19/4/2016 SLA, Ferrari e Saitta "In Piemonte opereremo coerentemente agli impegni assunti dal Governo"

carrozzellaSLA e disabilità gravissime al centro delle politiche sanitarie.
Il 4 maggio si riunirà il tavolo inter-direzionale (Sanità e Politiche Sociali)

“Quest’oggi abbiamo parlato con il Sottosegretario alle Politiche Sociali On. Franca Biondelli e con il ministero della Salute, che ci hanno aggiornati sull’incontro avvenuto il 14 aprile con il Comitato 16 novembre e ci hanno fatto piacere le dichiarazioni rilasciate ieri dal Segretario Salvatore Usala che ha apprezzato gli impegni assunti dal Governo per mettere al centro delle politiche socio-sanitarie le disabilità gravissime, a partire dai malati di SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica). Si tratta di un risultato al quale abbiamo dato il nostro contributo come Regioni. In Piemonte siamo determinati a operare coerentemente con gli impegni assunti a livello nazionale, in preparazione della prossima riunione nazionale fissata per il 18 maggio, ed è stato già convocato per il 4 maggio il tavolo inter-direzionale (Sanità e Politiche Sociali) sulla SLA, dove, insieme a tutte le associazioni dei malati e dei familiari, definiremo il nostro contributo al lavoro nazionale e ci confronteremo sulle soluzioni concrete da dare localmente alle varie problematiche da voi evidenziate”: lo hanno dichiarato l’assessore regionale alle Politiche Sociali Augusto Ferrari e l’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta quest’oggi a Palazzo Lascaris.

 “La nostra attenzione ai malati di SLA, ai loro familiari e alle associazioni che li rappresentano non è mai venuta meno né sono mancati in questi due anni momenti di confronto, pur nella difficile situazione in cui si trova la sanità piemontese, che, è giusto ricordarlo, sul versante delle cure sanitarie ai malati di SLA non è seconda a nessuno e conta su centri e professionisti di assoluto livello”, hanno aggiunto gli assessori Ferrari e Saitta, che hanno voluto rivolgere un appello personale ad Ermanno Mastrocinque, referente piemontese del Comitato 16 novembre che dal 7 aprile ha iniziato uno sciopero della fame: “Coerentemente con la decisione assunta a livello nazionale dal Comitato 16 novembre di sospendere le iniziative di protesta annunciate per il 5 maggio, le rinnoviamo l’invito accorato a non proseguire sulla strada dello sciopero della fame, e lo facciamo prima che da rappresentati istituzionali da persone sinceramente preoccupate per il suo stato di salute. Rispettiamo profondamente il suo impegno e intendiamo lavorare con lei, con il Comitato e con tutte le associazioni per dare le giuste risposte ai malati”.

 

 

 


  

Ultima modifica il Martedì, 16 Agosto 2016 14:10
Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 


Assessorato alla Sanità - C.so Regina Margherita, 153 bis - 10122 Torino
Contatti