Regione Piemonte - Tributi regionali

In questa pagina:



Aliquote

A partire dal 1° gennaio 2008 l’imposta è determinata applicando al valore della produzione netta l’aliquota del 3,9% (salvo quanto previsto dall’art. 45 dello stesso decreto) e le regioni hanno facoltà di variare l’aliquota, sino ad un massimo di 0,92%, anche differenziandola per settori di attività o categorie di contribuenti.

 

Categorie di soggetti Aliquote
Banche ed altri enti e società finanziari di cui all’art. 6 del D.Lgs. n. 446/97 (Si tratta dei soggetti che compilano il quadro IC sezione II) 5,57
Assicurazioni di cui all’art. 7 del D.Lgs. n. 446/97 (Si tratta dei soggetti che compilano il quadro IC sezione III) 6,82
Esercizi in cui sono presenti uno o più apparecchi da gioco di cui all’art. 110 del r.d. 773/1931 4,82
Esercizi che provvedono volontariamente alla completa disinstallazione degli apparecchi da gioco di cui all’art. 110 del r.d. 773/1931 2,98 (*)
Imprese concessionarie 4,2
Amministrazioni pubbliche 8,5
Cooperative sociali 1,9
Ipab 4,25
Onlus 2,25
Piccoli editori piemontesi 2,98
Altri soggetti 3,9

Nota bene:

  • (*) a decorrere dal 1° gennaio 2015 e sino al 31 dicembre 2017 l’aliquota Irap è ridotta dello 0,92 per cento per gli esercizi che provvedono volontariamente, entro il 31 dicembre dell’anno precedente a quello a cui si riferisce l’agevolazione, alla completa disinstallazione degli apparecchi da gioco di cui all’art. 110 del r.d. 773/1931;
  • dal periodo d’imposta 2016 non è più dovuta l’Irap per i soggetti che esercitano un’attività agricola nei limiti indicati dall’art. 32 del Tuir e per le cooperative agricole e della piccola pesca (a tali attività in precedenza si applicava l’aliquota ridotta dell’1,9%);
  • a decorrere dal 1° gennaio 2011, l'applicazione dell'IRAP risulta diminuita dello 0,92 per cento per le attività economiche che operano esclusivamente in comuni montani e non montani ad alta marginalità (vedereElenco comuni) .

Riferimenti normativi: art. 16 del d.lgs. n. 446/97, l.r. n. 14/06, l.r. n. 35/06, l.r. n. 9/2007, l.r. n. 18/2008, l.r. n. 28/2008, Risoluzione ministeriale n. 13/DF del 2008, l.r. n. 19/2010.