Programmazione negoziata - 

Programmazione negoziata

La programmazione negoziata, prevista inizialmente per l'attuazione degli interventi straordinari per il Mezzogiorno (L. 64/86), si diffonde nell'ordinamento giuridico italiano con la legge 142/90 sulle Autonomie locali: mediante gli "Accordi di programma" dell'art. 27 che si rappresentano come una forma cooperativa tra Enti locali e tra Enti pubblici in generale "per la definizione e l'attuazione di opere, di interventi o di programmi d'intervento che richiedono per la loro completa realizzazione, l'azione integrata e coordinata di comuni, di province e regioni, di amministrazioni statali e di altri soggetti pubblici, o comunque di due o più tra i soggetti predetti...".La legge 662/96 (art. 2 comma 203) disciplina organicamente la programmazione negoziata come strumento per sostenere e accelerare gli interventi di sviluppo, estendendola ad una pluralità di situazioni. Gli interventi che coinvolgono una molteplicità di soggetti pubblici e privati ed implicano decisioni istituzionali e risorse finanziarie a carico delle amministrazioni statali, regionali, e delle province autonome nonché degli enti locali.

I principali strumenti di programmazione negoziata sono cinque: il contratto di programma,il Patto territoriale, il contratto d’area, l’intesa istituzionale di programma e l’accordo di programma quadro. L’ordine rispecchia, grosso modo, il periodo di introduzione nel quadro normativo dei diversi istituti o di strumenti ad essi assimilabili, così definiti:

  • Contratto di programma: il contratto stipulato tra l'amministrazione statale competente, grandi imprese, consorzi di piccole e medie imprese e rappresentanze di distretti industriali per la realizzazione di interventi oggetto di programmazione negoziata;

  • Patto territoriale: l'accordo, promosso da enti locali, parti sociali, o da atri soggetti pubblici o privati, relativo all'attuazione di un programma d'interventi caratterizzato da specifici obiettivi di promozione dello sviluppo locale; -Contratto d'area: lo strumento operativo, concordato tra le amministrazioni, anche locali, rappresentanze dei lavoratori e dei datori di lavoro, nonché eventuali altri soggetti interessati, per la realizzazione di azioni finalizzate ad accelerare lo sviluppo e la creazione di posti di lavoro in territori circoscritti, nell'ambito delle aree di crisi indicate dal Presidente del Consiglio dei ministri.

  • Intesa istituzionale di programma: lo strumento finalizzato alla realizzazione di un piano pluriennale di interventi volti a favorire lo sviluppo nel territorio regionale, ne sono soggetti principali e promotori il governo nazionale e le giunte regionali, ovvero i massimi organi esecutivi delle due amministrazioni.

  • Accordo di programma quadro: strumento di attuazione dell’Intesa Istituzionale di programma Stato – regione adottati in ragione dei diversi settori di policy di interesse nazionale, regionale e di altri soggetti pubblici e privati.

La Regione Piemonte ha inoltre previsto la possibilità di stipulare accordi di programma con le Province per la realizzazione di interventi che prevedano la compartecipazione finanziaria della Regione (art. 14 della L.r. 16/97) ed ha istituito nel proprio bilancio un fondo per cofinanziare gli accordi di programma stipulati dalla Regione sia con le Province che con altri Enti locali.

Avvisi:


  • Avviso del 22 /12/2016

Codice A11000 D.D. 20 Dicembre 2016, n. 592
Programmazione FSC 2000-2006 - P.M. APQ, delibere CIPE 17/2003 e 181/2006 - D.D. del 3/11/2016, n. 505, atti conseguenti: Approvazione graduatoria selezione esperti in assistenza tecnica specialistica e Schema di contratto. Impegni di spesa sul capitolo 121412 degli esercizi finanziari 2016, 2017 e 2018 per complessivi di Euro 128.000,00.
- Graduatoria finale - Ai sensi dell'art. 9 dell'Avviso di selezione, di cui alla D.D. n. 505 del 3 Novembre 2016 ( BU51S1 del 22/12/2016)


  • Avviso ( 6/12/2016 )
    Ai sensi dell’art. 4 dell’Avviso di selezione, di cui alla D.D. n. 505 del 3 novembre 2016.
    ( BU44S3 del 07/11/2016).

