Io scelgo

Guida all'orientamento scolastico per gli allievi della scuola secondaria di primo grado



Formazione professionale

  • Stampa
  • E-mail

In questa sezione della guida dedicata alla Formazione Professionale è possibile trovare la descrizione di tutti i percorsi triennali di Istruzione e Formazione Professionale e l'elenco delle Agenzie di Formazione Professionale piemontesi che attivano tali percorsi nell'anno 2017-18.

 

NOVITA'

SPERIMENTAZIONE REGIONALE DEL SISTEMA DUALE: clicca qui per maggiori informazioni


I percorsi triennali di Istruzione e Formazione Professionale Regionale rappresentano un'opportunità per l'assolvimento dell'Obbligo di Istruzione (L. 296 del 27/12/2006, art.1 comma 622) e il conseguimento di una qualifica professionale triennale per l'assolvimento del Diritto Dovere, con validità su tutto il territorio nazionale (Accordo Stato Regioni del 15/01/2009).
A partire dall'anno formativo 2011-12 tali percorsi sono organizzati in base alle 21 nuove figure professionali di durata triennale e gli standard formativi minimi delle competenze tecnico-professionali. (Accordo Stato Regioni del 29/04/2010). L’accordo Stato-Regioni del 19/01/2012 ha portato a 22 il numero delle figure professionali. Tali percorsi formativi possono essere attivati anche dagli Istituti Professionali.


Nel paragrafo "L’offerta di Formazione Professionale rivolta ai giovani minorenni in Regione Piemonte" è possibile trovare una breve descrizione di tutta l'offerta formativa piemontese rivolta ai minori per l'approfondimento della quale è possibile rivolgersi ai servizi di orientamento provinciali.



L'iscrizione ai percorsi di Formazione Professionale per l'anno scolastico 2018-19 dovra' essere effettuata esclusivamente attraverso il portale Iscrizioni online, solitamente tra gennaio e febbraio. La data precisa viene stabilita ogni anno nel mese di dicembre dal Ministero dell'Istruzione .
Oltre all'Agenzia formativa scelta, è possibile indicare altre due scelte alternative, utili nel caso non fosse possibile garantire all'alunno la frequenza al percorso prescelto.
Nel caso in cui l'Agenzia Formativa scelta non possa accogliere l'iscrizione, provvederà immediatamente ad inoltrare la domanda di iscrizione presso le Scuole o l'Agenzia indicate come scelte alternative. Nella scelta di frequentare un corso di Formazione Professionale è bene considerare che non esiste nessun automatismo fra la partecipazione all'attività formativa e l'inserimento nel mondo del lavoro. E' inoltre importante essere esigenti nel richiedere ogni informazione prima di iscriversi, in particolare in merito alla qualifica che si ottiene al termine del corso; alle possibili prospettive di inserimento lavorativo; al programma e all'organizzazione del percorso formativo (sede di svolgimento, argomenti, metodologie didattiche, laboratori, stage, calendario, ecc.);



La Legge Regionale 63 del 13/04/1995 (Disciplina delle attività di formazione e orientamento professionale) definisce le seguenti finalità della Formazione Professionale piemontese: 
  • sviluppare le culture professionali necessarie per la qualificazione della realtà economica e produttiva regionale
  • rendere effettivo il diritto al lavoro, rimuovendo gli ostacoli e le cause di natura personale o sociale che impediscono la parità di opportunità nell'accesso al mercato del lavoro e la piena partecipazione alla vita economica e sociale
  • concorrere a realizzare la piena occupazione e a superare gli squilibri territoriali e sociali.

In sintesi, la formazione professionale ha l'obiettivo di favorire lo sviluppo di competenze professionali, trasversali e di base necessarie a sostenere l'occupabilità e l'inclusione sociale dei cittadini e la competitività del sistema produttivo locale.


Le peculiarità storiche della Formazione Professionale regionale sono riassumibili nei seguenti elementi organizzativo-metodologici:

  • presenza di un legame forte di reciprocità con il sistema produttivo locale
  • riferimento al criterio metodologico del successo formativo
  • utilizzo di metodologie didattiche finalizzate a favorire il massimo coinvolgimento e motivazione da parte dei destinatari della formazione: didattica attiva interdisciplinare e per progetti, metodo induttivo e apprendimento esperienziale, ecc.
  • forte valorizzazione educativo-formativa della dimensione tecnico-operativa mediante il ricorso alle esercitazioni pratiche e l'utilizzo delle nuove tecnologie, sia nei laboratori presenti all'interno dei Centri, sia direttamente nelle aziende, attraverso lo strumento dello stage
  • l'attenzione alle dimensioni educative ed orientative dell'esperienza formativa, anche in ottica di recupero di esperienze di svantaggio socio-occupazionale e di insuccesso scolastico.



L’offerta di Formazione Professionale rivolta ai giovani minorenni in Regione Piemonte

Oltre ai percorsi di Formazione Professionale stardardizzati a livello regionale rivolti ai giovani in uscita dalla Scuola Secondaria di Primo Grado, la Regione Piemonte prevede un'offerta formativa più ampia finalizzata a favorire il successo formativo di tutti i giovani.
Riportiamo di seguito tutte le tipologie di percorsi che rappresentano l'offerta formativa regionale per i minori.
 

