Regione Piemonte - Rischio Sismico

In questa pagina:




Verifiche sismiche su edifici e opere infrastrutturali strategiche e rilevanti

L’Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3274 del 20 marzo 2003 recante “Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica” all’art. 2 comma 3 prevede che le opere strategiche per finalità di protezione civile e quelle suscettibili di conseguenze rilevanti in caso di collasso siano sottoposte a verifica a cura dei rispettivi proprietari.

Il termine originario stabilito per la conclusione delle verifiche era di 5 anni, quindi al 2008, ma poi per diverse ragioni, tra cui l’entrata in vigore delle norme tecniche per le costruzioni emanate con D.M. 14/09/2005 ed aggiornate con D.M. Infrastrutture 14/01/2008 “Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni”, oltre che per le obiettive difficoltà dell’operazione, la scadenza è stata prorogata al 31/12/2010 (art. 20 L. n. 31/2008), al 31 marzo 2011 (art. 1 del Decreto legge n. 225 del 29/12/2010) quindi al 31/12/2011 (Legge 26 febbraio 2011, n. 10 e Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 25 marzo 2011) al 31/12/2012 (Conversione in legge del Decreto del 29 dicembre 2011, n. 216 pubblicato sulla G.U. n. 302 del 29/12/2011e G.U. n. 48 del 27/02/2012). La scadenza è stata ulteriormente rinviata al 31/03/2013 con l'art. 1 comma 421 della Legge 24 dicembre 2012 n. 228 pubblicata sulal G.U. n. 302 del 29 dicembre 2012.

L’individuazione, per parte statale, delle categorie di opere strategiche e rilevanti è stata effettuata con Decreto n. 3685 del Capo del Dipartimento della Protezione Civile del 21 ottobre 2003; per il territorio piemontese la Regione ha provveduto con D.G.R. n. 64-11402 del 23/12/2003 e con D.G.R. 4-3084 del 12/12/2011.

La verifica è obbligatoria, mentre non lo è l’intervento, salvo nel caso in cui il proprietario o il gestore disponga di risorse ordinarie sufficienti per la sua esecuzione, così come esplicitato al comma 6 del medesimo art. 2 dell’O.P.C.M. 3274/03 (si veda a tal proposito quanto meglio illustrato al richiamo relativo alla Circolare sullo stato delle verifiche sismiche DPC/SISM/0031471 del 21/04/2010.

La Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento di Protezione Civile con nota protocollo DPC/SISM/0083283 del 4/11/2010 ha fornito chiarimenti in merito alla gestione delle verifiche condotte.