Regione Piemonte - Trasporti - Servizi di Trasporto Pubblico - Contributi scuolabus

In questa pagina:



Contributi scuolabus

La legge regionale 18 aprile 1989 n23, Interventi a favore dei Comuni e Consorzi di Comuni per l'acquisto di scuolabus da adibire al trasporto degli alunni della scuola materna e dell'obbligo, integrata dalla D.G.R. 7 ottobre 2002 n1-7241, prevede che tutti gli Enti Locali, Comuni, Consorzi di Comuni, Unioni di Comuni e Comunit Montane possono accedere al contributo per l'acquisto di scuolabus per il trasporto dei ragazzi dei cicli scolastici dellinfanzia, delle primarie e delle secondarie.

Cosa fare

Per richiedere il contributo necessario presentare una domanda scarica il fac-simile a firma del legale rappresentante dell'Ente (sindaco o presidente) nella quale si richiede un contributo in conto capitale per l'acquisto dello scuolabus, specificando se si tratta di nuovo acquisto, un potenziamento o una sostituzione per usura dell'autobus gi in possesso. Nell'ultima ipotesi bisogna riportare i dati del veicolo obsoleto (targa e anno di immatricolazione) affinch venga aggiornata la banca dati.

La domanda redatta da indirizzare a:

Regione Piemonte
Direzione Opere Pubbliche, Difesa Del Suolo, Montagna, Foreste, Protezione Civile, Trasporti e Logistica
Settore Investimenti Trasporti e Infrastrutture - Corso Stati Uniti, 21 - 10128 Torino

Del mezzo che si intende acquistare bisogna, inoltre, specificare:

  1. l'allestimento interno idoneo a svolgere il servizio di scuolabus per il quale destinato (scuole materne, elementari o medie);
  2. il numero dei posti ;
  3. il costo presunto d'acquisto, IVA inclusa.

Sono anche ammessi alcuni optional come: la pedana per portatori di handicap e/o la trazione integrale 4X4.

Informazioni possono essere richieste alla Segreteria del Settore Investimenti Trasporti e Infrastrutture al n. 011.432.1396.

Termini di presentazione domande

La domanda di richiesta del contributo scuolabus deve essere presentata entro il 31 luglio di ogni anno, come modificato dall'articolo 18 della legge regionale n. 18 del 3 agosto 2010.

Scaduti i termini di richiesta della domanda, si predispone una graduatoria in base alle domande pervenute con riferimento al costo complessivo stimato per l'acquisto del mezzo relativamente agli Enti che hanno presentato domanda, nel rispetto della disponibilit di bilancio dell'anno considerato e di altri fattori (quali: riduzione dei plessi scolastici, convenzioni tra pi Comuni per il trasporto degli studenti, necessit di mezzi attrezzati per trasporto portatori di handicap, 4x4, incidenti).

Dalla valutazione complessiva degli elementi considerati si esprime un valore percentuale di riferimento (riferito al costo dell'investimento dichiarato dall'Ente stesso al momento della presentazione della domanda) a cui corrisponder un importo massimo da assegnare ad ogni singolo Ente. Successivamente data comunicazione all'Ente assegnatario con la predisposizione degli atti amministrativi per procedere all'erogazione del contributo.

Dopo l'acquisto del mezzo l'Ente deve inviare al Settore Servizi di Trasporto Pubblico copia conforme all'originale degli atti amministrativi dell'acquisto avvenuto (delibere di acquisto, fattura, libretto di circolazione o carta di circolazione provvisoria) per la rendicontazione della spesa. Se il costo dell'investimento, comprovato dalla fattura di acquisto (IVA compresa) risulta inferiore al contributo assegnato la differenza risultante dovr essere restituita all'Amministrazione Regionale su richiesta della stessa.

L'Ente pu richiedere il contributo per pi mezzi con un'unica domanda.

Entit del contributo

L’entità del contributo è assegnata in base alla quantità di mezzi richiesti e dalle risorse che il bilancio regionale resesi disponibili. Solitamente l'entità del contributo oscilla tra il 50/60% del costo del mezzo, IVA compresa, e non può superare comunque la misura del 70%.