Regione Piemonte

In questa pagina:



QualitÓ paesaggistica

La legge regionale 16 giugno 2008, n. 14 “Norme per la valorizzazione del paesaggio” intende promuovere una cultura comune maggiormente sensibile alla qualità del paesaggio, non soltanto per il rilevante contributo che esso svolge per il benessere delle popolazioni, ma anche perché costituisce un elemento essenziale per il successo delle iniziative economiche e sociali, siano esse private che pubbliche.

La Regione, con questa legge, assume l’impegno a promuovere e ad attuare politiche specifiche a favore del paesaggio ma sopratutto d’integrarlo in tutte le attività di governo che possono avere un’incidenza diretta o indiretta su di esso, verificando e valutando le ricadute di ogni provvedimento di natura socio-economica e territoriale.

Il provvedimento indica delle azioni volte alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio paesaggistico regionale, con interventi nel campo della pianificazione, della comunicazione, della sensibilizzazione, della formazione e dell’educazione, della ricerca nonché alla diffusione della percezione del valore e della qualità dei paesaggi, anche attraverso il ricorso al concorso di idee o di progettazione e con il finanziamento d’interventi per la valorizzazione, il recupero e la creazione dei paesaggi della contemporaneità.

La legge, per sottolineare l’importanza dell’azione di sensibilizzazione e per diffondere le migliori esperienze di progettazione, prevede anche l’istituzione del premio qualità paesaggistica, costituito dall’erogazione di un’ulteriore quota di finanziamento a uno o più progetti inseriti nel Programma regionale, che sarà riconosciuto agli interventi con elevata qualità progettuale nel campo della valorizzazione e del recupero, nonché della creazione dei paesaggi contemporanei e che rappresentino un caso esemplare di buona pratica applicabile in altri contesti regionali.

Premio qualità paesaggistica

La Giunta Regionale, in attuazione della legge, con DGR 16-11309 del 27/04/2009 ha individuato i criteri e le modalità per la presentazione dei progetti per la qualità paesaggistica e dei parametri economico finanziari per l'assegnazione del finanziamento.
I progetti ammessi a contributo dovranno cogliere lo spirito del paesaggio e assicurarne un’evoluzione dinamica e armoniosa intesa a migliorarne la qualità in funzione anche delle aspettative della popolazione.
Saranno ritenuti prioritari i progetti che ricadono nei comuni con strumento di pianificazione adeguato ai contenuti della pianificazione paesaggistica, nei siti inseriti nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO, nelle aree destinate a parco e preparco, nonché nei siti di interesse comunitario. Il finanziamento è individuato dalla legge regionale in un massimo del 60% della spesa ammissibile prevista per la realizzazione dell’opera e può concorrere all’integrazione di risorse derivanti da programmi nazionali dell’Unione Europea.
Il documento approvato individua, inoltre, i criteri di attribuzione e le modalità di erogazione del finanziamento per i concorsi di idee o di progettazione, che la legge riconosce quale strumento utile a conseguire soluzioni progettuali di qualità paesaggistica, incentivandone il ricorso e concorrendo alle spese necessarie.