Comissione regionale per a realizzazione delle Pari Opportunità fra uomo e donna

Via Magenta, 12 - 10128 Torino
tel. 011.432.4877
e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
fax. 011.432.3151

La Commissione Regionale per la realizzazione delle Pari Opportunità tra uomo e donna della Regione Piemonte, istituita dalla Regione Piemonte con legge regionale 12 novembre 1986 n° 46 ha come finalità quella di rimuovere gli ostacoli che costituiscono discriminazione diretta e indiretta nei confronti delle donne e per l’effettiva attuazione dei principi di uguaglianza e di parità sanciti dalla Costituzione e dallo Statuto.

Organismo autonomo, indispensabile per l’attività Istituzionale della Regione Piemonte, è inquadrata nel vigente Statuto tra gli Istituti di garanzia.

Si raccorda con l’Assessorato Regionale alle Pari Opportunità e, per le tematiche affini, con la Consigliera di Parità Regionale e con l'Assessorato all'Istruzione, Lavoro, Formazione Professionale.

Opera a mezzo del Settore Promozione e Sviluppo dell'Imprenditorialità, della Cooperazione e delle Pari Opportunità per tutti  della Direzione Regionale Coesione Sociale.

Il Consiglio regionale, nella seduta del 26 febbraio u.s. ha designato 15 componenti: Maria Luisa Ida Dall’Armi, Suad Omar Sheikh Esahaq, Maria Peano, Giuliana Manica, Paola Berzano, Giovanna Guercio, Irene Angela Molina, Laura Onofri, Marcella Risso e Elena Chinaglia per la maggioranza; Carlotta Sartorio, Francesca Ricca, Patrizia Maria Alessi, Maria Grazia Sonego e Sonia Martino per la minoranza.

Altre/i tre componenti saranno designate/i dalle OO.SS.

La precedente CRPO opererà in regime di prorogatio fino ai relativi Decreti di nomina del Presidente della Giunta Regionale
 

IN EVIDENZA
 
alt

Just the woman I am

La Commissione ha aderito all'Evento a sostegno della ricerca universitaria sul cancro che si svolgerà domenica 8 marzo 2015 in Piazza San Carlo. L’iniziativa è organizzata dal sistema universitario torinese formato dall’Università degli Studi di Torino, dal Politecnico di Torino e dal CUS Torino. 





alt
Tutto sul progetto di ricerca "Consumo e comportamenti da dipendenza con e senza uso di sostanze nel genere femminile: progetto per un percorso conoscitivo nella Regione Piemonte"




  altTutto sul progetto "Più donne per i  CDA e nelle posizioni apicali"

 




alt
Tutto sul progetto "Valorizzazione delle imprese agricole e agroalimentari a titolarità femminile"



 
alt
Sono in distribuzione gratuita, presso la propria Segreteria, le pubblicazioni della Commissione.
Per richiederne una copia, scrivere alla casella di posta Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
 


      
                                                                           

Presidente: Carlotta SARTORIO
Vice Presidente: Maria Adriana VINDIGNI
Componenti della Commissione:
ALESSI Patrizia, BASSO Maria Teresa, BELLINO Alessandra, BOFFA Maria Grazia, CHINAGLIA Elena, CIANCIOTTA Maria Teresa, GUERCIO Giovanna, LOSMA Emiliana, MARTINO Sonia, ONOFRI Laura, ROSSO Claudia, SATTAMINO Patrizia, SEIDITA Laura, SONEGO Maria Grazia, TERZUOLO Bianca Marina.
Fanno parte, altresì, della Commissione Regionale Pari Opportunità, di diritto e a titolo consultivo:
la Consigliera Regionale di Parità, Alida VITALE (e la Consigliera Regionale di Parità supplente, Franca TURCO);
le Consigliere Regionali in carica: Silvana ACCOSSATO, Enrica BARICCO, Stefania BATZELLA, Valentina CAPUTO, Maria Carla CHIAPELLO, Nadia CONTICELLI, Francesca FREDIANI, Gianna GANCIA, Angela MOTTA, Claudia PORCHIETTO, Daniela RUFFINO 
le Assessore Regionali in carica: Monica CERUTTI, Giuseppina DE SANTIS, Antonella PARIGI, Giovanna PENTENERO


  • svolge e promuove indagini conoscitive sistematiche sulla situazione attuale della donna e ricerche sui problemi relativi alla condizione femminile nella Regione;
  • formula pareri e suggerimenti sulle iniziative legislative e normative in genere inerenti la condizione delle donne;
  • studia ed elabora le opportune ed eventuali modifiche alla disciplina legislativa regionale al fine di conformarla all'obiettivo della uguaglianza sostanziale fra i sessi, in particolare in materia di formazione, nonché di lavoro, sanità, assistenza, servizi sociali;
  • valuta lo stato di attuazione, nella Regione, delle leggi statali e regionali nei riguardi della condizione femminile e formula eventuali proposte;
  • riferisce sull'applicazione, da parte di soggetti pubblici e privati che vi sono tenuti, delle leggi relative alla parità fra uomo e donna, con particolare riferimento alla parità in materia di lavoro, nonché sulle condizioni di impiego delle donne;
  • promuove progetti ed interventi intesi ad espandere l'accesso delle donne al lavoro e ad incrementare le opportunità di formazione e progressione professionale delle donne stesse, in ottemperanza alla normativa nazionale in materia di parità;
  • promuove occasioni di confronto culturale sulla condizione femminile e sull'immagine della donna, contribuendo alla elaborazione di comportamenti conformi agli obbiettivi della parità e delle pari opportunità, individuando le manifestazioni, anche indirette, di discriminazione;
  • promuove iniziative che consentano alla donna di rendere compatibile l'esperienza di vita familiare con l'impegno pubblico, sociale, professionale;
  • favorisce l'informazione e la conoscenza relativa alle iniziative riguardanti la condizione femminile promossa dalla Regione, dagli Enti locali, da soggetti pubblici e privati, dal Parlamento nazionale e dal Parlamento europeo;
  • promuove iniziative affinché vengano superati i casi di discriminazione o violazioni di leggi di parità o comunque attinenti alla condizione della donna;
  • promuove iniziative per favorire lo sviluppo dell'imprenditorialità femminile, individuale e collettiva;
  • favorisce l'attuazione di azioni positive, anche con carattere di sperimentazione, definite con specifici programmi di intervento da organismi ed Enti pubblici e privati.
 




        Anni precedenti: