori approfondimenti vedere la sezione Pagamenti elettronici

16/06/2016 - Tassa automobilistica: chiarimenti sulle istanze di rateizzazione
Chiarimenti istanze rateizzazioni