Guida al servizio sanitario

La guida contiene gli elementi fondamentali per conoscere i servizi sanitari offerti sul territorio, come accedervi e dove recarsi. Può essere consultata per argomento, per evento della vita o per soggetto ed è integrata da collegamenti alle pagine delle Aziende sanitarie sul territorio.

Acquista bene, conserva meglio!

logo campagnaCampagna di sensibilizzazione sulla corretta gestione degli alimenti in ambito domestico

In Piemonte oltre la metà degli episodi di tossinfezione alimentare si verifica in ambito domestico. Per questo motivo l’Assessorato alla Sanità della Regione Piemonte ha siglato un’Intesa con le associazioni dei produttori, del commercio e dei consumatori, con l’obiettivo di fornire al consumatore, attraverso l’aiuto dell’esercente, consigli pratici per preservare la sicurezza nelle fasi di acquisto, conservazione, preparazione, cottura e consumo domestico, ma anche informazioni sulle caratteristiche qualitative e nutrizionali degli alimenti. I negozianti che aderiscono all’iniziativa partecipano a un corso di formazione organizzato in collaborazione con l’ASL locale ed espongono il poster che presenta i “cinque punti chiave per alimenti più sicuri” dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

 logo OMS


“I cinque punti chiave per alimenti più sicuri” dell’OMS 


Alimenti deperibili: valuta le date di scadenza “da consumarsi entro” (data che indica il periodo entro il quale il prodotto è ritenuto sicuro).
Modalità di esposizione: valuta l’igiene e le temperature di esposizione: in genere 4/7°C per i refrigerati, –12°C per i congelati, –18°C per i surgelati (la presenza di brina indica possibili problemi). Evita l’acquisto di confezioni danneggiate (aperte, rotte, gonfie, ammaccate, arrugginite) e alimenti alterati nel colore, odore, consistenza, integrità (es. uova).

Attenzione al trasporto: i cibi congelati/surgelati e refrigerati devono essere acquistati per ultimi e posti in borse termiche a contatto tra loro in modo da garantire una migliore conservazione; i prodotti caldi devono essere tenuti separati in idonei contenitori; la durata del trasporto dovrebbe essere breve, soprattutto nel periodo estivo.
Occhio ai ripiani del frigorifero: regolare il frigorifero e tenere la porta chiusa, soprattutto in estate, in modo da assicurare basse temperature (l’ottimale è 4°C) per gli alimenti deperibili.
Un posto non vale l’altro: in genere nei ripiani più bassi la temperatura è inferiore (ad eccezione del cassetto per le verdure).
Consuma caldi gli alimenti, altrimenti raffreddali rapidamente: non lasciare i cibi cotti a temperatura ambiente, ma immergi la pentola nel lavandino con acqua e ghiaccio per abbattere la temperatura prima di metterli in frigorifero.
Scongela correttamente gli alimenti: metti gli alimenti congelati in frigorifero con sufficiente anticipo; non scongelare i cibi esponendoli a temperatura ambiente.

Pulizia delle mani: lava le mani con il detergente ogni volta che inizi a preparare i cibi e ogni volta che cambi tipo di alimento (es. carne e verdure, cibi crudi e cotti, uova).
Pulizia del frigorifero: puliscilo una volta alla settimana con acqua e detersivo, una volta ogni tre mesi con l’aiuto di un disinfettante (es. candeggina diluita).
Pulizia dei piani di lavoro: le superfici di appoggio dei cibi vanno lavate con acqua calda e detersivo dopo ogni utilizzo.
Pulizia dei taglieri: usane uno per tagliare gli alimenti da cuocere e un altro per gli alimenti da consumare senza cottura. Lava dopo ogni utilizzo con acqua calda e detersivo oppure in lavastoviglie.
Pulizia di spugne e canovacci: utilizza una spugnetta per lavare le stoviglie e un’altra per pulire le superfici. Lavale dopo ogni uso (anche in lavastoviglie) e sostituiscile di frequente. I canovacci dovrebbero essere sostituiti almeno due volte a settimana e non dovrebbero essere utilizzati per asciugare piatti e stoviglie.
Lava accuratamente gli alimenti da mangiare crudi: è importante lavare in modo accurato le verdure da consumare crude, in particolare se hanno residui di radici e terriccio.

Cuoci e riscalda sempre gli alimenti a temperature elevate: è importante cuocere e riscaldare in modo adeguato. Alcuni alimenti sono pericolosi se non completamente cotti (es. pollame, rolate, polpettoni non devono mai essere “al sangue”). Il forno a microonde non riscalda sempre in modo omogeneo: utilizza porzioni piccole e ruotale più volte.

