Regione Piemonte

In questa pagina:



Il sistema CPT

Il Sistema “Conti Pubblici Territoriali  dell’Agenzia per la Coesione Territoriale, prevede la costruzione del Conto consolidato delle singole Regioni e province Autonome mediante la rilevazione dei dati di bilancio consuntivo degli enti della Pubblica Amministrazione (PA) e degli enti Extra PA, che compongono il Settore pubblico allargato (SPA).
Gli enti Extra PA sono soggetti al controllo pubblico (Imprese Pubbliche Nazionali e Imprese Pubbliche Locali) e produttori di servizi destinabili alla vendita, a cui la PA ha affidato la mission di fornire servizi di natura pubblica, come le telecomunicazioni, l’energia, ecc.
La necessità di rilevare i flussi finanziari sui territori regionali nasce dall’esigenza del MISE di rispondere tempestivamente alle richieste dell’Unione Europea circa la verifica del principio di addizionalità delle risorse comunitarie rispetto a quelle nazionali, sancito dall’art. 11 del Regolamento CEE 2082/93, che attribuisce agli Stati membri il compito di dimostrarne, sul piano contabile, l’effettivo rispetto.
Per la costruzione del Conto consolidato viene rilevato il complesso di Enti e Organismi di diritto pubblico e di diritto privato che concorrono a formare “l’area pubblica” secondo la definizione adottata dall’Unione Europea.
L'universo di riferimento   è pertanto costituito da un articolato gruppo di soggetti, non necessariamente aventi natura giuridica pubblica, che concorrono o a definire le politiche pubbliche (enti di governo) o ad attuarle, attraverso la gestione e la produzione di servizi pubblici.
Consolidare significa elidere i contributi erogati in modo da eliminare le duplicazioni e ricostruire le entrate effettivamente acquisite o le spese direttamente rivolte al territorio.
In tale ottica la Banca Dati Conti Pubblici Territoriali (CPT) è il risultato di un progetto finalizzato alla misurazione dei flussi finanziari sul territorio che permette di ottenere informazioni circa il complesso di entrate e spese (correnti e in conto capitale) delle amministrazioni pubbliche nei singoli territori regionali. I CPT si riferiscono all'universo del Settore Pubblico Allargato e offrono diverse chiavi di lettura: regioni e macro-aree, classificazioni settoriali, categorie economiche e livelli di governo.
I Conti Pubblici Territoriali sono prodotti da un’Unità Tecnica Centrale (UTC) istituita presso l’Agenzia per la Coesione Territoriale, e da 21 Nuclei operativi presso ciascuna Regione.
La Banca Dati CPT , ricostruita dal 1996, oggi è in grado di fornire, con frequenza annuale, dati con un ritardo temporale di circa 12-18 mesi rispetto al periodo di riferimento delle informazioni e permette l’analisi e l’elaborazione dei flussi di spesa e di entrata affinché il Conto consolidato abbia un ruolo di supporto efficace nel processo decisionale e nell’attività di programmazione nazionale e regionale e di valutazione delle politiche pubbliche.
La Banca Dati costituisce la base di partenza per la costruzione di Monografie ed altre elaborazioni ed è uno strumento adatto alla misurazione dei flussi finanziari sul territorio, soprattutto in un momento di difficoltà della finanza pubblica in generale e di quella locale, sulla quale si stanno riversando gran parte degli effetti dell’azione di contenimento della spesa pubblica per assicurare il rispetto dei vincoli derivanti dal Patto di stabilità e crescita previsto dal Trattato di Amsterdam
.L’obiettivo delle elaborazioni è quello di fare del Conto consolidato uno strumento per il governo delle Regioni grazie ad un patrimonio di conoscenze che consente di rilevare tutta la componente locale del Settore Pubblico Allargato, cioè tutti quegli Enti dipendenti e Società partecipate che costituiscono un vero e proprio patrimonio informativo ( e non rilevati da alcuna altra fonte pubblica ufficiale).
Il Progetto CPT è inserito formalmente nel Sistema Statistico Nazionale (SISTAN) a partire dal Programma Statistico Nazionale (PSN) . Inoltre partecipa e promuove la collaborazione e il confronto di informazioni di natura finanziaria, in particolare ha avviato un raffronto e raccordo con la Contabilità Nazionale dell’ISTAT.