Regione Piemonte - Sito Ufficiale

Attività produttive

Sommario:



Polizia mineraria

Le norme di polizia delle miniere e delle cave di cui al Decreto del Presidente della Repubblica del 9 aprile 1959, n. 128 “Norme di Polizia delle Miniere e delle Cave” e successivamente al Decreto Legislativo del 25 novembre 1996, n. 624 “Attuazione delle direttive 92/91/CEE e 92/104/CEE riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori nelle industrie estrattive” provvedono a tutelare la sicurezza e la salute dei lavoratori, ad assicurare il regolare svolgimento delle lavorazioni nel rispetto della sicurezza dei terzi e delle attività di preminente interesse generale ed a garantire il buon governo dei giacimenti.
Il Settore regionale è, dunque, Organo di Vigilanza per il comparto estrattivo regionale; pertanto al personale con compiti ispettivi è attribuita la qualifica di Ufficiale di Polizia Giudiziaria ai sensi del D.P.R. 128/59.

Di cosa si occupa

Le norme di Polizia mineraria si applicano a:

  • ai lavori di prospezione, ricerca e coltivazione delle sostanze minerali di Ia e IIa categoria;
  • ai lavori svolti negli impianti connessi alle attività minerarie;
  • ai lavori svolti negli impianti che costituiscono pertinenze, anche se ubicati fuori del perimetro delle autorizzazioni e concessioni;
  • ai lavori di frantumazione, vagliatura, squadratura e lizzatura dei prodotti delle cave ed alle operazioni di caricamento di tali prodotti dai piazzali.

Come viene attuata

A far data dal 1° gennaio 2016 le funzioni di Polizia mineraria per tutte le attività estrattive sul territorio piemontese (sia miniere che cave) sono svolte dalla Regione Piemonte che le attua sia con attività sul campo che con approfondimenti ed esame documentale.
L’impiego di esplosivi ed il suo corretto utilizzo, le verifiche periodiche e straordinarie su impianti, la vigilanza sulla sicurezza dei lavoratori e sui luoghi di lavoro sono solamente alcuni aspetti di un unico corpo interdisciplinare. Completano il quadro la gestione ed il controllo sui rifiuti di estrazione ai sensi del D. Lgs,. 117/2008 e le misure e monitoraggi attuati con strumentazione e personale proprio negli ambiti di competenza.
I sopralluoghi effettuati per priorità, per specifiche esigenze o di “routine” vengono svolti anche con l’ausilio di strumentazione specifica.

Tra le attività specifiche svolte dal Settore si evidenziano i controlli e le verifiche su:

  • apparecchi di sollevamento;
  • impianti di messa a terra;
  • apparecchi ed impianti in pressione;
  • livelli di vibrazione indotti dall’uso di esplosivo;
  • corretta modalità d’impiego esplosivo;
  • caratterizzazione sismica per l’impiego di esplosivo e la previsione dei livelli vibratori indotti;
  • rilievi topografici e batimetrici;
  • messa in sicurezza di aree critiche in frana sia in roccia che in terreni.

Principali norme di riferimento

Le principali norme di riferimento in ambito minerario sono:
Regio Decreto 29 luglio 1927, n. 1443 Norme di carattere legislativo per disciplinare la ricerca e la coltivazione delle miniere nel Regno.

  • Decreto del Presidente della Repubblica del 9 aprile 1959, n. 128 “Norme di Polizia delle Miniere e delle Cave”
  • Decreto Legislativo del 25 novembre 1996, n. 624 “Attuazione delle direttive 92/91/CEE e 92/104/CEE riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori nelle industrie estrattive”
  • Decreto Legislativo 30 maggio 2008, n. 117 “"Attuazione della direttiva 2006/21/CE relativa alla gestione dei rifiuti delle industrie estrattive e che modifica la direttiva 2004/35/CE"

e, in maniera coordinata, le seguenti:

  • Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 “Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro”

Contatti

Regione Piemonte Direzione Competitività del Sistema regionale
Settore Polizia Mineraria, Cave e Miniere
Via Pisano, 6 – 10152 Torino
Tel.: 011 432 2524

Dirigente: dott. BELLEZZA Stefano
Coordinatore: ing. RINALDI Luigi
Email: settore.estrattivo@regione.piemonte.it; luigi.rinaldi@regione.piemonte.it

Modulistica:




 

Servizio a cura della Direzione Competitività del Sistema regionale
Via Pisano, 6 - Torino
Tel. 011.4321461 - Fax 011.4323483
competitivita@regione.piemonte.it

Regione Piemonte Home Page