Separa i cibi: tieni separati i cibi che andranno cotti prima del consumo da quelli che invece si consumano così come sono. Non utilizzare lo stesso tagliere per entrambi i tipi di alimenti.
Conserva correttamente: tutti i cibi non confezionati vanno riposti in contenitori puliti o avvolti nella pellicola prima di essere conservati in frigorifero. Conserva le carni crude in contenitori impermeabili per evitare che i liquidi che si liberano cadano su altri cibi.
  

Valutazione attuale:  / 2

Con meno sale la salute sale

Le malattie cardiovascolari rappresentano la prima causa di morte per le persone sopra i 60 anni e la seconda per quelle tra i 15 e i 59 anni. Secondo l’OMS, il 62% dei casi di ictus cerebrale e il 49% dei casi di cardiopatia ischemica sono attribuibili all’ipertensione arteriosa, direttamente correlata al consumo di sale; anche altre patologie, come il tumore dello stomaco, la calcolosi renale e l’osteoporosi, sono associate al consumo di sale.

Oggi, nei Paesi industrializzati il consumo di sale è di 8-10 grammi al giorno a persona, di cui circa l’80% deriva dai prodotti confezionati dall’industria alimentare; il consumo giornaliero raccomandato dall’OMS e dalla FAO è invece di meno di 5 g (o 2 g di sodio) al giorno. La Regione Piemonte ha quindi adottato una strategia di “azione concordata” con i produttori e ha promosso il progetto, che si propone di:

  • aumentare la consapevolezza dei piemontesi sull’importanza di ridurre il consumo di sale
  • aumentare la disponibilità di alimenti a basso contenuto di sale, in particolare di pane meno salato.

È stato quindi siglato il 13 marzo 2015 un accordo di collaborazione con l’Associazione Regionale Panificatori, con il quale i panificatori aderenti si impegnano a produrre linee di pane con meno sale e fornire informazioni ai clienti attraverso poster e opuscoli. La Regione Piemonte, in collaborazione con le ASL, fornisce il supporto tecnico-scientifico al progetto, collabora con l’Associazione ai programmi formativi per i panificatori e alle iniziative di comunicazione rivolte ai consumatori, agli istituti scolastici, agli enti pubblici (es. per la riduzione del sale nei capitolati d’appalto per la ristorazione collettiva).


Dal disciplinare dell’intesa
  • Diminuzione della percentuale di sale in tutto il pane prodotto del 5% all’anno per due anni (2015 e 2016)
  • Produzione di una linea di pane completamente senza sale o con “mezzo sale”, da proporre almeno un giorno a settimana dandone comunicazione ai clienti
  • Produzione di una linea di pane con farine meno raffinate, integrali o da cereali diversi dal frumento

Documenti scaricabili




Comunicato stampa intesa Regione - Associazione Regionale Panificatori

Valutazione attuale:  / 7
  • Alimenti e salute

    alimentiLa Regione Piemonte garantisce il controllo degli alimenti e delle acque in tutte le fasi della filiera, dalla produzione all’arrivo alla tavola. Il cittadino può dare il suo contributo segnalando eventuali casi di problemi di salute dovuti al cibo. Il primo riferimento per il cittadino è il medico di famiglia, ma anche i Servizi di Prevenzione delle ASL possono dare utili suggerimenti. Nelle schede successive, il dettaglio dei servizi e le informazioni per i cittadini per la prevenzione e la cura delle intossicazioni alimentari e per il consumo in sicurezza degli alimenti.

    Progetti regionali di promozione della salute

    Acquista bene, conserva meglio!
    Con meno sale la salute sale

    Consigli per la prevenzione delle intossicazioni alimentari

  • Assistenza ospedaliera

    assistenza ospedaliera piemonteLe modalità di ricovero, le strutture dove ricevere l’assistenza specialistica, alcune reti pensate per percorsi specifici: le strutture dedicate alla nascita, alla dietetica e alla nutrizione clinica, i servizi per combattere il dolore e l’assistenza al paziente oncologica. Si ricorre al ricovero per la diagnosi e la cura di malattie che non possono essere affrontate in ambulatorio o a domicilio.

     

     

  • Animali domestici

    animali piemonteIl benessere e il rispetto degli animali da compagnia sono una condizione indispensabile anche per la sicurezza e la salute umana. Qui le informazioni su come iscrivere il proprio cane all'anagrafe canina, denunciarne l'eventuale smarrimento, cambio di residenza o decesso. Le modalità per vaccinare il proprio animale in caso di viaggio all'estero, i dettagli sui principi e le norme sanitarie e di tutela che riguardano gli animali d'affezione, gli Sportelli istituiti dalla Regione.

