Patto di stabilitą precedenti

 

 

Patto di stabilità regionale interno 2013


(Comunicato del 14 ottobre 2013)
Riparto del Patto regionale verticale “non incentivato”

Con DGR n. 9-6492 del 14 ottobre 2013, è stato disposto il riparto del Patto verticale “non incentivato”.

Qui è possibile visualizzare gli importi assegnati ad ogni ente locale.

I nuovi spazi finanziari si aggiungono a quelli già assegnati a valere sul Patto “incentivato.
Le quote indicate nell’ultima colonna includono il 100% degli spazi finanziari richiesti relativi all’edilizia scolastica ed all’adeguamento alla normativa antisismica. Rispetto a tali spazi finanziari, è previsto un vincolo di destinazione, nel senso che essi non possono essere utilizzati per disporre pagamento su altre voci di spesa. Tuttavia, entro il 31 ottobre 2013, gli enti beneficiari di quote vincolate all’edilizia scolastica ed all’adeguamento alla normativa antisismica potranno presentare alla Regione Piemonte richiesta motivata di svincolo degli spazi finanziari assegnati.
Gli altri spazi finanziari possono essere utilizzati per effettuare pagamenti di parte capitale, sia in conto competenza che in conto residui
Gli enti che, a fine esercizio 2013, realizzeranno un saldo di Patto migliore dell’obiettivo subiranno nel 2014 una decurtazione delle quote loro assegnate a valere sul Patto regionale verticale, sia incentivato che non incentivato, in misura pari al surplus realizzato e per un importo massimo non superiore alla quota assegnata con il presente riparto
Si precisa, infine, che le comunicazioni ufficiali verranno inviate agli ente locale beneficiario nei prossimi giorni.
Come per i precedenti riparti, le variazioni dell’obiettivo saranno operate d’ufficio dal Ministero dell’economia e delle finanze, previa comunicazione a cura della Regione.


Integrazione della D.G.R. n. 9-6492 del 14 ottobre 2013 in materia di Patto di stabilita' regionale verticale.

-D.G.R. 28 Ottobre 2013, n. 7-6562 ( Bollettino Ufficiale n. 47 del 21 / 11 / 2013 )


  • Comunicato del 28 agosto 2013

Con DGR 4-6303 del 27 agosto 2013, è stato disposto il riparto degli spazi finanziari a favore degli enti locali beneficiari dei Fondi strutturali europei.

Le quote assegnate a ciascun ente locale sono vincolate ai pagamenti previsti a valere sui predetti Fondi.
Gli spazi finanziari in eccesso relativi al 2013 possono essere restituiti alla Regione Piemonte entro il 1° ottobre 2013 , comunicandone l’entità al Settore Programmazione macroeconomica con nota sottoscritta dal legale rappresentante e dal responsabile dei servizi finanziari.

Gli enti beneficiari dovranno trasmettere alla Regione Piemonte, Settore Programmazione macroeconomica, entro il 15 dicembre 2013 , l’elenco completo dei mandati di pagamento emessi a valere sulle quote assegnate per il 2013 e non restituite, con indicazione degli importi e dei relativi beneficiari,
Eventuali differenze fra l’importo dei pagamenti effettuati e gli spazi finanziari assegnati e non restituiti saranno comunicate al Ministero dell’economia e delle finanze;

Gli spazi finanziari in eccesso relativi al 2014 potranno essere restituiti alla Regione Piemonte in sede di attuazione del Patto regionale verticale relativo al medesimo anno.



  • (Comunicato del 6 agosto 2013)

  • Patto regionale verticale 2013

Gli Enti locali che successivamente all’applicazione del dl. 35/2013 ed all’acquisizione di spazi finanziari regionali per il 2013 (quote di Patto verticale incentivato, quote per l’esclusione dal Patto dei cofinanziamento dei fondi europei), registrino ulteriori necessità per pagamenti ex art. 1, comma 140, della L. 220/2010, devono aggiornare la propria richiesta entro il 15 settembre utilizzando il seguente modulo.xls, da trasmettere esclusivamente mediante posta elettronica all’indirizzo mail pattodistabilita@regione.piemonte.it, scrivendo nell’oggetto: “Patto regionale verticale 2013 – Comune/Provincia di …………”

N.B. Gli Enti che non necessitano di ulteriori spazi finanziari per l’anno 2013 non sono tenuti a rispondere a questa comunicazione.

  • Patto regionale orizzontale 2013

Gli enti che intendono cedere spazi finanziari a valere sul Patto 2013 devono restituire il seguente modulo compilato e sottoscritto entro il 15 ottobre esclusivamente mediante posta elettronica all’indirizzo mail pattodistabilita@regione.piemonte.it, scrivendo nell’ oggetto: “Patto regionale orizzontale 2013 – Comune/Provincia di………………”
Gli enti che intendono acquisire spazi finanziari a valere sul Patto 2013 devono restituire il seguente modulo compilato e sottoscritto entro il 15 ottobre esclusivamente mediante posta elettronica all’indirizzo mail pattodistabilita@regione.piemonte.it, scrivendo nell’ oggetto: “Patto regionale orizzontale 2013 – Comune/Provincia di ………………”
NB. I moduli sono forniti in formato word per la compilazione ma devono essere resitutiti in formato pdf o equivalente al fine della corretta sottoscrizione della richiesta da parte dell’Ente.

  • Patto regionale orizzontale

D.G.R. 28 Ottobre 2013, n. 8-6563 Applicazione del Patto regionale "orizzontale" per l'anno 2013, in attuazione dell'art. 1, commi 141 e 142 della legge 13 dicembre 2010, n. 220 e del D.M. 6 ottobre 2011. ( Bollettino Ufficiale n. 47 del 21 / 11 / 2013)

 

 

 


Per informazioni è possibile contattare i seguenti recapiti:


Ufficio Patto di Stabilità regionale
Direzione Risorse Finanziarie Patrimonio- Settore programmazione macroeconomica, Bilancio e Statistica
ViaViotti, 8 - 10121 Torino Tel.: 011/4321367 (N° di gruppo)