25/1/2016 Città della Salute di Novara, la Giunta approva il quadro economico

novara 1Saitta "Nuovi importanti passi avanti dopo anni di parole"
Stanziati dalla Regione 6.712.916 euro

“Il progetto Città della Salute di Novara rischiava di diventare una storia infinita, quando si è insediata la Giunta Chiamparino abbiamo trovato almeno dieci anni di parole e zero fatti. Stiamo lavorando per arrivare a breve alla firma dell’accordo di programma con il Governo, l’atto che ci consentirà di avviare concretamente l’appalto. Intanto, la Giunta regionale proprio questa mattina ha approvato, su mia proposta, la delibera con il progetto definitivo recependo le osservazioni del nucleo di valutazione del Ministero della Salute del settembre scorso. In assessorato ho istituito una task force per seguire le procedure passo passo e concretizzare gli atti rispettando i tempi prefissati”: con queste parole l’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta, intervenendo in conferenza stampa a Novara, ha illustrato i contenuti della delibera “Realizzazione Nuova Città della Salute e della Scienza di Novara – ex art. 20 L. 67/88 progetto preliminare” approvata questa mattina dalla Giunta regionale.

La delibera recepisce i contenuti del Progetto Preliminare relativo alla Città della Salute e della Scienza di Novara, dove verranno concentrate le competenze esistenti nelle strutture ospedaliere dell’AOU Maggiore della Carità (accanto alla struttura ospedaliera in cui si concentreranno le alte complessità, avranno sede attività di ricerca, didattica, insediamenti universitari e incubatore d’impresa), e conferma il quadro economico-finanziario che prevede un importo complessivo di 320.290.000 euro, stanziando la quota a carico della Regione (5%) ovvero 6.712.916 euro, che si aggiungono ai 127.545.414 a carico dello Stato, ai 105.741.670 a carico dell’AOU di Novara (ricavabili dalle alienazioni di poderi agricoli e altri beni immobili) e di 80.290.000 come quota che sarà coperta dall’aggiudicatario della gara di concessione.

“Oltre alla delibera - ha aggiunto l’assessore Saitta - abbiamo approvato le determine dirigenziali che sbloccano le prime autorizzazioni alla vendita del patrimonio immobiliare dell’azienda sanitaria: conosco bene le preoccupazioni del territorio per la salvaguardia dei beni agricoli e paesaggistici, e mi impegno a far inserire vincoli di salvaguardia nell’accordo di programma che entro fine febbraio la Regione firmerà con il Comune, Azienda sanitaria ed Università”.

La firma per l’intesa è prevista a Torino il prossimo 26 febbraio, nel frattempo la Conferenza dei servizi si riunirà per l’esame definitivo della variante urbanistica che il Comune di Novara è chiamato a ratificare entro marzo.

 

 

Ultima modifica il Martedì, 16 Agosto 2016 14:34
Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 


Assessorato alla Sanità - C.so Regina Margherita, 153 bis - 10122 Torino
Contatti