Arrivata l’influenza in Piemonte, identificato il primo virus della stagione 2014-2015

influenzaIl laboratorio di Microbiologia e Virologia dell’Ospedale Amedeo di Savoia (ASL TO 2), diretto dalla dottoressa Valeria Ghisetti, (centro di riferimento regionale per la sorveglianza virologica dell’influenza InfluNet coordinata dall’Istituto Superiore di Sanità) ha identificato oggi, 23 dicembre, il primo virus influenzale della stagione 2014- 2015 in Piemonte. 

Il  virus è stato isolato da un campione faringeo prelevato da una bambina di 3 anni residente in provincia di Cuneo e segnalata dalla rete sentinella dei Medici di Medicina Generale e dei Pediatri di Famiglia del Piemonte.

Si tratta di un virus influenzale appartenente al tipo A/H3, variante inserita nella formulazione del vaccino stagionale, che offre pertanto completa protezione.

I dati del sistema di sorveglianza epidemiologica segnalano in Piemonte, nella 50° settimana del 2014, un’attività influenzale ancora relativamente scarsa (pari a 3,5 casi per mille abitanti) e presente soprattutto nei bambini. 

Il picco stagionale è ancora lontano. Pertanto, le persone con più di 64 anni di età e i soggetti a rischio di complicazioni che ancora non si sono vaccinate possono provvedere rivolgendosi al proprio medico di famiglia o ai servizi vaccinale delle ASL.

 Il laboratorio di Microbiologia e Virologia dell’Ospedale Amedeo di Savoia (ASL TO 2), diretto dalla dottoressa Valeria Ghisetti, (centro di riferimento regionale per la sorveglianza virologica dell’influenza InfluNet coordinata dall’Istituto Superiore di Sanità) ha identificato oggi, 23 dicembre, il primo virus influenzale della stagione 2014- 2015 in Piemonte.

Il  virus è stato isolato da un campione faringeo prelevato da una bambina di 3 anni residente in provincia di Cuneo e segnalata dalla rete sentinella dei Medici di Medicina Generale e dei Pediatri di Famiglia del Piemonte.

Si tratta di un virus influenzale appartenente al tipo A/H3, variante inserita nella formulazione del vaccino stagionale, che offre pertanto completa protezione.

I dati del sistema di sorveglianza epidemiologica segnalano in Piemonte, nella 50° settimana del 2014, un’attività influenzale ancora relativamente scarsa (pari a 3,5 casi per mille abitanti) e presente soprattutto nei bambini.

Il picco stagionale è ancora lontano. Pertanto, le persone con più di 64 anni di età e i soggetti a rischio di complicazioni che ancora non si sono vaccinate possono provvedere rivolgendosi al proprio medico di famiglia o ai servizi vaccinale delle ASL

Creato Martedì, 23 Dicembre 2014 14:17
Ultima modifica il Venerdì, 08 Gennaio 2016 14:25
Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 


Assessorato alla Sanità - C.so Regina Margherita, 153 bis - 10122 Torino
Contatti