Regione Piemonte - Tributi regionali

In questa pagina:



Altri tributi

Tributo speciale per il conferimento in discarica

Il tributo è dovuto alle Regioni, ma una quota pari al 10% di esso spetta alle Province nel cui territorio è situata la discarica.
Sono tenuti al pagamento del tributo i gestori delle imprese di stoccaggio definitivo, che hanno diritto di rivalsa nei confronti di colui che effettua il conferimento.
Il tributo è dovuto anche da chiunque eserciti attività di discarica abusiva e da chiunque abbandona, scarica ed effettua deposito incontrollato di rifiuti.
Per la determinazione della tassa, le dichiarazioni e i relativi moduli, le modalità di versamento e le sanzioni vedere sui siti delle Province.

Riferimenti normativi: commi 24-41 dell'art. 3 della legge n. 549/95.

Imposta sulle concessioni statali

L'imposta sulle concessioni statali trova applicazione alle concessioni per l'occupazione e l'uso di beni del demanio e del patrimonio indisponibile dello Stato siti nel territorio della regione (con esclusione delle grandi derivazioni d'acque).

Riferimenti normativi: art. 2 della L. 281/70, L.R. 1971/1, L.R. 1975/1 e L.R. 1983/8.

Per informazioni:
Regione Piemonte
Settore Opere Pubbliche, C.so Bolzano n. 44 - Torino
Settore Pianificazione risorse idriche, V. Principe Amedeo n. 17 - Torino
Settore Navigazione interna e merci, P.zza Nizza n. 44 - Torino

Tassa regionale per il diritto allo studio universitario

La tassa regionale per il diritto allo studio universitario è stata istituita quale tributo proprio delle regioni e delle province autonome.
Il tributo in questione è destinato ad incrementare le disponibilità finanziarie delle regioni finalizzate all'erogazione di borse di studio e di prestiti d'onore agli studenti universitari capaci e meritevoli privi di mezzi.
La tassa deve essere corrisposta all'Ente che gestisce il diritto allo studio universitario, al cui sito (www.edisu.piemonte.it) si rimanda per ulteriori approfondimenti.

Riferimenti normativi: dall'art. 3 commi 20,21,22 e 23 dell'art. 3 della Legge n. 549/1995, L. n. 390/91, L.R. 53/96, L.R. n. 9/2004.

Per informazioni:
EDISU PIEMONTE (Ente regionale per il diritto allo studio universitario)
Via Madama Cristina n. 83,
10126 - Torino
Tel.: 011/6531111 Fax: 011/6531150
E-mail: edisu@edisu-piemonte.it

Accisa sulla benzina

La compartecipazione all'accisa sulla benzina è stata istituita a favore delle regioni a statuto ordinario dove avviene il consumo.

Riferimenti normativi: comma 12 dell'art. 3 della L. n. 549/1995, L. 449/1997, D.Lgs. 56/2000

Per informazioni:
Regione Piemonte Settore Politiche fiscali e contenzioso amministrativo
Corso Regina Margherita, 153 Bis
10122 Torino
Tel.: 011/4323036

Compartecipazione all'IVA

Per le regioni a statuto ordinario è prevista una compartecipazione all'Iva, in misura pari al 25,7% del gettito complessivo dell'Iva realizzato nel proprio territorio.
La quota che compete a ciascuna regione viene determinata sulla base della media dei consumi finali delle famiglie rilevati dall'Istat a livello regionale negli ultimi tre anni; essa viene stabilita ogni anno entro il 30 settembre con DPCM, sulla base di parametri riferiti alla popolazione residente, alla capacità fiscale, ai fabbisogni sanitari ed alla dimensione geografica di ciascuna regione.

Riferimenti normativi: art. 2 del d.lgs. 56/2000, DPCM del 30.09.09.

Per informazioni:
Regione Piemonte Settore Politiche fiscali e contenzioso amministrativo
Corso Regina Margherita, 153 Bis
10122 Torino
Tel.: 011/4323036