30/11/2016 Revisione della residenzialità psichiatrica - Attuazione della DGR 29 del 19/9/2016

residenzialita psichiatricaCon la D.G.R. 29 - 3944 Revisione della residenzialità psichiatrica - Integrazioni a D.G.R. 30 – 1517 /2015 Regione Piemonte ha assunto l’impegno di realizzare, in un triennio, queste azioni:

  •  riorganizzare l’assistenza residenziale ai pazienti psichiatrici per intensità di cura
  • definire requisiti strutturali-organizzativi e modalità autorizzative, di accreditamento e di vigilanza sulle strutture

Se i requisiti elencati al punto precedente sono già stati previsti, provvedere a:

  • adeguare i relativi atti regionali
  • fare la revisione del fabbisogno di posti letto
  • determinare le tariffe nell’ambito della salute mentale.

La riorganizzazione, in attuazione di quanto definito dalla D.G.R. 30 (di cui la D.G.R 29 costituisce integrazione), determina la necessità di adeguare l’offerta residenziale, presente sul territorio piemontese, con il modello AGENAS-GISM, e quindi di rivisitare l’organizzazione con il presente assetto:

  • S.R.P.1 – Struttura residenziale psichiatrica per trattamenti terapeutico riabilitativi a carattere intensivo
  • S.R.P.2 – Struttura residenziale psichiatrica per trattamenti terapeutico riabilitativi a carattere estensivo
  • S.R.P.3 - Struttura residenziale psichiatrica per interventi socioriabilitativi con differenti livelli di intensità assistenziale

Il percorso di riordino della residenzialità psichiatrica sarà strutturato in 3 fasi:

  • istruttoria: consiste nella definizione dei criteri di accesso, dei requisiti per l’esercizio e per l’accreditamento, delle tariffe per le diverse tipologie, del fabbisogno regionale o, oltre che della funzione di vigilanza e controllo
  • transitoria: avrà durata complessiva di tre anni; in tale arco temporale il sistema dovrà adeguarsi a quanto disciplinato in questa D.G.R.
  • perfezionamento: prevede la messa a regime di quanti disciplinato dal presente provvedimento

Modulistica

Il modulo allegato è valido sia per l'istanza di accreditamento sia per l'istanza di autorizzazione all'esercizio di tutte le tipologie di strutture: è sufficiente selezionare nell'intestazione l'opzione desiderata nei campi dinamici.

Contatti


Per richieste e approfondimenti scrivere a:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

FAQ


Sì, devono essere compilati tutti i documenti sopra elencati

SI, il foglio relativo alla relazione conclusiva, di cui all’allegato C, deve essere compilato per tutti i pazienti

  • Uno dei criteri richiesti per la richiesta di accreditamento per SRP 2 livello 2 è la presenza di almeno il 50% di pazienti con prevalenti bisogni sanitari. Poiché i termini fissati per la valutazione con GAF e HoNOS dei nuovi inserimenti sono di 6 mesi, mentre quelli fissati per presentare istanza di autorizzazione sono di tre mesi esiste una contraddizione tra le due scadenze?
    E’ necessario iniziare le valutazioni dai pazienti inseriti in gruppi appartamento h24 candidati a diventare SRP 2 liv. 2; a seguire continuare la valutazione dei pazienti inseriti nelle altre tipologie di strutture.
  • I pazienti valutati a novembre 2015, e tuttora presenti, che a distanza di un anno presentano valori mutati di GAF e HoNOS, possono-devono essere rivalutati, al fine del computo del 50%?
    NO; devono essere rivalutati solo i pazienti inseriti successivamente a novembre 2015
  • Fra i requisiti strutturali esplicitati per SRP 2 livello 2 vi è quello del servizio igienico completo e accessibile ai soggetti disabili?
    Si precisa che, per quanto riguarda i servizi igienici per disabili, il requisito strutturale richiesto per le tutte strutture aventi caratteristiche di civile abitazione si intende soddisfatto con il rispetto del solo requisito della adattabilità del servizio stesso (come, peraltro, correttamente precisato a pag. 44 dell’allegato B per le strutture SRP 3 di analoghe dimensioni)
  • Per i privati che chiedono accreditamento SRP 2 livello 2, gestori di ex Gruppi Appartamenti, i Dipartimenti di Salute Mentale competenti per territorio devono rilasciare certificazione che attesti la percentuale di pazienti inseriti con  esigenze di supporto sanitario? Vi è un modulo in previsione?
    I Dipartimenti di Salute Mentale competenti provvederanno a controllare le domande; non è previsto un modulo di certificazione

