Area materno - infantile

consultorio pediatrico hpLa Regione Piemonte con dgr 26-1653 del 29/06/2015 ha definito le aree di competenza dell’area materno-infantile e le ha distinte come segue:

ambito sanitario
Trovano posto attualmente le attività strettamente sanitarie quali: consultori familiari, SC di ostetricia e ginecologia (per la parte di ostetricia), Attività specialistica ostetrica di poliambulatorio, Punti-nascita, TIN, SC di pediatria, SC di NPI, Pediatria di famiglia, Pediatria di comunità, Consultori pediatrici, Consultori per adolescenti, Servizi residenziali e semiresidenziali per minori (comunità terapeutiche, comunità riabilitative psico-sociali, centri diurni, etc).  Inoltre attività che fanno capo all’ambito della psicologia, del RRF, nonché ai Dipartimenti di Prevenzione ed al Distretto (es ADI). I servizi sono coordinati dai Dipartimenti Materno Infantili presenti in ragione di uno per ogni ASL

ambito socio-assistenziale
Trovano collocazione in questo ambito le relazioni di rete con i servizi socio-assistenziali, con l'autorità giudiziaria, con il terzo settore, con i servizi per il lavoro. Tra questi servizi per minori sono ricompresi a titolo esemplificativo le comunità educative residenziali, gli affidi, il sostegno alla disabilità...

ambito educativo
Trovano collocazione in questo ambito le relazioni di rete con i servizi pubblici o privati dell'area educativa, dell'istruzione, della formazione professionale: scuole d’infanzia, scuole materne, scuole dell'obbligo, formazione professionale...

Area d'azione del Dipartimento Infantile

  • assistenza alla coppia nella pianificazione familiare
  • assistenza alla donna durante la gravidanza, il parto e il puerperio
  • assistenza al neonato sano e patologico
  • promozione e tutela della salute del bambino
  • promozione e tutela della salute dell’adolescente
  • assistenza al bambino con bisogni particolari e malattie croniche
  • raccolta e elaborazione di dati epidemiologici relativi all’infanzia e alla donna

La definizione dei tre percorsi che rappresentano la base dell’organizzazione regionale dell’area (nascita, crescita, cronicità) favorisce il collegamento tra i servizi ospedalieri e territoriali che realizzano l’assistenza, il superamento della risposta puntuale verso una dimensione longitudinale dell’assistenza che risulta maggiormente appropriata ad eventi evolutivi come la gravidanza e l’età pediatrica, permettendone il governo.

Attività di governo clinico

La DGR n° 22 - 13206 dell'8/2/2010 stabilisce il consolidamento delle attività di governo clinico nell'area Materno - Infantile con particolare riferimento a:

  • monitoraggio dei percorsi assistenziali tramite i flussi informativi esistenti e istituzione del flusso dei consultori
  • istituzione del coordinamento tecnico regionale per l'area Materno - Infantile

All'interno dell'area Materno-Infantile il governo clinico è l'insieme di modalità e programmi tramite i quali le organizzazioni sanitarie, quali Aziende sanitarie, i Dipartimenti, i singoli servizi, i gruppi professionali perseguono un miglioramento continuo della qualità, in riferimento a standard assistenziali prestabiliti attraverso la creazione di situazioni e opportunità che favoriscano la responsabilizzazione e l'eccellenza professionale.

 



Assessorato alla Sanità - C.so Regina Margherita, 153 bis - 10122 Torino
Contatti