Sanità e formazione clinica, didattica, ricerca e residenzialità d’ambito: sono i quattro poli funzionali individuati dallo Studio di fattibilità economica per la realizzazione del Parco della Salute, della Ricerca e dell’Innovazione di Torino (PSRI).
Lo Studio di fattibilità è stato approvato con D.G.R. n. 1-2611 del 21 dicembre 2015
Il Parco sorgerà nell’area ex Avio-Oval a Torino, una zona già oggetto di un’ampia riqualificazione urbanistica e funzionale. Dal punto di vista sanitario, il PSRI ospiterà le attività e le strutture ad alta complessità attualmente presenti nei quattro presidi ospedalieri dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Città della Salute e della Scienza di Torino, ovvero il San Giovanni Battista (Molinette), il Sant’Anna, il Regina Margherita e il CTO. Per quanto riguarda la ricerca e la didattica, invece, vi saranno trasferite tutte le attività relative alla Scuola di Medicina dell’Università degli Studi di Torino.
Lo Studio di fattibilità aggiornato ed integrato è stato approvato con D.G.R. n. 28-4150 del 2 novembre 2016
I poli funzionali individuati dallo Studio di fattibilità sono così ripartiti:

  • Polo della Sanità e della Formazione clinica, con una superficie di 127.000 mq e una capienza complessiva di 1.040 posti letto;
  • Polo della Ricerca con una superficie di 10.000 mq a disposizione di un migliaio di utenti tra docenti, assistenti, dottorandi, ricercatori e personale tecnico;
  • Polo della Didattica con una superficie di 31.000 mq e un’utenza complessiva di circa 5000 studenti, ripartiti tra i diversi corsi di Laurea e i corsi di formazione per l’assistenza ospedaliera;
  • Polo della Residenzialità d'ambito con una superficie di circa 8.000 mq per servizi di foresteria (220 posti letto) dedicati agli ospiti che svolgono attività presso gli altri poli.

Studio di fattibilità (aggiornato al 2 novembre 2016)