Regione Piemonte

In questa pagina:



Strumenti di pianificazione

A partire dal 2005, a quasi dieci anni dall’approvazione del primo Piano territoriale regionale, è stato avviato un processo di rinnovamento del sistema della pianificazione regionale del territorio, attraverso la redazione di nuovi strumenti, quali il nuovo Piano territoriale regionale (Ptr), che fonda le sue radici nei principi definiti dallo Schema di sviluppo europeo e dalle politiche di coesione sociale, e il primo Piano paesaggistico regionale (Ppr), coerente con le intervenute indicazioni comunitarie (Convenzione Europea del paesaggio ) e le disposizioni legislative nazionali (Codice dei beni culturali e del paesaggio).


Il nuovo Ptr, approvato nel 2011, sostituisce il Piano territoriale regionale approvato nel 1997 e rappresenta lo strumento di connessione tra le indicazioni derivanti dal sistema della programmazione regionale e le vocazioni del territorio.

Il primo Ppr, approvato nel 2017, costituisce lo strumento conoscitivo, regolativo e di espressione delle politiche di tutela, valorizzazione e promozione delle caratteristiche identitarie e peculiari del paesaggio piemontese.

In tale contesto gli strumenti fondanti per la pianificazione regionale sono costituiti dal nuovo Piano territoriale regionale (Ptr), e dal primo Piano paesaggistico regionale (Ppr).

Affiancano e integrano il processo di pianificazione altre politiche, orientate allo sviluppo sostenibile e alla governance, finalizzate a declinare ed approfondire tematiche giÓ trattate negli strumenti di pianificazione, quali: la promozione di nuove forme di sviluppo e gestione dei sistemi produttivi locali per favorire la competitivitÓ dĺimpresa (Aree produttive ecologicamente attrezzate - APEA); la definizione di un metodo per la valutazione e il monitoraggio del consumo di suolo, fondato su presupposti teorici univoci e su strumenti operativi condivisi ai diversi livelli territoriali, finalizzato a monitorare le trasformazioni in atto e indirizzare quelle future verso scenari di sostenibilitÓ; il confronto e la promozione, di concerto con altri soggetti istituzionali, di attivitÓ focalizzate su temi specifici che richiedono di essere trattati alla scala sovraregionale o alla scala sovralocale.

La Regione Piemonte ha realizzato, inoltre, una serie di strumenti (guide, quaderni, etc.), atti a garantire una forte diffusione e possibili elaborazioni delle informazioni raccolte, per consentire ai diversi Enti la possibilitÓ di un dialogo trasversale, capace di connettere le diverse conoscenze e competenze.

Strumenti di pianificazione regionale

Strumenti di approfondimento regionale

La Regione, oltre alla predisposizione dei due principali strumenti (Ptr e Ppr), ha svolto in passato e continua a svolgere altre attività di pianificazione su alcune parti di territorio regionale che, per le loro peculiari caratteristiche territoriali o paesaggistiche, richiedono studi approfonditi e strumenti di pianificazione capaci di interpretare le problematiche alla scala specifica di riferimento.

ALTRE ESPERIENZE DI PIANIFICAZIONE REGIONALE

Il Consiglio regionale, con DCR n. 981-4186 dell'8 marzo 1995 ha approvato il Progetto territoriale operativo (Pto) del Po, con validità decennale. Lo strumento, che specifica la pianificazione territoriale regionale per la fascia fluviale del Po piemontese, è scaduto; restano vigenti le disposizioni contenute nella strumentazione urbanistica adeguata al Pto stesso.
La Regione, nel corso degli anni, ha sviluppato anche esperienze di pianificazione, che pur non avendo completato l’iter di approvazione (Piano paesistico dell'area della Tenuta ex Reale e del Centro storico di Pollenzo, adottato con DGR n. 8-7981 del 16 dicembre 2002 ) o non essendo mai pervenuti ad un atto formale di riconoscimento (Studi per la formazione del Piano paesistico della Collina torinese del 1995, Piano paesistico delle Zona delle cascine ex Savoia del parco del castello di Racconigi del 2004, Ptr-Approfondimento della Valle di Susa del 2005, Piano paesistico di Langhe e Barolo del 2002) costituiscono elementi di approfondimento della conoscenza di alcune parti di territorio, validi come base di analisi per la pianificazione locale e sovralocale.

Per contatti, informazioni: ptr@regione.piemonte.it