  • Nei requisiti trasversali per l’autorizzazione all’esercizio (allegato B, paragrafo 5.1) per i requisiti strutturali e tecnologici si fa riferimento alla DCR 616 -3149 del 22/02/2000 e per i requisiti organizzativi si fa riferimento alla DGR 63-12253 del 28/09/2009, entrambe a loro volta fanno riferimento alla DCR 357 -1370 del 28/01/1997 che definisce i Gruppi Appartamento come residenze di civile abitazione, si può quindi dedurre che gli ex Gruppi Appartamento che vorranno accreditarsi come SRP 2 liv. 2 o SRP 3 non dovranno avere altre caratteristiche strutturali?
    E’ necessario che i Gruppi Appartamento rispondano ai requisiti del DPR 14.01.1997
  • Se è previsto un servizio igienico ogni 4 utenti, in una struttura accreditata per 10 posti quanti servizi devono essere presenti?
    Devono essere presenti 3 servizi
  • Gli attuali Gruppi Appartamento che hanno titolo a richiedere l’accreditamento, in caso di necessità di trasferimento di indirizzo devono mantenere identico numero di posti letto o possono variarlo nell’ambito dei criteri della DGR 29?
    NO, valgono i posti letto dichiarati nella rilevazione
  • La valutazione dei pazienti in residenzialità comprende, oltre alla compilazione della GAF e della HoNOS, anche la compilazione della sintesi dei criteri di inserimento del paziente in struttura e la relazione conclusiva?
    I pazienti saranno oggetto di valutazione mediante quanto incluso nell’allegato C (GAF, HoNOS, Relazione conclusiva, Sintesi criteri inserimento pazienti in struttura  - AGENAS/GISM, Riepilogo della valutazione)
  • Per quanto riguarda i contratti di ospitalità tra il Dipartimento di Salute Mentale inserente, la struttura residenziale e il paziente, posto che si è fatto cenno ad un futuro schema unico valido per tutte le AA.SS.LL., entro quando si prevede di adottarlo? Nel frattempo, si potrà continuare ad utilizzare i modelli contrattuali predisposti dalle singole Aziende (per l'A.S.L. TO3, quello adottato con delibera istitutiva dell'Albo Fornitori del febbraio 2011)?
    Fino all’adozione dei nuovi modelli contrattuali, le singole Aziende potranno continuare ad utilizzare i propri modelli contrattuali

 

Legenda

  • Health of the Nation Outcome Scales – Scala di valutazione della gravità clinica e del funzionamento psico-sociale atta a monitorare l’andamento del trattamento terapeutico riabilitativo nonché l’esito
  • Global Assessment Of Functioning – Scala per la valutazione globale del funzionamento che prende in considerazione il funzionamento psicologico, sociale e lavorativo in un ipotetico continuum salute e malattia mentale
  • AGENAS/GISM - Si fa riferimento  all’Accordo  concernente  le  strutture  residenziali  psichiatriche  approvato  in  data  17  
    ottobre  2013  dalla  Conferenza  Unificata, e recepito dalla Regione Piemonte con la DCR 23 dicembre 2013, n.260 – 40596, contenente il documento redatto dall’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali (AGENAS) e dal Gruppo Interregionale Salute Mentale (GISM).

 

Ultima modifica il Mercoledì, 11 Ottobre 2017 09:16
Valutazione attuale:  / 16
ScarsoOttimo 


Assessorato alla Sanità - C.so Regina Margherita, 153 bis - 10122 Torino
Contatti