Regione Piemonte - Lavoro

In questa pagina:



BANDO PER L’ACQUISIZIONE DI AZIENDE IN CRISI: INCENTIVI PER INVESTIMENTI E ASSUNZIONE DEL PERSONALE

guidaE’ pubblicato sul Supplemento ordinario n.1 del Bollettino Ufficiale n. 4 del 28 gennaio 2016 il bando regionale, rivolto alle Pmi e alle Grandi Imprese anche estere, che prevede interventi integrati per l’acquisizione di aziende in crisi, di impianti produttivi chiusi o a rischio chiusura, localizzati in Piemonte.

Leggi tutto

La misura, con una dotazione finanziaria complessiva di 4,5 milioni di euro, sostiene concretamente le realtà imprenditoriali interessate a subentrare nella proprietà con un nuovo progetto di investimento, salvaguardando le strutture produttive e le risorse umane delle aziende in crisi. Sono infatti previsti incentivi sia per la realizzazione di investimenti, sia per l’acquisizione del personale o per nuove assunzioni. Per essere ammesso, l’investimento non deve essere inferiore a 1,5 milioni di euro e deve consentire di mantenere, o raggiungere, la soglia minima del 40% del livello occupazionale presente nell’azienda oggetto di acquisizione. Le domande possono essere presentate a partire dalle ore 9.00 dell’1 febbraio 2016. Per informazioni e per la modulistica www.finpiemonte.it

TIROCINI, AVVISO PUBBLICO DI ITALIA LAVORO PER LE “BOTTEGHE DI MESTIERE”

guidaScade il prossimo 8 marzo 2016 l’avviso pubblico di Italia Lavoro “Botteghe di mestiere e dell’Innovazione” per l’attivazione, a livello nazionale, di 934 percorsi di tirocinio semestrali. Per la Regione Piemonte possono presentare domanda i soggetti individuati dalla DGR 74-5911 del 3 giugno 2013.

Leggi tutto

Il bando è disponibile sul sito di Italia Lavoro alla pagina www.italialavoro.it. Per ulteriori informazioni sui tirocini in Piemonte consultare la pagina : http://www.regione.piemonte.it/lavoro/politiche/tirocini.htm

CASSA INTEGRAZIONE, -35% NEL 2015

guidaSegnali di miglioramento sul mercato del lavoro in Piemonte: nel 2015 si è ridotto il ricorso alla CIG (-35% circa rispetto al 2014, pari a 37,5 milioni di ore in meno) ed è rallentato il flusso di iscrizioni nella lista di mobilità (-8,3%).

Leggi tutto
guida

La tabella sul rapporto tra milioni di ore di ore autorizzate in Piemonte a partire dal 2008 fotografa bene la situazione ad oggi. Il quadro statistico completo è disponibile nella Sezione dell’Osservatorio Regionale

CANDIDATURE GARANZIA GIOVANI DISABILI, APRE IL PRIMO SPORTELLO

guidaDal 12 fino al 26 gennaio 2015, i Soggetti attuatori interessati alle candidature di Garanzia Giovani disabili possono presentare domanda di candidatura, secondo le modalità previste dal Bando regionale di attuazione del progetto straordinario "Garanzia Giovani Disabili - GGD" 2015-2017
Per saperne di più

CIG E MOBILITÀ IN DEROGA, INDICAZIONI OPERATIVE SULLA GESTIONE 2016

guidaIl 29 dicembre 2015 la Regione Piemonte e le parti sociali piemontesi hanno sottoscritto l’Accordo Quadro relativo alle linee generali di gestione degli ammortizzatori sociali in deroga per l’anno 2016, a seguito dell’approvazione della Legge di Stabilità 2016.

Leggi tutto

Le prime indicazioni operative per la gestione 2016 sono disponibili alle seguenti pagine:

START UP INNOVATIVE, APPROVATO IL PIANO REGIONALE PER TRASFORMARE LE IDEE IN PROGETTI CONCRETI

guida Un nuovo piano regionale di promozione e di servizi a sostegno di progetti innovativi è stato approvato dalla Regione Piemonte, con un finanziamento di 8,5 milioni di euro sul Fondo Sociale Europeo 2014-2020.
Le misure saranno gestite da Finpiemonte, che agirà in partenariato con gli incubatori universitari pubblici.