Percorsi rivolti ai giovani in uscita dalla Scuola Secondaria di I grado

Triennali

Percorsi di qualifica triennali
Sono rivolti prioritariamente a giovani 14enni che hanno terminato la Scuola Secondaria di Primo Grado (Scuola Media). Tali percorsi consentono l’assolvimento dell’obbligo di istruzione e del diritto-dovere all’istruzione e alla formazione.
È prevista una durata di 2.970 ore, con uno stage formativo di 300 ore al terzo anno.

Bienni integrati


Percorsi biennali integrati con l’Istruzione tecnica e l’Istruzione liceale artistica e delle scienze umane

Sono percorsi biennali della durata massima di 400 ore realizzati in collaborazione con le Scuole Superiori.
Lo studente nei primi due anni di corso partecipa alle attività didattiche proposte dall’Agenzia Formativa e da una Scuola Superiore.
Al termine del secondo anno ha la possibilità di scegliere di frequentare il terzo anno a tempo pieno:
  • nella Formazione Professionale per l’acquisizione della Qualifica Professionale
  • presso una Scuola Superiore per il conseguimento del Diploma


Percorsi rivolti ai giovani che intendono cambiare percorso scolastico o rientrare in formazione

Percorsi di qualifica con crediti in ingresso


Percorsi di qualifica con credito in ingresso - Biennali
Sono rivolti di norma a giovani che abbiano frequentato almeno un anno di scuola superiore o a giovani in possesso di crediti formativi acquisiti in esperienze diverse (lavoro, percorso destrutturato, ecc..) o maturati attraverso i LaRSA.
Hanno una durata di 1050 ore il primo anno e 1200 ore il secondo, con uno stage formativo di 320 ore; consentono l’assolvimento dell’obbligo di istruzione e del diritto-dovere all’istruzione e alla formazione, e rilasciano una qualifica triennale con dichiarazione relativa alla riduzione oraria di percorso dovuta ai crediti in ingresso.

Percorsi di qualifica con credito in ingresso - Annuali
Sono riservati a coloro che hanno assolto all’obbligo di istruzione nella Scuola Secondaria di Secondo grado, ma che dopo i primi due anni nella Scuola Superiore, per diversi motivi, sono stati orientati in un percorso di formazine professionale.
L’articolazione di questi percorsi prevede una durata di 1200 ore con uno stage formativo di 240 - 260 ore. Rilasciano una Qualifica triennale con dichiarazione relativa alla riduzione oraria di percorso dovuta ai crediti in ingresso

Progetti annuali flessibili


Corsi di Accompagnamento alla scelta professionale
Sono percorsi formativi annuali di Introduzione ai processi produttivi della durata massima di 1.000 ore.
Prevedono il conseguimento dell’attestato di frequenza con profitto e hanno come finalità principale il reingresso dei giovani nella formazione professionale o nell’apprendistato. In caso di allievi senza la licenza di Scuola Secondaria di Primo grado, dovranno essere previste attività integrate con un Centro provinciale per l’Istruzione degli adulti per il recupero del titolo di studio.

LaRSA


LaRSA
Si tratta di interventi prevalentemente di gruppo della durata massima di 200 ore per il recupero e lo sviluppo degli apprendimenti svolti in integrazione con gli Istituti Secondari Superiori al fine di favorire la mobilità verticale e/o orizzontale tra percorsi di istruzione e istruzione e formazione professionale.

Sostegni individuali o di gruppo


Sono interventi della durata massima di 200 ore finalizzati al recupero e allo sviluppo degli apprendimenti e a favorire nuovi ingressi in percorsi formativi già avviati al fine di recuperare gli abbandoni e la dispersione scolastica.

Laboratori scuola formazione


Laboratori scuola-formazione
Si tratta di laboratori di recupero e miglioramento degli apprendimenti di base destinati ai giovani pluriripetenti della Scuola Secondaria di Primo grado. Vengono realizzati parallelamente ai percorsi formativi per favorire la permanenza nei percorsi di istruzione e formazione professionale e il successo formativo.

{/tabs

Percorsi sperimentali per giovani in possesso di una qualifica professionale

Percorsi sperimentali finalizzati al Diploma professionale


Percorsi sperimentali finalizzati al Diploma professionale
Sono percorsi da intendersi come il naturale proseguimento al IV anno dei percorsi triennali. A questi corsi possono partecipare anche i giovani qualificati degli Istituti professionali di stato, purché in possesso di una qualifica coerente con i requisiti di ingresso.
Hanno una durata di 1050 ore, compreso il periodo di stage, e rilasciano un Diploma professionale di Tecnico.
Per approfondimenti clicca qui



Per avere informazioni sui corsi di Formazione Professionale puoi rivolgerti direttamente ai servizi informativi e/o orientativi presenti sul territorio, alle segreterie delle agenzie formative o utilizzare i servizi presenti in internet, tra i quali segnaliamo:
http://www.sistemapiemonte.it/formazione_professionale/catal/
Per alcuni riferimenti utili invitiamo i lettori a consultare la sezione relativa all'Indirizzario.


Aggiornato il 2 ottobre 2017