Sito ufficiale della Regione Piemonte - Innovazione, Ricerca, Universita' - Sito ufficiale della Regione Piemonte - Innovazione, Ricerca, Universita'


Home arrow Ricerca arrow Attività e progetti arrow Evoluzione della struttura produttiva arrow Piattaforma mobilità intelligente

Piattaforma mobilità intelligente

La Regione Piemonte ha individuato la Piattaforma Mobilità Intelligente, o Infomobilità, per riunire e mettere a sistema tutti i diversi attori che siano, o possano risultare in futuro, specificatamente interessati nella diffusione di tecnologie e sistemi in ambito di infomobilità, nell’ottica di promuovere e sviluppare il valore del territorio.
L’obiettivo della piattaforma è facilitare la connessione e ricercare le sinergie sui diversi progetti e tra gli attori che contribuiscono alle attività di sviluppo del settore infomobilità, interpretando e avvicinando le iniziative alle esigenze del settore automotive, ICT e tecnologie satellitari.
Gli ambiti rispetto a cui verranno perseguiti gli obiettivi di piattaforma saranno:

  1. Gestione del traffico, finalizzata a permettere un utilizzo efficiente della risorsa viaria, un controllo adeguato della domanda di mobilità, una disponibilità di servizi complementari di supporto, quali pagamento automatico e prenotazione parcheggi, gestione congiunta in ambito urbano ed extraurbano;
  2. Servizi di informazione per l’utente di mobilità riguardanti i mezzi (multimodalità) di trasporto e i percorsi a monte del trasporto, le situazioni relative alle congestioni e al superamento delle conseguenze durante lo spostamento e alla disponibilità di servizi complementari per i fornitori dei servizi, l’integrazione di dati di traffico con dati sul tempo e situazione delle strade;
  3. Sistemi per la safety (sicurezza delle persone) quali gli strumenti informativi da parte degli Enti Gestori, i sistemi anticollisione per veicoli e i sistemi di assistenza alla guida;
  4. Sistemi per la security (sicurezza degli oggetti e dei sistemi) quali i sistemi di telediagnosi dei veicoli, i sistemi di antifurto satellitare, i sistemi per la sicurezza informatica;
  5. Sistemi di gestione delle emergenze, finalizzati a migliorare la tempestività e la qualità del servizio di emergenza attraverso l’utilizzo di sistemi di localizzazione del richiedente il soccorso o della squadra di soccorso;
  6. Servizi di fleet e freight management, a supporto di una gestione efficiente delle missioni di trasporto per flotte di mezzi che movimentano persone o merci in ambito metropolitano.
    Le tecnologie, in particolare quelle ICT, costituiscono un elemento abilitante per le politiche di piattaforma.

Il perseguimento dell’eccellenza e dell’innovazione dovrà contraddistinguere l’evoluzione da soluzioni standard, basate sul concetto di automazione, a soluzioni evolute, basate sul concetto di integrazione, fino a giungere a soluzioni di avanguardia, basate sul concetto di convergenza.
Gli attori della piattaforma infomobilità piemontese possono essere ricondotti a macro categorie:

  • Autorità pubbliche, gestori autostrade, gestori del trasporto pubblico, gestori del trasporto merci, polizia, interessati a risolvere o diminuire determinati problemi (ad es. i problemi di congestione);
  • Strutture di ricerca, integratori di sistemi, costruttori di veicoli, di componentistica, terminali e sensori, gestori di TLC, gestori di servizi e applicazioni, interessati a costruire e testare le soluzioni;
  • Utenti che beneficiano direttamente delle soluzioni (guidatori/navigatori/trasportatori e relative strutture associative), e utenti che controllano i sistemi e forniscono gli input (gestori del controllo del traffico, i gestori dei servizi di emergenza, etc.) interessati a fruire e beneficiare dei servizi;
  • Autorità che emettono le regole su come specificare, sviluppare e realizzare i sistemi e i servizi, locali (specifiche regolamentazioni e indirizzi di soluzioni) e nazionali (regole generali e architettura).

La piattaforma infomobilità dovrà perseguire gli obiettivi degli attori del territorio e più in generale del sistema Piemonte, attraverso la guida, l’ottimizzazione, l’efficientamento, l’integrazione e la sinergia delle iniziative, a beneficio della collettività e del tessuto imprenditoriale.