Leggi tutto

Il piano prevede servizi per definire un percorso completo di sostegno, dallo stimolo dell’attitudine della capacità imprenditoriale all’accompagnamento, volto a trasformare un’idea innovativa in un progetto imprenditoriale concreto, fino al sostegno alla nascita dell’impresa e alle sue prime fasi di attività. L'obiettivo è creare start up nei settori ad alta intensità di ricerca e connotati da un elevato contenuto tecnologico, nel settore digitale, nel settore turistico culturale, nel settore di innovazione sociale. I soggetti target individuati sono ricercatori di provenienza accademica, giovani tra i 18 ed i 40 anni e disoccupati che propongono un progetto innovativo; gli incubatori si aprono quindi ad accogliere anche progetti innovativi proposti da soggetti che non provengono dagli atenei.
Scarica il documento

LAVORI SOCIALMENTE UTILI, AVVISO IMPORTANTE

guidaDal 1° dicembre 2015 enti e amministrazioni pubbliche possono adottare nuovi progetti reclutando personale collocato in mobilità, tornando sostanzialmente alla situazione precedente l’entrata in vigore del Decreto Legislativo n. 150 del 14 settembre 2015.
Lo ha reso noto la Regione Piemonte, d’intesa con le parti sociali, in un comunicato emanato lo scorso 17 dicembre 2015, a seguito di una modifica al testo del comma 12 dell’art.26 del DLgs 150/2015, introdotta nel Decreto Legge 154/2015 con la Legge di conversione (n. 189 del 29 novembre 2015, articolo 1-bis, vigente dal 1° dicembre).
Per saperne di più

FINANZIATI I “CANTIERI DI LAVORO”

guida Persone disoccupate che lavoreranno ad un progetto realizzato da enti pubblici per la sistemazione di aree verdi e per piccole manutenzioni di opere pubbliche, a beneficio di tutti i cittadini. È questo l'obiettivo dei cosiddetti "Cantieri di Lavoro", uno strumento flessibile che raggiunge le persone in difficoltà e fornisce un'opportunità di lavoro concreta, seppur limitata nel tempo.

Leggi tutto

L’Assessorato regionale all'Istruzione Formazione Lavoro ha finanziato con tre milioni di euro, che saranno distribuiti a livello provinciale, l'avvio di nuovi cantieri di lavoro a favore di persone inoccupate, o disoccupate in cerca di occupazione.
Nell'esercizio 2014, si contano su tutto il territorio regionale oltre 100 progetti avviati e circa 850 disoccupati coinvolti.
I criteri stabiliti dalla Giunta regionale per la definizione dell'elenco dei disoccupati che possono aderire all’iniziativa sono tre: residenza, maggiore età, valore Isee. Il progetto di cantiere può essere integrato con azioni aggiuntive di formazione professionale, spendibili successivamente sul mercato del lavoro. In particolare, i settori individuati per la realizzazione degli interventi sono quello forestale, vivaistico, di rimboschimento, di animazione montana e di piccola manutenzione di opere pubbliche. La deliberazione "Impiego temporaneo e straordinario di lavoratori disoccupati in cantieri di lavoro promossi dagli Enti" è pubblicata sul bollettino ufficiale n. 50 del 17 dicembre 2015.
Scarica il documento

CRESCE L'OCCUPAZIONE IN PIEMONTE

guida Secondo gli ultimi dati Istat relativi al III trimestre 2015, il Piemonte segna un progressivo miglioramento della situazione sul mercato del lavoro. Confrontando i dati del 2014, cresce il livello di occupazione (più 1,3%), a fronte di un calo del 5% della disoccupazione soprattutto tra i giovani. Un segnale incoraggiante, nonostante il tasso di disoccupazione si attesti ancora intorno al 10,5%, che conferma come la strada intrapresa dal Piemonte per uscire dalla crisi sia quella giusta.

Leggi tutto

Tra luglio e settembre 2015, l'indagine Istat sulle forze di lavoro registra in Piemonte, rispetto al medesimo trimestre 2014, 18.000 occupati in più, grazie soprattutto alla spinta impressa dall'industria manifatturiera, e 14.000 disoccupati in meno, concentrati tra le persone senza esperienze di lavoro, ad evidenziare l'incisività delle azioni di politica attiva rivolte ai giovani che la Regione sta mettendo in atto; inoltre crescono le procedure di assunzione e segna una forte flessione il ricorso alla Cassa integrazione.
Per sapere di più
Il Mercato del Lavoro in Piemonte: sintesi dei dati luglio–settembre 2015

MOBILITÀ IN DEROGA 2015, SCENDE A 50 ANNI IL LIMITE MINIMO DI ETÀ

guida La Regione Piemonte e le parti sociali piemontesi hanno concordato una modifica ai requisiti per concedere nuove indennità di mobilità in deroga nell'anno 2015, abbassando la soglia minima di età da 57 a 50 anni. L'intervento è stato deciso per ampliare il numero di beneficiari e per utilizzare al meglio le risorse disponibili, a fronte di un numero inferiore di domande pervenute rispetto alle previsioni.
Per saperne di più