26/7/2016 Clinica S. Anna Casale Monferrato. Saitta: “Compensate fino al 31 ottobre le attività svolte dalla casa di cura senza danni per pazienti e personale

"In base ai parametri previsti dalla normativa nazionale, Patto della salute nazionale e Regolamento attuativo, che tutte le Regioni sono tenute a rispettare, il bacino di utenza di Casale Monferrato consente di avere un ospedale Dea di primo livello in deroga ai requisiti del D.m. 70/ 2015, e quindi un’altra struttura per acuti non era compatibile tali criteri, da qui la riconversione della casa di cura S. Anna di Casale Monferrato da struttura per acuti a struttura di post acuti”: così dichiara l’assessore regionale alla Sanità Antonio SAITTA intervenendo sulla vicenda della Clinica S. Anna di Casale Monferrato,  in occasione di una Question Time presentata dal consigliere regionale Massimo Vittorio Berutti.

Spiega l’assessore SAITTA: “Per quanto concerne la situazione transitoria (necessaria alle procedure di riconversione) è stata predisposta una deliberazione, che sarà approvata dalla Giunta regionale nelle prossime sedute,  che prevede   - all’interno del budget concordato con la proprietà della Clinica e già firmato -  la possibilità di compensare fino al 31 ottobre 2016 le  attività precedentemente svolte dalla casa di cura stessa senza danni per i pazienti ed il personale”.

 

 

Ultima modifica il Martedì, 16 Agosto 2016 14:51
Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 


Assessorato alla Sanità - C.so Regina Margherita, 153 bis - 10122 Torino
Contatti