     

  • Strutture sanitarie

    strutture sanitarie piemonteI recapiti delle aziende sanitarie locali, ospedaliere e ospedaliero-universitarie. I distretti, per individuare la propria Asl di riferimento in base alla residenza o al domicilio.

  • Sostegno alle cure

    sostegno cure piemonte sanitaChi ha diritto ad esenzioni o agevolazioni economiche nelle cure. Cosa fare per l’esenzione ticket sui farmaci o sulle visite, sostegni ad alta tecnologia per i disabili, assegni di cura, sostegno alla dialisi domiciliare, parrucche per donne sottoposte a chemioterapia. Come richiedere l’assistenza protesica (carrozzine, letti ortopedici, deambulatori, arti artificiali, ecc.) e integrativa (ausili assorbenti, cateteri, materiale di medicazione, presidi per diabetici, prodotti alimentari per celiaci o per specifiche patologie).

  • Salute e diritti

    salute diritti piemonteI servizi che aiutano i cittadini a conoscere i propri diritti, a segnalare eventuali disservizi o inoltrare reclami: audit civico, consenso informato e tutela dei dati personali, difensore civico regionale, Urp e Tribunale dei diritti del malato.

     

     

     

  • Prevenzione

    prevenzione salute piemonteCome si riducono i rischi per la salute: i servizi per la prevenzione negli ambienti di vita, di lavoro e per la tutela della salute nello sport. A chi rivolgersi per le vaccinazioni, per la diagnosi precoce dei tumori e per accertamenti su malattie sessualmente trasmesse.

     

     

     

  • Farmaci

    farmaci piemonteIl Servizio sanitario nazionale assicura agli iscritti i farmaci previsti dal Prontuario farmaceutico nazionale. In questa sezione è possibile trovare informazioni sull'assistenza farmaceutica e sulle ricette per i farmaci. Per informazioni sulle esenzioni per reddito, patologia e condizioni invalidanti, consultare la pagina Guida al Servzio Sanitario > Sostegno alle Cure > Esenzione ticket farmaciSe invece desiderate accedere a maggiori approfondimenti in materia di farmaci, consultare l'area tematica "Farmaceutica" dedicata agli operatori della Sanità.

  • Emergenza

    emergenza sanita piemonteIn caso di malore in fasce orarie in cui il proprio medico non è reperibile o nei casi più gravi ci si può rivolgere a diversi servizi sanitari studiati appositamente per far fronte a situazioni di emergenza.

    • Segnalazione eventi e manifestazioni

      grandi eventi 1Le manifestazioni culturali, religiose, sportive e di informazione o a elevato rischio che richiamano molti spettatori in luoghi pubblici richiedono una pianificazione adeguata del soccorso sanitario, che deve essere integrata con il sistema dell’Emergenza sanitaria territoriale, per poter garantire una risposta organizzata, idonea e specifica. L'obbligo sulla sicurezza per gli organizzatori di eventi è stato sancito dal decreto legislativo del 28 agosto 1997, rispetto al quale nel 2014 sono state definite le "Linee d'indirizzo sull'organizzazione dei soccorsi sanitari negli eventi e nelle manifestazioni programmate”. In Piemonte è in vigore la DGR del 29.12.2014, n. 59-870.

      Gli eventi e le manifestazioni, dovunque si svolgano, all’aperto o al chiuso, programmati o organizzati per fini sportivi, ricreativi, sociali, promossi da privati, enti non profit, o da qualunque società od organizzazione economica, devono essere classificati in relazione al livello di rischio, ovvero alla probabilità di avere necessità di soccorso sanitario sulla base delle seguenti variabili relative alla tipologia dell’evento, alle caratteristiche del luogo e all'affluenza di pubblico. Il piano di soccorso dovrà essere articolato attraverso:

      • analisi di rischio dei fattori propri dell’evento
      • analisi delle variabili legate all’evento (es. numero dei partecipanti)
      • quantificazione delle risorse necessarie per mitigare il rischio
      • individuazione delle problematiche logistico/organizzative

      Ideato nel 2003, nasce come metodo per la valutazione dei rischi in grandi eventi. esso è in grado di determinare, anche se in maniera empirica, il potenziale pericolo di un evento (tenendo conto di diversi criteri che possono influenzare l’inclinazione al rischio) e l’eventuale dimensione del dispositivo di soccorso necessario.L’algoritmo tiene conto di diversi criteri che influenzano l’inclinazione al rischio di un evento. Si tratta di un sistema a punteggio, generato a sua volta da un valore numerico in funzione della propensione al rischio di ogni singola variabile presa in considerazione. I criteri presi in esame considerano variabili legate a:

      • evento (periodicità, tipologia, durata, luogo, caratteristiche del luogo e logistica dell'area...)
      • pubblico (stima dei partecipanti, età prevalente, densità/mq, condizione e posizione dei partecipanti...)

