Regione Piemonte - Politiche regionali per la sicurezza integrata

In questa pagina:



Prevenzione sociale

La prevenzione sociale comprende l’insieme di misure estranee al sistema penale che intervengono sulle cause sociali della criminalità. Questa tipologia di prevenzione va ad incidere sulle motivazioni individuali che spingono alla criminalità e sulle condizioni sociali ed economiche che possono creare ambienti favorevoli a comportamenti devianti.

Spesso gli interventi di prevenzione sociale sono una combinazione di azioni individuali rivolte a potenziali autori, e di azioni collettive rivolte al contesto e alla comunità. Le prime si occupano non soltanto di persone devianti (singoli e/o gruppi), ma anche di quei soggetti considerati più a rischio o vulnerabili (es. anziani, donne, minori, vittime di reato, persone in situazioni di marginalità sociale). Le azioni collettive sono, invece, finalizzate alla riduzione dell’allarme sociale, alla riduzione dei conflitti e alla rassicurazione della comunità, e quindi adottano un approccio più territoriale.

Gli interventi di prevenzione che in questi anni sono stati realizzati all’interno dei progetti e dei patti locali in materia di sicurezza integrata hanno riguardato una vasta gamma di misure, tra cui le politiche e gli interventi per i giovani, le politiche in campo sanitario, le politiche per la famiglia, le politiche educative, le politiche per il lavoro, le politiche di riduzione del danno e di mediazione dei conflitti, e le politiche di integrazione sociale.