  • Avviso ( 7/11/2016 )
    Regione Piemonte, Direzione Risorse Finanziarie e Patrimonio,
    Settore Programmazione negoziata, indice una selezione pubblica relativa a :

<Avviso pubblico di manifestazione di interesse, per titoli e colloquio, per la selezione di n. 2 esperti in assistenza tecnica specialistica in materia di programmazione, attuazione, controllo e analisi dei dati di monitoraggio degli investimenti pubblici cofinanziati con il Fondo Sviluppo e Coesione (FSC) >
BU 44S3 07/11/2016 D.D. 3 novembre 2016, n. 505

  • Avviso (11/11/2015)La Direzione regionale Risorse Finanziarie e Patrimonio, Settore Programmazione Negoziata, in collaborazione con IRES Piemonte ha organizzato per lunedì 30 novembre p.v. dalle 8.45 alle 13.00, presso il Centro Incontri di Corso Stati Uniti n. 23, il convegno "L’approccio allo sviluppo locale e le politiche regionali".Il Convegno, in cui verrà presentato il rapporto di ricerca curato da IRES Piemonte su “Le Politiche per lo Sviluppo Locale della Regione Piemonte (1994-2006). Inquadramento generale e studi di caso”, si propone come luogo di incontro e di confronto degli esperti delle politiche dello sviluppo territoriale , per scambiare osservazioni e contributi in termini di opportunità e di difficoltà incontrate.
    Segreteria Organizzativa:
    Si prega di inviare conferma scritta dell'adesione al seguente indirizzo mail:
    programmazione.negoziata@regione.piemonte.it Tel. 011.4323989 Programma
  • Avviso (03/07/2015) Con D.D. n. 394 del 02/07/2015 è stata approvata la seguente graduatoria di merito di cui all'avviso pubblico del 04/06/2015:
    Flavio CASALE punti 85,7 ; Alberto Di PANE punti 71,9 ; Eugenio D’ORSI punti 67,6 ; Igor Alessandro GHIGO punti 55,7 ; Massimo GRIVA punti 52,4 .
  • Avviso pubblico per Procedura comparativa per titoli e colloquio per la selezione di 2 esperti in assistenza tecnica specialistica nell’ambito degli investimenti pubblici in materia di programmazione, attuazione, monitoraggio e controllo dei progetti cofinanziati con risorse del Fondo Sviluppo e Coesione (FSC).

( BU23 11/06/2015 D.D. 4 giugno 2015, n. 300)
Nominativo riferimento:
Segreteria Settore Programmazione Negoziata Tel.0114323989
Email: programmazione.negoziata@regione.piemonte.it



In evidenza:


  • 4 giugno 2015 - Avviso pubblico per Procedura comparativa per titoli e colloquio per la selezione di 2 esperti in assistenza tecnica specialistica nell’ambito degli investimenti pubblici in materia di programmazione, attuazione, monitoraggio e controllo dei progetti cofinanziati con risorse del Fondo Sviluppo e Coesione (FSC).
    -( D.D. 4 giugno 2015, n. 300 BU23 11/06/2015) Programmazione FSC ( ex FAS); Progetto Monitoraggio APQ, delibere CIPE 17/2003 e 181/2006. Approvazione dello schema di avviso procedura comparativa per la selezioone di due esperti in assistenza tecnica specialistica e relativo impegno di spesa per 33.000,00 sul capitolo 121411/2015 -UPB A11981-CUP J6O6000060001
    Nominativo riferimento:Segreteria Settore Programmazione Negoziata Tel. riferimento: 0114323989Email: programmazione.negoziata@regione.piemonte.it


 



Riferimenti normativi:

Disciplina della programmazione negoziata - art. 2 comma 203 della legge 23.12.96, n. 662




Contatti
:

Settore Programmazione Negoziata

resp. Alfonso Facco tel. 011 4322694
segr. Clara Durbiano tel 011. 4323989
rif. Anna Bordi tel 011 4322548
rif. Filippo Ceragioli tel.011 4324368
rif. Alberto Di Pane: tel 011.4326004
rif. Elena Firpo tel. 011.432 6053
rif. Tommaso Leporati tel 0114324768
rif. Marco Rolando tel . 011.4325508
rif. Rita Santisi tel 011 432 4788
rif. Valentina Torta tel 011 4322099

Progetto Monitoraggio
rif: Clara Varricchio tel. 011 4322526
rif. Sonia Catalano tel .011 4235043
rif. Flavio Casale tel 011 4325348

e-mail : < programmazione.negoziata@regione.piemonte.it >
Via Bertola, 34 – 10121 Torino