      L’algoritmo combina i vari valori assegnati che identificano le inclinazioni al rischio fornendo come risultato il punteggio del rischio complessivo; in base al risultato ottenuto è quindi possibile ottenere il livello di rischio

      La Regione Piemonte ha sviluppato un servizio web per l’invio automatizzato delle segnalazioni di eventi e manifestazioni al sistema di soccorso sanitario 118. L'applicazione consente la gestione dei cosiddetti "Grandi Eventi", secondo le indicazioni presenti nella Deliberazione della Giunta Regionale 14 novembre 2011, n. 49-2905. Enti pubblici e privati che intendono organizzare una manifestazione possono accedere al sistema web per inserire le informazioni utili a classificare i rischi di tale evento.

      I dati raccolti sono conformi alla Delib. G.R.29-12-2014,n.59-870 - Recepimento dell’Accordo ai sensi dell’art. 9, comma 2, lettera c) del decreto legislativo 28 agosto 1997 n. 281, proposto dalle Regioni e dalle Province Autonome di Trento e Bolzano concernente l’organizzazione e l’assistenza sanitaria negli eventi e nelle manifestazioni programmate (pubblicata nel B.U. Piemonte 5 febbraio 2015, n. 5, S.O. n. 1).

      • Per accedere al servizio è necessario disporre delle credenziali SistemaPiemonte.

         accedi servzio grandi eventi    

  • Donazioni

    donazioni sanita piemonteLa donazione di sangue, di organi, di cellule e di tessuti è un atto di altruismo che, in moltissimi casi, può contribuire a salvare una vita umana. Tutti i cittadini che possiedono alcuni requisiti fisici possono scegliere liberamente di diventare donatori di sangue, di cellule e di tessuti ed esprimere la volontà a diventare donatori di organi dopo la morte.

     

     

  • Cure sul territorio

    sostegno cure piemonteScegliere il medico o il pediatra, prenotare visite ed esami. Le strutture per la salute della donna o della coppia nella procreazione responsabile, gravidanza e alla sessualità. La lotta contro le dipendenze, la cura dei disturbi dello sviluppo o della salute mentale. L’assistenza domiciliare e il trasporto non urgente in autoambulanza. È una rete organizzata di attività attraverso le quali le Aziende sanitarie, attraverso i distretti e spesso in collaborazione con i Comuni e con i consorzi socio-sanitari, possono garantire le risposte più articolate agli utenti.

     

  • Certificazioni e riconoscimenti

    certificazioni sanita piemonteCome richiedere certificazioni o riconoscimenti utili per ottenere particolari forme di assistenza o per poter svolgere alcune attività: i servizi di medicina legale e le unità valutative handicap, geriatria e alzheimer, equipe multidisciplinari che identificano non solo il quadro clinico ma anche i bisogni assistenziali del paziente.

     

     

  • Accedere ai servizi sanitari

    accedere servizi sanitari piemonteCosa fare per iscriversi al Servizio sanitario nazionale, in caso di partenza all’estero o se si è temporaneamente presenti sul territorio piemontese. Quali sono le funzioni della tessera sanitaria europea, della ricetta elettronica e quando rivolgersi agli uffici di relazione col pubblico. L’assistenza sanitaria è assicurata, con diverse modalità, ai non residenti, agli stranieri comunitari ed extracomunitari stabilmente o temporaneamente presenti sul territorio piemontese.

     

  • Domande frequenti

    faq sanita piemonte In questa pagina è possibile consultare la lista, suddivisa per aree tematiche, delle domande più richieste da parte dei cittadini al personale amministrativo del Sistema Sanitario Regionale. Le risposte permettono al cittadino di trovare riscontro ai dubbi nelle materie dell'assistenza sanitaria generica, di quella riservata agli stranieri e agli italiani all'estero, delle dipendenze, della veterinaria, del programma regionale Prevenzione Serena, di parto, gravidanza e campagna sull'uso dei defibrillatori. Se la vostra domanda non è presente tra quelle elencate in questa sezione, contattate il numero verde regionale 800.333.444.



Assessorato alla Sanità - C.so Regina Margherita, 153 bis - 10122 Torino
Contatti