La formazione dei lavoratori, dirigenti e preposti ex art. 37 DLgs 81/08

La formazione in oggetto è trattata nello specifico capitolo delle Indicazioni operative per la formazione alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro di cui al DLgs 81/08 e s.m.i. al quale occorre far riferimento.
Per favorire l’adempimento dell’obbligo del datore di lavoro di collaborare con gli enti bilaterali e gli organismi paritetici, è stato definito un elenco di questi ultimi, suddiviso per provincia e per organizzazioni di riferimento.
Di seguito si riportano la normativa completa e le procedure da adottare in Piemonte per la realizzazione dei corsi.


La normativa nazionale


La formazione dei lavoratori, dei dirigenti e dei preposti è disposta dall’art. 37 del DLgs 81/08, ai sensi del quale è stato approvato l’Accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011, seguito dall’Accordo Stato-Regioni del 25 luglio 2012 .

Le procedure regionali


Le indicazioni sulle procedure definite in Piemonte per l’attuazione dei corsi per lavoratori, dirigenti e preposti sono riportate nello specifico capitolo delle Indicazioni operative per la formazione alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro di cui al DLgs 81/08 e s.m.i. al quale occorre far riferimento.

L’obbligo di collaborazione previsto dall’art. 37, comma 12 del DLgs 81/08 può essere assolto dai datori di lavoro rivolgendosi ai soggetti riportati nell’elenco degli organismi paritetici costituiti in Piemonte.

I modelli di attestati di frequenza che il soggetto formatore deve preferibilmente rilasciare ai discenti al termine del corso sono riportato negli allegati dal 6 al 9 delle Indicazioni operative per la formazione alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro di cui al DLgs 81/08 e s.m.i. e possono essere scaricati qui di seguito in formato compilabile.

Ultima modifica il Lunedì, 09 Luglio 2018 07:33
Valutazione attuale:  / 69
ScarsoOttimo