Con meno sale la salute sale

Categoria: Guida al servizio sanitario

Le malattie cardiovascolari rappresentano la prima causa di morte per le persone sopra i 60 anni e la seconda per quelle tra i 15 e i 59 anni. Secondo l’OMS, il 62% dei casi di ictus cerebrale e il 49% dei casi di cardiopatia ischemica sono attribuibili all’ipertensione arteriosa, direttamente correlata al consumo di sale; anche altre patologie, come il tumore dello stomaco, la calcolosi renale e l’osteoporosi, sono associate al consumo di sale.

Oggi, nei Paesi industrializzati il consumo di sale è di 8-10 grammi al giorno a persona, di cui circa l’80% deriva dai prodotti confezionati dall’industria alimentare; il consumo giornaliero raccomandato dall’OMS e dalla FAO è invece di meno di 5 g (o 2 g di sodio) al giorno. La Regione Piemonte ha quindi adottato una strategia di “azione concordata” con i produttori e ha promosso il progetto, che si propone di:

È stato quindi siglato il 13 marzo 2015 un accordo di collaborazione con l’Associazione Regionale Panificatori, con il quale i panificatori aderenti si impegnano a produrre linee di pane con meno sale e fornire informazioni ai clienti attraverso poster e opuscoli. La Regione Piemonte, in collaborazione con le ASL, fornisce il supporto tecnico-scientifico al progetto, collabora con l’Associazione ai programmi formativi per i panificatori e alle iniziative di comunicazione rivolte ai consumatori, agli istituti scolastici, agli enti pubblici (es. per la riduzione del sale nei capitolati d’appalto per la ristorazione collettiva).


Dal disciplinare dell’intesa

Documenti scaricabili

Poster “Con meno sale la salute sale”

Intesa Regione Piemonte - Associazione Regionale Panificatori per la riduzione di sale nel pane

Disciplinare con gli impegni per i panificatori aderenti

Comunicato stampa intesa Regione - Associazione Regionale Panificatori

Ultima modifica il Martedì, 07 Febbraio 2017 15:17
Valutazione attuale:  / 7
ScarsoOttimo