Stampa

Provincia di Biella

alt
La reazione più comune del “forestiero” che visita la Provincia di Biella è la sorpresa. Sono sorprendenti la bellezza e la varietà del territorio, le praterie delle Baragge, l’orografia della Serra, l’imponenza del Santuario di Oropa, l’integrità del Ricetto di Candelo, i panorami sconfinati del Tracciolino e la perfezione dei muri a secco della Valle Cervo. Il patrimonio naturalistico presenta veri gioielli custoditi nelle riserve naturali e aree protette come il giardino storico all’inglese della Burcina, l’area protetta dell’Oasi Zegna che si estende per 100 kmq tra la Valle Mosso, la Val Sessera e la Valle Cervo, la Riserva Naturale Speciale della Bessa che conserva i resti di una delle più grandi miniere d’oro a cielo aperto dell’antichità, la riserva delle Baragge dove vaste praterie e brughiere si alternano a vallette boscose e la Riserva Naturale Speciale del Sacro Monte di Oropa che fa da contorno al complesso monumentale tutelato dall’UNESCO.
Gli antichi borghi magnificamente conservati come quelli di Candelo, Magnano e Rosazza e i Santuari (Santuario di Oropa. Graglia e San Giovanni d’Andorno) completano l‘offerta naturalistica e paesaggistica del territorio con gli aspetti culturali e devozionali.
Un territorio ricco e vario, pienamente fruibile perché dotato di una delle reti sentieristiche più vaste e moderne d’Italia, composta da 300 sentieri per uno sviluppo complessivo di circa 1.600 km. Nell’ambito di questa rete sono stati tracciati itinerari attrezzati come la Grande Traversata del Biellese (GTB) di circa 200 Km, la Grande Traversata delle Alpi (GTA) sviluppata per circa 41 Km in territorio Biellese e l’Alta Via dell’Anfiteatro Morenico e Serra d’Ivrea (circa 80 km.). Notevole anche la rete di tracciati dedicati per la pratica della mountain bike con 265 Km circa di percorsi segnalati ed in particolare l'esteso sistema dei 10 anelli della Serra d’Ivrea.
L’offerta delle strutture ricettive è ampia e di qualità con 13 tra rifugi e bivacchi nel territorio montano che si accompagnano alle possibilità di pernottamento disponibili a quote più basse. Si segnalano le foresterie dei tre santuari principali che possono essere quindi utilizzati come posti tappa di un’ideale via della fede.

Per ulteriori informazioni visita il sito della Provincia di Biella
Carta dei sentieri del Biellese