Torna alla home page della Regione Piemonte [1]


Controllo del benessere e dell'alimentazione animale

  • PDF
  • Stampa
  • E-mail

Il controllo sul benessere animale, negli ultimi anni, ha  suscitato una costante crescita di interesse da parte dei cittadini dell'Unione Europea. L'attività di controllo, pertanto, ha acquisito valenza non soltanto sanitaria ma anche etica.  I controlli sul benessere animale comprendono controlli su animali d'affezione (inclusi animali esotici) e su animali da reddito e vengono effettuati, a seconda delle specie animali (se da reddito o da affezione) negli allevamenti, presso i mercati e le fiere e presso gli impianti di macellazione.

Le condizioni di benessere animale sono rispettate se sono soddisfatte 5 libertà:

  • libertà dalla fame, dalla sete e dalla cattiva nutrizione;
  • libertà dai disagi ambientali;
  • libertà dalle malattie e dalle ferite;
  • libertà di manifestare le caratteristiche comportamentali specie-specifiche;
  • libertà dalla paura e dallo stress.

Tra queste le prime sono condizioni facilmente valutabili mentre le ultime due (oggetto attuale di forte attenzione da parte dell'Unione Europea) devono essere valutate in modo attento ed approfondito nel rispetto dei recenti parametri comunitari.
Risulta compreso nel “controllo del benessere animale” il controllo sulle condizioni di trasporto degli animali che viene eseguito attraverso l'esame e l'autorizzazione degli automezzi e con verifica  su strada delle reali condizioni di trasporto (automezzo utilizzato, durata del viaggio e compilazione del diario di viaggio, densità del carico, rispetto delle esigenze fisiologiche degli animali trasportati).

Il controllo sull'alimentazione animale ha interesse per tutti gli alimenti zootecnici (medicati e non) destinati a tutte le specie di animali produttori di alimenti e, in misura minore, agli animali d'affezione. Il controllo ufficiale è svolto in ottemperanza a quanto espresso dal Regolamento CE 183/2005 che stabilisce requisiti di igiene dei mangimi.
La Regione Piemonte ha previsto un “Piano Alimentazione Animale” che prevede controlli in aziende di produzione e distribuzione mangimi( mangimifici ed intermediari), essiccatoi, depositi e mezzi di trasporto.
L'attività di controllo è svolta tramite audit, ispezioni ed esecuzione di analisi su campioni di mangimi. La programmazione, la frequenza e le modalità di intervento sono valutate in base all'identificazione di fattori di rischio o situazioni di allarme.
In seguito all’emergenza BSE e al conseguente divieto dell’utilizzo di farine di carne per l’alimentazione di alcune specie (es: bovini e piccoli ruminanti) vengono ogni anno effettuati campionamenti ed analisi su mangimi per escludere la presenza di proteine animali (313 analisi nel 2009).

Link esterni

Share/Save/Bookmark

( 2 Voti )


C.so Regina Margherita, 153 bis - 10122 Torino
Contatti