CENTRO REGIONALE DI COMPETENZA PER L'E GOVERNMENT - Sito ufficiale della Regione Piemonte - Innovazione, Ricerca, Universita'


Home arrow Innovazione arrow ICT - Information Communication Technology arrow I centri regionali di controllo

CENTRO REGIONALE DI COMPETENZA PER L'E GOVERNMENT

Sesto Rapporto sull'Innovazione nella Regione Piemonte e della Presenza On-line delle PA Piemontesi.

Obiettivi

Il progetto "Centri Regionali di Competenza per l'e-government e la Società dell'informazione" (CRC) è un'iniziativa nazionale nata con l'obiettivo di istituire una rete di organismi che possa costituire un punto di riferimento sul territorio per gli Enti Locali in materia di e-government e Società dell'Informazione, sia per diffondere la conoscenza su tali temi, sia per raccogliere le esigenze avvertite localmente.
Il Centro Regionale di Competenza del Piemonte si caratterizza come supporto dedicato al sistema delle Pubbliche Amministrazioni
locali, per aiutare gli Enti ad affrontare questioni quali:

  • la necessità di promuovere una strategia integrata e coordinata a livello nazionale;
  • il rafforzamento del ruolo delle Regioni nell'elaborazione delle politiche di sviluppo territoriale e l'esigenza di favorire la cooperazione tra Regioni.

Destinatari

Tutti gli Enti Locali.

Caratteristiche del progetto

Il Centro Regionale di Competenza del Piemonte viene costituito il 26 marzo 2003, con la firma della Convenzione tra il Ministro per l'Innovazione e le Tecnologie e la Regione Piemonte.
Ad oggi, il CRC Piemonte è costituito da dieci persone, provenienti da Regione Piemonte, CSI-Piemonte, CSP e CNIPA.
Il CRC Piemonte individua cinque macro aree di intervento:

  1. assistenza a politiche e progetti di innovazione derivanti da iniziative locali, regionali e nazionali. Tale attività si concretizza anche nel supporto al monitoraggio dei progetti co-finanziati;
  2. progettazione e realizzazione di interventi formativi e di seminari per le amministrazioni locali e altri soggetti del territorio. Tale linea di intervento si pone come obiettivo di rispondere al fabbisogno formativo rilevato. I momenti formativi intendono accrescere le competenze dei soggetti coinvolti nei processi di innovazione, nonché fornire un quadro di attuazione sulle politiche di e-government;
  3. diffusione di informazioni sui processi di innovazione e sull'attività stessa del CRC tramite la pianificazione di attività di comunicazione, rivolte sia a un pubblico locale sia nazionale.
  4. sviluppo di un Osservatorio sull'e-government e sulla Società dell'Informazione nel territorio regionale, con un coordinamento nazionale che consente, quando necessario, il confronto e l'aggregazione dei dati. Nell'ambito dell'Osservatorio viene redatto annualmente il "Rapporto sull'Innovazione nella Regione Piemonte", un quadro di sintesi dello stato della Società dell'Informazione a livello locale che confluisce inoltre in un rapporto nazionale di più ampio respiro.
  5. presidio tematico: attività di studio e di diffusione di informazione rispetto a temi attinenti l'innovazione, di particolare interesse in quanto di attualità nell'agenda nazionale o di corollario alle iniziative progettuali condotte (es. Open source, accessibilità, iniziative di finanziamento basate sui fondi europei). In particolare, il CRC Piemonte si è fatto promotore dello sviluppo tematico in materia di accessibilità. Oltre alla redazione di una pubblicazione introduttiva sul tema dei requisiti necessari alla "progettazione universale", sono state svolte altre attività quali: seminari informativi e formativi, realizzazione di una sezione dedicata del sito www.crcitalia.it e produzione di ulteriori contributi utili a diffondere una cultura dell'accessibilità, conformemente a quanto disposto dal dettato normativo.

Vantaggi

L'operare del CRC sul territorio consente:

  • lo sviluppo della cooperazione tra il CNIPA e i sistemi regionali, mettendo in rete i CRC in un network nazionale;
  • il coordinamento - grazie ad una presenza attiva sul territorio e al rapporto diretto con le strutture nazionali - di risorse aggiuntive, conoscenze, attori pubblici e privati, nazionali e locali, su obiettivi comuni per l'innovazione del Paese;
  • un'azione di forte supporto agli Enti Locali e di rafforzamento delle competenze nella definizione e attuazione di programmi e progetti per l'e-government e la società dell'informazione, in coerenza con gli obiettivi fissati dalle Linee Guida del Governo e in ottica di riduzione del divario tecnologico;
  • l'accrescimento dell'attenzione dei decisori delle PA rispetto alla natura e importanza dei problemi da affrontare e al ruolo propulsivo da assumere per facilitare il cambiamento e ‘fare sistema';
  • la garanzia di un'informazione tempestiva ed efficace sullo stato di attuazione e i risultati delle politiche regionali e nazionali per la società dell'informazione;
  • la definizione e la diffusione di modelli, approcci e strumenti condivisi e integrati sugli aspetti critici della realizzazione dei processi di innovazione;
  • lo sviluppo della cooperazione e del coordinamento tra i livelli di governo nei sistemi regionali e la facilitazione di scambi e azioni comuni su scala interregionale.

Assistenza

Maggiori informazioni e documentazione di approfondimento sono disponibili sul sito Internet
www.ruparpiemonte.it/portal/public/rupar/crc/mission

 

CRC Piemonte
c/o Regione Piemonte
C.so Regina Margherita, 174 Torino
Tel. 011 4324020 - 011 4324009
crcpiemonte@regione.piemonte.it