Regione Piemonte

In questa pagina:



Programmazione rete scolastica statale

Per dimensionamento delle Istituzioni scolastiche si intende quel procedimento attraverso il quale la Regione opera ogni anno la razionalizzazione e programmazione della propria rete scolastica. Tramite il piano di dimensionamento scolastico la Regione compie operazioni di aggregazione, soppressione e trasformazione delle istituzioni scolastiche al fine di organizzare l’erogazione del sevizio scolastico tenendo conto delle caratteristiche del territorio, della consistenza dell’utenza scolastica, dell’andamento demografico e della consistenza del patrimonio scolastico. La programmazione riguarda anche l’arricchimento dell’offerta formativa attraverso l’attivazione di nuovi indirizzi di studio presso le istituzioni del II ciclo, anche al fine di  consentire l’integrazione con l’offerta dell’istruzione e formazione professionale. Il piano regionale di dimensionamento delle Istituzioni scolastiche ed il piano dell’offerta formativa sono il risultato di un iter piuttosto complesso che coinvolge anche gli enti locali:

  • La Regione Piemonte  predispone un atto di indirizzo, che detta linee guida e criteri sulla programmazione della rete scolastica, destinato alle Province ed alla Città Metropolitana.
  • Le Province e la Città Metropolitana attivano incontri con gli enti locali, le istituzioni scolastiche e gli altri soggetti che intendono coinvolgere sulla base dell’atto di indirizzo regionale
  • Le Province e la Città metropolitana approvano i propri  piani nel quale confluiscono sia le proposte relative alle istituzioni scolastiche del II ciclo (di loro diretta competenza) sia le proposte relative alle istituzioni scolastiche del I ciclo (di cmpetenza dei Comuni).
  • Le Proposte delle Province e della Città Metropolitana vengono esaminate a livello regionale e ricondotte unitariamente nell’ambito del Piano regionale di revisione e dimensionamento scolastico e  del Piano regionale di programmazione dell’offerta formativa