Nodi della Rete

La Rete nasce ufficialmente con una Deliberazione Regionale (D.G.R. n 37 – 25948 del 16/11/1998): con essa è stata istituita la Rete Regionale dei Servizi di Epidemiologia e ne sono state precisate le funzioni e le attività. I servizi della rete, nel loro insieme, svolgono le funzioni di osservatorio epidemiologico regionale. Nella Regione Piemonte l’epidemiologia ha il compito di promuovere attivamente una maggiore capacità dei servizi e delle amministrazioni (regionali e aziendali) in ordine all'analisi dei problemi di salute e all'individuazione di priorità, alla scelta di soluzioni di intervento idonee per efficacia, sicurezza, fattibilità e accettabilità e al monitoraggio della qualità dei processi di prevenzione e assistenza. I problemi cui queste funzioni si applicano possono essere di rilevanza sanitaria (assistenziale o preventiva), ambientale, sociale od organizzativa, a seconda del campo di esercizio della funzione (Regione, Azienda Sanitaria, ARPA, …).Attualmente, come nodi della rete regionale dei servizi di epidemiologia sono attivi:

  • tre servizi con compiti sia generali che specialistici (Grugliasco, Alessandria e Novara)
  • tre strutture con prevalenti competenze specialistiche:
    • CPO Piemonte
    • Dipartimento Tematico di Epidemiologia e Salute Ambientale dell’ARPA Piemonte
    • Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute - DoRS 

Visualizza la mappa della rete

grugliascoAttivo dal 1994, il Servizio svolge funzioni di epidemiologia generalista verso le ASL afferenti alla Provincia di Torino a alcune funzioni specialistiche  per tutta la Regione. Il Servizio si occupa di valorizzare i sistemi informativi disponibili per scopi di valutazione dello stato di salute della popolazione piemontese, ivi incluso il monitoraggio della qualità dell’assistenza erogata e, negli stessi ambiti, per obiettivi di ricerca. Lo scopo è quello di supportare con dati e indicatori epidemiologici sia le scelte di programmazione della politica che l’azione dei professionisti della sanità piemontese.

  • Contatti

Via Sabaudia, 164- 10095 Grugliasco (TO)Tel 011 40188221Fax 011 40188201e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  • Osservatorio Epidemiologico delle Dipendenze

dipendenzeL'OED Piemonte – articolazione del Servizio di Grugliasco - è uno strumento di conoscenza e sorveglianza epidemiologica dell'evoluzione del fenomeno delle dipendenze patologiche, basato sulla scelta di coniugare la cultura operativa dei SERT con quella scientifica e metodologica dell'epidemiologia. Ha tra le sue le priorità il consolidamento del nuovo sistema informativo sulle dipendenze mirato ad aumentare le capacità di sorveglianza e monitoraggio del fenomeno e dei trattamenti. 

 Dal 1998, anno di istituzione della rete, svolge funzioni generali (SSEpi), per le Aziende Sanitarie dell’area Sud-Est del Piemonte e funzioni specialistiche riguardanti la sorveglianza sull’occorrenza e sulle attività di prevenzione e controllo delle malattie infettive riferite all’intero territorio regionale.Dal 2004 le funzioni specialistiche sono state integrate e il Servizio è diventato struttura di riferimento dell’Assessorato alla Sanità e punto di contatto per la gestione delle emergenze infettive. Per questo il servizio ha assunto la denominazione di SeREMI.
 novaraAl Servizio, attivo dal 2006, è attribuita la funzione specialistica di riferimento regionale per lo sviluppo delle funzioni locali di epidemiologia nelle Aziende Sanitarie della Regione Piemonte, da condurre in maniera condivisa con gli operatori delle altre strutture di epidemiologia regionale e locale. Come indicato nel Piano Regionale della Prevenzione 2010-2012 (DGR n. 37-1222 del 17/12/2010), effettua il coordinamento regionale delle sorveglianze PASSI e PASSI d'Argento.
cpo newNell'ambito del Servizio Sanitario Regionale, il  CPO Piemonte  assolve funzioni  istituzionali di rilevazione della incidenza, mortalità e sopravvivenza per cancro (Registro Tumori Piemonte), di epidemiologia clinica con il monitoraggio e la valutazione della qualità della assistenza oncologica, la produzione di documenti “evidence based”, il disegno e l’analisi di studi clinici sperimentali ed osservazionali, di prevenzione del cancro attraverso il riconoscimento dei rischi di cancerogenicità ambientali, lavorativi e legati agli stili di vita e attraverso il coordinamento, valutazione e formazione  del programma di screening regionale Prevenzione Serena. Il CPO Piemonte  conduce ricerche e studi in ambito eziologico, preventivo, clinico e valutativo  su mandato regionale e/o in collaborazione con altri enti e gruppi di ricerca, nazionali ed internazionali. Il CPO Piemonte pubblica i risultati delle proprie attività sotto forma di articoli scientifici, linee guida e rapporti sanitari e mette a disposizione dati epidemiologici consultabili online.
arpaHa come specifici campi di intervento la ricerca, la sorveglianza, il monitoraggio e la valutazione dei rischi per la salute e degli impatti sanitari derivanti da esposizioni ambientali sull’intero territorio regionale; svolge una funzione di supporto specialistico in campo epidemiologico e tossicologico ambientale alle ASL del Piemonte ai sensi della D.G.R. 18 maggio 2009, n. 17-11422 (Approvazione linee guida per la definizione dei rapporti tra i Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende Sanitarie Regionali e l'Agenzia per la Protezione Ambientale del Piemonte.). Svolge attività di ricerca su progetti nazionali ed internazionali, sorveglianza epidemiologica, individuazione e misurazione dei fattori di rischio ambientali per la salute e di prevenzione sanitaria delle emergenze climatiche a livello regionale.
 dorsNasce per iniziativa della Regione Piemonte nel 1998, è collocato all'interno della ASL TO3 e si occupa di:

  • Documentare le conoscenze tratte dalla letteratura e le esperienze di quanti operano per migliorare la salute e il benessere
  • Disseminare e valorizzare le conoscenze, i dati epidemiologici, le prove d’efficacia, le buone pratiche negli interventi, nei piani e nelle politiche per la salute e il benessere
  • Formare gli operatori e i decisori affinché sviluppino conoscenze e competenze per promuovere la salute e il benessere
  • Assistere la progettazione, realizzazione e valutazione di interventi, piani e politiche per la salute
  • Cooperare a progetti per lo sviluppo di reti a livello locale, regionale e nazionale.

  

Ultima modifica il Giovedì, 18 Febbraio 2016 09:41
Valutazione attuale:  / 7
ScarsoOttimo 


Assessorato alla Sanità - C.so Regina Margherita, 153 bis - 10122 Torino
Contatti